Ammissione area sanitaria: consigli utili - Universita.it
allenati con i nostri test di ammissione e orientamento gratuiti

test di ammissione
facoltà a numero chiuso

test attitudinale universitario
l’area di studio più adatta a te

test orientamento facoltà
facoltà che fa per te

test di inglese
valuta il tuo livello

Ammissione area sanitaria: consigli generali

da | Apr 2020 | Ammissione | 9 commenti

L’ammissione all’area sanitaria, ovvero ai corsi di laurea triennale del campo sanitario, come: ostetricia, infermieristica, fisioterapia, ortottica, dietistica, logopedia, etc., è regolata per legge dal numero programmato e prevede l’utilizzo di test di accesso obbligatori e selettivi.

Le caratteristiche del test d’ingresso, le date e i criteri di valutazione della prova vengono stabiliti ogni anno direttamente dal MUR. 

Vediamo in questo articolo come funziona l’ammissione nell’area sanitaria in Italia, quali sono i pre-requisiti, gli argomenti della prova e come vengono stilate le graduatorie.

Pre-requisiti

Le conoscenze pregresse richieste per l’ammissione alle professioni sanitarie e ai singoli corsi di laurea triennale inclusi in questo ambito, sono le competenze maturate durante il percorso di studi nella scuola media superiore. 

Tali conoscenze comprendono:

  • logica;
  • comprensione dei testi;
  • cultura generale;
  • materie scientifiche.

Per poter effettuare l’iscrizione al test di ammissione è necessario essere in possesso di un diploma di scuola media secondaria o di un titolo di studio conseguito all’estero e ritenuto idoneo.

Ammissione area sanitaria

Il test d’ammissione all’area sanitaria: come funziona?

Il test d’ammissione all’area sanitaria è decretato dal MUR poiché le professioni sanitarie rientrano tra i corsi di laurea ad accesso programmato nazionale. 

La prova si svolge lo stesso giorno e alla stessa ora in tutti gli atenei italiani. A differenza di altri corsi a numero chiuso nazionale però, il test non è uguale in tutte le sedi. 

Il MUR, infatti, si occupa di stabilire gli orari, gli argomenti, la struttura e i criteri di valutazione della prova; la formulazione delle domande e le graduatorie, invece, spettano alle singole università. 

Nei giorni successivi al test, le università stilano una graduatoria locale che tiene in considerazione il punteggio ottenuto nella prova e le preferenze per i corsi di laurea dichiarate in fase di iscrizione al test. 

Il test d’ammissione all’area sanitaria, infatti, è unico per tutti i corsi di laurea che rientrano in questa categoria (fanno parte delle professioni sanitarie più di 20 corsi di laurea). Questo significa che superare la prova d’ammissione consente di accedere a tutti i corsi di laurea attivi presso l’università in cui si svolge il test. 

Gli studenti e le studentesse che ottengono un punteggio utile in graduatoria possono passare alla fase due: l’immatricolazione.

Test ammissione area sanitaria

Argomenti della prova di accesso per l’area sanitaria

Il test per l’ammissione all’area sanitaria consiste in una prova composta da domande a risposta multipla, tra cui l’aspirante matricola deve individuare l’unica corretta. 

È una prova a tempo e di solito verte su discipline attinenti al settore scientifico, quali:

  • biologia;
  • chimica;
  • matematica e fisica.

Ma non solo. Sono infatti normalmente presenti anche quesiti di cultura generale e logica. 

In genere la durata della prova per l’ammissione alle professioni sanitarie è di meno di due ore e lo svolgimento del test avviene in data unica in tutti gli atenei d’Italia. 

Visto che la prova viene strutturata ogni anno dal MUR, il numero delle domande e le loro caratteristiche possono comunque variare di anno in anno.

Le graduatorie

L’ammissione alle professioni sanitarie prevede delle graduatorie locali nelle università in cui è attiva l‘area sanitaria. Per i criteri di valutazione della prova va tenuto conto che, normalmente, viene assegnato un punteggio:

  • positivo per le risposte corrette;
  • negativo per le risposte errate;
  • neutro per le risposte lasciate in bianco.

È importante ricordare che, a differenza di quanto accade per altri corsi di laurea ad accesso programmato nazionale (come medicina e veterinaria, ad esempio), la graduatoria è valida solo nell’ateneo in cui si svolge il test. 

Le aspiranti matricole, quindi, non possono effettuare il test in una sede e immatricolarsi presso un’altra. 

Preparasi test ammissione area sanitaria

Prepararsi per il test d’ammissione dell’area sanitaria

Per prepararsi all’ammissione nell’area sanitaria è consigliabile studiare per tempo tutti gli argomenti della prova, pianificando lo studio giornaliero e alternando lo studio teorico alla pratica. 

Risulta ideale, infatti, svolgere simulazioni e quiz per prendere confidenza con la tipologia di domande e diventare sempre più abili nel rispondere. 

Le studentesse e gli studenti che vogliono ripassare velocemente il programma con il supporto di una guida, possono pensare di iscriversi a dei corsi specifici di preparazione per il test di ammissione. I corsi, oltre a fornire una preparazione completa, offrono il vantaggio di potersi confrontare con altre aspiranti matricole e con tutor e docenti specializzati. 

Volete iniziare subito a testare le vostre conoscenze? Esercitatevi con le simulazioni gratuite online del test di ammissione nell’area sanitaria di universita.it

FacebookTwitterEmailWhatsAppLinkedInTelegram
Registrati
Notificami
guest
9 Commenti
Vecchi
Nuovi Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Rocco Zac
Rocco Zac
13 anni fa

Salve, sono Rocco Zaccagnino volevo qualche informazione sul test d’ingresso di infermieristica della cattolica, soprattutto dove posso trovare il programma delle varie materie grazie

Mariateresa
Mariateresa
11 anni fa

Salve , mi chiamo Maria, vorrei iscrivermi a questa facoltà ma c’è un piccolo problema, mi sono diplomata in un istituto professionale quindi non ho mai studiato chimica, biologia e fisica…. come potrei prepararmi adeguatamente per affrontare è superare il test d’ingresso???

Nicola Di Camillo Nicola
Nicola Di Camillo Nicola
9 anni fa

la mia compagna di nazionalità Italiana ma che ha copnseguito una laurea di 5 anni a Lima Peru scienze dell’ educazione (insegnamento nelle scuole primarie) desidera tornare in italia e fremquentare il corso triennale cin Fisioterapia o scienze motorie. e necessario passere un test di ingesso presso l’Università dell’ Insumbria di Varese o Como

Meredith
Meredith
9 anni fa

Salve , volevo chiedere..ma è possibile effettuare sia il test di professioni sanitarie ( del 4 settembre) sia quello di medicina ( 8 settembre) nello stesso ateneo??? ad esempio entrambi alla bicocca di milano?

Maria Russo
Editor
9 anni fa
Reply to  Meredith

Certamente sì, puoi farli entrambi e nello stesso ateneo.

Eliana
Eliana
7 anni fa

Salve, ho appena concluso il 4 anno di Liceo Classico. Il prossimo anno andrò in 5, ma ho già le idee chiare per il mio futuro.
Vorrei entrare in una università di fisioterapia, il test posso già farlo a settembre per poi, se dovessi passarlo, iniziare il corso l’anno successivo , o devo obbligatoriamente aspettare di avere il diploma ?

GOFFREDO
GOFFREDO
7 anni fa

Buondì. Chi mi sa dire in cosa consiste la visita medica di ammissione alla cattolica di roma e se negli agli scorsi non hanno ammesso qualcuno per il non superamento della stessa?

Chiara
Chiara
6 anni fa

Posso fare i test anche se non sono ancora diplomata? (Ho appena finito il quarto e vorrei fare i test adesso)

Maria Russo
Editor
6 anni fa
Reply to  Chiara

Purtroppo no. I test per i corsi di laurea a numero programmato a livello nazionale, come tutti quelli dell’area sanitaria, possono essere svolti solo dopo il conseguimento del diploma. Alcuni atenei consentono di anticipare il test di un anno, ma solo per i corsi nei quali l’accesso programmato non è stabilito direttamente dalla normativa europea e regolato dal MIUR.