borse-di-studio-per-lestero-studiare-in-Europa

Borse di studio per l’estero: la guida completa per il 2022

da | Ago 2022 | Studiare all'estero | 0 commenti

Studiare all’estero, oggi più che mai, rappresenta un’ottima esperienza da notificare sul proprio curriculum. Una voce del genere, infatti, potrebbe rappresentare un ottimo biglietto da visita per entrare a far parte del mondo del lavoro attuale. Qui, infatti, oltre alla conoscenza delle lingue, si richiede sempre di più il possesso delle soft skills. Queste ultime sono competenze astratte che si riferiscono all’atteggiamento e all’attitudine che una certa persona ha nei confronti di determinati contesti. Insomma, è risaputo che un’esperienza di studio o di lavoro all’estero è molto riconosciuta sotto questo punto di vista, in quanto uscire dalla propria comfort zone potrebbe rappresentare la giusta strada per implementare queste capacità.

Tuttavia, molti studenti rinunciano a questa grande opportunità perché non sanno da dove partire. Inoltre, non è detto che loro abbiano delle disponibilità economiche immediate per intraprendere questa esperienza. Molti di loro, evidentemente, non sanno che esistono delle borse di studio messe a disposizione per agevolarli in questo fantastico percorso.

Vediamo, quindi, una guida sulle borse di studio per l’estero che abbiamo realizzato grazie alle informazioni riportate dalla guida di Scambieuropei.

Borse di studio per l’estero: come studiare in Europa

Borse di studio per l’Austria

Per ricevere una borsa di studio per studiare in Austria si può fare riferimento a due fondazioni principali:

  • OeAD-GmbH;
  • Fondazione Heinrich Böll.

La prima è un’agenzia austriaca che fornisce tutte le informazioni necessarie per studiare all’estero, in particolare, appunto, in Austria. Di solito, le borse di studio e i premi concessi possono coprire le spese di un semestre o di un intero anno accademico, in base al budget messo a disposizione dalle istituzioni governative o dagli enti di ricerca. Tutte le informazioni relative possono essere ricercate nel portale dell’agenzia che fornisce tutte le istruzioni e gli importi in inglese o in tedesco.

Per quanto riguarda la seconda, si tratta di una fondazione che mette a disposizione circa 1.000 borse di studio per gli studenti che studiano presso le facoltà di scienze applicate o università delle arti. Anche in questo caso, sul sito web dedicato, si possono trovare informazioni specifiche sugli importi, requisiti per fare domanda e i tipi di borse di studio (in base al livello del corso di studio seguito).

I documenti necessari per partire per l’Austria sono una carta d’identità valida per l’espatrio o un passaporto in corso di validità. Non è necessario il visto d’ingresso dato che il Paese aderisce all’accordo di Schengen.

Come studiare in Belgio

Le borse di studio per studiare in Belgio sono messe a disposizioni da varie organizzazioni. Esse puntano a coprire le spese di vitto, alloggio e iscrizione ai corsi di studio. Tuttavia, esse non prevedono il pagamento dei costi di viaggio.

In diversi casi, anche le università offrono borse di studio per gli studenti internazionali. In questo caso, consigliamo di informarsi in modo approfondito sulle opportunità di questo tipo che offre l’università che avete intenzione di scegliere.

Altre agevolazioni vengono messe a disposizione ogni anno anche dalla Comunità francese del Belgio per tutti gli studenti che hanno intenzione di perfezionare lo studio della lingua francese. In questo caso sono molto apprezzati coloro che saranno futuri insegnanti di questa lingua. Le università in cui viene contemplata questa opzione sono l’Université Catholique de Louvain e l’Université Libre de Bruxelles.

Anche la Commission des Fondations de Bourses d’études du Brabant assegna diverse borse di studio soprattutto a studenti internazionali. Per consultare le modalità e per fare richiesta, come al solito, vi consigliamo di consultare i siti dedicati.

Anche per viaggiare verso il Belgio, valgono le stesse modalità: bisogna essere in possesso di una carta d’identità valida per l’espatrio o un passaporto in corso di validità. Anche in questo caso non serve il visto d’ingresso dato che anche il Belgio ha aderito all’accordo Schengen.

Borse di studio per studiare in Bulgaria

Anche per studiare in Bulgaria, paese con il più basso costo della vita, ci sono delle opportunità.

Infatti, questo Paese aderisce a molti progetti di scambio anche a livello europeo. Se avete voglia di studiare qui, vi consigliamo prima di tutto di consultare le iniziative proposte dalla Commissione Europea. Più in particolare quelle che riguardano l’Euroguidance e l’Europass a cui la Bulgaria partecipa. Per maggiori informazioni consultate il sito dedicato.

Per quanto riguarda i documenti per l’espatrio, dobbiamo fare attenzione a determinati accorgimenti. Se è vero che la Bulgaria fa parte dell’UE e, perciò, si può entrare anche solo con la carta d’identità, è anche vero che il Paese non fa ancora parte dell’area Schengen. Infatti, se si desidera soggiornare qui per un periodo superiore a tre mesi, bisognerà iscriversi nel Settore Migrazioni delle Autorità di Polizia. Esso vi rilascerà un certificato di permanenza dedicato ai soli cittadini UE. Per maggiori informazioni a riguardo potete consultare questo sito.

Come studiare in Danimarca

Partiamo con l’annunciare che l’università in Danimarca è completamente gratuita per i cittadini dell’Unione Europea.

Oltre a ciò, il governo danese offre anche diverse opportunità di borse di studio da consultare direttamente qui.

Anche in Danimarca è possibile entrare solo con un passaporto in corso di validità o una carta d’identità valida per l’espatrio. Il visto non è necessario per soggiorni inferiori a tre mesi.

Agevolazioni per studiare in Estonia

Anche l’Estonia potrebbe essere un’ottima meta per studiare all’estero. Il basso costo della vita, infatti, crea una combo perfetta con le università che offrono studi di alta qualità e generalmente in lingua inglese.

Per studiare in Estonia ci sono diverse agevolazioni per gli studenti che frequentano corsi di studio di qualsiasi livello. Infatti, il Paese mette a disposizione molti programmi tra i quali

sono: “Dora Plus”, “Scholarships for international students, researchers and academic staff”, “Scholasrhips for summer and winter Estonian language courses” ”, “Estophilus” e “Scholarships in smart specialisation growth areas”. Per maggiori informazioni vi consigliamo di consultare il sito dedicato.

Anche per volare in Estonia basta presentare la carta d’identità o il passaporto e non è necessario un visto.

Studiare in Finlandia

Continuando la lista delle borse di studio per l’estero, vediamo le agevolazioni che offre la Finlandia.

Prima di tutto, gli studenti che stanno affrontando un percorso di specializzazione in lingua finlandese possono rivolgersi all’Agenzia nazionale finlandese per l’educazione (EDUFI). Quest’ultima mette a disposizione di questi studenti 800 euro al mese comprensivi delle spese di vitto, alloggio e viaggio. Prima di fare domanda (entro il 31 marzo o entro il 31 agosto) si devono prendere accordi prima con un’università del territorio.

La stessa Agenzia, inoltre, organizza corsi di lingua e cultura finlandesi dedicati agli studenti di questa disciplina che vengono da università fuori dal territorio.

Anche per soggiornare in Finlandia non è necessario il visto e basta presentare una carta d’identità o un passaporto in corso di validità.

Borse di studio per l’estero: la Francia

Per tutti gli studenti italiani che non vogliono farsi sfuggire l’opportunità di studiare in uno dei paesi più rinomati sotto il punto di vista dell’educazione, la Francia mette a disposizione delle agevolazioni molto attraenti.

In primo luogo, è utile sapere che esiste il Programma Vinci, un’opportunità messa a disposizione dalla UIF, l’università italo-francese. Questo programma prevede tre tipi di agevolazioni: due di questi fanno riferimento ai percorsi di dottorato, mentre uno è dedicato agli atenei che offrono corsi binazionali. Per consultare tutte le informazioni consigliamo di andare sul sito di Campus France sulla sezione “Programma Eiffel”.

Anche l’Ecole Normale Superieure di Lione offre borse di studio per gli studenti internazionali che intendono iscriversi in Francia a un percorso di specializzazione. In particolare, l’iscrizione deve avvenire in percorsi relativi alle facoltà di Scienze esatte, Arti e Scienze umane e sociali. L’ammontare delle borse di studio può essere massimo di 1.000 euro per una durata di uno o due anni accademici.

Anche il programma INSEAD per i percorsi MBA è molto interessante. Esso mette a disposizione più di 90 tipi di borse di studio di importo variabile tra i 4.000 e i 20.000 euro. Per maggiori informazioni potete consultare il sito dedicato.

Come studiare in Germania

In uno dei nostri precedenti articoli abbiamo creato una guida per tutti gli studenti che hanno intenzione di proseguire il loro percorso di studi in Germania. Ora vediamo, invece, quali sono le agevolazioni che possono essere prese in considerazione.

Come prima cosa è necessario ribadire che gli atenei tedeschi statali stanno eliminando le tasse universitarie. Oltre a questo però, esistono comunque molte borse di studio dedicate agli studenti internazionali.

Prima di tutto, possiamo prendere in considerazione le Borse DAAD. Queste sono borse di studio dedicate agli studenti e al personale docente che vengono messe a disposizione dal Servizio Tedesco per lo Scambio Accademico. Queste agevolazioni sono dedicate a studenti che intraprendono corsi di studio di qualsiasi livello e, in base a questi ultimi, si riconoscono modalità e finanziamenti diversi. Per saperne di più vi consigliamo di consultare il sito dedicato.

Un’altra agevolazione da non sottovalutare è la Deutschlandstipendium: una borsa di studio che viene concessa agli studenti di tutto il mondo e che mira a coprire, anche se parzialmente, le spese.

Altre agevolazione riguardano anche gli studenti specializzati in spettacolo, danza, media arts o musica. Per loro, infatti, è prevista la borsa di studio e-fellows.net. Essa copre le spese relative ad alloggio, spese di soggiorno e di viaggio, nonché anche i costi relativi allo spazio di lavoro e di studio, al supporto tecnico e alla consulenza per la stampa.

Studiare in Islanda

Anche l’Islanda offre l’opportunità di iscriversi alle sue università pubbliche in modo completamente gratuito. Tuttavia, anche qui non mancano delle agevolazioni per gli studenti internazionali. Infatti, l’Università dell’Islanda di Reykjavik offre 15 borse di studio della durata di otto mesi a tutti gli studenti di lingua, letteratura e storia islandese. Per conoscere maggiori informazioni si consiglia di visitare il sito dell’università.

Anche per l’Islanda vale la regola del passaporto o della carta d’identità e non è necessario un visto.

Borse di studio per studiare in Lettonia

Per studiare in Lettonia si può far riferimento alle Borse di studio SEDA, ossia quelle della State Education Development Agency (in lettone VIAA). Esse sono pensate per gli studenti di corsi di laurea triennali, magistrali e specialistica cittadini di un paese che aderisce all’accordo VIAA. L’agevolazione coprirà un periodo di 10 mesi eventualmente rinnovabile per un anno successivo.

Studiare in Lituania

Le borse di studio per l’estero non sono finite qui. Infatti, ce ne sono anche per la Lituania. Qui, il Fondo Per Il Sostegno Dei Programmi Di Scambio Educativo offre agevolazioni a breve termine che possono essere richiesti tramite l’iscrizione alla piattaforma AIKOS. La borsa di studio prevede una somma di circa 600 euro al mese che comprende anche le tasse di iscrizione.

Borse di studio per l’estero: Norvegia

Anche la Norvegia vanta il fatto di avere un sistema universitario pubblico gratuito. Nonostante ciò, comunque, anche qui sono previste delle borse di studio per studenti internazionali.

Una di esse è quella erogata dal Consiglio di Ricerca Norvegese. Inoltre, ci sono delle opportunità anche per i dottorandi: la Norvegia aderisce al progetto europeo Framework Programme for RTD. In questo caso, l’UE, attraverso gli enti ospitanti copre i costi di viaggio e della mobilità.

Studiare in Olanda

Un’occasione da non perdere in Olanda è quella fornita dall’Università di Twente. Essa eroga 50 borse di studio per li studenti di lauree magistrali di un valore che va dai 3.000 ai 25.000 euro all’anno. Per richiederla anche per l’anno successivo bisognerà soddisfare determinati requisiti di merito.

Un’altra borsa di studio è quella dell’Amsterdam Science Talent (ASTS), del valore di 5.000 euro. Per richiederla è necessario frequentare un corso biennale nell’Università di Amsterdam, bisogna soddisfare dati requisiti di merito, presentare una lettera motivazionale e parlare fluentemente l’inglese. Per maggiori informazioni può essere consultato il bando relativo nel sito dell’Università di Amsterdam.

Studiare nel Regno Unito

Prima di dare uno sguardo alle agevolazioni messe a disposizione dal Regno Unito, se avete intenzione di studiare in una delle rinomatissime università inglesi, vi consigliamo di leggere questo articolo.

Per quanto riguarda le agevolazioni, invece, possiamo nominare le borse di studio del British Council, ossia un ente internazionale britannico che promuove le relazioni culturali in Italia e nel mondo. Consultando il sito web si possono trovare tutte le occasioni di agevolazioni grazie alle quali studiare nel Regno Unito.

Borse di studio per la Spagna

Per studiare in Spagna si può optare per le Maec-Aecid, ossia borse di studio messe a disposizione dal governo spagnolo per agevolare gli studenti stranieri che vogliono studiare nel Paese. Queste ultime vengono pubblicate annualmente all’interno del portale dedicato.

In più, esistono le borse di studio dell’Istituto Cervantes. Queste possono essere trovate sul sito dell’istituto nella sezione “Empleo y becas”.

Per ora abbiamo riassunto le principali possibilità di borse di studio per l’estero per intraprendere la propria esperienza in Europa. Nei prossimi articoli cercheremo, sempre con l’aiuto della ricerca fatta da Scambieuropei, cercheremo di dare delle informazioni su borse di studio per studiare anche al di fuori dell’Europa.

Scopri le borse di studio per studiare in Asia!

FacebookTwitterEmailWhatsAppLinkedInTelegram
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments