Home News Ammissione università Test d’ammissione a Medicina 2018, i consigli per prepararsi al meglio

Test d’ammissione a Medicina 2018, i consigli per prepararsi al meglio

0

Al 4 settembre non manca poi così tanto. Per questo, oltre che l’ansia per l’imminente maturità, molti studenti sono alle prese con quella per l’atteso – e temuto – test d’ammissione a Medicina 2018. Del resto, si sa, il camice bianco è un sogno per molti. Non solo perché le lauree del ramo sanitario sono tra quelle che hanno le percentuali più elevate di occupati e spesso garantiscono guadagni superiori alla media. Ma anche alla luce del fatto che medico e dentista ancora oggi sono tra le figure professionali che godono del prestigio sociale maggiore.

Così puntualmente ogni anno sono decine di migliaia gli aspiranti che si contendono un posto per l’immatricolazione ai corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia oppure Odontoiatria e Protesi dentaria. E le probabilità di successo sono tutt’altro che alte. Proprio per questa ragione è fondamentale arrivare all’appuntamento col test d’ammissione a Medicina 2018 con la migliore preparazione possibile.

Preparazione test d’ammissione a Medicina 2018: tempistiche

Chi ha in programma di prendere parte al test d’ammissione a Medicina 2018 di certo sa che prima si inizia a studiare meglio è. Il consiglio più saggio per coloro che sognano il camice bianco è addirittura quello di cominciare a darsi da fare già dal quarto anno delle superiori. Il quinto, infatti, è molto impegnativo, soprattutto perché si conclude con la maturità. Il rischio, dunque, è quello di ritrovarsi con troppo poco tempo a disposizione da dedicare alla preparazione in vista della prova di selezione per l’università.

Tempo che serve a tutti, perfino ai più bravi. Anche gli studenti con i voti migliori avranno bisogno di dedicarsi a uno studio mirato, se vogliono superare il test d’ammissione a Medicina 2018. I programmi scolastici, infatti, non rispecchiano al 100 per cento gli argomenti della prova e spesso prevedono che questi siano affrontati in anni precedenti rispetto all’ultimo.

Giunti a questo punto dell’anno, tuttavia, il consiglio migliore è quello di mettere per un po’ in pausa la preparazione per il test d’ammissione a Medicina 2018 e dedicarsi a quella per l’imminente maturità. Lo studio per la prova di selezione potrà essere ripreso in seguito, quando si avrà già il diploma in tasca.

Per non incappare nell’effetto burnout, inoltre, è consigliabile prevedere almeno una settimana di relax totale tra le ultime fatiche per la maturità e la full immersion in vista del test. Il burnout è una condizione di stress cronico, che porta a uno stato di esaurimento psico-fisico. Se volete dare il meglio di voi stessi in occasione del test d’ammissione a Medicina 2018, dovete assolutamente fare in modo di evitarlo.

Come organizzare le giornate di studio per il test d’ammissione a Medicina 2018

Una volta archiviata la maturità e trascorso un periodo di riposo lontano dai libri, ci si potrà impegnare al 100 per cento nella preparazione per il test d’ammissione a Medicina 2018. Liberi da ogni altra incombenza, sarà possibile dedicare le proprie giornate in esclusiva allo studio in vista della prova. L’ideale sarebbe prevedere due sessioni quotidiane, una mattutina e una pomeridiana, da non più di 5 ore ciascuna.

Durante le sessioni di studio è fondamentale fare periodicamente delle brevi pause, indispensabili non solo per scaricare lo stress, ma anche per permettere al cervello di apprendere le nozioni. Mantenere un alto livello di concentrazione per lunghi periodi di tempo, infatti, è impossibile e rischiate di stare tutto il tempo sui libri in maniera improduttiva.

Cosa studiare in vista del test d’ammissione a Medicina 2018

Gli argomenti sui quali è necessario prepararsi per poter sostenere la prova sono stati specificati dal MIUR nell’allegato A al d.m. n. 337 del 26 aprile 2018. Le materie su cui occorre essere ferrati sono logica, cultura generale, biologia, matematica, fisica e chimica. Sia che abbiate scelto di frequentare un corso di preparazione al test d’ammissione a Medicina 2018, sia che abbiate deciso di fare da soli, il consiglio è quello di non esercitarvi da subito con i questionari.

Nessuno sa esattamente quali saranno le domande che vi troverete davanti il 4 settembre. Proprio per questo è meglio prima avere una conoscenza approfondita degli argomenti indicati dal MIUR. Lasciate i quiz alla fine, quando ormai vi sentirete sicuri della vostra preparazione. E nel frattempo tirate fuori i libri degli ultimi tre anni di scuola. Procurandovene qualcuno più specifico se sentite il bisogno di approfondire ancora meglio qualcosa.

Quando avrete studiato o ripassato tutto quello che è indicato nell’allegato A, potrete mettere alla prova il vostro sapere. Per farlo è possibile usare volumi specifici, che includono batterie di test. Oppure, potrete esercitarvi con le simulazioni gratuite di Universita.it.

Posti disponibili ateneo per ateneo per il test d’ammissione a Medicina 2018

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento qui
Inserisci il tuo nome qui