Home Titolo di studio Post laurea Spieghiamo: equipollenza laurea ed equiparazione

Spieghiamo: equipollenza laurea ed equiparazione

La partecipazione ai concorsi pubblici è di norma legata al possesso di alcuni titoli di studio. Laddove vengano richiesti specifici diplomi di laurea, in molti casi bisogna valutare l’equipollenza della laurea o l’equiparazione, rispetto a quanto indicato nei bandi.

Valutare l’equipollenza e l’equiparazione della laurea, significa identificare un’equivalenza esistente tra titoli di studio conseguiti a livello accademico tra il vecchio ed il nuovo ordinamento a diversi livelli: laurea di primo livello, laurea magistrale etc.

Considerando le numerose modifiche che il sistema accademico ha conosciuto negli ultimi decenni, si rende indispensabile per un laureato, che intenda presentare domanda per un concorso pubblico, valutare l’equipollenza della laurea per stabilire la propria idoneità di partecipazione.

{openx:12}

A questo proposito il Ministero per l’Università e la Ricerca stabilisce tramite specifici criteri e riferimenti normativi, l’equipollenza e l’equiparazione tra lauree in modo univoco e facilmente consultabile, con lo scopo di evitare errori ed omissioni.

Sul sito del MIUR è infatti disponibile una sezione specifica, per i titoli accademici italiani, riguardante l’equipollenza della laurea, ai fini della partecipazione ai concorsi pubblici.

Questa sezione si distingue in due parti:

  • equipollenza tra titoli accademici del vecchio ordinamento.
  • equiparazioni dei diplomi di laurea (DL) secondo il vecchio ordinamento, alle nuove classi delle lauree specialistiche.

Per ogni diploma di laurea presente nella tabella, sono indicati tutti i possibili titoli di base richiesti dai concorsi pubblici, per i quali la laurea in oggetto è equivalente.

Per ogni diploma di laurea del vecchio ordinamento, sono presenti i riferimenti ai decreti che indicano l’equiparazione con le classi di laurea attuali.

Nelle tabelle, a volte presenti anche nei singoli decreti interministeriali, viene di norma identificata l’attuale classe di appartenenza del titolo di laurea e le leggi di riferimento che decretano l’equivalenza e l’equiparazione.

Sempre sul sito del MIUR, vengono inoltre rese disponibili informazioni circa l’equipollenza dei titoli esteri.

Maggiori specifiche sono contenute nei singoli bandi pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale.

572 Commenti

  1. Mia figlia vorrebbe iscriversi all’ABAV legalmente riconosciuta DM 10/05/1980 e che ci risulta faccia conseguire diplomi accademici equipollenti alle Lauree. Vorremmo sapere se in realtà questi diplomi abbiano la stessa valenza di Laurea.
    Grazie,
    Monica Beggi

  2. Salve a tutti . Vorrei tanto sapere la differenza tra il termine equipollente ed equivalente, cosa implica il primo e cosa il secondo. Grazie mille

  3. ma un geometra abilitato alla professione iscritto all’Albo, è un titolo equipollente di una laurea tecnica tipo architettura o ingegneria?

  4. Ciao a tutti e scusate se chiedo dettagli sulla cosa ma non riesco a venirne a capo da sola quindi un grazie infinito a chi saprà aiutarmi 🙂
    Ho un diploma di laurea triennale in Scienze della Comunicazione indirizzo Tecnologie dell’Istruzione e della Comunicazione (classe 14) conseguito nel 2008 (cioè a cavallo delle riforma)!
    L’equiparazione di cui parla Nicoletta vale anche per il mio indirizzo?
    Purtroppo mi hanno sempre dato informazioni discordanti in merito! Grazie ancora a tutti

  5. Buongiorno, pongo la mia domanda:
    la laurea in Scienze della comunicazione è equiparata a Tecniche e metodi per la società dell’informazione(100S- LM91);
    Tecniche e ……..é equiparata a Informatica e a Ingegneria informatica;
    ciò non comporta che Scienze della comunicazione sia equiparata ad Informatica e a Ingegneria in…., ma se in un concorso tra i titoli di studio viene richiesta sia la laurea in Ingegneria informatica, in Informatica e in Tecniche e metodi ….e laure equipollenti, posso partecipare con la laurea in scienze della comunicazione? Grazie

  6. Non so se ne esistano altre, queste sono quelle che ho trovato:
    1. T.A.R. Piemonte Torino, sez. II, 08 novembre 2004, n. 3028;
    2. T.A.R. Abruzzo Pescara, sez. I, 09 maggio 2008, n. 463;
    3. T.A.R. Umbria Perugia, sez. I, 07 novembre 2008, n. 708.

  7. Grazie per la tempestiva risposta , sa quali sono le sentenze del TAR che lo dimostrano ?
    Grazie

  8. Grazie per la tempestiva risposta Maria , sei a conoscenza di quali sentenze del tar lo dimostrano ?

  9. Purtroppo la laurea non è equipollente al diploma di geometra, ma è considerata titolo assorbente. Esistono alcune sentenze del TAR in proposito, ma nessuna legge che lo specifichi.

  10. Buongiorno ,
    Sono laureata in ingegneria edile architettura , virrei partecipare a un concorso comunale in cui è richiesto il diploma di geometra o euipollenze’, e in caso fare riferimento alla normativa, mi può dire se vi è un equipollenza o assorbimento è se si quale normativa lo indica ..
    Grazie

  11. Buongiorno,
    la laurea magistrale 70S può essere un titolo superiore assorbente della laurea classe L14?
    Grazie,
    F.

  12. buonasera
    vorrei sapere se la LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA CATALOGATA 46S (3 COLONNA) E LM41(4 COLONNA) DELLA G.U.-SERIE GENERALE-DEL 7 OTTOBRE 2009
    SIA EQUIPOLLENTE A LAUREA IN SCIENZE FARMACEUTICHE O CHIMICA
    GRAZIE
    SIMONETTA

  13. Provi a rivolgersi a un sindacato. Purtroppo non siamo in grado di aiutarla, non essendo esperti in materia di classi di concorso per l’insegnamento.

  14. Salve, ho urgente bisogno di avere una risposta in merito a quanto segue. Dalla tabella A delle corrispondenze tra laurea e classi di concorso per l’insegnamento, risulta che La laurea specialistica 57/S ( Management delle politiche e dei servizi sociali) puo’ accedere alla classe di concorso A46 (Scienze giuridiche ed economiche), mentre la laurea Magistrale LM 87 può’accedere sia alla A46 che alla A18 (Filosofia e Scienze umane). Poiche’ mi risulta che le due lauree sono equipollenti (D.I. del 9/7/2009), essendo in possesso della Laurea Specialistica 57/S, posso fare domanda per essere incluso nella A18, naturalmente dopo aver completato i crediti mancanti?

  15. GENTILE COORDINATORE SONO UN ASSISTENTE AMMINISTRATIVO E MI TROVO A CONVALIDARE UNA DOMANDA PER INSERIMENTO IN TERZA FASCIA PRESENTATA DA UN DOCENTE LAUREATO IN PRODUZIONE ARTISTICA E NUOVI LINGUAGGI (LM 65). IL DOCENTE MI CHIEDE LE SEGUENTI CLASSI DI CONCORSO : A-29 A-30 A-61 A-17 A-01 A-54 (già incluso nel precedente triennio) poi x classi di concorso di nuova inclusione mi chiede A-53 A-63 A-64 A-07. CONSULTANDO LE TABELLE DEL DM 259 DI MAGGIO 2017 LE CLASSI DI CONCORSO A-63 e A-64 MI TROVO A DOVERLE ESCLUDERE IN QUANDO NON SI EVINCE DAL PROSPETTO DELL’UNIVERSITA’ IL POSSESSO DEI 48 CREDITI IN L-ART 07. IL DOCENTE MI CITA IN GIUDIZIO PERCHE’ SOSTIENE CHE L’ARGOMENTO DELLA TESI E’ L-ART 07 E PRETENDE IL RICONOSCIMENTO DI PUNTI CFU. MI PUO’ DIRE , PER FAVORE , DOVE POSSO VEDERE NORMATIVA A QUESTO RIGUARDO???? LA RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE.

  16. Gentile Coordinatore,

    ho un diploma conseguito presso la scuola diretta a fini speciali in informatica, di durata triennale,
    posso iscrivermi alla magistrale, inoltre posso usare il termine dottore in base all’art. 17?
    Nel cv posso mettere laurea triennale?
    Nel privato come viene considerato questo titolo?
    La ringrazio

  17. Il riconoscimento degli esami sostenuti è a discrezione dell’ateneo presso il quale intende conseguire il titolo.

  18. Buonasera, io ho sostenuto tutti gli esami del diploma universitario in economia e amministrazione delle imprese ormai da diversi anni. Vorrei laurearmi ma sto incontrando difficoltà con l’università. Mi dicono che devo fare richiesta al comitato per la didattica per avere gli esami riconosciuti e che probabilmente dovrò sostenere ulteriori esami per conseguire la laurea triennale, visto che il titolo di Diploma universitario non esiste più. Addirittura mi hanno consigliato di rinunciare alla mia carriera universitaria ed intraprendere ex-novo un nuovo percorso di studi attuale. Quindi mi chiedono di rinunciare a tutto…. Secondo me non sono molto preparati. Hanno affermato che le lauree del vecchio ordinamento, quelle di durata quadriennale, sono equiparate alle lauree triennali. Potreste aiutarmi, per favore? Devo contattare direttamente il MIUR?

  19. Buongiorno, vorrei partecipare a un bando in cui è richiesto come titolo di studio “Diploma di Laurea (DL) di durata non inferiore ai quattro anni conseguito secondo il vecchio ordinamento (ordinamenti didattici previgenti al D.M. 03 novembre 1999 n. 509) in Giurisprudenza, oppure altro Diploma di Laurea vecchio ordinamento (DL) equiparato o equipollente al suddetto diploma di laurea, Laurea Specialistica (LS) di durata quinquennale in Giurisprudenza (classe 22/S), di cui al D.M. 03 novembre 1999 n. 509, Laurea magistrale di durata quinquennale in Giurisprudenza (classe LMG-01), ai sensi dell’art. 3, comma 1,lett. b) del D.M. 22/10/2004 n. 270.”
    Dalle tabelle del MIUR mi pare di capire che purtroppo la mia laurea magistrale in Relazioni Internazionali NON sia equipollente, e tanto meno lo sia la corrispettiva laurea triennale (nuovo ordinamento) in Scienze Politiche. Potete confermarmi che ho compreso bene e dunque non posso partecipare al bando? Grazie, saluti

  20. Gentili, sono in possesso della laurea in scienze dell’educazione, indirizzo educatore professionale, laurea quadriennale del vecchio ordinamento conseguita nel 2006, chiedo se è equiparata alla laurea di primo livello o alla specialistica/magistrale.
    Grazie

  21. riporto di seguito degli estratti di legge ed a fine articoli chiedo delucidazioni

    DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
    20 ottobre 1998, N.403

    Regolamento di attuazione degli articoli 1,2 e 3 della legge 15 maggio 1997, n. 127, in materia di semplificazione delle certificazioni amministrative
    estratto

    Art. 12
    Certificati di abilitazione
    1. Quando è utilizzata ad indicare i titoli di abilitazione previsti dalla normativa vigente, la parola “certificato” viene sempre sostituita, qualora si riferisca ad atti rilasciati al termine di corsi di formazione o ad atti di assenso all’esercizio di determinate attività, rispettivamente con le parole “diploma” o “patentino”.

    Legge 26 febbraio 1999, n. 42
    Disposizioni in materia di professioni sanitarie
    estratto
    Art. 4.
    (Diplomi conseguiti in base alla normativa anteriore a quella di attuazione dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni)
    1. Fermo restando quanto previsto dal decreto-legge 13 settembre 1996, n. 475, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 novembre 1996, n. 573, per le professioni di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e integrazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base, i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del Servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui al citato articolo 6, comma 3, del decreto legislativo n. 502 del 1992, e successive modificazioni ed integrazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.
    2. Con decreto del Ministro della sanità, d’intesa con il Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica, sono stabiliti, con riferimento alla iscrizione nei ruoli nominativi regionali di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 1979, n. 761, allo stato giuridico dei dipendenti degli altri comparti del settore pubblico e privato e alla qualità e durata dei corsi e, se del caso, al possesso di una pluriennale esperienza professionale, i criteri e le modalità per riconoscere come equivalenti ai diplomi universitari, di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo n. 502 del 1992, e successive modificazioni e integrazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base, ulteriori titoli conseguiti conformemente all’ordinamento in vigore anteriormente all’emanazione dei decreti di individuazione dei profili professionali. I criteri e le modalità definiti dal decreto di cui al presente comma possono prevedere anche la partecipazione ad appositi corsi di riqualificazione professionale, con lo svolgimento di un esame finale. Le disposizioni previste dal presente comma non comportano nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio dello Stato nè degli enti di cui agli articoli 25 e 27 della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni.
    3. Il decreto di cui al comma 2 è emanato, previo parere delle competenti Commissioni parlamentari, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge.
    4. In fase di prima applicazione, il decreto di cui al comma 2 stabilisce i requisiti per la valutazione dei titoli di formazione conseguiti presso enti pubblici o privati, italiani o stranieri, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base per i profili professionali di nuova istituzione ai sensi dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e integrazioni.

    .

    Legge 30 dicembre 2010, n. 240
    “Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonche’ delega al Governo per incentivare la qualità e l’efficienza del sistema universitario”
    estratto
    Art. 17.
    (Equipollenze)
    1. I diplomi delle scuole dirette a fini speciali istituite ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162, riconosciuti al termine di un corso di durata triennale, e i diplomi universitari istituiti ai sensi della legge 19 novembre 1990, n. 341, purche’ della medesima durata, sono equipollenti alle lauree di cui all’articolo 3, comma 1, lettera a), del regolamento di cui al decreto del Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509.
    2. Ai diplomati di cui al comma 1 compete la qualifica accademica di «dottore» prevista per i laureati di cui all’articolo 13, comma 7, del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 22 ottobre 2004, n. 270.
    3. Ai diplomi delle scuole dirette a fini speciali, istituite ai sensi del citato decreto del Presidente della Repubblica n. 162 del 1982, e ai diplomi universitari istituiti ai sensi della citata legge n. 341 del 1990, di durata inferiore a tre anni, si applicano le disposizioni di cui all’articolo 13, comma 3, del citato regolamento di cui al decreto del Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica n. 509 del 1999.
    4. Con decreto del Ministro, da emanare entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, e’ identificata l’attuale classe di appartenenza del titolo di laurea a cui fanno riferimento i diplomi universitari rilasciati dalle scuole dirette a fini speciali e i diplomi universitari dell’ordinamento previgente.

    ———————————————————————————————-

    ho un “diploma” di abilitazione di Consulente del lavoro, e non certificato, conseguito nel 1999 – 2000 con il diploma di maturità scientifica

    oggi ci vuole la laurea triennale o magistrale in economia o giurisprudenza per accedere alla professione di Consulente del lavoro.

    l’articolo 12 del DPR 403/98 parla di “diplomi” al termine di corsi di formazione.

    domanda sono equiparato o equipollente ai D.U.

    grazie

  22. Io ho conseguito laurea in informatica vecchio ordinamento. Avrei bisogno di risalire alla classe di laurea. Qualcuno sa dirmi a quale classe di laurea corrisponde? Grazie

  23. Come sottolineato più volte anche dal MIUR, ai sensi della Legge 18 giugno 2002 n. 136, il diploma ISEF equivale alla laurea triennale in Scienze Motorie. Nessun altra novità è intervenuta nel frattempo.

  24. Ho conseguito il diploma ISEF nel 1986. Esiste un documento del CUN con il quale si esprime il parere favorevoe sull’eventuale applicazione del comma 2 dell’art.17 della L. 240/2010 anche ai diplomati ISEF; quindi l’Equipollenza,
    http://www.cun.it/media/113450/ps_2011_07_06_001.pdf
    Ad oggi, però, non ho nessuna notizia in merito al riconoscimento di cui sopra.
    sapete darmi qualche notizia?
    Vi ringrazio infinitamente.

  25. sono diplomato perito chimico industriale capotecnico dal 1975.
    il diploma è equipollente a quali lauree e secondo quali leggi o decreti?grazie.

  26. nota riguardo i vecchio ordinamenti quadriennali di Belle Arti:

    si può insegnare in 3 fascia classe disegno e storia dell’arte e poi dipende dalla maturità nel senso che per ogni matutità ci sono altre classi aggiuntive secondo la stessa regola della laurea in architettura del vecchio ordinamento 4s.

    riguardo ai 3+2 le cose sono cambiate perciò col solo triennale niente insegnamento mentre col 3+2 bisogna vedere perché i bienni di arti visve in pittura e scultura e decorazione e scenografia e grafica pare che si possano usare al posto dei vecchi ordinamenti in quanto sono i loro diretti sostituti; per gli altri bienni che non hanno una corrispondenza con il vecchio ordinamento non si posso usare le stesse regole e dunque dovete chiedere direttamente al sindacato che forse riescono a capirci qualcosa ( io non ci rono riuscito )

  27. Gentile redazione, vorrei sapere se posso partecipare ad una selezione dove è richiesta la laurea in giurisprudenza o in economia e commercio(vecchio e nuovo ordinamento) ed equipollenze secondo legge,essendo in possesso della laurea quinquennale in Scienze della Comunicazione vecchio ordinamento. Grazie infinite spero di avere una risposta in tempi brevi ancora grazie.
    Carmelina S.

  28. Salve,
    vorrei sapere se esiste una tabella delle equipollenze tra titolo italiano (nello specifico una laurea in lingue quadriennale de vecchio ordinamento) con il titolo corrispettivo in Brasile. Se esiste, potrei avere il link per consultarlo?
    Grazie mille.
    Claudio

  29. Salve,
    con il diploma Universitario in Ing.Informatica ci si puo’ iscrivere alla Laurea Magistrale?
    …A me in passato(2002) alla Sapienza(Roma) mi hanno fatto prima iscrivere alla triennale, mi hanno fatto sostenre 2 esami + altri 2 integrativi per conseguire la Laurea di primo livello e poi mi sono iscritto alla Laurea Magistrale.
    Ad oggi e’ cambiato qualcosa?

  30. Salve ho una laurea magistrale in archeologia LM-2 DM 270/204, vorrei sapere a quali lauree vecchio ordinamento è equiparata.
    Grazie

  31. Salve ho un diploma universitario in statistica e informatica per le amministrazioni pubbliche valutato su 110 , conseguito nel 2005 e vorrei sapere l equipollenza . . Lo chiedo dopo tanti anni perché avendo perso il lavoro precedente vorrei capire che concorsi posso fare . .
    Distinti Saluti

  32. Buonasera, ho un diploma triennale di Consulente Grafologa dell’età evolutiva, mi sono diplomata nel 2002 presso una Scuola Di Scienza della Scrittura a Firenze (Privata) ma i programmi sono della Scuola di Urbino con tanto di singoli esami e discussione tesi . Ho visto che tale titolo è Stato equiparato a quello in Scienza della Formazione. Vorrei sapere se posso usufruire del titolo di “Dottore” e se posso iscrivermi al biennio magistrale di Scienza della Formazione. Grazie.

  33. salve! ho una laurea vecchio ordinamento in economia e commercio
    posso partecipare ad un concorso in cui è richiesta laurea in ingegneria gestionale indirizzo economico organizzativo?

  34. Il tuo titolo di studio è equipollente alla laurea magistrale, perché antecedente alla riforma del 3+2.

  35. salve per la partecipazione ad un concorso viene richiesto un diploma di laurea magistrale. io mi sono laureata nel 2001 in scienze della comunicazione, ma sinceramente tra decreti e controdecreti non riesco a capire se il mio titolo di studio risulti equippolente o meno a quello richiesto.
    puoi aitarmi?

  36. Buonasera, mi sono diplomato nel 2001 presso la Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori (SSIT) di Roma, che rilasciava diplomi triennali con valore di legge corrispondenti a quelli rilasciati in ambito universitario (D.M. 19/05/1989). I piani di studio per erano in tutto e per tutto allineati ai D.U. in ambito universitario. Mi domando quindi se il mio diploma subisca lo stesso esito di tutti i D.U. in virtù della legge 240 / 2010 (quindi equiparazione alla laurea di primo livello e titolo di “dottore”). Sapreste darmi informazioni in proposito? Grazie infinite.

  37. Ho conseguito nel 2013 la laurea triennale in Funzionario Giudiziario e Amministrativo. L’amministrazione in cui lavoro continua a bandire concorsi a D (Comparto Sanità) per solo personale in possesso di Laurea Magistrale, (sono una dipendente ruolo tecnico) mentre per gli infermieri sempre a livello D e sempre nel comparto Sanità è sufficiente la laurea triennale. Mi chiedo in questo sistema aziendale c’è qualcosa che non va oppure possono optare solo per concorsi con solo la laurea di tipo magistrale o quadriennale? Grazie.

  38. Vorrei sapere quante aziende della provincia di Treviso hanno fatto richiesta, all’ateneo Ca’ Foscari di Treviso, di neolaureati per inserire presso la/e loro sede/i?

  39. Salve
    Sono una terapista della riabilitazione che ha conseguito il titolo nelle scuole speciali per terapisti. Il mio titolo attraverso il D.m 27/luglio 2000 ha ottenuto l’equipollenza all’odierna Laurea in Fisioterapia (quindi sono dottore,posso iscriversi alla laurea specialistica o ai Master posso partecipare ai concorsi pubblici sono abilitata alla professione ecc ecc)
    Qual’è il problema? Devo trasferirsi all’estero .
    All’estero non mi viene riconosciuto il percorso accademico perché il titolo non è rilasciato da una Università. Ho provato a contattare l’Università della città di Cagliari dove ancora abito e il Segretario mi ha specificato che la facoltà di Medicina non fa conversioni perché si dovrebbe aprire un procedimento burocratico che non è per Loro conveniente. Tra l’altro dovendo andare in un altro stato mi occorrerebbe come minimo un certificato di equipollenza che abbia valore legale e anche qui nessuno sa chi lo dovrebbe rilasciare.Qualcuno di questo forum ha già affrontato il problema e sa darmi qualche indicazione?
    Grazie

  40. Salve sono una dipendente asl nel profilo amministrativo, ho conseguito una laurea triennale L19 ed una magistrale in scienze dell’informazione editoriale pubblica e sociale. Posso partecipare ad un concorso per amministrativo nel mio ente in cui è richiesto come titolo di studio la laurea in giurisprudenza, in scienze politiche o in economia e commercio o titoli equipollenti? A tal fine per un ipotetico prossimo concorso, se la mia laurea magistrale non mi consentisse di poter partecipare a questo concorso, mi converrebbe prendere una laurea triennale in Scienze della comunicazione?

    Ringrazio in anticipo chi mi rispondera.

  41. Caro coordinatore,
    potrei richiedere alla mia Università (Parma) di ottenere – ovviamente dietro pagamento – il diploma di laurea di primo livello? Parlo della pergamena. Ho conseguito il DU in ing. meccanica presso questo ateneo nel 2003. Ho superato esame di stato per abilitazione sez. B nel 2005.
    Grazie per eventuali risposte.

    Gabriele Savi

  42. Salve sono Lorenzo Carella sono un dipendente statale ed abito a Torre Annunziata .

    Anni fa , esattamente nel 1982 dopo un corso triennale riconosciuto dalla Regione Campania presso l’istituto paritario

    “Apostole del S.Rosario” in Torre Annunziata ho conseguito l’attestato di Assistente sociale .

    Gradirei sapere quale valore abbia quest’attestato o a quanti e quali anni universitari sia equipollente e quindi a quanti CFU corrisponda

    Le allego foto dell’attestato , la saluto in attesa di una sua cortese risposta .

    Carella Lorenzo

    P.S. se possibile vorrei poter ricevere una vostra email direttamente , grazie

  43. Gradirei sapere se la laurea triennale in economia aziendale era o meno titolo di accesso all’ultimo concorso (scaduto a marzo) per funzionario (892 posti) nell’agenzia delle entrate?
    Grazie
    Romolo

  44. Buongiorno, vorrei chiedervi informazioni riguardo l’equipollenza e l’equiparazione della mia laurea magistrale in psicologia con quella di scienze della formazione primaria o scienze dell’educazione. Rivolgo questo quesito in quanto vorrei partecipare ad un bando per educatori d’infanzia, in cui sono richiesti titoli di studio quali pedagogia, scienze dell’educazione, scienze della formazione primaria o “lauree equipollenti, equiparate o riconosciute ai sensi di legge”. Il mio titolo rientra tra questi? Potrei partecipare al suddetto concorso?
    Grazie per l’aiuto

  45. Buonasera,
    Sono laureata in Economia e gestione dei servizi turistici (classe 39 Scienze del Turismo). Non riesco a capire se la mia laurea è equipollente al titolo di studio in economia e commercio.
    Qualcuno può aiutarmi?
    Grazie

  46. Buongiorno,
    io mi sono laureata nel 2012 in filosofia ecomunicazione (LM92 TEORIE DELLA COMUNICAZIONE), volevo sapere se la mia laurea è equipollente ad una di queste tre lauree: scienze politiche, scienze giuridiche e scienze economiche, ai fini della partecipazione al concorso dell’agenzia delle entrate.
    Vi ringrazio.

  47. Buongiorno. Mi sono laureata in SCIENZE NATURALI nel 1999, quindi vecchio ordinamento. La mia Laurea è equiparata alle lauree specialistiche della classe 68/S per il DM 509/99 e magistrali della classe LM-60 secondo il DM 270/04. Vorrei fare un esame di stato di abilitazione professionale ma non riesco a trovare informazioni utili. Tutti i siti che ho consultato fanno riferimento all’ammissione a sezioni B di alcuni albi (e.g. Biologo junior cui aspirerei o pianificatore) con lauree classe 27. Tale classe in realtà è una classe di laurea triennale e non ho trovato documentazione in merito all’equiparazione/equipollenza della mia vecchia laurea con questa. In pratica, all’ufficio esami di stato del mio ateneo mi hanno detto che sebbene si rendano conto che io sia in possesso di titolo “superiore”, non essendo specificato in nessun posto che da laureata v.o. posso essere ammessa all’esame di biologo junior non possono ammettermi a sostenere gli esami. Faccio presente che le lauree della classe 27 che consentono l’accesso all’esame di stato sono le stesse che consentono l’accesso ai corsi di studio per il conseguimento delle lauree magistrali LM-60, cui il mio titolo è equiparato! Qualcuno ha esperienza di situazioni simili o conosce la soluzione al mio problema? Esiste giurisprudenza in merito? Grazie

  48. Salve, mi sono diplomata nel febbraio 2000 in pittura con 108/110 c/o l’Accademia di belle arti, vorrei un’informazione…come rendere equipollente il mio titolo ad una laurea, perché mi riesce incomprensibile comprendere che persone che in architettura, fanno un esame di storia dell’arte possano insegnare e noi che facciamo 4 anni di storia dell’arte non siamo nemmeno abilitati all’insegnamento della stessa….e tra l’altro risulta una materia fondamentale…..qualcuno può aiutarmi? c’è una legge che rende equipollente un titolo del vecchio ordinamento….ad uno attuale? ringrazio la Germini un grande genio che ha stravolto tutto…ovviamente è in chiave ironica

  49. Ho un laurea in Relazioni Internazionale lm52 e non posso partecipare hai concorsi nella P.A. come commissario di Polizia Locale. Ma non e equipollente a scienze politiche ?

  50. salve mi serve un’informazione: ho conseguito un corso triennale in fisiokinesioterapia ad indirizzo rieducativo e riabilitativo nell’anno accademico 1996/97 presso un università popolare sul diploma viene menzionata la legge 502/92 art. 6 e direttiva CEE n°51792. Vorrei sapere se può essere equipollente alla laurea in fisioterapia e se si come fare.

  51. Salve,
    ho bisogno di un’informazione.
    La classe LM77 è equipollente con la vecchia laurea in Economia e Commercio???
    oppure lo sono solo le classi rientranti tra le scienze economiche più generiche (come penso una LM56)?
    in attesa di risposta, cordiali saluti.

  52. Salve,
    Io mi sono diplomato all’accademia di Brera nel 1989. Successivamente, e con il nuovo ordinamento, ho conseguito il diploma di secondo livello visto che con la riforma ci erano stati riconosciuti dei crediti formativi da spendere, appunto, per il conseguimento del predetto titolo. in ultimo con leggi e leggine vien detto che i titoli del vecchio ordinamento sono equipollenti alla laurea magistrale. Ne consegue che oggi dovrei essere in possesso di un titolo conseguito con il vecchio ordinamento oggi diploma di secondo livello ed un ulteriore diploma di secondo livello. In teoria però, in quanto da qualche parte si legge:
    “Per equipollente al Diploma Accademico di 2 livello e alla Laurea Magistrale universitaria si intende il solo ordinamento di cui al Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297 e solo congiuntamente ad un diploma di maturità quinquennale (legge n. 268 del 22/11/2002 art 4-1 e legge stabilità 2013-107 in entrambe è scritto “previgente ordinamento” e non “previgenti ordinamenti”)”.
    Forse il legislatore, o chi per esso, non sa che in altri tempi l’accesso alle Accademie di Belle Arti era diretto con diploma di maturità 1^ sezione liceo artistico (4 anni), ovvero con prova pratica se in possesso del diploma di maturità 2^ sezione, indirizzo facoltà di architettura.Con altri titoli di maturità quinquennali o meno si accedeva previo accertamento prova pratica. Finanche con la licenza di scuola media era possibile accedere alle accademie di belle arti. Ciò però era possibile al compimento del diciottesimo anno di età e previo esame di teoria e pratica.
    Chiedo e coloro che sono in possesso della maturità artistica quadriennale, a prescindere della sezione (come lo scrivente), quale equipollenza assumono i titoli acquisiti presso le Accademie di Belle Arti?

    Un grazie anticipato per chi fornirà chiarimenti in merito.

  53. sono diplomata all’accademia delle belle arti di napoli vecchio ordinamento e in piu ho i due anni di specialistica,totale sei anni all’accademia.come sono equiparati??

  54. salve ,
    potreste chiarire una questione in merito al mio titolo di studio? da quanto leggo sopra posseggo un diploma di laurea in filosofia (triennale anni 2007-2012). Dopo la riforma Gelmini mi è stato “consigliato” di integrare al mio corso di studi altri 30 cfu (ripartiti in storia, psicologia, pedagogia e sociologia) che avrebbero dovuto sopperire alla mancata ri-apertura di quelli che un tempo erano i corsi SISSIS. la mia domanda adesso è questa: dati gli ultimi avvenimenti politici, la validità di questi crediti risulta mutata? (insomma, hanno ancora valore o le nuove leggi ne hanno annullata la validità?) dove posso trovare informazioni attendibili in merito, dato che i miei referenti di corso poco ne sanno? E, nel caso di concorsi pubblici, quali bandi risulterebbero a me accessibili ? Sono una “ex 509”?

  55. Salve, sono in possesso del diploma di assistente sociale,rilasciato da un istituto superiore per assistenti sociali autorizzato ai sensi del DPR 15-01-87 N.14 decreto 21-11-1987 dal Ministro della Pubblica Istruzione.
    La legge 240/2010 e il decreto interministeriale 11.11.2011 vale anche per me?
    Grazie

  56. Salve a tutti, ho la laurea triennale in ingegneria dell’ambiente e il territorio ai sensi del D.lgs 624/96 i laureati possono dirigere aziende estrattive con più di 15 dipendenti per luogo di lavoro, mentre i possessori di D.U. con numero di dipendenti inferiori come i periti minerari. Con l’equipollenza tra laurea “triennale” e D.U., secondo voi, significa che i possessori di laurea acquisiscono le competenze di chi ha il D.U. o viceversa, vale a dire posso assumere il ruolo di direttore responsabile in aziende che superano i 15 dipendenti per luogo di lavoro?. sarei infinitamente grato chi potesse darmi una risposta.

  57. sono diplomato in clarinetto con il vecchio ordinamento ora mi serve un certificato che indica le ore svolte per ogni materia per raggiungere il diploma come bisogna fare? chi mi puo’ dare delle spigazioni

  58. Salve a tutti, io ho un diploma universitario equipollente ad una laurea triennale appartenente alla classe L18 (Scienze dell’economia e della gestione aziendale.
    Vorre partecipare ad un concorso dove è richiesto come titolo di studio, riporto testualmente: laurea, laurea specialistica, laurea magistrale (anche vecchio ordinamento) in Giurisprudenza, Economia e Commercio, Scienze Politiche o titolo equipollente.
    Ora, appurato che tra i titoli richiesti c’è la laurea triennale (laurea) ed io ho un titolo equiparato ad una laurea triennale, non riesco a trovare una tabella dove venga indicata l’equipollenza delle lauree classe L-18 ad Economia e commercio. Ho trovato l’equipollenza tra Scienze economiche (L-33) ed Economia e commercio
    http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/universita/equipollenze-titoli/equipollenze-tra-titoli-accademici-del-vecchio-ordinamento ,
    ma non quelle L-18. Quest’ultime sono escluse da tale equipollenza? Grazie!

  59. salve, vorrei che qualcuno mi aiutasse a chiarirmi. Nel concorso scuola elementare 1999 la laurea in pedagogia quanto era valutata?
    nell’attuale concorso la laurea in pedagogia 2 punti, la laurea in scienze della formazione primaria 6,50. Non è una discriminazione? Durante il corso di laurea ci avevano assicurato che questo titolo sarebbe stato equipollente ai titoli nuovi e invece…
    qualcuno mi può aiutare gentilmente a sapere quanto era valutata nel concorso 1999 e se allora era considerata laurea specifica con un punteggio superiore?

  60. Vorrei sapere se il mio diploma di scenografia conseguito nel 1985 è equipollente alla laurea o alla laurea magistrale. Grazie.

  61. Evidentemente Marco non sei al corrente che per legge i DU sono equipollenti alle L almeno ai fini concorsuali…..poi affermi che il DU non vale più nulla e quindi consigli di prendere la Laurea (??)….hai ragione perchè da un bel po’ di anni almeno 11 i DU non esistono piu!!!!….prima di “sparare” consigli informati

  62. Cari ragazzi, leggendo noto non poche inesattezze nelle vostre domande.

    Il diploma universitario non può essere mai e poi mai equiparato ad una laurea LT. Per 1 milione di motivi tra cui la totale differenza nello svolgere corsi ed esami oltre alla totale differenza di rigore e difficoltà nel sostenere gli stessi.

    Può senza dubbio essere integrato. Di fatti per ogni materia data magari avrete svolto argomenti in meno ma potete integrarli con i restanti. Senza dubbio dovrete sostenere altre 9 -10 materie oltre le integrazioni ( come nel caso del mio collega che con diploma di laurea in ingegneria ha voluto prendere la laurea triennale ).. Cmq oggi il DU non vale più nulla, prendete la laurea, vi date le materie restanti ed è riconosciuta anche all’estero.
    buono studio.

  63. Vorrei sapere se il superamento dell’esame di agente immobiliare e della relativa iscrizione all’albo mi peermette di avere un equipollenza con una laurea di settore ?
    Grazie

  64. Buongiorno, mi sono diplomato all’ISEF nel lontano 1990.

    Mi sono informato recentemente se il diploma è stato reso equipollente (e non solo più equiparato) alla laurea triennale in Scienze Motorie e quindi autorizza anche a fregiarsi del titolo di Dottore ( lavoro oggi in un ambiente in cui putroppo il titolo di “dottore” viene molto considerato – ahimé è così – mentre il semplice Signor è praticamente dispregiativo)

    Non sono riuscito a capire se il diploma Isef rientra fra quelli richiamati dall’art. 17, comma 1 della Legge 240/2010.

    Infatti il comma cita il Decreto della Presidente della Repubblica 162 del 1982 e la Legge 341/1990, ma andando a ricercare tali atti non ho trovato negli elenchi il Diploma di Educazione Fisica.

    Ho inoltre trovato questo documento del CUN in cui si esprime parere favorevole all’equipollenza:

    http://www.cun.it/media/113450/ps_2011_07_06_001.pdf

    Non ho trovato però nulla che mi confermi in maniera certa l’equipollenza.

    Qualcuno sa darmi una risposta certa a tale quesito?

    Grazie mille anticipatamente.

  65. La laurea in scienze giuridiche è stata equiparata alla laurea in scienze dei servizi giuridici.Avevo anche il decreto di equiparazione ma non lo trovo.Comunque al 100% è cosi.

  66. Un saluto a tutti.
    ho conseguito un D.U. in Economia Amm. Imprese secondo l’ordinamento previgente ai decreti emanati in attuazione dell’art.17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n.127.
    Il mio titolo è equiparato ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi alla laurea L18, l’equiparazione è valdia anche per sostenenere l’esame di abilitazione professionale di Revisore Legale al termine del tirocinio?
    Grazie per la risposta.
    m.

  67. Vorrei sapere se con il diploma universitario in vigilanza scolastica ci si può iscrivere al corso di laurea specialistica in scienze pedagogiche. Grazie per la risposta

  68. Save a tutti,
    mi sono laureata in Scienze Agrarie con il vecchio ordinamento nel 2009.
    Posso abilitarmi per la classe di concorso A059? La mia laurea è equiparata, ai fini di pubblici concorsi, in base al D.M. 5 maggio 2004 alla LS 77/S (Laurea in scienze e tecnologie agrarie) ed in base al Decreto Interministeriale 9 luglio 2009 alla laurea LS 77/S ed LM 69/S (Laurea in scienze e tecnologie agrarie). Leggendo l’art. 2 del bando TFA ho appreso, che per la scelta delle classi di concorso, le lauree del vecchio ordinamento, debbono attenersi al D.M. n. 39 del 30.01.1998 e successive modificazioni ed integrazioni, ove in corrispondenza della classe di concorso A059, per la quale vorrei concorrere, è ammessa solo la laurea in scienze agrarie conseguita entro l’A.A. 1986/87 e la laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. E’ possibile con un atto normativo ottenere l’equipollenza? Cosa devo fare? Ci sono molte contraddizioni nelle norme ministeriali, basta leggere la tabella pubblicata dal miur. Non è ammissibile che le lauree in Agricoltura tropicale e subtropicale e in Scienze e tecnologie agrarie consentano di accedere alla classe di concorso A059, in quanto sono simili alla laurea in Scienze Agrarie. Se mi inserisco per la classe di concorso A059, posso essere esclusa dal tirocinio formativo speciale o P. A. S. ? PREMETTO CHE HO SEMPRE INSEGNATO MATEMATICA E SCIENZE NELLA SCUOLA MEDIA (CLASSE A059) E CHE MI SONO INSERITA NELLA GRADUATORIA DI ISTITUTO (TERZA FASCIA).

    Cordiali saluti,
    Sofia Ricci
    P.S. Mi potete inviare la mail al mio indirizzo di posta elettronica? Devo iscrivermi al Tirocinio formativo attivo speciale entro il 29 agosto 2013.

  69. Ciao, è possibile sapere l’equipollente alla mia classe di laurea L/SNT4 nei concorsi pubblici?

  70. RIGUARDO ALLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI

    tutti i corsi triennali laurea L-3 !

    i corsi specialistici quelli di Scenografia e multimendiali LM65 mentre quelli di progettazione artistica LM12 e tutti gli altri LM89.

    I vecchi ordinamenti tutti LM 89 a parte scenografia (LM65) ma solo quelli dell’ordinamento successivo il 1994 e congiuntamente alla maturità quinquennale anche non artistica.

  71. Buongiorno a tutti!
    Ho una laurea in scienze ambientali quinquennale, e vorrei partecipare a un bando dove indicano come requisiti

    d) laurea in Ingegneria od Architettura, Geologia, Pianificazione territoriale urbanistica e/o
    ambientale od equiparate. L’equiparazione deve essere indicata dal concorrente

    secondo voi???
    Grazie
    Marta

  72. Buongiorno,
    ho necessità di sapere con precisione e anche con urgenza se la specializzazione post laurea in scienza dell’alimentazione, indirizzo teconologico, per i chimici permette di accedere a concorsi pubblici in ospedali e asl. Sto provando a cercare informazioni ma non riesco a trovare niente di preciso. Ci sono pareri di professionisti che dicono che nn si può accedere alle aree ospedaliere perchè nn equivalente a chimica analitica, mentre altri dicono che solo se esce un concorso per quella precisa specializzazione si può fare qualcosa. Qualcuno mi può aiutare, magari anche dandomi dei riferimenti a cui chiedere via e-mail?
    Una successiva domanda che ho fatto agli uffici della ASL era quella di capire come mai la specializzazione post laurea di 4 anni in alcuni casi nn andava bene e invece le specializzazioni biennali sono accettate ed equiparate a quelle quinquennali in alcuni casi e la risposta è stata che dipende dalle asl.
    Spero che qualcuno mi possa iniziare a dare delle informazioni utili.
    Cordiali saluti
    Rita

  73. Salve, sono un’insegnante di scuola primaria che ha inserito nella scheda per l’individuazione dei perdenti posto il titolo di assistente sociale, diploma (triennale) conseguito nel 1988 presso una scuola privata. Sulla pergamena é scritto …”ai sensi del DPR 15-1-1987 n.14″, quindi legalmente riconosciuto. Vista l’equiparazione di questo diploma con la laurea triennale dovrebbe valere 3 punti, ma il preside non me lo ha valutato dicendo che non é laurea di primo livello. Ha ragione lui? Se non ha ragione mi fornite gentilmente i riferimenti legge per poter fare ricorso? Grazie.

  74. Salve, devo partecipare a un concorso che richiede un diploma di perito informatico e io ho una laurea in ingegneria elettronica, mi chiedono una legge che certifica l’ equipollenza. Sapete indicarmi la legge?

  75. buongiorno, vorrei sapere se c’e’ equipollenza tra la laurea Lgm 01 e la laurea Lm 77, visto che in molti concorsi vengono richieste entramnbe?

  76. Salve, ho una laurea in Ingegneria civile, avendo sostenuto esami anche di fisica e chimica, e’ possibile comunque partecipare ad un concorso pubblico dove richiedono la laurea in Fisica, dato che le prove scritte riguardano argomenti che io ho studiato durante il percorso di studi??

  77. Al coordinatore
    salve. Mi sono laureata nel 1995 e ho sempre lavorato nel privato. Attualmente ho partecipato al concorso per entrare nel TFA per la classe A059. Alla presentazione dei titoli, i diplomi di perfezionamento (conseguiti nei tre anni successivi alla laurea) non mi sono stati valutati. Io li avevo presentati nella sezione “titoli di studio strettamente inerenti ai contenuti disciplinari della classe di abilitazione, questi ultimi di durata non inferiore a 60 crediti formativi universitari”. I contenuti disciplinari ci sono, pertanto la non-valutazione è attribuibile al fatto che non sono esplicitati i CFU. Esiste una procedura per verificare a quanti CFU equivalgono i miei diplomi di perfezionamento?

  78. PER TERESA

    la zilli mi ha mandato un email definiamola ” standard” che praticamente non chiariva nulla . In effetti se ci pensi bene nn sanno nemmeno loro come collocarci perchè siamo a metà tra una laurea triennale e una magistrale che serve per accedere ai ruoli di dirigenza di scuole ed enti- Quindi dipende molto dal consiglio di facoltà accettare o meno la tua iscrizione con il diploma triennale . Una cosa è certa che con il diploma triennale nostro sei ammesso a vari corsi di specializzazione delle università soprattutto online ( io che sono docente in ruolo, ne sto frequentando uno anche per avere punteggio in graduatoria d’istituto ) . Anche questa è un ‘anomalia tutta italiana … mah! Non ho provato presso le università perchè non mi interessava, devo finire la specializzazione e non è compatibile. -eventualmente in seguito… fammi sapere a quale laurea magistrale ti sei iscritta che potrebbe interessarmi appena ho finito e se ti sei trovata bene con lo studio online… penso di sì anche mia figlia si è iscritta ad una LT presso un’università telematica e ti devo dire che come genitori ho molte meno spese che mantenerla a firenze (noi stiamo sulla costa lontani da tutto) . Teniamoci in contatto , se ci sono novità .

  79. Gentile Coordinatore,
    sono in possesso di DU area sanitaria, ora (finalmente) equiparato alla laurea triennale. Sto sostenendo le prove di selezione (per titoli ed esami) per un Master di 1°livello afferente alla stessa area. Nella valutazione dei titoli, l’Università di Padova attribuisce un diverso e minor punteggio al DU, rispetto a quello riconosciuto alla laurea triennale, nonostante entrambi fossero ugualmente contemplati tra i requisiti di accesso. Non è forse questo comportamento, contrario al concetto di equipollenza/equiparazione stabilito dalla legge? Posso ricorrere o impugnare la graduatoria concorsuale?

  80. Salve a tutti, vorrei chiedere un parere riguardo la differente votazione tra il DU espressa in centesimi, e la laurea triennale espressa in centodiecesimi.
    Cosa accadrebbe se in un concorso pubblico nel quale il requisito fosse la laurea triennale con una certa votazione minima espressa in centodiecesimi, e nel quale non fosse specificata la votazione minima per il corrispondente DU equiparato?

  81. Ho conseguito la Laurea in Biologia 1982 (vecchio ordinamento) nei tempi previsti. Ho eseguito il tirocino universitario di 2 anni come previsto per sostenere l’esame di stato che ho superato con successo. Non riuscito a trovare in nessun sito compreso il MIUR se quanto da me eseguito e equiparato ad un PhD e cosa devo fare per ottenere valida documentazione a supporto!!
    Grazie per la risposta!!

  82. lauree in sceinze politiche nel 2000 e in scienze dell’infanzia nel 2011 posso dire di avere equipollenza con laurea in scienza della formazione indirizzo infanzia?

  83. Buongiorno

    mio fratello sta scegliendo un corso di master all’estero, dopo aver completato i tre anni della laurea italiana.

    Mi chiedevo se ci siano dei criteri per capire ex ante quali di questi master all’estero siano “equivalenti” alla laurea specialistica. Ho letto che un criterio importante e’ il numero di crediti (120).

    Mi potreste dare indicazioni piu’ precise, magari indirizzandomi dove io possa leggere la normativa rilevante?

    Grazie mille!

  84. Salve,
    al fine di inviare domanda di partecipazione ad un concorso, vorrei sapere se la mi laurea in Economia Aziendale V.O. è equipollente a quella in Scienza dell’Amministrazione e a quella in Economia e Commercio.
    Grazie!

  85. Vorrei conoscere quali esami del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Farmacia vengono riconosciuti per la laurea triennale in Scienze Infermieristiche, Grazie

  86. A volte penso che a causa di ministri,senatori noi tra studiare/lavorare un caos perenne per il semplice fatto di essere nati in Italia dove il nostro governo fa pena.Essendo che ormai studiare in Italia nemmeno serve più visto che non si lavora e molte facoltà non servono a nulla mentre altre sono a numero chiuso vale la pena di studiare direttamente all’estero dove tutto funziona e la durata della laurea è inferiore alla nostra si laureano a 22 massimo 23 anni dove alle spalle fanno rispetto a noi quasi 10 anni di lavoro mentre noi finiamo a 27/28 anni senza lavoro,dove chi non può permettersi di studiare lavora per mantenersi agli studi no come noi poveri ragazzi/e buttati tra bar,ristoranti ecc per poco e nulla,dove c’è meritocrazia,dove si fa ricerca,studio e pratica su cose che piace,dove non ti costringono a fare un master tra cui a pagamento dai 5000 euro in su,nessuno si ribella pochi protestano,molti scappano mai possibile che questa nazione fa così pena?non vedo l’ora di andare via

  87. Desidero sapere se in un concorso pubblico il cui titolo richiesto per la partecipazione è la laurea magistrale in ingegneria meccanica LM 33 o laurea equipollente, può essere considerata equipollente la laurea magistrale in ingegneria aeronautica LM 20, considerato altresì le poche materie che le diversificano.

  88. Salve a tutti,
    vorrei saper se un diploma di geometra richiesto in un concorso pubblico può essere equipollente con laurea magistrale in economia, in quanto il mio diploma è di maturità scientifica!

    conta il titolo superiore oppure è necessario il requisito minimo richiesto?

    grazie

  89. SARA’ ANCHE COME DITE VOI ma nel disegno di legge passato al sentato e ora arrivato alla camera tutti i senatori che lo hanno approvato hanno confuso ancora una volta tra equipollenza ed equiparazione.

    Dobbiamo riderci sopra o piangere?

  90. Buonasera; vorrei un’informazione; ho saputo che le scuole dirette a fini speciali triennali sono state equiparate a lauree brevi. Poichè sono in possesso del diploma di scuola diretta a fini speciali in agrometeorologia della durata di 2 anni e poichè di per questa disciplina non è mai esistita la laurea specifica e nessun titolo triennale, è da considerare anch’esso laurea breve come recita l’articolo 9 del seguente DPR?
    http://www.unica.it/UserFiles/File/Utenti/stptz32/Scuole%20di%20specializzazione%202010/DPR%20162%20del%201982.pdf

  91. Ciao, come richiesto precedentemente, ripeto la domanda. Se sei in possesso di Diploma Universitario e poi per legge passi ad equipollenza a Laurea di primo livello, nel caso ti volessi iscrivere alla laurea specialistica devi fare degli esami di passaggio (per conversione) come prevedeva prima l’università oppure ti puoi iscrivere direttamente?

  92. Ciao, sono laureato in Biologia e Specializzato in Biologia Molecolare, posso secondo voi partecipare al concorso della ASL per Tecnico di Laboratorio Biomedico? Grazie!

  93. Ciao, ho un Diploma Universitario in economia e gestione dei servizi turistici, una laurea triennale in scienze turistiche e una laurea specialistica in Valorizzazione dei sistemi turistico-culturali. Visto che Economia del turismo rientra tra le lauree equipollenti di Economia e commercio ed economia aziendale, posso anche io, con queste benedette lauree, rientrarci? Grazie

  94. A Che serve studiare diplomarsi con fatica o magari fare dei sacrifici enormi per prendere una Laurea SE POI NON C’ E’ UN LAVOROOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOo

  95. Certo! Perché questi dubbi? Università e Accdemie di belle arti corrono su binari paralleli.

    Il titolo rilasciato dall’università é detto laurea, quello delle accdemie é detto diploma accademico, per diploma accademico nn si intende diploma di scuola superiore.

    in bocca al lupo per il tuo prossimo concorso!!!

  96. visto che ho perso un concorso per un decimo di punto con un diplomato all’accademia delle belle arti al quale gli è stato convalidato il suo titolo come laurea triennale al pari di quella mia in scienze politiche, vi domamdo:
    è davvero equipollente?
    ciao rispondetemi grazie

  97. Saleve, in vista del bando TFA per l’accesso alle future abilitazioni, vorrei sapere se posso chiedere all’università il decreto di equipollenza dell’esame filologia romanza con linguistica italiana, visto che ai miei tempi erano equipollenti e dovendo scegliere tra i due e scelsi fil rom… Grazie 🙁

  98. Salve, sono laureata in Comunicazione Sociale Istituzionale presso la Pontificia Università della Santa Croce. Vorrei sapere con certezza a cosa equivale la mia laurea, se volessi accedere ai concorsi pubblici potrei farlo? Grazie a chiunque mi risponderà.

  99. Vorrei poter sapere esattamente quali titoli può spendere una persona che ha dovuto conseguire, dopo un diploma universitario triennale, una laurea di primo livello, sempre triennale (spendendo in totale circa 7 anni di frequenza e studio, di iscrizioni universitarie e di tasse) ovviamente della stessa Classe, in quanto il secondo titolo aveva valore e offriva opportunità che il primo, ai tempi, non permetteva.
    Quanto tempo e quanta fatica ho perso!

  100. E’ CAMBIATO QUALCOSA CON IL DECRETO 11/11/2011 PER ME????? SPERIAMO DI SI’ PERCHE’ PROPRIO fra qualche mese ci sara IL MAXI CONCORSO MONTI E QUEI PUNTI MI SERVIREBBERO TANTISSIMO
    . Secondariamente non vorrei fare ricorso alla graduatoria che aspetto da anni .COORDINATORE come devo comportarmi??? grazie MONNY

  101. salve a tutti mi presento sono una dr.di 44 anni farmacista. Nel 2008 ho conseguito una laurea triennale o come si dice primo livello in scienze biologiche …con grandi sacrifici e fatiche perche’ stavo lavorando.Questa seconda laurea e’ stata conseguita solo per avere maggiore punteggio ai concorsi per sedi farmaceutiche. Ora scopro che nel 2010 in 2 O 3 COMMISSIONI contano O spaccato la mia sec laurea mentre altre commissioni la contano 3,5 punti come stabilito dalla legge che recita esattamente cosi;: :::::::: POSSESSO DI UNA SECONDA LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE PUNTI 0,7….(..POI SI FA’ X 5 )……SONO A PEZZI COSA DEVO FARE?????? FORTUNA CHE VI HO TROVATO

  102. Ciao a tutti, ho letto i vostri post e, appartenendo anch’io alla categoria dei DU, voglio portarvi la mia testimonianza. Ho conseguito il DU in vigilanza scolastica che, pur essendo a suo tempo considerato titolo preferenziale per l’accesso al concorso per ds, con la riforma è diventato pari alla carta straccia. Due anni fa ho fatto domanda alla unisa per iscrivermi alla specialistica in scienze pedagogiche, il cui bando indicava tra i requisiti di accessi laurea o diploma universitario. L’iscrizione mi è stata negata ma, anche dopo ripetute richieste non sono riuscita ad ottenere un’attestazione scritta del rifiuto. Presa da un moto di rabbia ho fatto richiesta presso altri atenei con modalità telematica. Ho ricevuto risposa positiva da tutti, e tra questi ho scelto l’uniroma2 (Torvergata) dove mi sono trovata benissimo. Il 30 p.v. discuterò la tesi di laurea, ma la mia rabbia è ancora tanta. Vorrei in ogni modo chiedere, non essendo indicato nelle tabelle di equiparazione, come bisogna considerare il DU in vigilanza scolastica? Domanda da 1 milione di dollari…mi piacerebbe avere qualcosa da poter sbattere in faccia ai funzionari dell’università di Salerno, oltre la mia prossima laurea. Grazie a chiunque riuscisse a risolvere il mio quesito.

  103. salve vorrei sapere una info, un D.U. in marKeting e comunicazione d’azienda è un titolo equipollente alla laurea triennale in marketing e comunicazione d’azienda o alla generica classe di laurea L18 DELLE LAUREE IN SCIENZE DELL’ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE ? grazie per l’informazione

  104. salve, sono laureato in scienze motorie presso lo IUSM di Roma foro italico (classe 33 dm 509/99), mi interessa sapere se questa laurea mi permette di accedere all’insegnamento, visto che i diplomati isef lo possono fare.

  105. Ho conseguito la laurea magistrale in “Scienze Politiche e Relazioni Internazionali” presso l’Università della Calabria, facoltà di Scienze Politiche. Si tratta(va) di un corso di laurea interclasse lm 62 e lm 52. Data la scelta di esami da sostenere, da me effettuata, ho conseguito la laurea identificata con la classe lm 52 quindi in Relazioni Internazionali. Ho da fare una domanda, cui chiedo cortesemente una risposta, perché trattasi di un’urgenza. Nonostante il mio certificato di laurea attesti che la mia laurea è stata rilasciata dalla facoltà di Scienze Politiche e reciti “Scienze Politiche e Relazioni Internazionali”, indirizzo Relazioni Internazionali, mi è stato detto che non posso partecipare ai concorsi pubblici come Commissario di Polizia di Stato ed altri dove, inerentemente alla laurea di Scienze Politiche, è richiesta il diploma V.O., le specialistiche 70/s, le magistrali 62 e 63. Il d.m. 25 novembre 2003 e quello 270/04 equiparano Relazioni Internazionali alla laurea in Scienze Politiche V.O. ed il d.m. 2003, all’art. 1, dichiara che questa laurea è idonea per la partecipazione a tutti i pubblici concorsi. A me sembra una situazione paradossale e preclusiva nei confronti di chi ha conseguito questo titolo di laurea. Mi aiuterebbe sapere cosa ne pensiate.

  106. Eduard devi andare in segreteria e chiedere quanti esami ti possono convalidare, ovviamente più ne convalidano e meno esami devi sosterene per la nuova laurea

  107. Per il Coordinatore
    Grazie mille per la gentile risposta e le delucidazioni.
    La mia era pura curiositá visto che sono piú di venti anni ormai che lavoro felicemente come dietista presso l’ospedale della cittá in cui vivo (con ottima retribuzione oltrettutto),ma é comunque interessante sapere che esiste la possibilitá di farsi riconoscere eventuali crediti,in caso ci si iscrivesse ad un corso di Laurea affine.

  108. ragazzi non fatevi tante pippe mentali,
    il link parla chiaro, basta confrontare il vostro DU con la relativa laurea riconosciuta dal Decreto e indcata nelle tabelle. Io adesso mi trovo con due lauree , avendo anni fa,dopo il DU, conseguito anche un’ altra laurea. Fregatevene se l’università di riferimento non sa niente, c’è una legge di stato che di fatto riconosce ai DU presenti nelle tabelle del decreto interministeriale, il valore di laurea, e stop. Quindi potete utilizzare il titolo come laurea a tutti gli effetti, specificando nei concorsi e nei curricula, la corripondente laurea prevista dal decreto ( da citare).
    http://attiministeriali.miur.it/anno-2011/novembre/di-11112011.aspx

  109. Ciao ragazzi, forse questa non è la sede più opportuna, vorrei sapere a chi posso rivolgermi per sapere quali e quanti esami bisogna fare per prendersi la laurea triennale in ingegneria civile, partendo da una laurea triennale in ingegneria informatica. Dopo aver preso la laurea triennale in ingegneria informatica mi sono accorto che praticamente non ci posso fare molto, dato che in aziende informatiche assumono praticamente tutti, architetti, geometra, liceali, ecc. senza badare al titolo di studio, cosa che non capita con altre discipline.

  110. Per Antonio:

    La dicitura IUNIOR – e non JUNIOR – fa parte del nostro titolo e non lo dico io ma il Legislatore per cui se sei iscritto all’Ordine degli Ingegneri piaccia o no nei rapporti con la P.A., con i privati, sulla carta intestata, biglietti da visita, fatture ecc eccc non si può far finta di dimenticare IUNIOR.
    Se scrivi solo INGEGNERE la persona con la quale hai un rapporto di lavoro intende il laureato quinquennale del vecchio ordinamento abilitato in ingegneria o il laureato specialistico o magistrale in ingegneria abilitato.
    Se invece non sei iscritto all’ordine degli ingegneri puoi tranquillamente scrivere dott. ing. ….. senza abusare del titolo in quanto i ns “cugini senior” scriveranno dott. mag. ing. o dott. spec. ing.

  111. Grazie Riccardo, e’ tutto chiaro, pensavo si fosse persa quella dicitura jr, anche perche’ avevo letto che il triennale e’ un Ing.m mentre il quinquennaoe e’ un ing specialistico….. Ovviamente e’ impensabile scrivere ing jr su un bigliettino da visita. Comunque grazie

  112. x Raffaele

    Grazie mille … anche per aver sottolineato che non ho detto una stupidata 🙂

  113. Per Antonio:
    La circolare 383/XVII sessione del Consiglio Nazionale degli Ingegneri spiega la differenza e quindi la differente denominazione tra titolo accademico e titolo professionale, in sintesi:

    La corretta dicitura con cui chiamare il laureato triennale in Ingegneria (quindi anche i possessori di D.U. in Ingegneria – come me p.es -) non abilitato o abilitato ma non ancora iscritto all’albo è DOTTORE IN INGEGNERIA ………….

    Il titolo professionale che si acquisisce con l’iscrizione alla sezione B settore b p.es è:
    INGEGNERE INDUSTRIALE IUNIOR (art. 45 comma 3 DPR 328 del 2001)

  114. Egr coordinatore, ormai mi sembra tutto piuttosto chiaro e a distanza di oltre 10 anni credo si sia ottenuto quanto gia’ ci spettava. Ringrazio, ma la mia domanda e’: va bene che posso fregiarmi del titolo di dottore senza remore, ma per chi come me ha conseguito il DU in ingegneria meccanica, puo’ farsi chiamare ingegnere oppure no? Da me in azienda hanno anche inserito il titolo sul bigliettino da visita, ma vorrei essere certo di poterlo fare. Grazie. Tutti

    Antonio

  115. Per Mariangela

    Purtroppo no, cara Mariangela. I corsi delle Scuole Universitarie dirette a fini speciali erano corsi accademici istituiti direttamente dalle Università, in virtù del D.P.R. (decreto Presidente della Repubblica) n. 169/82. Il tuo diploma rientra nei corsi professionali istituiti da Regioni, Province o Comuni, come tu stessa hai puntualizzato. Potrei consigliarti, invece, di iscriverti ad un corso di Laurea affine e farti riconoscere eventuali, e sicuri, crediti per l’abbreviazione del percorso di studi. Ciao e auguri.

  116. Buongiorno a tutti,
    sarei molto grata a chi potesse rispondere alla mia domanda (non so a chi rivolgermi).
    Dal 1987 al 1990 ho frequentato un corso/scuola parauniversitario/a triennale in dietistica,istituito dalla Provincia Autonoma di Bolzano con la supervisione della Cattedra di Scienza dell’Alimentazione e della Dietetica dell’Universitá di Padova.Dopo tre anni di studio,1500 ore di tirocinio (in parte svolto anche a Padova),32 esami sostenuti e la discussione finale della tesi ho ottenuto il diploma di dietista.
    Gradirei sapere se il corso da me frequentato puó essere considerato una “Scuola Diretta a Fini Speciali” e se quindi quanto sancito dalla legge n. 240 del 30/12/2010 é valido anche per il diploma da me conseguito.
    Grazie

  117. x Lilly.

    Ti rispondo io, anche se non sono il coordinatore…

    Le classi di laurea sono state riformate in due occasioni, con i Decreti Ministeriali (DM) n.509 del 1999 e n.270 del 2004; quest’ultimo è quello più recente, pertanto i nostri D.U. sono equipollenti alle lauree della 2° tabella (quella di destra) relativa al DM 270/04. Spesso comunque le lauree delle due tabelle coincidono o sono comunque similari.
    Comunque non hai detto una stupidata, anzi…

    ciao 😉

  118. Rispondo alla domanda di Domi:
    “Gli albi non la riconoscono come laurea x eventuale iscrizione???”

    Il problema non è degli albi professionali ma del DPR 328/2001, che regola l’accesso alle professioni e gli esami di stato.

    http://www.foiv.it/Normativa/Nazionale/Professione/Decreti/DPR328_05062001.pdf

    I DU sono ammessi a tali esami secondo la tabella prevista dall’art. 8, comma 3, che si trova alla fine del decreto indicato sul link!
    Questo tabella poteva andare bene prima dell’equipollenza, ma ora che senso ha? Il discorso è che per accedere alle professioni con DU non compresi in detta tabella occorrerà aspettare una modifica di tale decreto, ammesso che sarà mai fatta.

    Io pensavo che se DU=L e L=Esame di Stato allora, per la proprietà transitiva dovrebbe essere DU=Esame di Stato, ma evidentemente in Italia non è cosi.

    Credetemi, una “equipollenza a metà” non me la aspettavo proprio!

  119. io credo che oltre alla richiesta di un certificato che attesti DU= L, serva anche diffondere l’informazione circa il Decreto interministeriale 11/11/2011 che attua l’art 17 comma 2 della L240, perchè per accedere ai concorsi per aziende private, tipo banca, queste non ne sono a conosceza.

  120. Quindi il D.U. è equipollente alle lauree …
    ma solo x i concorsi come da Decreto interministeriale????
    Gli albi non la riconoscono come laurea x eventuale iscrizione???
    Le università ci fareberro iscrivere alla LS, si o no??
    Ho chiesto a segreteria Economia – Bari e non sapevano dirmi nulla…
    Ergo, oltre ai concorsi e titolo di dottore (che non è poco) quale valore possiamo farci riconoscere x carriera professionale ed proseguimento degli studi???

  121. Scusate, ma che senso ha richiedere una certificazione all’Università quando a sancire l’equipollenza è una legge dello Stato? Non credo che le Università siano in grado di certificare una “conversione” da DU a L: il DU rimane tale, così come la L, la legge dice solo che sono equipollenti, ovvero “che hanno la stessa potenza o valore” (fonte: Wikizionario). Avendo lo stesso valore, dovrebbero avere gli stessi diritti: MA NON E’ COSI’!!!

    Mi spiego meglio: io sono un DU triennale in Scienza dei Materiali, equipollente, quindi stessa potenza o valore, alla L, ed appartenente alla classe di laurea 21 (o L-27) Scienze e tecnologie chimiche. Il problema sta nel fatto che NON mi è possibile, secondo il DPR 328/2001, fare l’Esame di Stato per la professione di Chimico sez. B.
    Il mio dubbio, espresso già su questo blog tempo fa, è diventato una certezza dopo la risposta ricevuta da uno dei funzionari del MIUR.

    L’accesso alla Professione risulta molto importante in molti concorsi per Chimico delle ARPA, delle ASL, delle ASP, etc, nei quali viene richiesta l’iscrizione all’Ordine Professionale. Ora, mi dite voi cosa me ne faccio dell’equipollenza quando vengo escluso a priori da un eventuale concorso agli enti sopra citati?

    Come al solito in Italia ci sono figli e figliastri: i vari DU in Ingegneria hanno avuto DA SEMPRE accesso al relativo Ordine, anche in periodi antecedenti all’equipollenza. Per quanto riguarda le altre professioni, occorre sperare in una modifica al DPR 328/2001… quanti anni dovranno ancora passare?

  122. RISCRIVO IL MIO POST PRESENTE SU FB NEL GRUPPO “COORDINAMENTO DIPLOMATI UNIVERSITARI TRIENNALI”

    “tramite mail ho sottoposto i seguenti quesiti alla segreteria studenti della facoltà di ingegneria che ho frequentato:”….1.richiedendo oggi allo sportello studenti un certificato di D.U. per es. con esami e voto finale esso recepisce già quanto previsto dall’art. 17 c.1-2 citato in premessa per cui si certifica l’equipollenza del D.U. alla Laurea e poi – aspetto meno importante in quanto formale – si passa dalla dicitura di “sig.” a quella di “dott.”?
    2.Se il D.M. citato in premessa chiarisce in modo inequivocabile l’equiparazione ai fini concorsuali tra i D.U. e le Lauree, ai fini accademici cosa è previsto? Faccio un esempio: se volessi proseguire con la Laurea Magistrale e magari iscrivermi alla Facoltà di Ingegneria dell’Università …….[DIVERSA DA QUELLA IN CUI HO STUDIATO PER IL D.U.] c’è la possibilità di certificare che il D.U. da me conseguito sia equiparato ad un corso di Laurea dell’offerta didattica esistente afferente alla classe L-07 “Ingegneria Civile e Ambientale”? Eventualmente a tal fine deve essere presentata qualche istanza di equipollenza?
    La risposta della dott.ssa ………. capoufficio della segreteria studenti è stata la seguente …..”sul certificato risulta dott….L’equiparazione è prevista dalla legge per cui non è esplicitata sul certificato”.
    Secondo VOI cosa significa???

  123. io ho provato a presentare istanza di riconversione titolo (DU in Marketing) la ma mia università (Fac. Economia di Bari) non può certificarmi nulla sino a quando non arrivano disposizioni da parte del ministero. Quindi come ci organizziamo? quali sono le vostre esperienze?

  124. Cosi mi ha risposto il presidente di ingegneria (ometto l’università per la privacy dato che e’ una e mail provata).
    Gli ho chiesto se l’università puo’ fare una dichiarazione di equipollenza con il testo sopra riportato (vedi due messaggi qui sopra):

    —————
    non capisco perché una dichiarazione dell’Università possa avere più valore di una legge dello stato.

    Se è previsto per legge Le basta avere una copia della gazzetta ufficiale per ottenere quanto da Lei chiesto

    (NOTA: faccia riferimento al sito ministeriale (http://attiministeriali.miur.it/anno-2011/novembre/di-11112011.aspx) e non al CUN.

    In ogni caso il suo “diploma universitario in ingegneria elettronica” non sarà equipollente ALLA LAUREA IN INGEGNERIA DELL’INFORMAZIONE, ma a tutte le lauree della classe L9 secondo il DM 509 e tutte le lauree della classe L8 secondo il DM 270. Queste due classi di lauree si chiamano “classi delle lauree dell’Ingegneria dell’informazione”. Tulle le lauree della stessa classe sono ritenute equipollenti (sempre ai soli fini dei concorsi pubblici).

    Comunque, se proprio vuole un documento da parte dell’Università credo lo debba chiedere alla segreteria studenti.

    Cordialmente
    —————-

  125. @coordinatore e tutti
    un dubbio… con l’equipollenza acquisita alla laurea triennale, oggi ci si può iscrivere alla Laurea Specialistica di appartenenza o correlata a quella acquisita x decreto????
    ciao.

  126. se si dichiara quanto segue per i concorsi pubblici non verrete piu’ esclusi, faccio l’esempio di D.U. in ingegneria elettronica:


    Al fine di accedere a concorso pubblico e ai sensi dell’art. 17 comma 1 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240, ed ai sensi di quanto riportato nella tabella ”Equiparazione Diplomi Tabellati – 9 giugno 2011”, si dichiara equipollente il diploma universitario in ingegneria elettronica (istituito con la Legge 19 novembre 1990, n. 341), alla laurea di primo livello L-8 Ingegneria dell’informazione (DM 270/04 e regolamento 3 novembre 1999 n. 509, art. 3) .

  127. Ho conseguito il diploma di scuola Diretta a Fini speciali per Consulenti del Lavoro presso l’Università di Modena nel 1995, dopo anni di umiliazioni, mi ero veramente illusa che il problema del titolo fosse stato risolto e così mi era stato assicurato, (con mail) anche dall’Università, invece, nelle tabelle il mio titolo, anche se si tratta di scuola diretta a fini speciali triennale, non è riportato e deduco che per quelli come me si debba ricominicare a soffrire….
    Ho provato a contattare il Ministero dell’ Istruzione, L’Università di Modena ma ora tutto tace, oggi ho scoperto questo sito e ho scritto anche agli indirizzi che qui ho trovato indicati, speriamo in bene……………..se qualcuno ha notizie in merito e volesse condividerle gliene sarei veramente grata

    Ciao a tutti e complimenti per il grande lavoro svolto

  128. Ciao a tutti e complimenti per l’ottimo lavoro svolto,
    ho conseguito nel lontano 1997 il mio DU in “Scienza dei Materiali” e l’ho sepolto nel cassetto, quasi vergognandomi ..visto che nessuno pareva darmi retta. Oggi casualmente mi sono imbattuto in questo sito e ho passato le ultime due ore a leggere tutto quello che è successo in questi ultimi due anni ed il grande traguardo che è stato raggiunto. Finalmente posso fregiarmi del titolo di Dottore.
    Alcuni chiarimenti:
    – prima di utilizzare il titolo Dottore devo chiedere qualche tipo di certificato alla mia vecchia università?
    – secondo la tabella il mio Du èafferente alla classe L-27 scienze e tecnologie chimiche, ma io ricordo benissimo che frequentavo la facoltà di fisica e che il mio indirizzo era nell’area fisica…..?!?!?

    ciao a tutti e grazie per l’ottimo lavoro di divulgazione che state facendo

  129. Vorrei capire il limbo in cui mi trovo… acquisita l’equipollenza, se dovessi continuare con la Laurea triennale mi ritroveri con due titoli DU e Laurea che hanno lo stesso valore x concorsi e albo???
    giusto????
    ma in questo caso le università che fanno… prendono i soldi e ignorano il da farsi???
    io vorrei rinunciare avendo l’equipollenza ed eventualmente mi iscriverei alla magistrale (posso farlo alla luce del decreto?????
    grazie x in anticipo

  130. …vittima delle cxxxxxe di chi preposto a gestire la regolamentazione delle Università e dei titoli!! Valuta serenamente.
    ciao

  131. Ciao Lucio,

    anche se io alla fine avendo iniziato a lavorare non ho fatto la tua scelta ci sono andato vicino..visto il decreto e quanto altro partorito sei vittima delle CXXXXXTE

  132. Ciao, dopo aver conseguito il D.U. in Marketing (triennale) mi sono iscritto alla Laurea triennale in Marketing e Comunicazione… ora che ho l’equipollenza cosa dovrei fare??? rinunciare (due esami alla laurea!!! di cui oggi ho l’equipollenza) o chiedere di potermi iscrivere/passare alla Magistrale??? e gli esami sostenuti (solo tre dopo il DU)???? non so cosa fare!!!!!
    grazie

  133. Alla luce del Decreto tanto atteso, è possibile iscriversi alle lauree magistrali (nel rispetto delle relative equipollenze) o le rispettive università devono esprimersi a riguardo???? con il rischio di qualche sorpresa??? mi riferisco al D.U. in Economia A. Imprese equipollente L-18, ci si iscrive alla L. Magistrale ???

  134. x coordinatore

    in riferimento alla risposta data a Mario il 2 marzo alle 20:55, volevo chiederti un chiarimento: quale delle due colonne bisogna prendere in considerazione quando diciamo “equipollente alla laurea in …” ?
    i diplomi universitari, guardando la tabella di equipollenza, sono stati equiparati alle lauree DM 509/99 e alle lauree DM 270/04.
    magari sto dicendo una cavolata ma nel dubbio mi è sembrato opportuno chiedere.

    Grazie

  135. X Mario

    Equipollente alla laurea in… (riporta la laurea indicata nella tabella allegata al decreto interministeriale, equipollente al tuo diploma universitario) ai sensi dell’art. 17 della L. 240/2010 e del Decreto Interministeriale 11 novembre 2011.

  136. X Michele:
    premesso che logicamente il mio parere vale zero io credo che l’equiparazione del titolo possa valere per l’art. 38 comma 2 del dpr 328/2001 in quanto è richiesta la Laurea classe 21? Ebbene il comma 1 del’art. 17 della c.d. riforma Gelmini sancisce l’equipollenza del tuo DU alla Laurea ed il Decreto interministeriale definisce l’equiparazione alla classe 21 o L-27. Cmq puoi chiedere all’ufficio esami di stato della facoltà dove pensi di sostenere l’esame di abilitazione …. di solito in questo periodo esce l’ordinanza ministeriale per le abilitazioni professionali. In bocca al lupo!

  137. Per il coordinatore :

    potete riportare l’intera dicitura che si potrà affiancare al titolo di studio con tutti i riferimenti normativi corretti ?

    Cioè, potete riempire i puntini di questa frase :

    “equipollente alla laurea in…ai sensi dell’art….della L…. e del Decreto Interministeriale del….”

    in modo tale da avere la dicitura corretta ed evitare strafalcioni?

    Grazie.

  138. X Riccardo:
    Il tuo discorso non fa una piega. Il discorso è: può essere applicato l’art. 38 comma 2 del DPR 328/2001 al discorso dell’equiparazione?
    Se il mio titolo è equipollente alla laurea in Chimica ma non posso conseguire l’abilitazione alla professione, che in molti concorsi pubblici è condizione necessaria, a questo punto, almeno nel mio caso, è una equiparazione a metà… o sbaglio?
    Questa è una situazione che non si prospetta con uno qualsiasi dei DU in ingegneria, i quali danno TUTTI, giustamente, la possibilità di abilitarsi ed esercitare la professione.

  139. Rispondo a Michele: il tuo D.U. se appartiene alla facoltà di Chimica non è incluso nella tabella A allegata al DPR 328 del 2001 che ha permesso dal 2002 l’iscrizione alla sezione B anche con il D.U. … c’è Scienza e ingegneria dei materiali che serve per la sez. B settore C dell’ordine degli Ingegneri a meno che tale tabella è stata successivamente ampliata con altri D.U. compreso il tuo …. cmq l’art. 38 comma 2 del 328/2001 fa espressamente riferimento all’ex classe 21 (attuale L-27) quale titolo di accesso all’esame di stato e successiva iscrizione alla sezione dei chimici iunior

  140. Ciao Domi, anch’io mi sono posto la tua stessa domanda: l’equipollenza tra DU e L è limitata solo alla partecipazione ai concorsi, oppure dovrebbe essere recepita in toto? Vi faccio un esempio per essere più chiaro: io ho un DU in Scienza dei Materiali che, secondo il Decreto 11 novembre 2011, afferisce alla classe L-27 (ex 21) Scienze e tecnologie chimiche!
    Bene, se esce un concorso per chimici mi sarà possibile partecipare, e fin lì è tutto chiaro.
    Il problema che mi pongo io è un altro: potrò iscrivermi all’ordine dei Chimici, chiaramente previo esame? Nel caso in cui uscisse un concorso per chimico abilitato e/o iscritto alla sezione B dell’albo (capita spesso nei concorsi ARPA, ASL, Enti pubblici…) io sarei comunque tagliato fuori, e l’equipollenza, almeno in questo caso, non mi servirebbe a niente.
    Ho girato questa domanda al MIUR. Appena ho notizie vi avviserò tempestivamente.
    Saluti.

  141. Sarebbe quindi utile richiedere alla propria università un certificato di equipollenza da usare c/o chi ne ignora il decreto e in caso si partecipi a concorsi e venga richiesta documentazione in merito a posteriori??? e per iscrizione ad albi??? ciao

  142. Cari amici,
    nell’indicazione del titolo di studio tutto rimarrà come prima. Ognuno indicherà la dizione esatta del proprio diploma facendolo seguire da “equipollente alla laurea in…ai sensi dell’art….della L…. e del Decreto Interministeriale del….
    Potete tranquillamente far precedere il vostro nome dall’attributo “dottore” su qualsiasi documento da Voi redatto, far stampare bigliettini da visita o esporre targhe professionali riportanti il titolo anzidetto senza che l’Università debba certificarvelo, ma in virtù delle Leggi testé citate. Se poi qualcuno di voi, intende averlo una certificazione personale dalla propria Università, può richiederlo tranquillamente senza che questa possa esimersi.
    L’Università non dovrà emettere nuove pergamene perché, ripeto, il vostro titolo rimane il “diploma di Scuola Universitaria” o “Diploma Universitario” equipollente a “.. “, che dal punto di vista sostanziale, a mio modesto avviso, è superiore alla laurea attuale peccando, fino ad oggi, dal punto di vista legale, fortunatamente ormai superato.

  143. x Raffaele
    speriamo in un lieto inizio….
    pensierino del giorno
    lo Stato ci ha tenuti nel limbo per tanti anni…
    .. non so voi ma da qualche giorno mi gira per la testa una gran voglia di… chiedere un risarcimento .. non sò…. per danni morali e materiali? (quante incazzature, quante esclusioni da bandi pubblici ecc)
    qualche commento in proposito?

  144. Porco Boia…forse stavolta ci siamo veramente !

    Sono 10 anni che “lotto” per raggiungere questo risultato : lettere, mail, telefonate a professori, università, politici, giornalisti, trasmissioni, radio, tv, siti internet, ecc. sempre senza risultato. Un giorno sono pure andato a Roma per cercare di ottenere qualcosa (500km da casa mia), ma l’unica via possibile sembrava una nuova iscrizione all’università con altri esami da superare, senza sconti, senza agevolazioni, dopo più 15 anni dal conseguimento del Diploma Universitario. Io però non mi sono arreso, non mi sono mai iscritto alla triennale in quanto la ritenevo una PROFONDA INGIUSTIZIA, per non dire altro. Ho sempre sostenuto che i nostri DIPLOMI UNIVERSITARI, detti, non a caso, lauree brevi, prima della riforma, DOVESSERO VENIRE EQUIPARATI ALLE TRIENNALI IN QUANTO GIA’ ERANO LAUREE TRIENNALI ! MI SEMBRAVA COSI’ OVVIO !
    Sembrava però ormai impossibile, sembrava che la cosa non importasse più a nessuno e invece, poco prima della vigilia di Natale 2010, un GRAN BEL REGALO, per me, totalmente inaspettato, l’art.17 della riforma Gelmini (e dire che l’on.Barbieri è della mia città…). Poi però mancava lo scoglio del decreto attuativo e con la caduta del governo un leggero brivido mi è corso lungo la schiena…ma grazie al questo spazio non ho perso la speranza e oggi, finalmente la NOTIZIA !
    Il decreto tanto atteso è finalmente pubblicato !!

    CHE SIA VERAMENTE UN LIETO FINE ?

  145. Buongiorno a tutti, una domanda al nostro gentile coordinatore: sulla base dei diritti riconosciuti ope legis e sull’equipollenza riconosciuta come da decreto attuativo pubblicato sulla G.U. n.44, quali modifiche ci dobbiamo aspettare alla documentazione che andremo a richiedere alle nostre università ?
    1) L’indicazione dell’equipollenza e la qualifica accademica di dottore sui certificati ?
    2) rispetto al titolo, rimane diploma di scuola diretta/universitario o possiamo pretendere l’indicazione di diploma di laurea (con conseguente richiesta di una nuova pergamena) ?
    Ringrazio anticipatamente

  146. Bene, è proprio questo il dubbio che volevo chiarire. Ora so che non ho gettato dalla finestra due anni di studio e che il diploma appeso alla parete della mia stanza è riconosciuto ancora come un DU. Di conseguenza quando mi chiedono il titolo di studio posso affermare con certezza assoluta di possedere un pezzo di carta valevole per legge come diploma universitario. Grazie coordinatore.

  147. Buongiorno a tutti, richiedo un chiarimento al nostro gentile coordinatore: a questo punto, in concreto, quali documenti devono essere prodotti/modificati dalle rispettive università su nostra richiesta ?
    1) Quali le modifiche ai certificati ?
    2) Quali le eventuali modifiche al titolo (inteso come pergamena) ? Si puo’ richiedere che venga stampata una pergamena attestante la laurea e non il diploma ?
    Ringrazio anticipatamente

  148. X Luca,
    bisogna considerare lo spirito che il Legislatore ha voluto imprimere alla Legge. Chi ha fatto tre anni, ha frequentato gli stessi anni che oggi servono per acquisire la Laurea. Quindi si trova nella stessa posizione accademica dei laureati attuali. Chi ne ha fatti due, al contrario, ha acquisito un diploma universitario (non equiparabile alla laurea per una abbreviazione intrinseca del corso) ma può iscriversi presso qualunque università, nella stessa disciplina del diploma universitario, farsi valutare gli esami già fatti e dare i rimanenti per l’acquisizione della Laurea (art. 17, comma 3, L, 240/2010). Puoi star tranquillo! Hai un Diploma Universitario, che non potrai utilizzare solo se in qualche concorso è richiesta la laurea.

  149. Attenzione: io non mi riferisco all’equiparazione dei DU -SDFS di durata biennale alla laurea. Ma se mi chiedono il titolo di studio potrò dire che sono in possesso di un diploma universitario. Giusto? Mi sembra il minimo…..
    Comunque si tratta della solita riforma all’italiana, si comprendono dei diplomati se ne escludono altri e la logica rimane oscura. Questa legge infatti discrimina i diplomati in base alla durata dei corsi ma è una follia, sarebbe come considerare dottori i laureati in medicina ma non i laureati in sociologia perchè il loro corso dura 2 anni di meno. Che senso ha??

  150. sono sicuro che si tratti di un pezzo di carta equipollente alla carta igenica..vero cosimo??’sono equipollenti solo i diplomi di durata triennale ex art…del 1990 come stabilisce art 17 240 del 2011. saluti

  151. Salve, ho letto quasi tutti i vostri post ma mi rimane un dubbio. I signori che hanno conseguito un diploma in seguito alla frequentazione di un corso di diploma universitario o scuola diretta a fini speciali della durata di due anni, di che titolo possono avvalersi?? Possono dire di essere in possesso di un diploma universitario oppure hanno un pezzo di carta che è equipollente alla carta igienica? Grazie.

  152. ciao a tutti! che bella notizia 🙂
    e quindi adesso le università dovranno rilasciarci
    una nuova pergamena?

  153. AIUTO!!! il decreto è uscito ma nelle tabelle allegate il mio diploma triennale in vigilanza scolastica (di ex ordinamento nelle facoltà di Magistero) non c’è …. allora come viene considerato ?? qualcuno mi aiuti!!!

  154. Grande Ragazzi!!!!

    Una proposta per tutti:

    considerando che adesso, sulla base della bozza presente su questo Forum, scriveremo alle rispettive Università per il riconoscimento dei titoli previsti (dottorato ed equipollenza alla Lauree triennali in primis) condividiamo le risposte ottenute?

    Propongo questo perchè ho già rilevato una certa “ostilità burocratica” a riguardo..

  155. Per COSIMO:
    Ci sono anche altre tabelle di equiparazione proposte dal CUN (lo scrivo perche il mio e molti altri diplomi sono in queste tabelle). Spero che anche queste siano inserite nel Decreto!!!!
    Non vorrei ricevere l’ennesima beffa!!!!

    Parere – 22 giugno 2011 (Sessione n.86)
    Equiparazione dei diplomi delle Scuole dirette a fini speciali, istituite ai sensi del DPR n. 162/1982, di durata triennale, e dei diplomi universitari (DU), istituiti ai sensi dellaLegge n. 341/1990, della medesima durata, alle lauree ex DM 509/99 e alle lauree ex DM 270/2004, ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi.
    Sul link: http://www.cun.it/media/113546/ps_2011_06_22_003.pdf

    Allegato 1
    Sul link: http://www.cun.it/media/113550/ps_2011_06_22_003_allegato1.pdf

    Allegato 2
    Sul link: http://www.cun.it/media/113553/ps_2011_06_22_003_allegato2.pdf

    Allegato 3
    Sul link:
    http://www.cun.it/media/113556/ps_2011_06_22_003_allegato3.pdf

  156. “ai fini dei concorsi pubblici” è un termine tirato fuori dal Cun. Il decreto deve rispondere all’art. 17 c.4 dove si richiede una semplice cosa. Tuttavia essendo interministeriale ovvero Con l’approvazione del min. Funzione pubblica non è detto che non ci sia questa frase. L’impipante è che il concetto sia ampliativo e non restrittivo; tipo ” ai soli fini”.
    Marco

  157. Il decreto ancora non l’abbiamo letto. Sappiamo solo che è previsto dall’art.17 comma 4 che recita:
    “Con decreto del Ministro, da emanare entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, è identificata l’attuale classe di appartenenza del titolo di laurea a cui fanno riferimento i diplomi universitari rilasciati dalle scuole dirette a fini speciali e i diplomi universitari dell’ordinamento previgente”
    Nelle tabelle di equiparazione predisposte dal C.U.N. ed allegate al decreto si parla di “ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi”
    http://www.cun.it/media/113540/ps_2011_06_09_002.pdf
    http://www.cun.it/media/113543/ps_2011_06_09_002_allegato1.pdf

  158. Ma il decreto che sancirà le equiparazioni, conterrà anche la dicitura….”ai fini dei pubblici concorsi”..?????

  159. non ho fatto niente di particolare il merito è tutto dell’onorevole
    Emerenzio Barbieri e del suo articolo 17 della legge 240

    vi ricordo ancora:
    http://www.facebook.com/coordinamento.legge240

    per qualsiasi futura iniziativa l’unione fa la forza

    “Tra il 1990 e il 2001 oltre 80.000 studenti
    hanno conseguito il DU, e si sono
    trovati di fronte ad un cambiamento che
    ha messo in discussione il valore dello
    stesso titolo di studio appena ottenuto e ha
    spalancato le porte a una serie di ingiuste
    distinzioni.”
    Fonte: Disegno di legge Barbieri E.
    art.17 legge 240/2010

    serena domenica a tutti!

  160. Salve a tutti,

    ricordo ancora quando, qualche anno fa, dopo aver conseguito il Diploma Universitario in Ingegneria Meccanica volevo iscrivermi nuovamente solo per conseguire una laurea di primo livello. Francamente non ho mai capito che differenza vi fosse tra le nuove Lauree triennali e i nostri Diplomi universitari anch’essi di durata triennale e molto spesso, come nel mio caso, con 30 esami da sostenere.
    Pochi giorni fa, e solo per caso, ho avuto modo di conoscere gli enormi passi avanti che avete fatto per tutti noi al fine di equiparare il titolo di Diploma Universitario con le attuali Lauree di primo livello. Non ho parole per ringraziare tutti coloro che si sono adoperati per il raggiungimento di tale obiettivo, siete stati davvero grandi !
    Ora davvero siamo prossimi a festeggiare il raggiungimento di un traguardo così importante per tutti noi.
    Auguri a tutti ed un grazie particolare a Cosimo !

  161. Sentita ieri, per ulteriore verifica, la redazione della Gazzetta Ufficiale che mi ha confermato notizia della sig.ra Spaconi del MIUR (ufficio Lanzafame) dell’altro giorno:
    il decreto di attuazione TANTO ATTESO verrà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 22 febbraio 2012 n.44
    saluti
    cosimo

  162. complimenti a tutti coloro che si sono prodigati al raggiungimento di questo risultato insperato…….
    Vi confido che solo grazie a voi, casualmente navigando, sono venuto a conoscenza dello stato dell’arte sulla tematica
    Ora non ci resta che festeggiare
    Auguri a tutti

  163. finalmente!!!!!!!!!!riconosciuti i nostri diritti….comunque mi iscrivero’ al sito faceboook di cosimo……al piu’ presto….ciaoooooooo

  164. evvivaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa.. ci siamoooooooooooooooooooooooooooo… Cosimo ti ho aggiunto ieri tra gli amici.. un abbracciooo

  165. Per Fabio:
    Ho sentito stamane redazione Gazzetta Ufficiale mi hanno confermato ricevimento via posta elettronica dal MIUR del tanto atteso decreto attuativo 11 novembre 2011. Sono in attesa di ricevere quello cartaceo e la pubblicazione è prevista nei primi giorni della prossima settimana.
    Vi segnalo ancora una volta la pagina facebook:
    http://www.facebook.com/coordinamento.legge240
    un piccolo riferimento per noi diplomati universitari triennali… dottori

  166. Salve a tutti….
    volevo sapere come è possibile che una Laurea in Ingegneria Edile-Architettura non sia equiparata ad ingegneria edile ma solo ad architettura, escludendo cosi un Ingegnere Edile – Architetto (con un timbro con scritto INGEGNERE CIVILE-AMBIENTALE) da ogni concorso per ingegnere? A mio avviso è fuori di testa non essere equiparati ad ingegneri edili coi quali abbiamo il 95% degli esami in comune (molti di piu rispetto ad un architetto).
    Spero che esista una soluzione…
    Matteo C.

  167. Esaminando le classi di concorso, in vista dei prossimi concorsi nella scuola ho constatato con rabbia e delusione che la laurea in Ingegneria è stata esclusa dalla A059 :Scienze matematiche chimiche, fisiche e naturali nella scuola media, alla quale invece possono accedere oltre .come è giusto che sia, la laurea in Matematica e Fisica, anche le lauree che prevedono una formazione in matematica e fisica, di gran lunga inferiore rispetto a quella conseguita con la laurea in ingegneria. Mi riferisco alle lauree in scienze biologiche, geologiche, chimiche, della natura, scienze e tecnolgie agrarie, scienze e tecnologie agro-zootecniche.
    Per quanto riguarda l’accesso alla classe di concorso A047 :Matematica nelle scuole superiori, i laureati in Ingegenria possono accedervi solo se hanno conseguito 80 CFU nei settori disciplinari MAT. Questo sistema dei crediti formativi è veramente perniciosa perchè questi variano per la stessa disciplina sia nella stessa facoltà a distanza di anni, sia da facoltà a facoltà.

  168. Sto seguendo con molto interesse i vostri colloqui in questo sito e vorrei ringraziare tutti quanti voi (Cosimo in primis) che vi state dando da fare per la categoria dei DU. Personalmente spero che il risultato possa riguardare anche l’università di Urbino (oggi sotto 4 metri di neve!) ciao ragazzi, siete forti, grazie

  169. Grazie Cosimo… davvero dobbiamo festeggiare tutti insieme.. che gioaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa… vi abbraccio.. buona giornataaaa

  170. Signori, sono circa quindici anni (giorno più giorno meno) che aspetto quest’atto di giustizia.. nel frattempo ho cercato (immagino come tutti voi) di sfruttare al meglio sia i titoli che le capacità personali ma vi assicuro che non è stato facile e, è triste dirlo, mi è servito di più il titolo di maturità tecnica che il DU. Per il prosieguo dell’attività lavorativa (25 anni?) spero che qualcosa cambi con questo riconoscimento!
    Ah, non sò voi ma io per le prossime votazioni politiche mi ricorderò dei seguenti famigerati personaggi che ci hanno tenuti nell’oblio: on. D’alema per la legge 509/99 (DU valutati in crediti per mano del ministro Zecchino), on. Berlusconi per la legge 270/2004 (idem con patate per mano del ministro Moratti), e tutta quella marmaglia di “cattedratici e non” che hanno votato contro l’art. 17 nella l. 240/2011.
    All’On. Siragusa e all’on. Barbieri va invece tutta la mia riconoscenza e stima per questa norma di .. CIVILTA’. Santi subito!!
    P.S. Come v.d. sono sempre le singole persone, e non i colori politici, a fare la differenza.

  171. SEGNALO:
    http://www.facebook.com/COORDINAMENTO240
    oppure cercare su Facebook:
    Coordinamento Diplomati Universitari Triennali

    Si tratta di una piccola pagina che sto portando avanti da qualche giorno… una piccola cosa niente di speciale che vorrei condividere con chi intende (dal proprio comune, provincia e regione) iniziare un tam tam mediatico per far in modo di publicizzare nelle istituzioni un diritto sacrosanto ottenuto con sacrificio da tutti noi diplomati universitari triennali italiani

  172. io aspetto prima di vedere nero su bianco, sperando che la neve e poi il ghiaccio ….non sia la giusta causa per prolungare. tipico italiano!

  173. anch’io……..speriamo bene!!!1 cmq cosimo vorrei fare una cena (io abito nell’estremo nord est-con tutti i diplomati universitari che hanno scritto su questo blog…..l’unionefa la forza…e’ proprio cosi’!!!!!!!!

  174. L’ufficio Dott.ssa Lanzafame/Zilli del MIUR ha inviato stamane il nostro Decreto Interministeriale 11/11/2011 alla Gazzetta Ufficiale. La sig.ra Spaconi del suddetto ufficio mi ha rassicurato stamane telefonicamente dicendomi che mi avviserà con mail quando la Gazzetta Ufficiale pubblicherà il tanto atteso decreto… La sig.ra Spaconi non si è sbilanciata sulla data esatta di pubblicazione ma mi ha detto che ci vogliono circa 4 giorni. Domani a Roma allarme neve…

  175. In attesa di avere risposte dall’ufficio MIUR che si sta occupando del decreto di attuazione (dott.ssa Lanzafame)…

    ho chiamato stamane il numero:

    tel.: +39.06.5812.539 (Ufficio Centrale del Bilancio presso i Ministeri dell’università e della ricerca e della pubblica istruzione)

    Non sanno nulla perchè si occupano di “Istruzione”, ho chiamato invece l’ufficio U.C.B. che si occupa di “Università” e mi hanno confermato ricevimento con OK dalla Corte dei Conti (3 gennaio 2012) e spedizione con OK al MIUR proprio all’ufficio della dott.ssa Lanzafame (24 gennaio 2012). Mi hanno confermato che si tratta del Decreto Interministeriale 11 novembre 2011 che consiste in due soli articoli (art.1 equipollenza diplomi scuole speciali/diplomi universitari triennali e rispettive lauree triennali art.2 indicazioni per i possessori diplomi area sanitaria) + tabelle di equipollenza allegate…

    … quindi ritorno al MIUR (resp. iter del procedimento) …

    In attesa di risposte via email dalla dott.ssa Lanzafame sto cercando
    in mattinata di contattarla anche telefonicamente per conoscere tempistica per pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Appena so qualcosa vi faccio sapere

    saluti
    cosimo

  176. Abbiamo già contatti con l’ufficio del MIUR responsabile del procedimento e del decreto 11 novembre 2011 (non bozza ma decreto). Sentirò questa mattina anche l’UCB… dai partecipanti di questo blog non ci saranno iniziative “avventate” perchè si ha molta fiducia nelle istituzioni

  177. X Tutti,
    prima di partire con iniziative avventate, consiglio di contattare il dirigente in calce chiedendogli notizie sul transito (e lo status attuale) della benedetta bozza di decreto (n. 1.11.11?!) che ci interessa.

    UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO
    PRESSO I MINISTERI DELL’UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE
    Direttore generale: MUSELLA dott. Antonio
    tel.: +39.06.5812.539
    fax: +39.06.5897.091
    e-mail: antonio.musella@tesoro.it

  178. Scusa, ho seguito molto interessata il vostro discorso, vorrei farvi un’altra domanda visto che questo decreto di cui parlate mette in equipollenza i D.U.conseguiti in Italia con le lauree triennali.
    Io essendo italo-argentina ho conseguito la laurea in Odontoiatria in Argentina( 5 anni di sforzo e 40 materie di cui casi la metà con tirocinio obbligatorio), posso nel frattempo ottenere il riconoscimento della laurea estera nel Ministero, la laurea triennale In Igiene Dentale???? Visto che ormai ho formato una famiglia qui in Italia e non voglio fare l’abusiva o essere soggetta a rimanere per sempre un’assistente alla poltrona sfruttata…AIUTATEMI!!!

  179. Ragazzi,
    se volete domani mattina chiamo la Dott. ssa Lanzafame o Zilli per sapere tempi più certi per la pubblicazione del Decreto Interministeriale di cui ci diceva Cosimo.
    Marco
    p.s. è possibile vedere il testo approvato sul sito della Corte dei Conti o in altri che non siano il MIUR o il CUN ?

  180. Ragazzi,
    siamo tutti un po stufi ma prima di procedere con iniziative io vorrei tanto un consiglio dal Coordinatore, proprio perchè siamo in Italia..

    Sono assolutamente allineato ma vorrei sentire anche lui.

  181. @Marco: mi univo alle preoccupazioni di Fabio e gli altri, non mi turba nulla solo stanchezza solo quello…soprattutto di aspettare da dieci anni giustizia… nessun turbamento solo stanchezza

  182. @ Cosimo: ma non dovrebbe arrivare a breve questo Decreto interministeriale 11.11.11 ? Di csa abbiamo paura; tu stesso hai detto che questo testo dovrebbe arrivare all’ufficio centrale di bilancio. C’è qualcosa che ti turba ?
    Marco

  183. Quanti sono i diplomati universitari triennali italiani? Iniziamo con facebook… raccogliamo firme. Qualcuno può aiutarmi a preparare una lettera aperta? Basta parlare…

  184. Uscira per il prossimo anno?? Dal tempo che aspetto avevo preso altre due lauree!!!!!
    Direi di fare qualcosa….e anche alla svelta!!!
    Io sono stufo…nn so voi!!!?
    Sono mesi che il MIUR e il CUN ci porta a spasso!!!!
    E ora di dire basta!!!!!
    Facciamo qualcosa in massa!!!!
    Tutti insieme e uniti!!!!

  185. Salve, chiedo cortesemente al Coordinatore un aiuto.
    Sono alle prese con l’equipollenza del mio DU conseguito presso la scuola diretta a fini speciali per tecnico di laboratorio biomedico conseguito a Dicembre 1997 (DR 21/10/1991; GU n.281 del 30/11/1991) presso l’università degli studi di Urbino, lavoro come dipendente presso una ASL in funzione di TSLB da 9 anni (gia’ biologa dal 1991 e specializzata in patologia clinica). devo necessariamente fare domanda di equipollenza alla regione Marche?
    ringrazio anticipatamente

  186. Buon Giorno a tutti.
    Ho scritto alla mia facoltà e mi ha così risposto: “Con riferimento alla comunicazione della S.V., si rende noto che gli uffici hanno aggiornato i certificati disponibili integrandovi l’informazione della qualifica accademica attribuita dalla Legge 240 del 30/12/2010.
    Si informa inoltre che alla data odierna il Ministero non ha ancora identificato le classi di appartenenza del titolo di laurea a cui dovranno far riferimento i diplomi universitari. Quindi – nell’attesa di potervi affiancare la nuova disposizione – la S.V. potrà avvalersi del certificato allegato alla presente.

    Gli esami sostenuti nel percorso di laurea triennale potranno essere oggetto di vaslutazione ai sensi della normativa vigente nell’anno accademico in cui ne sarà richiesto l’eventuale riconoscimento.

    A tal fine si ricorda il contenuto dell’Art. 17 c. 4 del Regolamento di Ateneo per gli Studenti secondo cui le carriere degli studenti decadono solo per rinuncia.

    Il certificato attesta:
    ” Si certifica che la S.V. ha superato presso questa università l’esame di diploma in servizio sociale in data con punti ; ai sensi dell’Art. 17 legge 30/12/2010 n° 240 le compete la qualifica accademica di dottore.

    Si rilascia in carta libera ai sensi della L. 370/1988 Art. 1″.

    Serena Mattoli

  187. Purtroppo ha ragione Cosimo.. Solo facendo vedere NERO SU BIANCO i nostri DIRITTI non ci saranno più problemi.. fino ad allora…
    buon pomeriggio amici

  188. Per concludere il discorso.
    La mia osservazione, al di là della logica, vuole solo tranquillizzare per il dopo.. cioè lo so che ora molti fanno orecchie da mercante con il “solo” principio stabilito dalla legge 240/2011. Ma vedrete che se uscirà questo DM, secondo me, sarà del tutto inutile sbacillarsi con altri certificati. Ripeto: una volta definite le equipollenze/equivalenze, nei bandi pubblici o negli esami di stato per le professioni viene sempre richiesto il profilo prof. xxxx o equipollente. Quindi va da se che un eventuale esclusione deve essere assolutamente “impugnata”. Naturalmente tutto ciò vale solo per i bandi pubblici in quanto il privato può stabilire i criteri che vuole(anche se ovviamnete le equipollenze sei titoli valgono sempre)
    Spero di aver dato uno spunto di riflessione positivo. Saluti

  189. Per Filo:
    il tuo ragionamento è logico e naturale… ma credimi se ti dico che ogni università decide quello che crede… Nei concorsi, selezioni, a cui ho partecipato finora il D.U. è ignorato nonostante la Legge 240/2010. Penso che un ulteriore riconoscimento non faccia mai male … Poi ognuno decida quello che creda…
    saluti

  190. Scusate, ma in merito alla richiesta di certificato dell’Università che trasformi il DU in Laurea credo sia un passaggio inutile; nel senso che, ditemi se sbaglio, se una legge sancisce un diritto e un decreto attuativo ne stabilisce i “criteri tecnici”, i titoli sono già equivalenti “ope legis”. Quindi non fasciatevi la testa prima….; ho ragione? Ah, cmq ognuno è libero di chiedere tutti i certificati che vuole!
    Saluti

  191. Buongiorno amici..
    speriamo quanto prima… gli iter burocratici sono sempre troppo lunghi.. a presto

  192. @marco:?
    il MIUR attende l’arrivo del decreto registrato dall’ufficio centrale di bilancio e non mi è stata comunicata tempistica. Non è una buona ne una brutta notizia ma si tratta semplicemente di un aggiornamento al 31 gennaio 2012…

  193. @marco:

    ???

    … il MIUR è in attesa di ricevere dall’ufficio centrale di bilancio il decreto per poterlo pubblicare in gazzetta e non mi è stata data una tempistica. Non si tratta di una buona ne di una brutta notizia ma di un aggiornamento al 31 gennaio 2012…

  194. @cosimo:
    Non capisco ? La devo considerare una buona notizia che non ci sia il decreto interministeriale ? Secondo la dott.ssa Lanzafame quanto tempo ci vorrà ancora ?
    Marco

  195. speriamo bene…..anch’io spero veramente in questo decreto di conversione…ho un diploma in economia e amministrazione delle imprese conseguito a Trieste…….non vedo l’ora!!!cmq scrivero’ anch’io alla dottoressa Lanzafame

  196. Aggiornamento:
    la dott.ssa Lanzafame mi riferisce che da ricerche all’ufficio centrale di bilancio il provvedimento 11.11.2011 non c’è. Probabilmente perverrà via posta a breve e sperano di poterci dare buone notizie quanto prima.
    ciao
    cosimo

  197. Marco ho scritto “…non appena esce il decreto…”. Il Decreto Interministeriale 11.11.11 (decreto attuazione art.17 comma 4 legge 240/2010 – tabelle equipollenze diplomi universitari triennali – lauree triennali) registrato alla Corte dei Conti il 3 gennaio 2012 DEVE ANCORA pervenire (notizia di giovedì 19 gennaio) al Miur dalll’Ufficio Centrale di Bilancio per essere quindi inviato in pubblicazione Gazzetta Ufficiale. Ho già inoltrato questa e altra settimana mail per richiesta aggiornamento alla dott.ssa Lanzafame che si sta occupando del procedimento… appena so qualcosa di più vi faccio sapere. Quindi riassumendo: prima deve essere pubblicato il decreto poi si presenta istanza di riconversione titolo… spero di essere stato chiaro

  198. x Cosimo: probabilmente hai già avviato un confronto con la tua università ma ti chiedo perchè non la inviamo al CUN e/o al MIUR?
    Se la mia università tergiversasse? Non mi piace l’idea che come unica alternativa abbia il ricorso a qualche avvocato.
    Cosa ne pensi?

  199. Scusa Cosimo,
    Ma nella lettera citi il decreto interministeriale 11.11.11 ma e già stato pubblicato ?
    Marco

  200. Come promesso ecco lo schema-bozza lettera istanza che penso di presentare all’università non appena esce il decreto… ripeto all’università
    no al CUN no al MIUR. Confido ancora nella disponibilità e pazienza finora dimostrata dall’ufficio della dott.ssa Lanzafame del MIUR che ringrazio ancora, ripeto, per aver preso a cuore la nostra situazione…

  201. Dott. Nome Cognome
    Via Pinco Pallino n.123
    69000 Isola Che Non C’è n.0
    Tel./Fax 000-75100 Cell. 000-12345678
    E-mail: nome.cognome@poste.it

    AL MAGNIFICO RETTORE
    DELL’UNIVERSITÀ PINCO PALLINO
    Via Pinco Pallino n.123
    69000 Isola della Speranza

    e.p.c. Segreteria Studenti

    Oggetto: istanza riconversione titolo di studio.

    Con la presente, il sottoscritto PINCO Pallino nato a Scilli (Cariddi) il 10/11/1981, in possesso del Diploma Universitario Triennale in Ingegneria conseguito presso la Vs Università in data 10/11/2000;
    – Vista la Legge n.240/2010 art.17 comma 2(GU n. 10 del 14-1-2011 Suppl. Ordinario n.11 allegata alla presente istanza) che equipara il Diploma Universitario Triennale alla rispettiva Laurea Triennale riconoscendomi la qualifica accademica di “Dottore”;
    – Vista la tabella di equipollenza elaborata dal Consiglio Universitario Nazionale (nota prot.401-779 del 26/07/2011 – allegata alla presente istanza);
    – Visto il Decreto Interministeriale 11 /11/ 2011 che attua l’art.17 comma 4 della Legge 240/2010 con la relativa tabella di equipollenza predisposta dal Consiglio Universitario Nazionale;
    – Vista (inserire esperienze personali, iscrizioni albo, esami di abilitazione, corsi di perfezionamento post-laurea,ecc….;
    S I R I C H I E D E
    la riconversione del proprio Diploma Universitario Triennale in Ingegneria conseguito presso la Vs Università nella rispettiva Laurea Triennale. Per Vs ulteriori approfondimenti: Ufficio Equipollenze del M.I.U.R. dott.ssa Lanzafame Vanda 06/97726083 – email: vanda.lanzafame@miur.it. Cordiali Saluti.

    Pinco Pallino, 27 gennaio 2012

    Cognome Nome

  202. Mi date la mail della dott.ssa lanzafame così gli scrivo anche io. Se avete già il teto della mail copiatela qui.
    Grazie.
    Marco

  203. Ragazzi,

    a me la Lanzafame non ha mai risposto, e nemmeno la mia Università. Ho letto i vostri ultimi parei e direi di attivarci.
    Visto che siamo in tantissimi tutto sta a divulgarla. Io personalmente sarò via la prox settimana, dal 6/02 torno on line.

    A questo punto però vorrei un gentile parere del Coordinatore che ha seguito sempre e professionalmente il tutto.

    Grazie

  204. buongiorno a tutti..
    Cosimo se non sbaglio tu avevi una bozza di una lettera..a questo punto firmiamola tutti ed inviamola.. se è un problema inviarla con le firme di tutti allora ognuno do noi la scrive (cambiando solo i dati anagrafici e di diploma) e la inviamo tutti nello stesso modo (per me è indifferente se tramite mail, fax o racc). Basta che lo facciamo in MASSA.. si dovranno scocciare e quindi muoversi.. raga L’UNIONE FA LA FORZA..cosimo capisco la tua tristezza ma non scoraggiamoci.. è quello che vogliono.. un abbraccio

  205. Io ci sto!!!!
    Direi che ci vuole qualcuno che scriva la lettera (Cosimo mi sembra che tu avevi preparato una bozza?), poi la mandiamo in massa prima per mail, e passata una settimana (15 gg o altra tempistica), la mandiamo anche per raccomandata A/R.
    Vediamo che succede!!!!

    X Cosimo:
    La Lanzafame non ti ha mai risposto alla mail che gli avevi mandato?

  206. Penso che a questo punto i numeri facciano la differenza…non riusciremo ad ottenere mai nulla con iniziative singole (è un anno ormai che attendiamo dai 120 giorni previsti dal comma 4 dell’art.17 legge 240) Occorre secondo me una lettera aperta con un numero più alto possibile di firme. Una lettera al MIUR epc al Ministro epc al CUN… cosa dite? Sono davvero stanco e demoralizzato… che tristezza. Non siamo un’associazione ma penso che avremo i numeri per fare pressione… Capisco i tanti problemi del nostro paese e le priorità ma penso che questa nostra sia una priorità per poter noi sopravvivere in un momento di crisi… Cosa dite? Oppure una mail/lettera/raccomandata/fax aperta inoltrandola in massa…

  207. Io sono d’accordo con Carlo. Anche perchè da ciò che leggo le Università sono titubanti e ho paura che anche a fine di questo parto avranno le loro perplessità..(o poca voglia).

  208. Ragazzi ho letto il bando per gli esami di abilitazione per Consulenti del Lavoro anno 2012 e tra i requisiti vi è la richiesta, fra le altre, di……. “sono ammessi coloro che abbiano ottenuto il riconoscimento di idoneita’ del proprio titolo di studio da parte dell’organo competente (CUN) cui abbiano fatto specifica richiesta.”……
    A questo punto mi e vi chiedo se per il certificato di equipollenza non sia meglio unificare verso un unico organismo la richiesta, in questo caso il CUN, anzichè ognuno di noi sperare che la propria università si prodighi a fare proprio il contenuto del decreto attuativo della L.240.

  209. ragazzi ,sono mesi che segue questi Vs. commenti…
    e meno male che c’è la semplificazione amministrativa, il ministero per l’innovazione, etc. etc. : ma quanto tempo deve ancora trascorrere per avere finalmente ‘sto bendetto provvedimento che interesserà quanto meno decine di migliaia di italiani ? protestate pure voi !

  210. Grazie Cosimo!!
    Speriamo bene!!!!

    Sapete niente della proposta del Governo per l’abolizione degli ordini professionali, in base alle proposte di legge sulle liberalizzazioni?????

  211. Il Decreto Interministeriale 11.11.11 (decreto attuazione art.17 comma 4 legge 240/2010 – tabelle equipollenze diplomi universitari triennali – lauree triennali) registrato alla Corte dei Conti il 3 gennaio 2012 DEVE ANCORA (notizia di giovedì 19 gennaio) pervenire al Miur dalll’Ufficio Centrale di Bilancio per essere quindi inviato in pubblicazione Gazzetta Ufficiale. Ho già inoltrato questa settimana due mail alla dott.ssa Lanzafame che si sta occupando del procedimento…

  212. Per Raffaele
    Dico che dici bene.. a parte il gioco di parole sarà proprio così.. speriamo di festeggiare quanto primaaa.. un abbraccio

  213. Grazie Cosimo, belle notizie ! Ma, citando il Trap, “non dico gatto finché non è nel sacco! “. Quindi io aspetto a cantare vittoria finché non vedo il decreto attuativo pubblicato in gazzetta ufficiale…poi si potrà aprire quella bottiglia di spumante rimasta dalle feste appena trascorse !

    Appena ciò accadrà, ci si potrà rivolgere alle proprie università con i modi che saranno più opportuni e le stesse DOVRANNO rilasciare un qualche documento comprovante l’equipollenza tra i due titoli, su questo penso ci siano poco da discutere, cosa dite ?

  214. Grazie Cosimo per le preziosissime informazioni e grazie Emi per la sintesi perfetta.. Tra non molto avremo la possibilità di leggere NERO SU BIANCO I NOSTRI DIRITTI.. non sto nella pelle dalla gioia.. vi abbracciooooo tutti amici-dottori e amiche dottoresse

  215. Per Gloria:

    ciao, ti rispondo io poichè credo che il nostro caro Coordinatore lo abbia spiegato almeno 30 volte..

    In breve: uscita la Legge che hai citato, si attende il Decreto. Un nostro collega, Cosimo, ci ha informato circa la registrazione dello stesso. Bisogna comunque attendere la pubblicazione del docuemnto sulla Gazzetta Ufficiale; a quel punto credo tu abbia gli strumenti e il
    diritto per chiedere alla tua Uni il certificato di equipollenza con la laurea triennale.

    ciao Dottoressa!!

  216. Per il coordinatore

    Io possiedo il DU triennale in Vigilanza scolastica . Per iscrivermi ad un corso di specializzazione biennale mi ero informata sulla L 240/2010 e avevo capito che la legge riconosceva l’equipollenza dei DU rispetto alla Laurea e fin qui ci siamo. Non ho capito però se devo chiedere all’università di Firenze , dove ho conseguito il DU, il certificato di equipollenza oppure aspettare il decreto attuativo per vedere qual è la laurea equipollente …
    Scusate ma sono entrata nel vostro forum per caso e non ho avuto il tempo di informarmi su tutte le novità … ma devo dire che è stato un colpo di fortuna .. grazie in anticipo a chi mi risponde

  217. Per Cosimo
    Manderestiuna copia della lettera anche alla mia mail? Antonellacassano@gmail.com
    A chi dobbiamo spedirla?
    Insomma come facciamo ad avere un certificato di conversione titolo?
    Mi sa che se mi fanno conversione del titolo allora sì che posso scrivere sul curriculum Laurea in Chimica….
    Per coordinatore:
    Purtroppo se vedono scritto DU chimica non credono che sia una laurea e quindi poi assumono gente che ha laurea breve in scienze biologiche ha la stessa dicitura della laurea in scienze biologiche come quella dei 5 anni….ecco perchè purtroppo vorrei avere la possibilità di poter scrivere e dichiarare di avere laurea e non DU.

  218. per gli altri:
    spero che esca entro gennaio…
    la bozza della mia richiesta la butto nel blog con un copia&incolla

  219. x giuseppe:

    dipende dall’università. Credimi molte università non sanno neanche della legge 240… l’istanza di conversione titolo l’ho praticamente concordata con la mia università appena esce questo decreto…

  220. Grazie Cosimo, se non ti spiace io ne “approfitterei”, sono certo l’avrai preparata in maniera impeccabile!! 😉

  221. x cosimo: scusa ma non dovrebbero essere d’ufficio le Università a fare proprio il contenuto del decreto attuativo? Tecnicamente secondo me non andrebbe presentata una richiesta di conversione ma solo una richiesta, di parte, per il rilascio di un certificato che sancisca l’equipollenza. Correggimi se sbaglio.

  222. Appena ci sarà il decreto presenterò un’istanza di riconversione titolo alla mia università. Ho già preparato la lettera e la rendo disponibile per chi ne avrà bisogno…

  223. Grande notizia Cosimo!
    Attendiamo e teniamoci aggiornati poichè è indispensabile, la mia Università, ignorando totalmente la mia richiesta (ma sono certo anche le vostre) non mi rilascia nessun certificato di equipollenza fino a forse dovrò scommetterci anche dopo il Decreto.
    ciao

  224. Aggiornamento in tempo reale per tutti:
    Il D.I. 11.11.11 è stato registrato alla Corte dei Conti il 3 gennaio 2012, pertanto non appena il Miur lo riceverà dalll’Ufficio Centrale di Bilancio lo invierà in pubblicazione Gazzetta Ufficiale

  225. Per Dada:
    concordo
    Per Emi e Raffaele, per tutti:
    sentito stamane Miur (un grazie infinite alla dott.ssa Lanzafame per la sua pazienza, disponibilità e cuore…). Sembrerebbe che il decreto sia stato già registrato … siamo agli sgoccioli. La prossima settimana risento il ministero e vi faccio sapere come procede l’iter. Prima di inviare lettere o mail di massa suggerisco di attendere ancora la prossima settimana. E’ mia opinione personale che solo dopo l’emanazione di questo benedetto decreto di attuazione, l’art.17 della legge 240/2010 avrà un’efficacia tale da non rendere necessario ricorrere ad avvocati…

  226. Per RAFFAELE
    Perchè non prepariamo questa mail e la sottoscriviamo in massa? ancora buon anno a tutti

  227. Ciao amici ho letto con molta attenzione tutto ciò che è stato scritto e vi voglio ringraziare. Mi avete dato una notizia splendida e cioè che il mio D.U. in Servizio Sociale, triennale conseguito all’Università degli Studi di Napoli Federico II, è equiparato alla laurea triennale. Sono felicissima perchè posso non combattere più per vedere riconosciuti i miei diritti; non solo per la partecipazione a pubblici concorsi, per la qualifica di “Dottore” che ci è stata riconosciuta dalla Legge 30 dicembre 2010, n. 240, ma soprattutto perchè la Federico II non mi ha più dato la possibilità (cosa che invece ha fatto con parecchie mie colleghe) di conseguire la laurea triennale in Scienze del Servizio Sociale mediante la cosiddetta “laurea a pacchetto” ovvero il riconoscimento di tutta la carriera pregressa con l’aggiunta dei cfu relativi alla lingua inglese e all’informatica e alla discussione di una nuova tesi.
    Per il Coordinatore:
    posso quindi recarmi presso la mia università e chiederne l’equipollenza scritta NERO SU BIANCO? Altrimenti seguirò il consiglio di rivolgermi ad un avvocato.
    Grazie ancora e BUON ANNOOOOOOOOOO
    Dada

  228. Salve vorrei porre un quesito.

    In considerazione delle tabelle del ministero:
    Essendo i diplomi di laurea in ingegneria edile e il diploma di laurea in ingegneria elettrica entrambi equiparati alla LM-26 Ingegneria della sicurezza.
    Il diploma di laurea in ingegneria elettrica è equiparato al diploma di laurea in ingegneria civile?

  229. X Emi:
    aspettiamo la prossima settimana cosa ci rimanda l’ufficio della Lanzafame. Per schema intendo una lettera-tipo con cui richiedere una certificazione sostitutiva del decreto…

  230. X Coordinatore:
    grazie mille per la pazienza nel ripeterci riferimenti a Legge a quanto pare consacrata. Siamo un po (tanto) ansiosi in quanto è un pending molto importante e quindi credo che lo saremo fino a quando non sarà emanato questo benedetto decreto. Cmq ancora grazie per la costante presenza e per il professionale supporto.

    X Cosimo:
    anche io due giorni fa ho scritto alla Lanzafame, ma “l’out of the office” mi rimanda a lunedi. vi farò sapere. Vi farò sapere anche circa il feedback che avrò dal referente della mia Università il quale è al corrente della Legge (il resto della segreteria generale no) ma titubante nel fornirmi un certificato di equipollenza..Penso come te che se tutti gli interessati iniziassero a scrivere al Miur forse forse..velocizzerebbero la pratica ma sono confidente nel pensiero del Coordinatore, probabilmente hanno dovuto gestire (con i loro tempi) pratiche più urgenti. Spero arrivi presto anche il nostro turno..solo dopo il decreto mi sentirò tranquilloe soddisfatto per un virtuale brindisi con tutti voi..Coordinatore incluso, of course!!!
    Riguardo lo schema a cui fai riferimento cosa intendi esattamente?

  231. x Francesco e tutti gli amici del blog

    L’equipollenza dei DU rispetto alla Laurea è valida sia ai fini concorsuali che per l’iscrizione ai corsi di laurea specialistica successivi al titolo accademico già acquisito, per il quale sarà palesata la classe di laurea equipollente attraverso il prossimo Decreto Ministeriale. In più (e ringraziamo il legislatore per l’alto senso di giustizia dimostrato) si è voluto fugare ogni dubbio sulla identicità tra DU, Scuole Universitarie a fini Speciali con le Lauree di I livello, riconoscendo ai corsi di Diploma Universitario il conseguimento del dottorato. Infatti, l’art. 2 della L. 240/2010 specifica che anche VOI SIETE DOTTORI!!!! Il LEGISLATORE avrebbe potuto evitare questa sacrosanta puntualizzazione (e credetemi l’hanno fatto per altre cose). Avrebbe, cioè, potuto rendere equipollenti solo i vostri titoli di studio, senza elevarvi accademicamente. Se l’ha fatto, un motivo ci sarà stato! Volete sapere quale? Voleva evitare che sia voi che le istituzioni interessate si ponessero tutti i problemi che, senza alcun motivo, vi state ponendo. Mai legge è stata così chiara, facilmente intrepretabile anche dai non addetti ai lavori!
    Non capisco, dunque, la perplessità, i dubbi, le confusioni dei tanti.
    Se qualche Ente o Università (per propria ignoranza, non crediate che siano dei geni) vi creano difficoltà, ormai assodata la chiarezza della norma che, ripeto, si legge così come è scritta, senza bisogno di alcuna arzigogolazione mentale, date subito fondo alle diffide legali, vedrete che tutto si risolverà alla prima lettera fattagli pervenire dal vostro avvocato (che per fare una sola lettera non vi chiederà più di cento euro).
    Per quanto riguarda i decreti attuativi che chiariranno l’esatta dizione giuridica della Laurea riconosciutavi (l’attributo di dottore, ripeto, già VI E’ RICONOSCIUTO), abbiate pazienza e fiducia. Le cose si sono allungate sia per il gran numero dei corsi di diploma esistenti che il CUN ha dovuto confrontare con i piani di studio (ormai diversi) delle nuove lauree. A ciò aggiungete che non tutte le Università hanno inviato in tempo i regolamenti dei corsi da loro istituiti nel passato; altre, addirittura, non hanno ancora inviato la documentazione richiesta dal Ministero. Capirete come si debba procedere a tentoni dirigendo, metaforicamente, una macchina con il freno a mano sollevato. A ciò si aggiunga il recente cambio di Governo, con le priorità che tutti conosciamo. Così si spiega il ritardo. State tranquilli! Ormai si è al traguardo.
    In ultimo. Il Ministero non vi può certificare nulla (cosa bisogna certificare se esiste una legge?). Una volta pubblicato il Decreto di equipollenza, chiederete alla vostra Università il certificato di equipollenza. Se qualche scienziato burocrate dell’Accademia presso la quale vi siete titolati volesse ingarbugliarvi, senza alcun motivo, la vita che splendidamente conducete, poco male. Rivolgetevi a quell’avvocato, vostro amico o non, e fategli scrivere quella benedetta diffida che farà rinsavire anche il più recalcitrante dei BUROSAURI.
    Ciao.

  232. Ho scritto ieri sera per richiedere il certificato e mi ha prontamente risposto una collaboratrice della Zilli dicento che il Miur non emette certificati e che si deve attendere il decreto…….. Mah!!

  233. Ciao Raffaele, se serve e anche il nostro Coordinatore (al quale chiedo cortese parere ringraziandolo a priori) sostiene che possa realmente accelerare i tempi, avete tutta la mia disponibilità.

    Pensate, nella Società in cui lavoro attualmente ci sono Job posting interne per crescite in termini di responsabilità a allo stato attuale le lauree I livello accedono..io con un titolo caratterizzato dal medesimo piano di studi no..!!!

    Emi

  234. Penso che quando il MIUR riceverà le prime richieste di certificato (provvisorio-sostitutivo o non so come…) si deciderà a velocizzare l’emanazione del decreto. Raffaele ed Emi ve la sentite di buttar giù uno schema?

  235. …avete ragione da vendere ! Addirittura i nostri D.U. erano e sono Lauree all’estero e non lo erano in Italia fino all’emanazione della 240/10, anche se ancora manca l’ultimo importante tassello, questo benedetto decreto attuativo che stiamo aspettando con ansia !

    Non molliamo anzi, perché non inviare una bella lettera TUTTI ASSIEME al ministero per sollecitare ? Potremo farla girare via mail, aggiungendo nomi e firme…

    Un saluto a tutti e Buon Anno.

  236. Ciao Cosimo,

    hai oggettivamente tutte le ragioni!! Io ho un D.U. in Economia e Amm.ne delle Imprese e già solo pensare che una triennale estera venga certificata in Italia come Laurea e il mio Titolo, sudato, no, mi da terribilmente fastidio.

    Teniamoci in contatto, per piacere, e aggiornati. E specialmente non molliamo!!!!
    Emi

  237. Alfredo a luglio la mia università mi stava facendo problemi ad accettare la mia canditura ad un corso di perfezionamento post-laurea. In quella occasione la dott.ssa Lanzafame del MIUR mi disse che se serviva mi avrebbe rilasciato tale certificato (ricordo che le tabelle erano state già pubblicate). Poi comunque non servì perchè l’università accettò il mio DU per l’iscrizione al corso di perfezionamento post-laurea ma non la mia domanda di riconversione titolo (per il quale è necessario il benedetto decreto di attuazione). Quindi per la legge 240 (ignorata completamente dalla mia università) sono dottore, ho titolo ad accedere ad un corso di perfezionamento post-laurea ma per la mia università il DU da essa rilasciata non è equipollente alla laurea triennale corrispondente. Penso che se i tempi per l’emazione di questo benedetto decreto andranno oltre gennaio avremo tutto il diritto di chiedere in massa al MIUR un certificato provvisorio che sancisce tale equipollenza. Hai mai letto la Gazzetta Ufficiale? Hai mai visto ogni giorno quanti titoli universitari stranieri vengono riconosciuti (con tanto di nome e cognome)? E noi con DU conseguito in Italia abbiamo meno valore di loro? Ti rendi conto dell’assurdo?

  238. Cosimo pensi che ci possa essere questa possibilità? Sai per certo che ci può essere fornito questo certificato di equipollenza da parte del MIUR o è solo una tua ipotesi/proposta (giustissima)?
    Grazie.

  239. Non vedo più il mio post di stamattina ma non importa. Mi rattrista molto il fatto che dopo un anno circa dall’emazione della legge 240 non sia stato ancora emanato il decreto di attuazione dell’art.17 comma 4 della suddetta legge. A tutte queste richieste di aiuto non risponderò con la stessa professionalità del coordinatore. Ma permettetemi di dirvi che non potremo aspettarci grandi iniziative positive verso noi diplomati universitari triennali da parte delle istituzioni (enti,università…) finchè non ci sarà questo benedetto decreto. In attesa suggerisco di richiedere direttamente al MIUR (ufficio dott.ssa Lanzafame che si sta occupando del provvedimento) un certificato che sancisce l’equipollenza del nostro diploma universitario triennale con la rispettiva laurea triennale.
    06-97727502 centralino della dott.ssa ZILLI o SPACONE o LANZAFAME (la Zilli è la dirigente) tel diretto: 06-97727001
    mail: maria.zilli@miur.it

  240. Ok, grazie Coordinatore, ma la mia domanda era se l’equipollenza del DU rispetto all Laurea, ai sensi della L.240 etc, sia valida anche ai fini concorsuali. D’altro canto non è anche il dubbio che ci siamo posti interpellando il CUN in qualità di organo consultivo volto alla stesura delle tabelle equiparative?!?
    In sostanza mi e ti chiedo se l’agognato successo di cui al Decreto Gelmini ha effetto anche in termini dipartecipazione, a parità di condizioni dei Laureati, alle procedure concorsuali.
    Grazie.

    Francesco

  241. X FRANCESCO, (e di seguito per Antonella e Luca)
    si, vi puoi partecipare. Puoi dichiarare il possesso della laurea, visto che il form concorsuale non ti da altre possibilità di spiegazioni, fermo chiarire con le documentazioni di legge (equipollenza ai sensi….) nel momento in cui ti richiederanno il cartaceo.

    X ANTONELLA E LUCA,
    non potete scrivere sul vostro curriculum “laurea in chimica” o altro, bensì diploma universitario in ….. equipollente alla laurea in…., ai sensi della L.240 etc, e del decreto ministeriale n……
    Auguri di buon anno.

  242. Ho appena letto il bando per Funzionario presso le Dogane e chiaramente consente di fare la domanda a coloro i quali, fra gli altri, sono in possesso di Laurea triennale intesa genericamente.
    Secondo voi è possibile fare domanda per la partecipazione a questo concorso con il DU o no?
    Considerate anche che per la partecipazione viene richiesta la compilazione di un form on-line dove vi è solo la specifica della Laurea triennale e non viene data la possibilità di inserire una variante quindi la cosa mi ha lasciato un po perplesso considerando che non vorrei imbarcarmi in questa procedura concorsuale per poi venire escluso successivamente.
    Grazie a chi mi vorrà rispondere.

    Francesco

  243. Per coordinatore

    Brava Antonella, io stessa domanda, ho DU in Ingegneria Meccanica, cosa e’ possibile fare di quanto scrive Antonella sopra?
    Grazie

  244. Per Coordinatore

    Ho un DU in Chimica…è possibile avere un certificato con su scritto Laurea in Chimica? O la rispettiva equipollenza?
    Dov’è possibile richiederlo?
    Alla voce titolo di studio sul curriculum posso scrivere laurea in Chimica? Ed è quindi poi possibile avere un certificato da portare al datore di lavoro con questa dicitura?

  245. Gent.mo Coordinatore,
    Volevo gentilmente un informazione in merito alla laurea magistrale LM-93 al quale mi sono iscritta questo anno.Il sito della facoltà presenta la seguente descrizione:”Ai fini dei concorsi pubblici la Classe di laurea LM-93 DM 270 è stata equiparata dal CUN alle Lauree magistrali LM-85 in Scienze Pedagogiche e LM-92 in Teorie della comunicazione; alle lauree specialistiche (DM 509/99)101/S in Teoria della Comunicazione e 87/S in Scienze Pedagogiche; ai Diplomi di Laurea (DL) dell’ordinamentoprevigente al DM 509/99, in Relazioni Pubbliche, Scienze dell’Educazione e Scienze della Comunicazione.”
    Provengo dal D.A.M.S e volevo sapere se anch’io avevo gli stessi diritti.
    Al momento è ancora equipollente alle lauree LM85 e LM92 o sono state apportate delle variazioni?
    La ringrazio,
    Saluti

  246. Fabio il 21 novembre parlavo di 15 giorni di attesa (quindi primi di dicembre e non primi di novembre) perchè stando alle fonti il decreto andava direttamente in pubblicazione in gazzetta ma a quanto pare il decreto è stato anche mandato in Corte dei Conti per controllo di legittimità e ci stanno lavorando. Si tratta di “2 pagine” e dovrebbero farcela a breve. Speriamo entro la fine del mese… non so cos’altro dirvi

  247. Ciao a tutti,
    ripropongo nuovamente il mio quesito posto qualche giorno fa. Spero che il Coordinatore riesca a risolverlo.
    Grazie anticipatamente!
    ___________________________
    Buongiorno,
    ho un dubbio: l’equipollenza tra DU e L è limitata solo alla partecipazione ai concorsi, oppure dovrebbe essere recepita in toto? Vi faccio un esempio per essere più chiaro: io ho un DU in Scienza dei Materiali che, secondo la famosa tabella del CUN, afferisce alla classe L-27 Scienze e tecnologie chimiche!
    Bene, se esce un concorso per chimici mi sarà possibile partecipare, e fin lì è tutto chiaro.
    Il problema che mi pongo io è un altro: potrò iscrivermi all’ordine dei Chimici, chiaramente previo esame? Allo stato attuale non sarei ammesso all’esame di abilitazione, e non mi è ben chiaro se sarà possibile accedervi nel 2012.
    Nel caso in cui uscisse un concorso per chimico abilitato e/o iscritto alla sezione B dell’albo io sarei comunque tagliato fuori, e l’equipollenza, almeno in questo caso, non mi servirebbe a niente.
    Avete notizie a tal proposito?
    Saluti
    ________________________________

  248. Ciao Coordinatore,
    sei di una disponibilità infinita.
    Il mio dubbio nasce dal fatto che il corso di perfezionamento
    era post lauream. Il diploma mi fu rilasciato ai sensi degli articoli 16 e 17 del DPR n. 162/1982. Speravo che potesse essere considerato almeno di valore pari ai master di primo livello previsti dall’articolo 3, comma 9 del DM n. 270/2004. Sto pensando di fare un quesito scritto al Ministero, ufficio equipollenze.
    Grazie infinite!

  249. X Anna,
    ho analizzato meglio la tua situazione e ti confermo: il diploma di perfezionamento (DPR 162/1982) non è uguale al master in quanto il primo è un titolo immediatamente successivo al diploma di maturità, mentre il secondo completa una formazione universitaria già acquisita con la Laurea. La richiesta da parte di qualunque Ente di un Master, presuppone la partecipazione ad un concorso il cui requisito minimo richiesto è la Laurea, mentre se fosse stato richiesto il “diploma di perfezionamento”, il concorso bandito sarebbe stato rivolto ai possessori del diploma di maturità attinente al lavoro da svolgere. Per tua maggiore sicurezza, informati al numero e presso la persona che ti ho menzionato sopra.

  250. x Anna,
    credo che il diploma di perfezionamento conseguito ai sensi del DPR 162/1982 non abbia la stessa valenza del master di I livello. Ti consiglio di visionare il link di cui al seguito: http://www.quadrodeititoli.it/altrititoli.aspx?IDL=1, da cui si desume la differenza dalla descrizione dei due titoli. Ti invio in basso una tabella di valutazione dei diplomi di perfezionamento ma, al contempo, ti consiglio di telefonare di corsa al MIUR (dott.ssa Spaconi 06/97726083) e chiedere maggiori lumi. Ciao.

    COME SI VALUTANO I DIPLOMI DI PERFEZIONAMENTO ED I MASTER

    Sono valutati tutti i corsi, anche On Line, organizzati da Università statali o non statali
    legalmente riconosciute, italiane o dell’U.E., valide a rilasciare titoli in base a : DPR 162/1982 –
    L. 341/1990 – DM 509/1999.

    I diplomi di perfezionamento ed i master devono essere coerenti con gli insegnamenti cui
    si riferisce la graduatoria. I corsi di perfezionamento universitari strutturati su 1500 ore e
    60 crediti che si concludono con un esame finale sono equiparati ai master e, come questi,
    valgono 3 punti.

    Il dottorato di ricerca vale 12 punti; il diploma di specializzazione universitaria di durata
    pluriennale, che si può individuare con la sigla DS, vale 6 punti.

    I corsi di perfezionamento universitari di durata annuale con esame finale (ma non strutturati
    su 1500 ore e 60 crediti) valgono 1 punto

    N.B. partendo dall’anno 2005/06:

    il dottorato di ricerca (12 punti) può essere al massimo 1.

    il diploma di specializzazione universitario (6 punti) può essere al massimo 1

    i diplomi di perfezionamento e master possono essere al massimo 3

    Esempio: non più di 3 titoli e non più di 10 punti :

    nel 2005/06 ho inserito n.1 diploma di specializzazione; nel 2007/08 ho inserito n. 1 master e
    n. 1 perfezionamento. Ho raggiunto il massimo di 3 titoli non posso inserire altro.
    Naturalmente il primo diploma vale 6 punti, se gli altri due sono da 3 punti dovrei avere in
    totale 12 punti di titoli, in realtà la norma prevede per questi titoli un massimo di 10 punti,
    pertanto in graduatoria vedrò un totale titoli pari a 10 punti.

    Se ho inserito un diploma da 6 punti e due corsi di perfezionamento da 1 punto avrò in totale 8
    punti e non posso più sperare di aggiungere ulteriori corsi o master per raggiungere il massimo
    di 10 in quanto ho già inserito i 3 titoli previsti.

  251. Salve, chiedo cortesemente al Coordinatore un aiuto.
    Nel 1996, dopo essermi laureata in giurisprudenza, ho conseguito il diploma relativo al corso di perezionamento in “scienze amministrative” ai sensi del DPR n. 162/1982. Il corso era semestrale e si é chiuso con la discussione di una tesi scritta.
    Poiché intendo partecipare a un concorso che richiede come titolo preferenziale, almeno il possesso di un master di “primo livello”, vorrei sapere se il corso di pefezionamento che ho fatto, anche alla luce di quanto previsto dall’art. 13 comma 3 del DM 509/1999, può essere ritenuto equivalente a un master di “primo livello”.
    Se la cosa fosse dubbia, eventualmente posso spedire un quesito al MIUR ufficio equipollenze? se sì, quanto tempo hanno per rispondermi?
    grazie infinite

  252. Buongiorno,
    ho un dubbio: l’equipollenza tra DU e L è limitata solo alla partecipazione ai concorsi, oppure dovrebbe essere recepita in toto? Vi faccio un esempio per essere più chiaro: io ho un DU in Scienza dei Materiali che, secondo la famosa tabella del CUN, afferisce alla classe L-27 Scienze e tecnologie chimiche!
    Bene, se esce un concorso per chimici mi sarà possibile partecipare, e fin lì è tutto chiaro.
    Il problema che mi pongo io è un altro: potrò iscrivermi all’ordine dei Chimici, chiaramente previo esame? Allo stato attuale non sarei ammesso all’esame di abilitazione, e non mi è ben chiaro se sarà possibile accedervi nel 2012.
    Nel caso in cui uscisse un concorso per chimico abilitato e/o iscritto alla sezione B dell’albo io sarei comunque tagliato fuori, e l’equipollenza, almeno in questo caso, non mi servirebbe a niente.
    Avete notizie a tal proposito?
    Saluti.

  253. Sono in possesso del Diploma di Vigilanza Scolastica conseguita nel 1995.Alla luce del nuovo ordinamento unuversitario tale titolo è equipollente alla laurea di primo livello ovvero laurea breve?
    Il diploma di assistente socuiale convalidato presso l’università ha lo stesssa equipollenza di laurea breve?
    Grazie per l’eventuale chiarimento.

  254. Ragazzi,
    una volta per tutte! Alla laurea di 1 livello sono equiparati i titoli di studio riportati al comma 1 dell’art. 17 L. 240/2010 e cioè: “I diplomi delle scuole dirette a fini speciali istituite ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162, riconosciuti al termine di un corso di durata triennale, e i diplomi universitari istituiti ai sensi della legge 19 novembre 1990, n. 341, purche’ della medesima durata, sono equipollenti alle lauree di cui all’articolo 3, comma 1, lettera a), del regolamento di cui al decreto del Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509”.
    Solo agli studenti che hanno svolto questi studi (poichè studi accademici, cioè inseriti nei percorsi formativi ufficiali offerti da ogni singola Università, nonché antesignani delle lauree di 1 livello istituite dalla legge 509/99) spetta il titolo <> (avrete capito il perché) di “dottore”, infatti al comma 2: “Ai diplomati di cui al comma 1 compete la qualifica accademica di «dottore» prevista per i laureati di cui all’articolo 13, comma 7, del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 22 ottobre 2004, n. 270”.
    A questo punto, ogni studente in possesso di uno dei due titoli di studio di cui al benedetto comma 1 dell’art. 17 L. 240/2010, è “dottore” per legge o “ope legis” come dice la giurisprudenza.
    Resta inteso che chi vuole proseguire con la laurea di II livello, purché in possesso dei requisiti di cui al famoso comma 1 dell’art. 17 L. 240/2010, può iscriversi tranquillamente ai corsi di laurea magistrale (di cui il proprio diploma sarà antecedente in base all’equipollenza che tra breve verrà riconosciuta con decreto ministeriale. Così come recita il comma 4 art. 17 L. 2402010: “Con decreto del Ministro, da emanare entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, e’ identificata l’attuale classe di appartenenza del titolo di laurea a cui fanno riferimento i diplomi universitari rilasciati dalle scuole dirette a fini speciali e i diplomi universitari dell’ordinamento previgente”. Senza alcun debito formativo.
    La Federico II di Napoli, o altri Atenei, qualora non rispettassero quanto disposto dall’art. 17 della L. 240/2010, possono tranquillamente beccarsi una denunzia (con ovvio risarcimento morale e materiale) da chiunque in possesso dei requisiti di cui (ripeto) all’art. 17 della L. 240/2010, in quanto i debiti formativi (anche a questo la Legge ha pensato) sono riconosciuti solo ai diplomi delle scuole dirette a fini speciali o ai diplomi universitari che hanno avuto durata di due anni. A questo proposito, si legga il Comma 3) che dice: “Ai diplomi delle scuole dirette a fini speciali, istituite ai sensi del citato decreto del Presidente della Repubblica n. 162 del 1982, e ai diplomi universitari istituiti ai sensi della citata legge n. 341 del 1990, di durata inferiore a tre anni, si applicano le disposizioni di cui all’articolo 13, comma 3, del citato regolamento di cui al decreto del Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica n. 509 del 1999”.
    La disposizione di cui all’art 13, comma 3, del citato regolamento di cui al decreto del Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica n. 509 del 1999, così recita: “Gli studi compiuti per conseguire i diplomi universitari in base ai previgenti ordinamenti didattici sono valutati in crediti e riconosciuti dalle università per il conseguimento della laurea di cui all’articolo 3, comma 1. La stessa norma si applica agli studi compiuti per conseguire i diplomi delle scuole dirette a fini speciali istituite presso le università, qualunque ne sia la durata”.
    Eventuali false interpretazioni su “eventuali” debiti formativi per i diplomi di durata triennale sono stati esclusi proprio dal comma 3 dell’art. 17 della L. 240/2010, che avendo voluto sottolineare per i diplomi biennali il perdurare di quanto stabilito dall’art. 13 della 509/99 (che leggete appena sopra), automaticamente ne sottrae i diplomi di durata triennale che dovranno essere considerati equipollenti alle lauree anche per l’iscrizione a corsi superiori.
    Spero di essere stato esaustivo, non rispondendo più a domande che, se leggete il blog, sono sempre le stesse. Ciao!

  255. Buonasera, novita’ sull’emanazione di questo D.M.? Un diplomato in ingegneria meccanica nel 2001, e’ equiparato alla laurea di I livello? Posso iscrivermi ad una specialistica senza colmare crediti mancanti??. La Federico II di Napoli mette questi paletti….. Mi sembra assurdo. Sono un Ingegnere o devo anteporre il jr davanti al mio titolo? Gazie mille
    Antonio

  256. Cara Cinzia,
    i diplomi conseguiti presso le scuole regionali non danno diritto alla qualifica accademica di “dottore” per la quale, secondo il comma 2 dell’art. 17 della l. 240/2010, è riconosciuta solo ai diplomati delle Scuole dirette a fini speciali e ai diplomati universitari che hanno certificato un percorso studi esclusivamente accademico. Pertanto, pur essendo il tuo titolo equiparato, ai soli fini concorsuali, alle lauree, per iscriverti ad un corso di laurea magistrale dovrai prima acquisire la laurea triennale, per il tramite di un corso universitario ufficiale di cui certamente, ti permetteranno un abbreviazione di corso. A questo proposito, ti consiglio di informarti presso la segreteria dell’Università di Milano, facoltà di medicina e chirurgia, di cui al link: http://www.cosp.unimi.it/offerta_didattica/913.htm.
    Per quanto riguarda il DPCM (Decreto Presidente del Consiglio dei Ministri) 26 luglio 2011, quest’ultimo estende anche alle province di Trento e Bolzano quanto già stabilito dall’art. 4 comma 2 della legge n. 42 del 26 febbraio 1999 (che equipara i Diplomi conseguiti anteriormente al 1992, ai diplomi accademici propriamente detti).

  257. Buona sera, ho letto tutti i vostri interventi e chiedo cortesemente al Coordinatore se può chiarirmi le idee.
    Dunque, nel 1975 ho conseguito il diploma di Operatore Sociale – Educatore Specializzato, presso la Scuola Regionale Triennale per Educatore Specializzato di Milano, dopo n. 1.050 ore di tirocinio e con discussione finale della tesi – può essere considerata un Scuola diretta a fini speciali di cui al DPR 162/1982 ?. So che questo titolo di studio (almeno questo mi hanno detto) è equipollente alla laurea di primo livello ma non ricordo per quale corso e che, inoltre, posso iscrivermi alla Specialistica nell’area sanitaria, ma la cosa non mi interessa. Quello che mi preme capire in mezzo a tutte queste Leggi, D.M. ecc., è se posso essere chiamata “Dottoressa in….”? e se si, quale è il riferimento normativo? Temo che l’equipollenza sia solo per accedere ai concorsi o mi sbaglio? Sapete qualcosa in merito alla circolare per l’attuazione di quanto disposto dal DPCM 26 luglio 2011 e pubblicato in G.U. n. 191 del 18/08/2011? Attendo cortesemente notizie ringrazio per la preziosa attività ed informazione svolta.

  258. così mi ha riferito la segreteria dott.ssa Gargano del Miur teniamo ora sott’occhio la gazzetta ufficiale ciao

  259. Si. Da quello che mi hanno riportato dalla segreteria dott.ssa Gargano (MIUR-UFFICI DI DIRETTA COLLABORAZIONE-UFFICIO DI GABINETTO-ex Ministro Gelmini) Diamo tutti un occhio sulla Gazzetta Ufficiale e teniamoci aggiornati

  260. finnalmente …quindi se ho ben capito significa che i primi di dicembre avranno pubblicato il regolamento del decreto attuativo sulla gazzetta ufficiale??????????????

  261. Finalmente il decreto di attuazione art.17 comma 4 legge 240/10 (tabelle equiparazione diplomi universitari triennali e lauree triennali) firmato anche dall’ex (ormai) ministero funzione pubblica è tornato al ministero università per avviarlo alla pubblicazione in gazzetta ufficiale (15 giorni circa di attesa ancora…) Ringrazio il grande lavoro svolto dall’ufficio della dott.ssa Gargano (Miur) e soprattutto per la grande pazienza e sensibilità dimostrata.
    saluti
    cosimo

  262. X Davide,
    se il corso di studi per il tuo diploma in Ingegneria elettronica si articolava in tre anni di studi, l’art. 17 della L. 240/2010 (di cui ti invio il link http://www.camera.it/parlam/leggi/10240l.htm) ti è confacente.
    Non appena sarà pubblicato il decreto di identificazione della classe di laurea (di cui avrai notizia, tra qualche giorno, su questo blog), potrai richiedere alla tua Università il certificato di equiparazione alla Classe di laurea a cui il tuo diploma è stato reso equipollente.

  263. Salve, ho ottenuto il Diploma Universitario in Ingegneria Elettronica nel 1998, presso l’Universitá degli Studi di Bologna. Non ho fatto alcun esame di stato.. posso cmq fregiarmi del titolo di Dottore in Ingegneria Elettronica…nel biglietto da visita o in firma nelle mie e-mail? Devo fare qualche richiesta alla mia Università x ottenere attestato di equpollenza o equiparazione? Grazie in anticipo per la cortese risposta e complimenti vivissimi per l’ottimo lavoro svolto.

  264. salve, mi sono laureato in CTF (vecchio ordinamento) presso la facoltà di farmacia dell’università ci Catania nel luglio del 2009, volevo sapere il motivo per il quale con il mio titolo non posso partecipare all’esame di abilitazione per la professine di chimico, per il quale necessito della laurea cosidetta “specialistica” in farmacia … per fare ciò mi hanno chiesto di reiscrivermi a farmacia specialistica e “laurearmi”! ora io mi chiedevo se invece avessero preso in considerazione il fatto di equiparare i corsi di laurea senza fare assurde richieste da parte loro come riprendere un’altra laurea?

    grazie

  265. Stamane ho sentito ministero funzione pubblica e confermo che il decreto attuativo tabelle equiparazione è in processo di firma. Sono d’accordo con funzionario che lunedì mattina richiamo per sapere se già entro oggi il decreto viene firmato. Ho avuto la rassicurazione che l’iter di questo decreto arriverà a conclusione a prescindere di quanto potrà succedere politicamente… vi terrò aggiornati. ciao

  266. Antonio, ho sentito semplicemente il dipartimento della dott.ssa Gargano (chiunque la può trovare sul sito MIUR-vedi alla voce “Uffici di diretta collaborazione del Ministro”). Non ho trovato documenti su Internet e non ho altro da condividere se non questo…l’avrei già fatto. Occorre seguire
    ora l’iter firma di questo decreto attuazione al ministero alla funzione pubblica…
    ciao

  267. Cosimo, quali sono le fonti miur? E’ possibile leggerequalcosa su internet o hai qualche documento da condividere ?
    Grazie ciao

  268. Forse finalmente ci siamo per il tanto atteso decreto attuazione tabelle di equiparazione diplomi universitari triennali=lauree triennali (art.17 comma 4 legge 240/2010). Da fonte MIUR il decreto è stato già firmato dal Ministro Gelmini. In settimana firma del Ministro Funzione Pubblica Brunetta… che bel giorno!
    saluti
    cosimo

  269. Antonio grazie x la solidarietà.

    Hai ragione, bisogna assolutamente che quelli del ministero si muovano e facciano questo decreto !!

    Mi sai dire a quale indirizzo del Ministero posso inviare la raccomandata per sollecitarli ?

    Anzi, a tal fine, esorto tutto il popolo dei Diplomati Universitari a scrivere raccomandate/mail/lettere/fax ecc. !!

    Il tempo è scaduto !!

  270. Antonio grazie x la solidarietà. Se puoi fare qualcosa…è ben accetto !

    Aspetto sempre un commento del coordinatore circa la vicenda sopra descritta (Commento del 30 ottobre 2011 alle 16:37).

    In questi casi chi ha ragione Io/Noi o il Comune/Ente ?

    Grazie.

  271. Buonasera, news sui decreti attuativi? E’ uscito qualcosa nell’u
    Timo mese? Dove si possono vedere?
    Grazie
    Antonio

  272. X Simone,
    ha ragione la tua Università…per l’Italia, ovviamente. Puoi, comunque, richiedere la certificazione di equipollenza al consolato italiano della città in cui vivi, esplicitando il decreto che ti ho citato prima (e su cui compaiono tutte le leggi di riferimento), oppure chiedere cortesemente il rilascio del documento alla segreteria della tua facoltà, specificando che dovendosi valutare il tuo titolo accademico da un ente estero, gli si permetta (quanto meno per una forma di cortesia internazionale) di semplificarne la visione. Insisti e non demordere, perché il primo tentativo, da parte degli impiegati di ciascuna istituzione, sarà quello di risparmiarsi il lavoro. Ciao.

  273. Gentile coordinatore, come si chiama esattamente questo certificato e sono obbligati a darmelo?
    Sto cercando di risolvere questa cosa da mesi e senza il minimo accenno a un progresso. Ho chiesto molte volte un certificato, una lettera o qualunque pezzo di carta che accennasse alla equipollenza e ogni volta mi rimandano seplicemente al devreto e al sito del Miur e dicono che non mi serve nulla perche gia il decreto stabilisce l’equivalenza.
    Francamente, io vivo all’estero, e ti dico mi e’ possibile spiegare che il vecchio ordinamento, almeno per lo stato italiano, ha lo stesso valore di una laurea magistrale.
    Specialmente con i soliti pasticci che fa’ lo stato italiano, ha diviso le lauree in 2, cosa che penso sia positiva, ma i corsi sono rimasti uguali faccio presente che io ho studiato negli anni di transizione quindi ho fatto oltre 50 esami, quanto gli studenti del 3+2!) e non si e’ minimamente preoccupato della validita delle lauree del vecchio ordinamento all’estero. In aggiunta ha mantenuto i titoli quasi uguali, tanto per aggiungere un po di confusione. cito testualmente una delle risposte della segreteria quando ho chiesto come posso spiegare all’estero che la mia non e’ una laurea di primo livello: “Sugli attestati di laurea compare la dicitura “Laurea” e si differenzia dalle lauree triennali in quanto, su queste ultime, c’è la dicitura relativa alla classe di laurea, assente per le lauree quinquennali vecchio ordinamento.”. Ora vorrei capire come un entita’ estera possa capire la differenza tra i due certificato di laurea…

  274. Nuovamente X Simone.
    Ah, dimenticavo! Il certificato che ti rilascerà l’Università avrà valore legale anche all’estero. Ciao.

  275. X Simone,

    chiedi all’Università p/o cui ti sei laureato una certificazione di equipollenza del tuo titolo alle nuove lauree specialistiche (o magistrali) ai sensi del DECRETO 5 maggio 2004 del MINISTERO DELL’ISTRUZIONE DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA (Equiparazione dei diplomi di laurea (DL) secondo il vecchio ordinamento alle nuove classi delle lauree specialistiche (LS), ai fini della partecipazione ai concorsi pubblici) pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale N. 196 del 21 Agosto 2004.
    Ti allego, in basso, il link su cui troverai il decreto:

    http://gazzette.comune.jesi.an.it/2004/196/4.htm.

  276. Ciao a tutti.
    Qualcuno sa se e’ possibile ottenere un certificato o una lettera o altro con scritto che una Laura del vecchio ordinamento e’ equivalente, almeno sul territorio italiano e ai fini di concorsi, a una laurea magistrale del nuovo ordinamento. Mi rendo conto che e’ superflua ma io mi trovo all’estero e mi e’ molto complicato far capire la differenza tra una laurea di 5 anni del vecchio ordinamento e una del nuovo di 3 anni, primo per il fatto che io ho solo1 diploma e non 2 come sarebbe per la 3+2 e secondo perche la nomenclatura “diploma di laurea” per il vecchio ordinamento non la fa certo sembrare piu’ di una “laurea” di 3 anni… anzi, la parola
    diploma la fa sembrare meno…
    Grazie.

    PS. So che tale lettera non avrebbe alcun valore legale all’estero ma sarebbe lo stesso di grande aiuto…

  277. Raffaele insisti e scrivi una raccomandata a questi poco di nuono del ministo, chissa’ quanti come te hanno subito questo ulteriore abuso…. E magari a qualcuno quel sto interessava. Chiedo al coordinatore se puo’ intervenire ai piani piu’alti per rendere giustizia! Sono troppo amareggiato per queste vicende, sento che la soluzione di questo scempio ministeriale e’ ancora lontana e la cosa mi fa perdere la pazienza, fatemi fare il coordinatore dandomi un po’di potere e vi smuovero’ il mondo….Grazie

  278. Speriamo veramente di vedere questo benedetto Decreto entro l’anno così chiudiamo il discorso una volta per tutte. Io intanto sono stato trattato da non-laureato nonostante l’art.17: in un concorso pubblico con valutazione titoli, hanno assegnato al mio D.U. punteggio = 0 (zero!) quando nel bando alla laurea generica (triennale) venivano assegnati punti 5, alla faccia dell’equiparazione! Ho immediatamente inviato una mail di protesta con allegato l’art.17 della riforma Gelmini ma niente da fare, non sono tornati su propri passi…forse xchè avrebbero dovuto rifare una graduatoria con circa 500 persone ?? Non ho presentato un ricorso ufficiale perchè il posto di lavoro messo a concorso non mi interessava più di tanto, certo però che fanno incazzare certe cose !
    Secondo me hanno sbagliato visto che l’art.17 è già legge, però manca sempre quel cacchio di Decreto…
    Attendo commenti (anche del coordinatore, anche se non ho ben capito se ricopre un ruolo ufficiale in questa vicenda, ma che comunque ringrazio).
    Saluti.

  279. Ciao, sono un pedagogista (laurea magistrale scienze pedagogiche), vorrei sapere quali sono esattamente le strutture private in cui posso lavorare. Sapete qual è il DM che regola la figura del pedagogista/educatore? Grazie.

  280. A quanto pare il decreto attuazione tabelle è andato in firma… prima al ministro università …. poi andrà a quello della funzione pubblica… poi registrazione alla corte dei conti… speriamo di vederlo emanato entro l’anno…

  281. @Francesko spero davvero e con tutto il cuore che il decreto attuativo sia quello che tu prospetti e che noi tutti desideriamo… ma visto l’andazzo degli ultimi 10 anni e la complessità della materia la vedo dura …

  282. ciao a tutti…chi può aiutarmi e capire di più? vorrei sapere se il mio titolo di studio è equipollente alla laurea e in caso di risposta negativa cosa e come fare per essere ritenuto valido e a chi posso rivolgermi…. ho conseguito il DIPLOMA DI TECNICO DI LOGOPEDIA all’Università di Palermo scuola per tecnici di audiometria e logopedia istituita con decreto assessorato sanità n. 30291 del 30/5/1981 …fiduciosa di una risposta ai miei problemi, vi saluto cordialmente

  283. @Cosimo, il d.i 9 luglio 2009 per fortuna obbliga le università a rilasciare il certiificato solo per le equiparazioni non biunivoche (ad esempio il diploma di laurea in LETTERE che in linea di principio potrebbe essere equiparato a una classe su quattordici disponibili). Nel caso dei DU si vuole invece che la biunivicità sia determinata ope legis. L’alternativa da te suggerita rappresenterebbe un inutile aggravio del procedimento per il sistema e soprattutto del titolare del DU (che non credo abbia tempo da perdere in una coda in segreteria anche considerando che buona parte delle domande di partecipazione ai concorsi viene presentata in scadenza).

  284. Speriamo che il decreto attuativo, che tutti stiamo aspettando, prevedi come ad esempio il decreto D.M. 9 luglio 2009 (Gazz. Uff. 7 ottobre 2009, n. 233 art. 2) di affidare agli atenei, che hanno rilasciato il Diploma Universitario Triennale, il compito di emanare, su nostra richiesta, un certificato che attesti a quale classe di Laurea Triennale è equiparato il titolo di Diploma Universitario Triennale posseduto, da allegare alle domande di partecipazione ai concorsi, incarichi, selezioni… insieme con il certificato di diploma universitario… Ho già inviato mail alla dott.ssa Zilli del MIUR per verificare questo importante aspetto. ciao
    cosimo

  285. Salve a tutti,
    io ed un mio collega abbiamo contattato la responsabile del ministero telefonicamente e confermo quello che è stato scritto in un post precedente, cioè che la tabella del CUN è relativa ad un “parere” del CUN in merito alle equipollenze dei DU con le lauree di primo livello e non è il decreto attuativo citato dalla legge Gelmini.
    La buona notizia è che i pareri del CUN non sono i pareri del cittadino medio che passa le giornate al bar dello sport ma quelli di un organo legato a filo doppio con il ministero e quindi hanno un elevato valore. Insomma ufficialmente non possiamo ancora andare all’università e farci rilasciare un attestato che certifichi l’euipollenza del nostro titolo ma ci siamo quasi.
    Richiameremo nella seconda metà di ottobre.
    Ciao a tutti.

  286. Salve!
    Ho un grande dubbio da chiarire. Ma se uno è in possesso di due lauree equipollenti (per esempio una vecchia quadriennale di lettere ed una 12/S in conservazione e restauro dei beni culturali), a fini di concorsi pubblici, faranno punteggio tutte e due le lauree o ne verrà considerata una sola?

  287. @Coordinatore
    Come Marco anche il mio e’ nella lista L8.

    -Mi pare che entra il vigore il 20 ottobre giusto?

    -Se uno dovesse iscriversi alla specialistica, quali sono le procedure??

    -E per eventuali concorsi pubblici con scadenza del bando prima della data di entrata in vigore del decreto e’ già utilizzabile l’equipollenza (suppongo di no)??

    Grazie

  288. Buongiorno
    io ho conseguito il Diploma di Laurea in Economia ed Amministrazione delle imprese nel 2005 e vorrei sapere se è stato equiparato o meno.
    Grazie

  289. @ Antonio: vai a vedere le tabelle CUN; non co dovrebbero comunque essere problemi

    @ Tutti: il 20.10 ? Io ho scritto alla Gelmini per sollecitare … in ambito di competitività questo è una grossa mancanza.
    Marco

  290. Potete indicarci dove cercare queste tabelle? Io ho un DU in ingegneria meccanica ed ancora non si sa niente? Qualcuno ha info?

  291. Sentito oggi ufficio della dott.ssa Zilli per decreto di attuazione tabelle equipazione. Dicono di risentirli per il 20 ottobre…

  292. Hai ragione Serena, sono andata a vedere la tabella del 9/06 ed il nostro diploma è equiparato. Che sospiro di sollievo!!!! Grazie

  293. A me è sembrato di capire che il CUN si sia espresso rispetto all’equiparazione, che per prassi dovrà inviare il parere al MIUR che emanerà i decreti attenendosi alle indicazioni del CUN.

    I diplomi universitari su cui il CUN si è espresso rispetto all’equiparazione sono quelli contenuti nelle tabelle del 9 giugno (Sessione n° 85) e quelli del 22/06 integrando le tabelle del 9/06.

    Chiedo comunque conferma al Coordinatore se quello che ho capito è corretto.

    Quindi chiedo a Vera perchè ritiene che il suo diploma universitario sia stato tagliato fuori dalla tabella di equiparazione.
    Cara Vera, anch’io come te sono in possesso del diploma universitario in Servizio Sociale e nella tabella del 9/06 se leggi bene compare il nostro diploma e risulta essere equiparato alla laurea triennale in scienze del servizio sociale dm 509/99 e alla laurea triennale in Servizio Sociale DM 270/04.

  294. Ho trovato nel parere CUN n. 85 equiparazione del DU Economia e Amm.ne delle Imprese alla Laurea classe 17 e 18 in scienze economiche etc… dato che il decreto attuativo non c’è ancora, si può partecipare ai concorsi in funzione di questo solo parere o occorre attendere (chi sa quanto!!!!) il decreto????

  295. Grazie marco.
    Dove si puo’ leggere di eventuali aggiornamenti sull’emanazione dei decreti attuativi? In modo tale che ogni interessato settimanalmente va a dire un’occhiata. Gazie a tutti

  296. Per Vera:

    VEDI SE C’E’ NEL PAQRERE DEL CUN DEL 22 GIUGNO 2011 ALLEGATO 2.
    IL SITO E’ STATO AGGIORNATO, VEDI SE CE IL TUO DIMPLOMA.
    IN BOCCA AL LUPO!!!!!

  297. Ciao Marco, si ho fatto lesame di stato nel 2003 e a allora sono iscritto alla sez B dell’albo degli ing. Antonio

  298. @ Antonio
    Porta l’art.17 della Legge 240/2010 … meglio non puoi. Hai fatto l’esame di stato per la sez. B dell’ordine?
    Marco

  299. salve a tutti, notizie di questi decreti attuativi? mi riferisco al DU in Ingegneria Meccanica. chiedo al coordinatore se posso richiedere al mio ateneo ( Federico II di Napoli facoltà di Ingegneria) un documento che attesti anche per i più scettici / parlo di aziende o privati per i quali possiamo rivolgerci in cerca di lavoro) che il vecchio DU è ormai una Laurea.
    grazie
    Antonio

  300. Per Vera:

    Prova a chiamarla e/o a spedirle una mail, cosi vedi cosa ti dice in merito al tuo D.U.
    tel:06-97727502 centralino chiedi della dott.ssa ZILLI o SPACONE o LANZAFAME (la Zilli è la dirigente)
    tel diretto: 06-97727001
    mail: maria.zilli@miur.it

    Per Cosimo:
    per il Decreto nessuna novità.

  301. buongiorno, volevo porre un quesito, ho una triennale in scienze politiche e sociali, con tale titolo posso icrivermi al corso magistrale in giurisprudenza?

  302. per Vera:

    ho parlato oggi con la dott.ssa ZILLI (dirigente sia al Miur sia alCUN) che mi ha detto che non tutti i pareri del CUN sono stati pubblicati sul sito, e per quanto riguarda il mio Diploma (D.U. Geologo), il CUN ha espresso un parere che nn è pubblicato nel sito, nel quale lo equipara alla laurea triennale in Geologia.
    E che quando uscirà il decreto attuativo del ministero, il diploma da Geologo sarà equiparato come gli altri diplomi tabbbelati.
    Puo darsi che anche pe il tuo diploma valga la stessa cosa.

  303. Ho seguito con interesse tutti i messaggi che in questo forum parecchi di voi si sono scambiati. Sono contenta per quanti hanno ottenuto l’equipollenza del proprio diploma universitario, io non sono tra questi. Sono in possesso di un diploma universitario in servizio sociale e nelle tabelle pubblicate dal Cun il mio diploma universitario non è indicato. E’ indicato il diploma universitario in scienze del servizio sociale. Ennesima beffa! Avrei voluto iscrivermi alla magistrale, ma devo rinunciare anche a questo.

    Vera

  304. @ Coordinatore:

    grazie della risposta; ho visto che il mio titolo nei fogli del CUN è già L7; posso già utilizzarlo o devo aspettare questo decreto attuativo ?

    Marco

  305. x Anna Rita

    Al concorso x dirigente scolastico puoi partecipare se hai insegnato x un periodo nn inferiore a 5 anni.

    OK x Il titolo rilasciato dall’ABA.

    un saluto
    maria

  306. Per SERENA:

    Mi dispiace, purtroppo capisco benissimo la tua situazione, mi è capitata la stessa identica cosa, mi ero iscritto alla laurea triennale in Geologia a Camerino, ed a seguito della legge 240 ho deciso di abbandonare gli studi perche sapevo che il mio D.U. sarebbe stato equiparato, ed invece ancora niente.
    Anzi addirittura il D.U. da Geologo non compare nemmeno sulle tabelle del CUN.
    Il tuo c’è???

  307. Carissimo Coordinatore,
    sono davvero amareggiata per il funzionamento della burocrazia in Italia.
    Non so se riguarda soltanto l’Università di Genova o se anche gli altri atenei non hanno ancora applicato il famoso articolo della legge.
    Questa mattina ho parlato con il Responsabile della Segreteria di Giurisprudenza per richiedere il certificato di equipollenza del mio diploma universitario e mi è stato risposto che non può essere rilasciato perchè alla loro segreteria non è pervenuta alcuna disposizione dal Ministero.
    L’altra segretaria mi ha risposto che molte leggi che vengono promulgate e che diventano esecutive non è detto che vengano poi applicate ma restano soltanto delle norme scritte.
    Tengo a precisare che gli esami che ho sostenuto in questi anni per il passaggio dal diploma universitario alla laurea triennale hanno comportato tanta fatica e impegno consistente perchè lavorando a tempo pieno nei pochi ritagli di tempo libero che avevo a disposizione e nel fine settimana studiavo rinunciando ad altre cose belle che fanno parte della vita.
    Alcuni giorni fa ho parlato al telefono con una dottoressa del Miur, persona umana e disponibile che ha confermato senza alcuna riserva che in base all’Art. 17 legge 240 tutti i diplomi universitari di durata triennale sono automaticamente equipollenti alle lauree triennali; adesso il Ministero si sta adoperando per emettere la tabella di equiparazione dei diplomi alle lauree ai fini concorsuali come è prassi ogni tot di anni e a metà ottobre dovrebbe uscire la tabella di equiparazione di ogni singolo diploma universitario alla laurea triennale non solo ai fini concorsuali. Di fatto, indipendentemente da quella tabella, tutti i diplomi universitari sono già riconosciuti equipollenti alle lauree dal 29/05/2011.
    Mi sono ritirata dall’università perchè non aveva senso investire tante energie per conseguire un titolo che di fatto abbiamo tutti già acquisito però sono davvero sconfortata perchè resta sempre l’amaro in bocca dal momento che per la tua facoltà sei tu che devi assumerti la scelta di ritirarti dall’università e non è “lei” che ti chiede di ritirarti sulla base di una specifica normativa.

  308. Il titolo rilasciato dalle Accademie di Belle Arti(durata quadriennale) prima della riforma Gelmini dovrebbe essere stato equiparato alle lauree di vecchio ordinamento per l’accesso ai concorsi pubblici.
    Sarà valido anche per l’ammissione al concorso di dirigente scolastico?

  309. Certamente se il tuo diploma è equipollente proprio a quelle classi di Laurea. Qualora richiedessero la laurea specialistica o magistrale verrebbero desgnate come LS8 o LM8, LS9 o LM9……., etc.etc.

  310. Una domanda per coordinatore; se un testo di legge recita: “… Coloro che sono in possesso di laurea in una delle seguenti classi: L7, L8, L9, L17, L23…” noi ci rientriamo dopo la pubblicazione del decreto ?
    Marco

  311. X Serena e Fabio,
    1)- I diplomi universitari, ai sensi della L. 240, vi hanno a priori legittimato l’equipollenza alla laurea e il diritto di essere appellati “dottori”. Il decreto di equipollenza serve solo a poter partecipare ai concorsi, o a qualche chiamata privata, diretti al possesso di un tipo di laurea specifica. Ad esempio: “è richiesta la laurea in scienze dei beni culturali”, oppure in “Scienze del Servizio sociale” o ancora “Scienze dell’economia e della gestione sociale”. Diciamo, quindi, che il decreto di equipollenza perfeziona nella fattispecie quanto la legge già vi ha riconosciuto. Se, al contrario, verrà richiesto il possesso di una Laurea in genere, potrete presentarvi solo in virtù dell’art. 17 della L. 240/2010. Qualora si richiedesse un titolo specifico, vi avvarrete del decreto di equipollenza per sostenere che anche voi possedete quel titolo richiesto.
    Per quanto riguarda l’assenza del Vs. titolo dalle tabelle del CUN, state tranquilli! Potrebbe darsi che la Vs. Università non ha ancora risposto alla chiamata del MIUR in cui questi chiedeva di fornire l’elenco dei diplomi Universitari attivati da quell’accademia nel passato. A questo punto, vi consiglio di sollecitare le Segreterie mancanti inviandogli una lettera di rilascio di un certificato di equipollenza del Vs. diploma (che vi servirà, tra l’altro, per provare anzitempo all’Ente richiedente del possesso del titolo richiesto) che li solleciterà, qualora non l’avessero fatto, ad inviare gli elenchi che, comunque, potranno sempre essere decretati. A questo proposito vi invito a telefonare, o a scrivere, alla dirigente del MIUR, dott.ssa Emanuela Zilli (che si occupa delle equipollenze), tel. 06 97727001, fax: 06 9772-7345 e-mail: maria.zilli@miur.it per chiedere spiegazioni. Ricordatevi, comunque, che siamo in periodo di ferie.

  312. MA IL VOSTRO DIPOLMA E’ CONTENUTO NELLE TABELLE???
    IL MIO D.U. GEOLOGO NON C’E’!!!
    SONO PREOCCUPATO!!!
    USCIRANNO ALTRE TABELLE SECONDO VOI??

  313. MA IL VOSTRO DIPOLMA E’ CONTENUTO IN UNA DI QUELLE TABELLE DI EQUIPARAZIONE CHE HA PUBBLICATO IL CUN????

    IL MIO “D.U. GEOLOGO” NON C’E’!!!!

    E NON SO COSA FARE!!! USCIRANNO ALTRE TABELLE??
    O SONO FOTTUTO??

  314. L’ho trovato, era sotto l’icona “InformaCUN”, “Documento di equiparazione dei diplomi tabellati: allegato 1 – equiparazione diplomi tabellati”, però perchè nella parte relativa ai “Lavori” ricompare la dicitura “ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi?”

    Non riesco a capire sinceramente….

    L’art. 17 l. 240/2010 non viene applicato?

  315. Per Raffaele e Fabio:
    dove avete trovato l’allegato del 9 giugno?
    Sul sito del cun sono riuscita a leggere solo i due allegati del 6 luglio!
    Dal link che voi avete inviato si evince chiaramente l’equiparazione tra ogni D.U. e la laurea triennale (non mi pare che appaia nemmeno la dizione “ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi”).. è proprio il decreto attuativo che tutti quanti attendevamo da tempo, io però non sono riuscita a consultarlo…
    Grazie, grazie, resto in attesa di Vostre notizie!
    Il Coordinatore cosa ne pensa?

  316. Si ma non ci sono tutti i diplomi!!!! Il mio non c’è (D.U. GEOLOGO) in piu da quello che ho capito per la maggior parte ci sono i diplomi univ. di area sanitaria!!!

    Che ne dite? Usciranno anche gli altri??

  317. Ragazzi finalmente il CUN ha pubblicato la tabella di equiparazione diploma universitario/laurea andate nel sito del CUN! Ora la palla passa al Ministero per il relativo decreto. Speriamo bene

  318. Ciao a tutti,
    nonostante sia andata sul sito del Miur ho problemi..Nel bando di un concorso che voglio fare richiedono: “diploma di laurea in giurisprudenza, scienze politiche, economia e commercio o diplomi di
    laurea equipollenti per legge, o i corrispondenti titoli di studio di I livello, denominati laurea (L), previsti dall’art. 3 del regolamento adottato dal Ministro dell’Università, dell’Istruzione e della Ricerca con decreto del 22 ottobre 2004, n. 270.”
    Mi chiedo: allora basta la laurea triennale? Ho una laurea triennale in Scienze Politiche e Internazionali, classe 15. Poi laurea specialistica in Politiche e Relazioni Internazionali, classe 60/S. La mia LS è equiparabile a Scienze Politiche V.O.? Se basta la triennale (primo livello) metto che ho la cl.15 e taglio la testa al toro??

  319. Gentile Coordinatore,
    dovrei partecipare ad un concorso in cui è richiesta la laurea triennale o specialistica in economia e commercio o lauree equipollenti…..io ho una laurea triennale in management delle imprese turistiche appartenente alla classe 17 ex Dm 509/99….E’ equipollente alla laurea in economia e commercio?
    Grazie mille

  320. Gentile Coordinatore,
    speravo in un Suo ulteriore chiarimento al mio quesito del 12 luglio 2011 delle 09:27.

    grazie
    M.

  321. Grazie della risposta, spero anch’io che la cosa vada in porto al più presto, sono ben 13 anni che aspetto questa benedetta (e sacrosanta) equiparazione. Condivido poi in toto il fatto che i due titoli di studio debbano essere equiparati al 100% senza se e senza ma, come sancito dall’art.17 della riforma. Se qualcuno ancora non è convinto di questo, sono pronto a dimostrare che l’equiparazione DU-L3 era un atto dovuto ed è stato vergognoso il fatto che ci siano voluti così tanti anni prima che venissa sancita!

  322. Per SCRAT:

    Per l’insegnamento ci vuole la laurea quinquennale. Comunque se ti vuoi togliere ogni dubbio puoi chiedere ai sindacati, che si occupano dell’inserimento dei precorsi per accedere ai corsi di insegnamento. E anche per iscriverti nelle graduatorie. Io ho parlato con gli addetti della CGIL.

    Per RAFFAELE:
    Anche se sono scaduti non succede nulla, l’importante e che vengano emanati. So che il CUN e il MIUR ci stanno lavorando, poi passa la palla al Ministero per la firma del Ministro.
    Speriamo al piu presto!

  323. Per quanto riguarda il decreto attuativo relativo alla riforma “Gelmini” che dovrebbe identificare la classe appartenenza dei diplomi universitari (Art.17,c.4 della riforma), mi risulta che sia, come molti altri decreti attuativi, scaduto proprio in questi giorni. Qualcuno sa dirmi cosa comporta questo ? Mi auguro che ciò non comprometta quanto dettato dalla stessa legge…

  324. Ciao a tutti
    sto per conseguire la laurea magistrale in storia e critica d’arte LM-89. tale titolo consente d’insegnare storia dell’arte?
    l’equipollenza ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi di cui sopra implica automaticamente l’accesso all’insegnamento?

    grazie

  325. Sempre per Danilo :
    La mia risposta precedente presuppone una tua iscrizione all’ Albo PRofessionale della tua provincia il quale ti da il titolo di Ingegnere della sezione B ( settore dell’ informazione DPR 328/2001 e succ modifiche)
    In caso ancora non ti sia ancora iscritto il tuo titolo attuale
    e’ semplicemente “Dottore in Ingegneria informatica”
    tutto cio’ vale a livello formale a livello informale se un ingegnere punto e basta
    Per quanto riguarda la Tabella che hai postato non ci sono riferimenti al tuo Titolo devi aspettare il Decreto Attuativo della legge Gelmini ch e tutti aspettano con ansia ( se mai questi burocrati politici lavorassero un po di piu’) ma in linea di massima devi considerare il tutolo equivalente alla Laurea Triennale in Ingegneria Informatica
    spero di esserti stato utile

  326. Risposta per Danilo:

    Caro danilo il tuo titolo ad oggi e’ il seguente

    Dottore in ingegneria e ingegnere iscritto alla sezione B
    il termine iunior anche se usato è superfluo
    per maggiori infomazioni sui tuoi titoli e su cosa puoi fare vai a questo sito http://ingegneresezioneb.it/

    ti puoi firmare tranquillamente Dott. Ing. Danilo Taldetali

  327. Gentilissimi,
    ho conseguito il Diploma Universitario in Ingegneria Informatica – di durata triennale – nell’anno 2004 presso l’Università degli Studi di Parma.

    Sempre nel 2004 ho ottenuto l’ “Abilitazione all’esercizio della Professione di Ingegnere dell’ Informazione Iunior” sempre presso l’ Università Degli Studi di Parma, a seguito del superamento dell’Esame di Stato per ingegneri Sezione B.

    Ho letto (… per ora velocemente … ) la legge 30 dicembre 2010, n. 240,
    articolo 17.
    La domanda che pongo è : ho il titolo di “Dottore” oppure di “Ingegnere” ? ( o di “Ingegnere Iunior”) ?

    Inoltre, qualcuno mi può aiutare nell’interpretazione della tabella al link http://attiministeriali.miur.it/UserFiles/3160.pdf
    in riferimento al mio Diploma ?

    Grazie per l’attenzione e per l’aiuto nella comprensione che saprete fornirmi.
    Danilo

  328. Il CUN, nell’ultimo incontro, ha rilasciato anche l’ultima tabella di equipollenza tra Scuole Dirette Fini Speciali e Lauree. Staremo a vedere … i tempi stringono.
    M.

  329. Gentile Coordinatore,
    nel ringraziarLa per la celerità nella risposta e per le gradite rassicurazioni, volevo chiarire che il mio disappunto si riferiva specificamente all’esclusione dalla partecipazione ai concorsi nella P.A. per i quali, nella totalità dei casi, è richiesta la laurea in scienze politiche o equipollenti (quindi anche scienze del servizio sociale e sociologia che hanno addirittura meno esami affini rispetto alla mia laurea).

    Se davvero ormai scienze politiche è obsoleta rispetto alle altre, perchè viene richiesta sempre e solo questa per i concorsi pubblici (assieme alle sempreverdi giurisprudenza ed economia)?
    Con la mia laurea non si può più accedere a tantissimi concorsi che l’equipollenza precedentemente valida, invece, dava accesso previa, ovviamente, un’ulteriore e più approfondita preparazione in materie economiche e giuridiche che, come me, anche chi ha una laurea in sociologia e sc. del servizio sociale dovrebbe affrontare.

    Con le evidenti difficoltà, in questi anni di crisi, nel trovare occupazione in aziende private, avrei preferito poter tentare la strada del concorso pubblico, che prima era possibile.
    Cordiali saluti.

  330. Gentile Coodinatore, oggi, nella foga di leggere la sua risposta, non mi sono resa subito conto di alcune sue inesattezze riguardo il titolo rilasciato dall’AABB. Tengo a precisare che chiarire alcuni punti, rappresenta per me soprattutto un dovere.
    1. Le Accademie oltre a essere private legalmente riconosciute, sono soprattutto Statali, fanno parte dell’Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (AFAM)[1] comprende l’istruzione artistica superiore parallela ed equipollente all’attuale sistema universitario, sottoposto al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e istituito con la Legge n. 508 del 21 dicembre 1999.
    2. Le accademie possono rilasciare diplomi accademici di primo livello (equipollenti alla laurea) e di secondo livello (equipollenti alla laurea magistrale), mentre sono in via di esaurimento i vecchi ordinamenti quadriennali (Legge 22 novembre 2002, n. 268; Decreto 3 novembre 1999, n.509
    3. I titoli rilasciati da tali Istituzioni (equiparati alle lauree), non sono solo validi ai fini dell’accesso all’insegnamento, ma anche per partecipare ai concorsi dove è prevista una laurea di tipo generico (per coprire il ruolo di funzionario)
    4. Da oltre due decenni chi ha accesso ai corsi, deve assolutamente possedere il diploma di istruzione secondaria, altrimenti non sarebbe possibile l’accesso presso le varie Università per l’iscrizione al biennio specialistico.
    Grazie per l’attenzione
    PS: invio qualche link

    http://it.wikipedia.org/wiki/Accademia_di_belle_arti
    http://it.wikipedia.org/wiki/Alta_formazione_artistica_e_musicale
    http://it.wikipedia.org/wiki/Diploma_accademico
    http://unams.it/Leggi_e_normative/Leggi/N.508_21_1999-212-02.html
    http://attiministeriali.miur.it/anno-2004/novembre/nota-08112004-%281%29.aspx
    http://www.quadrodeititoli.it/index.aspx?IDL=1
    http://it.wikipedia.org/wiki/Istituto_Europeo_di_Design

  331. Gentile Bianca,
    Credo che non sia cambiato nulla per te. Perché l’equipollenza alla laurea in “relazioni Pubbliche” ha, secondo me, una valenza maggiore rispeto alla obsoleta “Scienze Politiche” che non ti permetteva di fare altro se non il diplomatico (qualora avessi avuto santi in famiglia). Invece la nuova dizione “Relazioni Pubbliche” ha un concetto molto più ampio, spendibile, specialmente, nella Aziende private, che richiedono personale specializzato che si occupi di rappresentare all’esterno l’immagine della azienda per cui si lavora, oltre a gestire “l’human resource” a cui devi mirare maggiormente. Perciò stai tranquilla. Credo che nel cambio, per l’epoca in cui viviamo e le occasioni che ti capiteranno, ci hai guadagnato. Ciao.

  332. Ringrazio per l’attenzione dedicata al mio quesito, però, nn riesco a capire l’ Ordine del Giorno 0/1905-B/1/07 presentato da FRANCO ASCIUTTI giovedì 16 dicembre 2010, seduta n. 267;
    […]impegna il Governo
    ad emanare, entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, i decreti di cui al comma 5 dell’articolo 1 della legge n. 508 del 1999, al fine di individuare le equipollenze tra i titoli di studio rilasciati ai sensi della suddetta legge e i titoli di studio universitari.

    grazie di cuore

  333. Gentile Coordinatore,
    da un anno ormai non riesco a rassegnarmi all’idea che la mia laurea (triennale + specialistica) in Scienze della Comunicazione NON sia più equiparata a Scienze politiche e Sociologia così come invece lo era in base al Decreto Interministeriale del 21 dicembre 1998 (Gazzetta Ufficiale del 30 gennaio 1999, n. 24) “Equipollenza della laurea in scienze della comunicazione alla laurea in scienze politiche e in sociologia”.
    Con il Decreto Interministeriale 9 luglio 2009, Scienze della Comunicazione (nuovo ordinamento) è equiparata solo a Relazioni Pubbliche.
    Io mi iscrissi a Scienze della Comunicazione proprio con la consapevolezza che fosse equipollente a Scienze Politiche e Sociologia, e poter quindi partecipare ai concorsi pubblici nella P.A. Invece hanno modificato tutto proprio mentre stavo per terminare l’Università.
    Ora mi chiedo: è giusto che le persone che hanno preso la laurea poco prima di me (vecchio ordinamento) posseggano un titolo equipollente ed io no? E’ giusto che Sociologia nuovo ordinamento (che ha gli stessi esami della mia facoltà) sia equiparata a sc. politiche e la mia laurea no?

  334. X Maria,

    L’articolo 17 della l. 240/2010 stabilisce l’equiparazione alle lauree triennali tra i vecchi diplomi rilasciati dalle Scuole speciali universitarie e i diplomi universitari propriamente detti, ambedue aventi avuto durata triennale. Non vi rientrano i diplomi rilasciati dalle Accademie delle belle Arti, in quanto scuole private legalmente riconosciute con regolamenti autonomi, personalizzati e diversi tra di loro, i quali corsi comunque, ai sensi della legge 508/99, sono stati riconosciuti altamente formativi e specializzanti (V. art. 2). Ancor di più la Legge prevede la definizione di un sistema di crediti didattici finalizzati al riconoscimento reciproco dei corsi e delle altre attività didattiche seguite dagli studenti, nonché al riconoscimento parziale o totale degli studi effettuati qualora lo studente intenda proseguirli nel sistema universitario o della formazione tecnica superiore di cui all’articolo 69 della legge 17 maggio 1999, n. 144. Molte Accademie, rifacendosi alla 508, hanno deciso di avviare l’ammodernamento del loro intero assetto didattico abbandonando il vecchio ordinamento per abbracciarne uno nuovo che contempli la libertà degli allievi di scegliere senza alcuna costrizione tra i vari programmi di studio presentati dalle varie cattedre dei corsi fondamentali, privilegiando così la scelta in relazione ai programmi didattici impartiti dai vari professori e dunque la libertà di formulare un piano di studio confacente ai propri interessi artistici e culturali. Tali diplomi, sono considerati validi per l’accesso all’insegnamento, purché il titolare sia in possesso del diploma di scuola media superiore. In base a quest’ultimo inciso, comprenderai facilemente, che le Accademie non rientrano nella menzione dell’art. 17 in quanto parecchi allievi vi hanno accesso pur non possedendo il diploma di scuola media superiore. Spero di essere stato chiaro, ciao.

  335. PS: invito chiunque sia informato sull’argomento a rispondere.

    Dimenticavo…sono una nuova arrivata….bentrovati e grazie di cuore a tutti!!!

    Bello questo forum!!!

  336. Gentile Coordinatore mi può spiegare cosa ha a che fare l’art. 17 con l’Accademia di Belle Arti e la l. 508/99?
    grazie!!

    Ordine del Giorno 0/1905-B/1/07 presentato da FRANCO ASCIUTTI
    giovedì 16 dicembre 2010, seduta n. 267
    Il Senato, in sede di esame del disegno di legge recante norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l’efficienza del sistema universitario (A.S n. 1905-B),
    considerato che ad oggi non è stato ancora ultimato il processo di riforma della legge n. 508 del 1999;

    considerato che i diplomi di primo e di secondo livello rilasciati dalle Accademie di belle arti, dall’Accademia nazionale di arte drammatica, dagli Istituti superiori per le industrie artistiche, dall’Accademia di danza, nonché dai Conservatori di musica e dagli Istituti musicali pareggiati, risultano titoli di studio non ancora spendibili in quanto non equipollenti a nessuna laurea e laurea magistrale;
    tenuto conto che il comma 5 dell’articolo 1 della legge n. 508 del 1999 prevedeva che con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri si sarebbero dovute dichiarare le equipollenze tra i titoli di studio rilasciati ai sensi della suddetta legge e quelli universitari;
    visto l’articolo 17 del disegno di legge n. 1905-B che stabilisce l’equipollenza tra i diplomi universitari rilasciati dalle scuole dirette a fini speciali e le lauree, rinviando ad un decreto del Ministro l’individuazione della classe di appartenenza cui fanno riferimento detti diplomi triennali;
    impegna il Governo
    ad emanare, entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, i decreti di cui al comma 5 dell’articolo 1 della legge n. 508 del 1999, al fine di individuare le equipollenze tra i titoli di studio rilasciati ai sensi della suddetta legge e i titoli di studio universitari.
    (0/1905-B/1/7)

  337. Vorrei rispondere a Serena: l’addetto alla segreteria, quando ti ha risposto che i due titoli nn hanno la stessa valenza, probabilmente,intendeva dire che con una laurea di assistente sociale nn puoi andare a fare l’avvocato o il magistrato, ma puoi solo spenderla per concorrere come funzionario pubblico. Forse intendeva questo!!

  338. Allora no, Luisa. La vecchia laurea in economia e commercio richiesta non è equipollente alla laurea triennale. Per cui se richiedono per un concorso quel vecchio titolo, che oggi corrisponde ad una laurea specialistica o magistrale, con la sola laurea triennale non puoi parteciparvi. Ciao

  339. Gentile Coordinatore, forse non mi sono spiegata bene. Io non sono laureata e devo iscrivermi al corso di Laurea triennale L18 “Scienze dell’economia e della gestione aziendale”. I bandi di concorso a cui sono interessata parlano di laurea in Economia e commercio ed equipollenti, e di equiparazione tra i titoli di studio del vecchio ordinamento ai nuovi ai sensi del DI 9/07/2009. Nella fattispecie il corso di laurea L 18 previsto dal DM 270/2004 è equiparato al corso di laurea 17 in Scienze dell’economia e della gestione aziendale previsto dal DM 509/1999, ma quest’ultimo è equiparato alla vecchia laurea quadriennale in economia e commercio prevista dal bando di concorso? Grazie. Arrivederci

  340. Perdonami Luisa,
    la missiva precedente a questa è rivolta a te, anche se per errore ho riportato il nome di Serena. Ciao e scusami.

  341. Scusami Serena,
    dopo averti scritto ho vagliato la tua posizione accademica in alcuni decreti interministeriali di equipollenza. La tua vecchia laurea in “economia e commercio”, secondo il Decreto Interministeriale 9 luglio 2009 Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 7 ottobre 2009 n. 233, è equiparata alla laurea specialistica in “Scienze economico aziendali” o alla laurea magistrale in “Scienze economico aziendali”. Essendo il tuo titolo di studio superiore a quello triennale, per di più nel settore richiesto dal concorso, devono considerarlo valido a tutti gli effetti. Guarda quest’altro link e scorri la tabella sino a trovare la dizione della tua laurea: http://attiministeriali.miur.it/UserFiles/3160.pdf

  342. Devo iscrivermi ad un corso di laurea triennale L18 “Scienze dell’economia e della Gestione Aziendale” per poter accedere alla categoria D, tramite concorso pubblico, nell’ente per cui lavoro. Ma tale corso di laurea triennale è equiparato al vecchio diploma di laurea in “Economia e Commercio”? Grazie a chi vorrà rispondermi.

  343. Credo che abbia ragione coordinatore; in ogni caso a Siena, noto ateneo che ha bisogno di iscritti visto il buco di bilancio, sostengono che il decreto arriverà a breve. Entro luglio dicono in quanto necessario per immatricolare alle magistrali senza bisogno di crediti. Vedremo.
    Marco

  344. Ho parlato con la dott.ssa Spaconi, dell’Ufficio equipollenze del Ministero, e mi ha spiegato che il CUN sta provvedendo alle ultime equiparazioni dei corsi delle Scuole a fini Speciali, dopodicché passerà il tutto al Ministero ove verrà approntato il Decreto che sarà inviato al controllo della Corte dei Conti. Infine, quest’ultima, dopo il vaglio, ritornerà il documento al Ministero per la firma dei due Ministri (Ministro dell’Università e della Pubblica Amministrazione). Il decreto sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana intorno alla fine del mese di Settembre.

  345. Sono molto contento perchè inizialmente sembrava preoccupare tutti la dicitura “ai fini dei concorsi pubblici”. Qualcuno di quelli che hanno inviato raccomandate al MIUR di chiarificazione sulla suddetta dicitura ha ricevuto risposta?

  346. Per Serena,
    se l’Università di Genova ti ha specificato che il tuo titolo vale solo per i concorsi pubblici, specificagli che per il comma 2 dell’art. 17 tu sei già “dottore”. Quindi continuare a che ti servirebbe? A ridiventare doppiamente dottore? Quanto sono ignoranti i burocrati! Ciao.

  347. Ragazzi,
    permettetemi. Il Cun esprime la dizione “ai fini dei concorsi pubblici” non per sottovalutare il nostro titolo, bensì perché si tratta di una dizione formale ed obbligatoria per autorizzare la partecipazione ai concorsi pubblici che richiedono la specificità di certi studi. Ripeto! Ciò è obbligatorio da parte del CUN, senza nulla togliere che la legge 240 ha già sancito precedentemente l’uguaglianza, l’equipollenza, l’equiparazione (chi ne ha più ne metta) del vostro titolo alle lauree in genere. Ciò vuol dire che se sarete assunti da un privato (dove non occorrono concorsi) che richiede un laureato generico triennale, dovrà inquadrarvi nella funzione dei laureati secondo l’art. 17 della L. 240. Ciao dottori.

  348. Significato del termine Equipollente: di uguale valore giuridico ed efficacia, specie agli effetti giuridici (dal latino tardo aequipollens-entis, composto di aequus “uguale” e pollere “potere, aver forza”).

  349. Cari amici,
    torno nuovamente a ribadire, specie a Serena, che i diplomi universitari e delle Scuole Universitarie sono già equiparati alle lauree ai sensi dell’art. 17 della legge 240/2010. Ci si può fregiare del titolo di dottore (comma 2) e non si aspetta il decreto attuativo per sapere se il nostro titolo è equipollente ai soli fini concorsuali. Ciò è un problema già superato dal primo comma che recita testualmente: I diplomi delle scuole dirette a fini speciali istituite ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n.162, riconosciuti al termine di un corso di durata triennale, e i diplomi universitari istituiti ai sensi della legge 19 novembre 1990, n. 341, purche’ della medesima durata, sono equipollenti alle lauree di cui all’articolo 3, comma 1, lettera a), del regolamento di cui al decreto del Ministro dell’universita’ e della ricerca scientifica etecnologica 3 novembre 1999, n. 509.
    Chiedo a voi: qualcuno legge nell’articolo una limitazione di equipollenza ai soli fini concorsuali? NO. Ergo! Essi sono equipollenti in tutto e per tutto (legalmente, legislativamente, giudizialmente) alle lauree. Per cui, cara Serena, ritorna all’Università di Genova e chiedi loro di farti leggere la circolare (che non esiste) e qualora esistesse (ma, ripeto, non esiste), chiedi se una semplicissima e miserrima circolare, firmata dal più scalcagnato dei funzionari ministeriali può superare quanto già disposto da una LEGGE DI STATO! Onde per cui, il decreto attuativo che noi attendiamo, non ritornerà sull’argomento circa la validità del fine (è già stato stabilito che si è uguali alle lauree), ma definirà solamente a quale laurea è UGUALE ogni diploma istituito tra gli anni 80 e 90. Compreso il tuo!
    Per rassicurarti, permettimi di farti riflettere su una cosa che ritengo importante dal punto di vista giurisprudenziale. Se la Legge avesse voluto limitare l’equipollenza “ai soli fini concorsuali” pensi che ti avrebbe riconosciuto il dottorato (per il solo fine concorsuale), come recita l’art. 2: Ai diplomati di cui al comma 1 compete la qualifica accademica di «dottore» prevista per i laureati di cui all’articolo 13, comma 7, del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca 22 ottobre 2004, n. 270. Se sei dottore, sei dottore in tutto e non solamente il giorno che vai a fare un concorso.
    Sei autorizzata, dunque, a dare dell’ignorante a chiunque desse false interpretazioni assurgendosi a “sommo giurista” di una causa che perderebbe ancor prima di iniziare, dopodicché ti consiglio di denunziare il tutto alla Procura della Repubblica più vicina, per il solo fatto che la Legge te ne dà facoltà visto che all’ultimo articolo (ma qualsiasi legge lo dice) così si esprime: La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara’ inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.
    Data a Roma, addi’ 30 dicembre 2010

    NAPOLITANO

    Berlusconi, Presidente del Consiglio
    dei Ministri

    Gelmini, Ministro dell’istruzione,
    dell’universita’ e della ricerca

    Bye! Non ritorniamo più sull’argomento, eh. Cerchiamo di andare avanti.

  350. http://www.istruzione.it/web/ministero/cs300611

    Ufficio Stampa

    Roma, 30 giugno 2011
    Università, Miur: Tempi rapidi per approvazione decreti attuativi riforma

    Il percorso di attuazione della Riforma universitaria prosegue molto rapidamente, rispettando regolarmente le scadenze poste all’inizio del procedimento.

    I decreti attuativi della Riforma sono complessivamente 38. Di questi, 30 sono stati già firmati dal ministro e sono attualmente sottoposti al parere degli organi consultivi e degli organi di controllo.

    Entro il mese di luglio, 17 decreti saranno completati e pubblicati in Gazzetta Ufficiale e saranno quindi operativi. I rimanenti decreti diventeranno legge, e saranno quindi operativi, entro il mese di settembre.

  351. Scusate per l’inciso,
    io sono super fiduciosa e l’art.17 della Gelmini non cita nel modo più assoluto la frase “ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi” e inoltre afferma che chi è in possesso del diploma universitario può fregiarsi del titolo di “dottore”; però mi sorge un dubbio di cui mi sono accorta solo adesso.
    Perchè nella pagina iniziale del documento in cui ci mandiamo le e mail e ci teniamo in contatto è scritto: “Spieghiamo: equipollenza laurea ed equiparazione” inizia con “la partecipazione ai concorsi pubblici è di norma legata al possesso di alcuni titoli di studio”; sembra che tutto parta dal presupposto che l’equiparazione sia legata esclusivamente alla partecipazione ai pubblici concorsi; prosegue ancora “sul sito del miur è infatti disponibile una sezione specifica, per i titoli accademici italiani, riguardante l’equipollenza della laurea, ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi”; e ancora ” per ogni diploma di laurea presente nella tabella, sono indicati tutti i possibili titoli di base richiesti dai concorsi pubblici, per i quali la laurea in oggetto è equivalente.”

    E’ questo quello che mi spaventa; sembra che a livello politico sia stato interpretato tutto in questo senso e non secondo l’art. 17 della legge.

    Grazie!
    Serena

  352. Non lo so … ma le voci dicono prima delle vacanze
    Hai scritto al Min. Gelmini, ecc per opporti al pare del CUN ?
    Marco

  353. Caro Marco,
    rispetto all’iscrizione ai due anni della laurea magistrale almeno presso l’Università di Genova, già dallo scorso settembre era possibile farlo direttamente sia chi in possesso del diploma universitario sia chi in possesso della laurea triennale e chi era in possesso del diploma universitario non doveva sostenere alcun debito e sostenere gli stessi identici esami di chi in possesso della laurea triennale. Questo perà credo che sia discrepante da città a città e regole interne chi si dà ogni Ateneo accademico.
    Il problema è che dal punto di vista “psicologico” fino allo scorso anno diploma universitario e laurea triennale erano considerate “diverse”; non potevamo firmarci dottori e comunque non eravamo considerati dei laureati ma dei diplomati; se l’art. 17 andasse in porto con la tabella di equiparazione tra i diplomi e le lauree con la dicitura non solo “ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi” ma in senso più ampio allora oltre a firmarci dottori avremmo anche a tutti gli effetti raggiunto la laurea; per questo motivo è fondamentale che i decreti attuativi vengano emessi senza la dicitura “ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi”.

    Tu sai quando saranno emessi questi decreti?
    Grazie per l’ascolto!

    Serena

  354. @Serena
    attenzione il comma 4 dell’art 17 L. 240/2010 dice: con decreto del Ministro, da emanare entro centoventi giorni
    dalla data di entrata in vigore della presente legge, e’ identificata
    l’attuale classe di appartenenza del titolo di laurea a cui fanno
    riferimento i diplomi universitari rilasciati dalle scuole dirette a
    fini speciali e i diplomi universitari dell’ordinamento previgente.

    Quindi indipendentemente dal concorso o meno deve essere individuata la semplice classe di appartenenza. L’equipollenza è già legge.

    Pensa che venerdì sono andato a fare la preiscrizione alla laurea magistrale in ingegeneria gestionale; stanno aspettando il D.M. per l’ammissione diretta.

    Marco

  355. @ Serena:
    hai una copia di quella circolare o, come spesso accade, siamo alla “fuffa”.
    L’art. 17 non dice questo e non penso neppure che debba essere interpretato con una circolare …

  356. Scusate per il doppione, ma sono in ferie e la linea ogni tanto salta.
    Non mi aveva dato l’invio del primo messaggio, invece poi era partito.
    Scusate ancora per la ripetizione del messaggio.

    Serena

  357. Caro Coordinatore,
    innanzitutto Ti ringrazio per i preziosissimi chiarimenti.
    Quanto tempo dobbiamo aspettare perchè esca la tabella di equiparazine tra il diploma universitario e la laurea triennale? Nel mio caso specifico, il diploma universitario in servizio sociale non è equiparato solo alla laurea triennale dello stesso corso?
    Lo scorso mese ho chiamato in facoltà per spiegare la mia situazione sulla base dell’art. 17. Mi ha risposto il manager didattico dicendomi che sulla base dell’art. 17 avrei potuto ritirarmi dal corso risultando i due corsi equipollenti a tutti gli effetti; il giorno successivo sono andata in segreteria per ritirarmi sulla base dell’art. 17 della legge ma mi è stato risposto che era uscita da pochi giorni una circolare che prevedeva che i due titoli sarebbero equipollenti solo ai fini della partecipazione ai pubblici concorsii, ma legalmente e formalmente i due titoli non avevano la stessa valenza.
    Sembra che questo art. 17 di legge non sia interpretato in modo univoco neanche all’interno della stessa facoltà.
    Come dobbiamo comportarci?
    Grazie!

    Serena

  358. Caro Coordinatore,
    grazie dei preziosissimi chiarimenti!
    Secondo te, tra quanti giorni emetteranno i decreti attuativi con specifica tabella delle equipollenze tra il diploma univeristario e le lauree triennali?
    Il mio diploma universitario in servizio sociale di durata triennale non dovrebbe risultare equipollente solo alla laurea triennale il servizio sociale?
    Come funziona?
    Mi è capitata una cosa molto strana.
    Il mese scorso ho telefonato in facoltà per chiedere informazioni sulla mia situazione; il manager didattico del corso di Giurisprudenza dellUniversità di Genova mi ha risposto al telefono dicendomi che essendo in possesso del diploma univeristario di durata triennale grazie all’art. 17 della legge Gelmini e essendo iscritta al corso di laurea triennale sempre in servizio sociale mi sarei potuta ritirare dal corso risultando i due titoli equipollenti.
    Aveva aggiunto inoltre che avrei potuto chiedere il rimborso della seconda rata; il giorno successivo mi sono recata di persona presso la segreteria della facoltà per comunicare il mio ritiro dall’università sulla base dell’art. 17 legge 240/2010 e mi è stato risposto che sulla base di quell’art. della legge per loro dal punto di vista didattico non avrei potuto ritirarmi perchè i due titoli risultano equiparati solo ai fini concorsuali essendo uscita una circolare che stabiliva questo, ma dal punto di vista legale e formale i due titoli non avevano la stessa valenza.
    Grazie ai Vostri sms mi sento più tranquilla e sollevata.
    Buona estate a tutti nella speranza che al più presto vengano emessi questi decreti attuativi di equiparazione fra i due titoli.

    Serena

  359. Grazie per la celere risposta; ho letto il decreto che mi ha indicato però io volevo solo capire che valore ha attualmente il mio diploma. Non sono riuscito a trovare alcuna risposta; in sostanza volevo sapere se il mio titolo è equivalente ad un diploma di scuola superiore di II grado tipo perito agrario o agrorecnico.

  360. Per Giuseppe,
    il titolo biennale della Scuola diretta a fini speciali non è equipollente alla laurea. Collegati al link che trovi proprio qui sopra.
    Per conseguire la laurea, dovrai farti valutare in crediti gli esami che hai sostenuto presso la tua Scuola Universitaria e la Commissione della facoltà di agraria (dove penso potresti iscriverti) si pronunzierà sul numero di esami che dovrai ancora sostenere.
    Il Coordinatore

  361. Ciao a tutti. Sto seguendo con molto interesse le vostre risposte. Io ho un diploma universitario triennale in Economia e Amministrazione delle Imprese, conseguito nel 2000 (voto in settantesimi). Già allora mi avevano promesso che sarebbe stato trasformato in laurea breve e invece sono stata costretta a riscrivermi all’università per dare altri tre esami, ma lavorando non riesco a sostenerli. Spese, spese e ancora spese. A me interesserebbe molto potermi fregiare del titolo di dottore, nel mio lavoro è molto importante. Secondo voi posso già farlo?
    Vi ringrazio anticipatamente per le risposte e per tutto quello che state facendo per noi.

  362. Buona giornata; ho letto tutti i vostri messaggi e ho trovato molte cose interessanti; io ho il diploma della scuola diretta a fini speciali in agrometeorologia di durata biennale; ho sostenuto 14 esami; la votazione è espresa in 70esimi; questo titolo non mi è stato mai riconosciuto e valutato per qualsiasi concorso pubblico; poichè ora non esiste più alle università, volevo chiedere se è equiparato a qualche altro titolo esistente ora e se posso inserirmi in graduatoria nelle scuole come insegnante. Grazie a chi mi risponde.

  363. Cara Serena,
    ti assicuro che dal punto di vista legale-giuridico il tuo diploma universitario (se di durata triennale) è equipollente, a tutti gli EFFETTI, alle lauree triennali. A questo proposito ti invito a leggere il testo di legge all’art. 17 (che avrai sicuramente già letto).
    Il nostro presunto, ripeto, solo presunto, problema è che il CUN nella sua delibera di equipollenza alle lauree dei titoli di diploma pregresso ha inserito la postilla “ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi”. Il che cambierebbe poco, perchè potremmo partecipare ai concorsi pubblici tranquillamente, ma creerebbe una sorta di subordinazione psicologica alle lauree che la Lex non ha voluto creare. Tant’è vero, che al comma 2 di quell’art., ha voluto sottolineare che hai diritto a chiamarti, firmarti e a pretendere di essere chiamato “dottore”. Il che non è cosa da poco! Perchè con questo ulteriore, e voluto chiarimento (che ci onora accademicamente), ha inteso non creare alcuna sperequazione tra il nostro vecchio titolo (peraltro specializzante e abilitante) e le nuove lauree. Noi, con il CUN, ci siamo voluti bagnare prima di piovere, casomai avesse mal…destramente interpretato lo spirito della Lex. Ma siamo sicuri che adesso vi avrà riposto maggiore attenzione!
    Parabola significat: puoi iscriverti tranquillamente alla Magistrale senza sostenere alcun esame (prima, però, dovrai aspettare qualche altro giorno per sapere a quale corso di Laurea hanno reso equipollente il tuo diploma). Per quanto riguarda la tua Amministrazione, puoi, sempre tranquillamente, intentarle causa se
    non dovesse riconoscere il tuo titolo di studio per la progressione in carriera. Ma vedrai, che anche loro rinsaviranno quando gli farai capire che ne sai più di loro. Ciao e auguri!
    Il Coordinatore.

  364. Caro Coordinatore,
    ho letto attentamente tutti le Vostre mail.
    Il mio problema però non è tanto il titolo di dottore che è comunque un traguardofondamentale, quanto il fatto che il diploma universitario sia equiparato a tutti gli effetti alle lauree triennali.
    Firmarmi dottore e fregiarmi del titolo è importante ma quello che mi interessa è che i due titoli (diploma universitario e laurea triennale) siano equiparati a tutti gli effetti dal punto di vista giuridico; in Comune dove sono assunta come dipendente potrei accedere a concorsi interni con la laurea triennale e non con il solo diploma (se invece i due titoli fossero considerati perfettamente equiparati potrei farlo); inoltre mi piacerebbe iscrivermi alla laurea magistrale e sicuramente non a Genova perchè dovrei sostenere un sacco di diritti e lavorando a tempo pieno non è proprio fattibile; se invece i due titoli di studio (diploma universitario e laurea triennale in servizio sociale risultassero equipollenti) potrei iscrivermi direttamente alla laurea magistrale senza dover sostenere altri esami come debito.
    Senza considerare tutti gli esami che ho sostenuto in questi cinque anni nel passaggio al diploma universitario alla laurea triennale lavorando a tempo pieno e alla fatica che ho fatto; se l’equiparazione andasse in porto potrei rilassarmi e staccare dallo studio per almeno due anni (due diritti grossi e un’altra tesi a Genova lavorando non credo che ci si possa impiegare meno tempo).
    Grazie mille per la risposta tempestiva, fammi sapere qualcosa Coordinatore.
    La tua risposta affermativa è fondamentale… Sono nelle Tue mani.

    Serena

  365. Cara Serena,
    il traguardo l’hai già raggiunto! Sei laureata di diritto già da sei mesi, grazie all’art. 17 della legge 240/2010 , dove al comma 2 è specificato chiaramente che ti è riconosciuto il titolo di dottoressa. I libri puoi buttarli tranquillamente alle ortiche. Adesso il CUN (Consiglio Universitario Nazionale) dovrà esprimersi sulle equipollenze alla lauree degli ex diplomi delle Scuole Universitarie Speciali e dei Diplomi Universitari. Sembrerebbe che ci sia un tentativo arbitrario di ridimensionare i nostri titoli subordinandoli alle lauree. Questo non dovremo premetterlo anche perchè è contro la legge che ti ho specificato e che ti invito a leggere. Ma come ben sai in Italia tutto è possibile. Leggi quanto ho scritto a partire dal 15 giugno (e le risposte dei colleghi) e capirai cosa starebbe succedendo. Ciao e buone ferie!
    Il Coordinatore

  366. Ho inviato anch’io mail e raccomandata a tutti.
    Io sono un’assistente sociale diplomata con il diploma universitario in servizio sociale presso l’università di Genova; mi sono iscritta alcuni di anni fa al passaggio dal diploma universitario alla laurea triennale; devo sostenere ancora due diritti enormi e un’altra tesi per conseguire la laurea triennale.
    Sarebbe veramente una liberazione e un cambio di vita radicale senza libri.
    Vi scrivo dalla Sardegna in ferie.. non ci sarebbe niente di più bello che raggiungere questo traguardo.
    Sono funzionario nel Comune di Genova da due anni a tempo indeterminato entrata grazie al superamento di un concorso pubblico.
    Vi ringrazio per tutte le informazioni e aggiornatemi.
    Serena Mattoli

  367. fatto, grazie…. anche se a mio avviso occorre divulgare su canal edi ampia visibilità…!
    … tipo facebook o simili …
    …qui siamo troppo pochini …!

    buon we a tutti.

    davide

  368. Bene, avete fatto ancora meglio! Suggerisco, però, per quanto riguarda il Ministro Gelmini, di inviarle il testo della lettera non all’indirizzo email della Camera, poco frequentato dalla compagine governativa, bensì alla segreteria particolare del Ministero:

    segreteria.particolare.ministro@istruzione.it

    Capo di Gabinetto:segreteria.nunziata@istruzione.it

  369. Fatto. Ho scritto a: On. Gelmini, Presidente CUN (sia direttamnete che attraverso la segretaria), URP MIUR e Dott.ssa Panzironi.
    Avanti gli altri non possiamo perdere questa occasione.
    Marco

  370. Coordinatore,

    abbiamo mandato n. 5 mail con il tuo testo a

    – ministro Gelmini (gelmini_m@camera.it)

    – presidente CUN (presidente@cun.it)

    – URP MIUR (urp@istruzione.it)

    Domani mattina mandiamo le 5 raccomandate e scriviamo all’indirizzo segnalato.

    Luigi, Gianni, Rodolfo, Luca e Fabio

  371. X Marco

    Il CUN è un organo consultivo. Hai perfettamente ragione! Ma può suggerire il testo del Decreto attuativo. Che potrebbe contenere la limitazione gia riportata e a sua volta ripresa pari pari nel DM. A quel punto sarebbero cavoli amari. Si dovrebbe procedere ai ricorsi alla Corte Costituzionale per darne la giusta interpretazione. Quindi, se siete daccordo, sarebbe meglio prevenire quest’eventuale ipotesi.
    Sono riuscito ad avere, presso il CUN stesso, l’indirizzo email della Segretaria del Presidente Prof. Andrea Lenzi:
    fulvia.medosi@miur.it
    alla quale invieremo la lettera, rivista e corretta, che riporto nuovamente in calce:

    Spett/le Presidente del CUN, Prof. Andrea Lenzi,
    relativamente all’approvazione della “tabella di equiparazione dei diplomi tabellati delle Scuole dirette a fini speciali, istituite ai sensi del DPR n. 162/1982, di durata triennale, e dei diplomi universitari (DU), istituiti ai sensi della Legge n. 341/1990, della medesima durata, alle lauree ex DM 509/99 e alle lauree ex DM 270/2004, ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi”, come da Vs. lavori al punto 3, di cui al bollettino telematico n. 85 del 7-8-9 giugno 2011,

    sto a significare

    il contrastante inserimento dell’attestazione “ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi”, dizione limitativa e per nulla menzionata nei 4 commi dell’art. 17 della Legge 240/2010, atteso che il legislatore, al contrario, ha inteso dare alla norma succitata carattere di piena equiparazione alla laurea di cui ai DDMM 509/99 e 270/2004.
    Pertanto, voglia questo Onorevole Consesso far corrispondere il documento di equiparazione redatto all’esatta volontà legislativa, così da non condizionarne il successivo Decreto attuativo e quindi evitare, sin dall’inizio, una spiacevole e pregiudizievole subordinazione dei diplomi universitari alle lauree attuali.
    Certi di un Vs. sollecito allineamento al testo di legge in argomento, Si porgono i sensi della propria stima.
    Firma e titolo di studio

    Contatti:
    Presidente CUN
    Prof. Andrea LENZI

    Vice Presidente CUN
    Prof. Enzo SIVIERO

    Segretario Generale CUN
    Prof. Fabio NARO
    Tel: 06 97727157-7180-7766
    Fax: 06 97727590
    Segreteria CUN
    Tel: 06 97727502-7622
    Fax: 06 97726031
    Sede CUN presso il MiUR
    P.le Kennedy, 20 – 00144 Roma

  372. L’ho notato anche io; però ho pensato che l’art. 17 del D.Lgs. 240/10 dice : “Con decreto del Ministro, da emanare entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, e’ identificata l’attuale classe di appartenenza del titolo di laurea a cui fanno riferimento i diplomi universitari rilasciati dalle scuole dirette a fini speciali e i diplomi universitari dell’ordinamento previgente.

    Quindi secondo me il CUN è un organo consultivo e quello che deve essere partorito è un DM. I scriverei al MIUR e non al CUN facendo notare la questione; tra l’altro il CUN non ha e-mail pubblicate.

    Coordinatore hai la mail del CUN.

    Marco

  373. Cari colleghi,
    mi sono permesso di scrivere una lettera di chiarificazione al CUN, che Vi invito di inviare in massa all’indirizzo che vi ho riportato in calce (non sono riuscito a trovare l’indirizzo email, per cui vi invito ad inviarla per posta raccomandata A.R.), così da evitare tentativi malsani che ridurrebbero il riconoscimento universitario ottenuto e che ci farebbero far perdere tempo e denaro in sicure e lunghissime diatribe giudiziali future (il significato di “ai fini della partecipazione ai concorsi pubblici” significa limitare il tutto a questo concetto, senza che nulla possiamo pretendere riguardo qualsiasi altro diritto giuridico accademico. Pensate che fregatura!):

    Spett/le Presidente del CUN,
    riguardo all’approvazione della “tabella di equiparazione dei diplomi tabellati delle Scuole dirette a fini speciali, istituite ai sensi del DPR n. 162/1982, di durata triennale, e dei diplomi universitari (DU), istituiti ai sensi della Legge n. 341/1990, della medesima durata, alle lauree ex DM 509/99 e alle lauree ex DM 270/2004, ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi”, come da Vs. lavori al punto 3, di cui al bollettino telematico n. 85 del 7-8-9 giugno 2011,
    Si sta a significare
    l’arbitrario inserimento in coda alla specifica medesima ove si legge “ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi”, dizione limitativa e per nulla menzionata nei 4 commi dell’art. 17 della Legge 240/2010, atteso che il legislatore ha inteso, al contrario, dare alla norma succitata carattere di completa equiparazione alla laurea di cui ai DDMM 509/99 e 270/2004.
    Pertanto, voglia questo Onorevole Consesso, far corrispondere il Decreto attuativo che ne seguirà alla giusta interpretatio iuris, al fine di evitare, sin dall’inizio, una spiacevole e sicura subordinazione dei diplomi universitari alle attuali lauree.
    Certi della Vs. immediata ottemperanza, Si porgono i sensi della propria stima.

    Presidente CUN
    Prof. Andrea LENZI

    Vice Presidente CUN
    Prof. Enzo SIVIERO

    Segretario Generale CUN
    Prof. Fabio NARO
    Tel: 06 97727157-7180-7766
    Fax: 06 97727590
    Segreteria CUN
    Tel: 06 97727502-7622
    Fax: 06 97726031
    Sede CUN presso il MiUR
    P.le Kennedy, 20 – 00144 Roma

  374. Cari colleghi,
    c’è un piccolo problema riportato dal bollettino telematico del CUN di cui al link http://www.cun.it/media/113094/informacun_2011_06_09_085.pdf in cui è scritto testualmente: E’ stato approvato dal CUN la tabella di equiparazione dei diplomi tabellati delle Scuole dirette a fini speciali, istituite ai sensi del DPR n. 162/1982, di durata triennale, e dei diplomi universitari (DU), istituiti ai sensi della Legge n. 341/1990, della medesima durata, alle lauree ex DM 509/99 e alle lauree ex DM 270/2004, “ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi”. Ecco, è quest’ultimo inciso, “ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi”, che mi preoccupa! La legge non equipara i nostri ex diplomi alle Lauree per il “solo fine dei pubblici concorsi”, bensì li equipara alle Lauree in tutto e per tutto, tant’è vero che ci attribuisce anche la qualifica accademica di dottore. Mi sembra che si tratti già di un tentativo di ridimensionarne la valenza, onde per cui invito tutti a scrivere al CUN così che provveda a interpretare (e riportare) ESATTAMENTE l’art. 17 della Legge 240, che non pone alcun limite poiché non era nelle intenzioni del legislatore. “Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi?????” Ma mi facciano il piacere

  375. Forse dopo oltre 15 anni di ingiustizie per 80.000 “colleghi” si sta risolvendo qualcosa. Peccato che non è stato ancora linkato….

  376. Nel link del CUN http://www.cun.it/documenti/sessioni.aspx

    pubblicato il verbale dei lavori del Consiglio tenuti il 7, 8 e 9 giugno

    2011. Da questo documento si evince che è stato approvato dal

    CUN la tabella di equiparazione dei diplomi tabellati delle Scuole dirette a

    fini speciali, istituite ai sensi del DPR n. 162/1982, di durata triennale, e

    dei diplomi universitari (DU), istituiti ai sensi della Legge n. 341/1990,

    della medesima durata, alle lauree ex DM 509/99 e alle lauree ex DM

    270/2004, ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi. Il link con la

    tabella non è ancora attivo… staremo a vedere

  377. Per MARCO:

    Ho provato a chiedere di sostenere l’esame di stato per l’iscrizione alla sezione B, ma l’universita di Camerino mi ha risposto che finchè non esce il decreto attuativo non posso sostenere l’esame e quindi non mi posso iscrivere.
    TU SAI DI QUALCHE UNIVERSITA’ CHE HA FATTO SOSTENERE L’ESAME DI STATO AI POSSESSORI DI D.U. CHE SIANO GEOLOGI O INGEGNERI??????

  378. rispondo a tutti:

    – per chi ha il DU in geologia può iscriversi, come per gli ingegneri, alla sezione B del proprio ordine in quanto i DU in quella specifica sede sono stati ampiamente riconosciuti.

    – per presentare ricorso al TAR devi rivolgerti ad un avvocato (civilista/ammnistrativo) ed intentare causa all’ente che non ha riconosciuto il tuo titolo. Detto questo vinci facile …

    – per scrivere al MIUR vai sul sito del MIUR e cino gli indirizzi PEC ai quali scrivere.; per l’On. Gelmini l’indirizzo è sul sito della Camera o su quello del PdL.

    Sollecitate.

    Marco

    p.s. nei giorni 8-9-10 si è riunito il CUN (cun.it) vediamo se ci sono mozioni o nulla osta sull’argomento

  379. Ciao David, ho fatto il tuo stesso ragionamento, dando per scontato che fosse equiparata, ma in realtà non l’hanno minimamente considerato in quanto si chiama DIPLOMA.Invece colleghi col diploma di solfeggio al conservatorio e diplomati ISEF sono stati considerati e mi sono passati tutti davanti. Ora spero nel ricorso presentato dopo l’entrata in vigore della l. 240…ma sono sfiduciato.
    Io ero a Firenze ed i voti erano in centodecimi…
    X Marco: hai fatto ricorso al TAR? Per ora mi sono limitato a presentare quello amministrativo il 31 gennaio….mi faresti sapere a chi rivolgersi?

  380. Scusatemi come facciamo a sollecitare il Miur???
    E poi, in quali situazioni si puo ricorrere al TAR?? E come si fa??
    Io ho voi un D.U. da Geologo, e non posso fare nessun concorso e sopratutto non posso fare la domanda per sostenere l’esame di stato, e quindi iscrivermi all’ordine.

  381. Anche a Firenze i voti erano in 110mi ! Comunque i ricorsi al TAR sono iniziati già il 29 gennaio … sollecitate il MIUR.

  382. Ciao Adriano, il comma 1 dell’art 17 della legge 240/2010 recita quanto segue:

    I diplomi delle scuole dirette a fini speciali istituite ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162, riconosciuti al termine di un corso di durata triennale, e i diplomi universitari istituiti ai sensi della legge 19 novembre 1990, n. 341, purché della medesima durata, sono equipollenti alle lauree di cui all’articolo 3, comma 1, lettera a), del regolamento di cui al decreto del Ministro dell’universita’ e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509.

    Quindi i DU sono “equipollenti” alle L, ovvero “hanno lo stesso valore”, quindi avendo lo stesso valore sono assolutamente “sovrapponibili” e “interscambiabili” fra loro… o mi sbaglio?

    Non vedo perchè a questo punto non debbano riconoscerti il titolo, a maggior ragione trattandosi di un ente pubblico.

    Riguardo alla votazione, il mio era un DU triennale ma la votazione è espressa in 70esimi. Se non sbaglio l’unico ateneo, o forse uno dei pochi, a usare i 110mi era Roma!

  383. Sono molto preoccupato per la mancanza del decreto di equipollenza da parte del Ministro, anche perchè quasi sicuramente dovrò ricorrere al TAR per farmi riconoscere il titolo di studio dall’ente pubblico dove lavoro pensate che in una graduatoria interna per titoli ed esame mi hanno considerato il diploma di ragioniere e non quello universitario triennale in statistica e sono perfino arrivati a non inserire il voto perchè il punteggio massimo previsto dal computer per il diploma universitario era 70/70 del vecchio diploma biennale e non espresso in 110 come riportato sul mio diploma universitario!!! Se leggete la mia scheda personale il voto riportato è 0 non 104 perchè quello risulta applicabile solo per la LAUREA!!! Ovviamente dopo la legge 240 ho ripresentato ricorso…ma gli ignoranti non mi hanno ancora risposto.
    Se conoscete un bravo avvocato esperto in titoli di studio giratemi l’indirizzo… ve ne sarei profondamente grato.

  384. Il discorso, almeno nel mio caso, non è il titolo di Dottore…OK, un ottimo risultato, visto che c’è, ben venga. La cosa che invece mi sta più a cuore è l’uscita delle classi in quanto, essendo un DU in Scienza dei Materiali, una eventuale classe L27 (ex L21) mi spalancherebbe la porta della libera professione, in quanto, visto che lavoro nell’ambito della chimica industriale, potrei anche abilitarmi ed iscrivermi all’Albo dei Chimici iunior.
    Speriamo di non dover aspettare altri 10 anni….

  385. Che il titolo di dottore fosse confermato credo che lo dica in primis la legge più che il funzionario del MIUR. Ho letto che l’aggiornamento delle classi sia stato passato al CUN anche perchè in caso di concorso i ricorsi al TAR vedrebbero perdente il ministero ed il blocco o riapertura di gradutorie.
    Marco

  386. Anche se sono scaduti i 120 giorni previsti dall’art.17 i funzionari di un ufficio specifico del MIUR, che si sta occupando delle tabelle di equiparazione, sostengono che il titolo di dottore è confermato. Si dovrà avere pazienza ed attendere (dopo l’estate?). Abbiamo atteso 10 anni… In ogni caso ragazzi il diplomato universitario può fregiarsi del titolo di dottore!

  387. … indipendentemente dal tempo che dovremo attendere per il Decreto attuativo all’Art 17 L 240/2010, mi pare già importante il titolo accademico di Dottore anche per i D.U.
    … personalmente, lavorando come dipendente (non firmo Progetti) preso un’azienda nel campo energetico sono finalmente possibilitato a firmare la mia corrispondenza come Dott Ing e non mi pare poco …
    cordiale saluto a tutti

  388. A tutt’oggi ancora nessuna notizia delle classi di appartenenza dei D.U. Ho appena mandato un sollecito al MIUR… Speriamo bene!!!

  389. Da contatti con il Ministero sembrerebbe che la cosa stia andando ben oltre i 120 giorni previsti dal comma 4 della legge 240/2010.
    La ricognizione di tutte le scuole dirette a fini speciali istituite presso le università è abbastanza complessa.
    Come dice il Coordinatore… sollecitate

  390. Ma non dovevano uscire le classi di appartenenza per il titoli equipollenti in base all articolo 17 della legge 240/10 (legge gelmini) qualcuno ne sa qualcosa ?

  391. Speriamo che qualcuno si ricordi di emanare questi benedetti regolamenti, non vorrei che qualche partito o lobby universitaria abbia messo ancora una volta i bastoni tra le ruote per evitare che i nostri titoli vengano effettivamente equiparati alle lauree di primo livello.
    Sono più di 10 anni e non si riesce ancora a venirne a capo!
    Nel frattempo chi deve fare un concorso magari si vede sfilare davanti gente che ha preso la laurea di primo livello facendo metà degli sforzi che abbiamo fatto noi! che schifo..
    🙁

  392. altro che concorsi accademici!!! qui si fanno le riforme che restano carta MORTA nella nostra bella Repubblica delle Banane! ;-( cisaranno messi anche i sindacati per lo mezzo a creare ancora più danni di quello che hanno fatto in passato! in più non so se avete visto la puntata di ieri di Report sui concorsi pubblici…anche nelle Università! non aggiungo altro!

  393. Ragazzi, qualcuno ha informazioni circa l’emanazione dei decreti attuativi della riforma Gelmini, specie quello riguardante l’articolo 17 che dovrà creare la corrispondenza tra classi di laurea e diplomi universitari? Cerchiamo di far pressione verso il Ministero, perchè i 120 giorni famosi sono belli e passati. Non vorremmo che passassero, invece, 120 anni. Il rischio è che se nel frattempo dovessero bandire un concorso per una determinata professionalità accademica, che potrebbe alludere al titolo che qualcuno di noi possiede, questi non vi può partecipare perché non è ancora ufficializzata l’equipollenza del suo diploma a quella determinata classe di laurea.

  394. scusate ma come posso sapere a quale altri titoli (lauree vecchio ordinamento ) è equivalente o equipollente la mia laurea sempre vecchio ordinamento???
    …chiaro no??

  395. Al momento niente … guardo quasi tutti i giorni anche se chi ha fatto ingegneria dovrebbe finire nelle classi L specifiche e/o affini.
    Marco

  396. Ragazzi ci sono novita’ sul fronte del regolamento attuativo dove si identificano le classi di laurea magistrale?? I 120 giorni sono quasi scaduti?

  397. Abilitato? …no dovrei abilitarmi come “esperto contabile”…l’unica abilitazione “razionale” che potrei conseguire altrimenti continuare l’Universita’ e mirare all’abilitazione di Commercialista! ma ci vogliono 3 anni di tirocino che a 37 anni non so se conviene fare anche perchè non ti danno un Euro!

  398. Dipende, se 6 gia’ abilitato (esame di stato) e fai progetti ricorrenti e similari no se fai progetti innovativi si. Aspettiamo e vediamo come si verra’ inquadrati (in che classe). Guarda che oggi l’universita’ e’ piu’ facile che negli anni 90!!!

  399. Ciao Max, io ho fatto elettronica a Padova nel 1996 e mi sono iscritto alla per fare 3 esami 6 anni fa. Ne ho fatto uno il primo anno e poi mi sono fermato. Ho pagato solamente una rata e ora potrei pagare un conguaglio di 150/200 euro l’anno (circa 1200 euro) per ritornare ad iscrivermi, ma con l’equipollenza questo non serve piu’ dato che i titolo sono uguali.
    Aspettiamo fine aprile per avere le classi e con settembre 2011 dovremmo gia’ accedere direttamente alle specialistice.

    Una cosa ti consiglio se non lo hai gia’ fatto, magari fai l’esame di stato, costa 200 euro e 6 ancora in tempo per iscriverti. Io L’esame di stato lo ho fatto a Udine dato che vivo la.

    Saluti Matteo

  400. Salve a tutti. Anche io ho conseguito il DU (3 anni) presso Università di Padova. ING. Informatica. Nel 2001 ho finito e già lavoravo. Ora dopo 10 anni volevo iscrivermi per “Pagare una rata”, fare 2 /3 esami per avere la triennale. Per poi con calma provare anche la specialistica. Speriamo bene.. Sarebbe bello poter partire subito con la specialistica. A preso.

  401. X Marco

    Dato che gli obiettivi sono comuni pensavo che sarebbe più produttivo scrivere al MIUR organizzandoci tutti insieme cercando di coinvolgere e sensibilizzare tutti( o quasi) gli ingegneri ambiente e risorse italiani in modo da non frastagliare troppo le richieste, non so come la pensi..

  402. X GRABRIELE
    Scusa , tu hai fatto 5 o 3 anni??? Qui parliamo di equippollenza dei 3 anni (D.u.) quella dei 5 e’ gia’ stata fatta del 2001 mi pare o giu’ di li.

  403. Per Gabriele
    Per quanto riguarda la tua laurea di vecchio ordinamento, l’equiparazione (perché di questo si tratta) a quella specialistica è stata riconosciuta con Decreto Interministeriale 9 luglio 2009 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 7 ottobre 2009 n. 233.

    Per tua informazione, ma credo che tu già lo sappia:
    per equipollenza si intende la corrispondenza di una vecchia laurea al nuovo titolo specificato chiaramente dalla legge;

    per equiparazione, invece, si intende il riconoscimento legale del tuo titolo ad una classe di lauree genericamente definita, diventando necessaria una valutazione di merito compiuta dalla Facoltà competente su istanza del laureato. Gli organismi didattici dell’Ateneo che hanno rilasciato il titolo valuteranno caso per caso il percorso di studi del vecchio ordinamento e attesteranno la corrispondenza ad un’unica classe di laurea specialistica/magistrale tra quelle previste. Spero di essere stato chiaro. Ciao!

  404. Scusate, ho un dubbio da risolvere e forse qualcuno di voi può farlo.
    Ho una laurea vecchio ordinamento in ingegneria, indirizzo civile, orientamento idraulica.
    Si parla di equipollenza con laurea magistrale, equiparazione o cosa?
    e qual è il provvedimento ufficiale di equiparazione?
    Grazie

  405. Ragazzi teniamo duro!!!!
    Vedo che in questa pagina gli interlocutori stanno aumentando, bene facciamo girare il link!!!

  406. x Stefano:

    io mi sono diplomato a Firenze a settembre 2000; per quanto riguarda la sensibilizzazione io sono parecchio avanti ….

  407. x Marco

    anche io ho conseguito il DU in Ingegeria Ambiente e Risorse a Roma, tu dove ti sei laureato? potremmo condividere i nostri ex colleghi per sensibilizzare all’iniziativa piu persone possibili..

    Stefano

  408. x Matteo

    Io in DU in ingneria ambiente e risorse l’ho conseguito nel 2000 ed anch’io dopo 3 anni di lavoro ne ho messi parecchi dietro del N.O.

    Comunque da quando c’è stata la riforma Gelmini le università, che devono avere iscritti, si stanno dimostrando “flessibili” sull’argomento accesso alla specialistica.

    Marco

    p.s. continuiamo a scrivere al Ministro ed al MIUR

  409. Dico la mia esperienza, a Padova dovevo sostenete 17 crediti per iscrivermi alla specialistica e non mi hanno regalato nulla su per corsi vari, esperienze lavorative, ecc…

    Ne avevo fatti 6 di C.F., mi mancavano 11 , ma lavorando spesso all’estero non combinavo proprio.

    Ho fatto l’anno scorso l’esame di stato e sono arrivato molto prima di tanti “”laureati”” e sono passando al primo tentativo, ingegneria elettronica, esame sulle telecomunicazioni, la prova pratica veramente impestata (trasformata zeta per filtrare un segnale spurio in FSK) e su TLC la ho fatta solo io su 10, e sono quasi sicuro che la hanno messa li per me, quei B-st-rdi, visto che all’orale ho fatto polemica sulla domanda (polarizzazione di un d-mos a gate comune…) gli altro gestionale…!
    Dalla domanda dell’orale, a uno che ha lavorato piu’ di 10 anni, si capisce che l’universita’ non sa cosa succede fuori dal suoi muri e non ha proprio alba del mondo reale, vive nelle sue elucubrazioni filosofiche di un ovatta impermeabile e incomprensibile per la maggioranza delle persone normali…

    Mi sono “”diplomato”” nel 1996, e quasti tutti neolaureati non sanno piu’ nulla di come e perche accadono certe cose, non e’ colpa loro ma dell’universita che non insegna piu’ e dei ricercatori che vogliono fare pubblicazioni e profitto (almeno la grande maggioranza)…

    E la Vittoria dice che abbiamo rubato il titolo… Ma dai…

  410. x Coordinatore: mi stai dicendo che ti eri iscritto alla specialistica con un DU e non ti sono stati assegnati debiti formativi ? Che facoltà era (ed è) ?
    Marco

  411. Cari colleghi, continuo a consigliarvi di stare tranquilli! Torno a ribadirvi che i diplomi delle Scuole Universitarie e i DU sono ormai equiparati alle Lauree, per cui qualora voleste iscrivervi alla Specialistica non dovrete svolgere alcun esame, né assistere alla “conta pedissequa”, per come l’avete considerata, degli esami già sostenuti. Ciò, al contrario, avverrà solo per quei DU che hanno avuto durata biennale. E mi sembra anche giusto!
    Per quanto riguarda i Decreti attuativi alla Legge, tra cui anche quello relativo all’equiparazione dei vecchi titoli ai nuovi, questi saranno elaborati direttamente dal Ministero e non potranno ancorarsi a Lauree non esistenti, per cui non capisco il timore di alcuni di voi di trovarsi di fronte ad eventuali tentativi di essere “presi in giro”.
    Si, sono un vecchio triennale che dopo essersi iscritto alla specialistica (senza che mi considerassero alcun debito formativo, anzi con qualche riconoscimento di credito specialistico grazie ai titoli da me posseduti) se ne è uscito schifato dopo essersi accorto che durante il periodo della Scuola Universitaria avevo fatto molto di più io, sia a livello teorico che pratico, che gli studenti che già si erano laureati alla quinquennale.
    Non ci si dimentichi che all’epoca i nostri titoli di studio erano ufficiosamente intesi quali “Lauree brevi”, inseriti al I livello della classe degli studi universitari (6° liv. EQF), riconoscendo loro una valenza tecnica specializzante alla stregua dei “bechelor” di tipo anglosassone fortemente richiesti dal mercato del lavoro. Beh, amici! Che volete che ne sappiano gli studenti, i docenti o…qualche parlamentare di adesso.

  412. x Coordinatore: anche gli avvocati che ho sentito la pensano come te !

    Comunque la Gelmini ha fatto una cosa grande ! Adesso anche gli nformatori scientifici si sono mossi informatori.it e stanno pressando il miur ….
    Facciamo anche noi !
    M.

    x Marco: voglio vedere a settembre quanti crediti vogliono … prima di tutto alle università gli servono studenti … altrimenti, con la riforma, bye bye … compresi i “dirigenti “!

  413. Bella domanda Marco! …io ho proprio avuto lo stesso dubbio quando mi son recato alla presidenza della mia università dove gli stessi “dirigenti” non sapevano che cosa dire anzi si affidavano alla “conta pedissequa” degli esami da me sostenuti e la loro comparazione con quelli del corso di L triennale! con il risultato che dovevo recuperare non so quanti crediti!
    A volersi far rispettare e preferire camminare a testa alta certe volte ci si scontra con questa burocrazia bieca!
    Voglio proprio vedere queste nuove tabelle di equiparazione!

  414. No, caro Marco, non devi fare alcun esame. Equipollenza vuol dire che ha “uguale valore”, cioè che un titolo di studio è uguale, per Legge, ad un altro titolo a cui lo si è uguagliato. Quindi, qualora volessi iscriverti alla specialistica, a proseguimento della prima laurea che hai già acquisito, non dovrai sostenere nessun esame

  415. Marco potevi già iscriverti alla specialistica anche prima della Legge 240/2010. Articolo 6 comma 2 del Decreto 22 ottobre 2004, n.270

    Coordinatore??? Sei un triennale? complimenti per il tuo intervento…

    c.

  416. su ingegneresezioneb.it è già stata pubblicata la cosa con riconoscimento unanime da parte di chi ha conseguito laurea.
    Io sto scrivendo ai miei colleghi di corso di inviare quella mail al ministro Gelmini.
    Fatelo anche voi coinvolgete i vostri ex colleghi di corso nell’inviare la lettera.
    Ho una domanda però … l’equipollenza vuol dire anche avere riconosciuti anche 180 crediti ? O meglio se voglio conseguire in un futuro la specialistica devo fare degli eseami integrativi prima di accedere al corso vero vero e proprio ?
    Marco

  417. Scusa cosimo non capisco che cosa intendo con “Miur”??? Il tam tam lo ho fatto e anche bene. Ho anche scritto una e-mail(senza risposta) all’onorevole Vittoria Franco per delucidazioni, se volete fatelo pure voi.

    Se trovo spazio du siti nazionali io divulgo il verbo, fatelo anche voi, forza ragazzi!!!!

  418. Cari colleghi,
    state tranquilli per la continuità dell’equipollenza dei diplomi Universitari delle Scuole dirette a fini speciali e dei DU alle Lauree. Una volta conclamato lo stesso valore dei tre titoli accademici, qualora venisse fatta una “controriforma” (cosa non improbabile nella nostra povera Patria)non minerebbe affatto il riconoscimento datoci dall’art. 17 della L. 240/2010. Dovrebbero riinserire un nuovo articolo di Legge per annullare il primo, che farebbe scadere nel ridicolo i legislatori. Ma a questo punto non sarebbe più possibile, perché il riconoscimento del “dottorato” è avvenuto già per tutti coloro che avevano acquisito un diploma universitario di vecchio ordinamento, quindi l’improbabile controriforma dovrebbe rivolgersi a quanti si potrebbero diplomare successivamente alla “controriforma” stessa, cioé nessuno, perché i diplomi universitari sono stati sostituiti dalle Lauree triennali con la L 509/99. Cioè quanto avrebbe voluto già riconosere il Legislatore delle Scuole Universitarie a fini speciali e dei Diplomi Universitari a suo tempo. Ergo! La parlamentare Franco Vittoria probabilmente non sa ciò che dice e non conosce la valenza che i due titoli di studio hanno avuto tra gli anni 80 e 90. Le lauree attuali possono soltanto immaginarlo. Oltretutto l’emendamento è stato presentato dal suo partito e, guarda caso, è stato l’unico in quelle convulse giornate a passare. Sarà stato un caso o il riconoscimento tardivo di un ingiustizia di carattere legale? Ringraziamo, comunque, l’Onorevole Alessandra Siragusa di essere stata così intelligente a proporre l’emendamento (leggete l’interrogazione C.5/02309) che il Governo, intelligentemente, ha fatto passare. Ciao dottori, e fatevi rispettare!

  419. In gazzetta leggo testo della legge 240/2010 in vigore dal 29-1-2011. Occorre aspettare il DM per le tabelle di equiparazione ma questo non toglie che il TITOLO di DOTTORE spetta già ORA ai titolari di diploma universitario triennale. Non sarebbe male fare ognuno nel proprio piccolo “tam tam” per publicizzare tale riconoscimento… e tallonare Miur per news su tabelle

    C.

  420. Adesso dobbiamo aspettare il DM che dovrà essere emanato entro 120 gg. “dalla data di entrata in vigore della presente legge” ovvero dal 23.1.2011.
    Credo che ci vorrà del tempo anche se per la parte sanitaria (fisioterapisti, infermieri, logopedisti, ecc.) esiste già l’equipollenza. C’è da lavorare sulla parte ingeneria. Io sto contattato i miei ex colleghi pe rfar scrivere al ministero.
    M.

  421. Bravo Marco, parole sante e quello che vogliono fare!!!

    Facciamo pressioni e “spargiamo il verbo” anche si altri siti, facciamo muro. Teniamoci in contatto!!!!

  422. @ Matteo: L’On. Vittoria Franco (quest’ultimo è il cognome)! sito internet è il seguente http://www.vittoriafranco.it/
    Comunque non ha idea secondo me della consistenza dei programmi del D.U. perchè per loro conviente cancellare i LORO ERRORI del passato e FARCI FAR SPENDERE ALTRI SOLDI IN ESAMI COLLAGE DI QUELLI CHE ABBIAMO GIA’ SOSTENUTO!
    Continuiamo a far pressione ragazzi! Sperando che se cade il governo attuale non cancellino ancora una volta le riforme!

  423. …ma farei anche quella all’onorevole Franco Vittoria (Pd), per capire che cosa intenda dicendo che “ciò che finora era un diploma da domani si chiamerà laurea e coloro che hanno conseguito il diploma saranno dottori”. Perche secondo lui quelli che hannno il titolo L sarebbero dottori???

    Saluti

  424. Sono andato sul sito della camera ed ho scritto sia all’On. gelmini che all’On. Barbieri questo testo:

    Gent.mo Ministro,
    con la presente mi preme ringraziarLa per l’ottimo e assiduo lavoro svolto a difesa di chi, come me, è in posseso di un diploma universitario di 3 anni ingegneria che, fino alla promulgazione della legge di cui all’oggetto, era discriminato nei confronti dei laureati triennali che avevavo svolto il medesimo piano di studi.
    Grazie quindi per quanto sia Lei che l’On. Barbieri avete fatto per quasi 80.000 studenti che rischiavano di vedere cadere nel dimenticatoio il proprio titolo tanto sudato sui banchi universitari.
    Nella speranza di vedere al più presto pubblicato il decreto attuativo da parte del MIUR la saluto.

    Marco ************
    *****************
    ****************

    fatelo anche voi.

  425. Propongo di inviare una mail di ringraziamento invece al Ministro Gelmini ed all’on. E. Barbieri perchè grazie al suo DDL (C.1154 assorbito nel C. 3687) ha permesso di avere questa equipollenza.
    Con l’occasione inviterei il MIUR ad emanare il DM relativo alle classi L.
    Se qualcuno ha queste e-mail (istituzonali si intende) mi fa il piacere di postarle.
    Marco

  426. Utilizzerò un tono più pacato allora.

    Bravo Marco, chi ha fatto il D.U. ha studiato parecchio e non si tratta di DIPLOMA, come vogliono farlo passare, soprattutto i primi anni nel 1994-2000.

    Le università si sono incassati sia soldi dall’Europa che dalle ditte locali che promuovevano questi corsi e queste figure professionali nuove ma alla fine non hanno fatto muro per fare che i due titolo L e DU fossero equipollenti, e ora , forse, la cosa che non gli comoda più vogliono eliminare questa parità.

    Quindi propongo di divulgare la legge 240-2010 in modo che tutti sappiano che ora c’e’ e che, pare, stiamo cercando di eliminare quella parte.

    Propongo anche di inviare una e-mail all’onorevole Franco Vittoria (Pd) per chiedere chiarimenti sulle sue affermazione e se, da docente universitario, sappia che i D.U. si siano fatti il mazzo per avere il titolo e ci pare strano che , proprio lui, dica che si tratta di diploma quindi si sa bene che i D.U. avevano programmi molto più difficili rispetto alle L, io posso parlare di ing elettronica che avevamo esami del 4 e 5 anno e questo derivava dal fatto che i programmi di studio erano diversi rispetto alla L e completi e si doveva fare in 3 anni e non i 5 eliminando teoremi e dimostrazioni e assorbendo le metodologie operative prima di tutto.

    E cosi e’ stato, infatti tutti hanno trovato lavoro e lavorano ancora, cosa no vera per il titolo L, che spesso sono costretti a farsi la specialistica…

  427. Avevo scritto un post ma vedo che lo hanno cancellato… che ci siano i baroni anche qui? Vediamo se me lo cancellano nuovamente.

  428. L’equipollenza nella precedente legislatura era stata proposta dall’attuale opposizione. Aver fatto accedere all’ordine ingegeri (sez. B) i D.U. era già, a suo modo, un equipollenza.
    Quando ho fatto io il DU i professori di ingegneria facevano i programmi della laurea con pochi sconti. Aspettiamo il Decreto Ministeriale. Poi non capisco perchè un DU in fermeria è equipollente ad una laurea in scinze infermeristiche e non deve essere così per l’area ingegneria.

  429. Ottimo Cosimo! cos’è il CUP 3???
    ora si vede chiaramente che questo voto contrario è stato fatto più per motivi di contrapposizione puramente ideologica piuttosto che nella sostanza dell’argomento. Poi l’influenza della lobby delle università è palese anche se a questo punto quest’ultima non andrà a perdere nulla se l’equiparazione verrà riconosciuta.

    saluti a tutti!

  430. Cosimo, io non sono ne PD ne PLD.

    Ho riportato solamente chi ha messo li l’emendamento ed e’ fatto da una onorevole del PD, poi il PDL lo ha votato, bene sono felice sia per il PD che per il PDL, e soprattutto per chi visto colmarsi un’ingiustizia che andava avanti da troppi anni. Cosimo hai fatto bene ad evidenziarlo il voto, bravo!!!!

    Ora, ragazzi cosa si fa? Leggendo quello che scrive Cosimo si vuole discriminare il programma di studio dei D.U., dicendo che si tratta di diploma mentre la laurea, e si quella e’ diversa, ma fatemi il piacere… Chi ha un D.U. sa quanto sangue ha sputato sopra i libri, e che questi, che magari la laurea la hanno comperata voglioni venire ad insegnarci come si studia???

    Io ho fatto l’esame di stato e sono arrivato davanti a tantissimi laureati di primo livello. Il D.U. lo ho conseguito nel 1997 e l’esame di stato nel 2009, a Padova, non a Crotone… quindi, onorevoli non venite a dirci chi sia piu’ erudito tra i due titoli universitari, per favora…

    Facciamo tam tam sui siti, forum, nazionali e pubblicizzate l’equipollenza in modo che tutti lo sappiano, 80.000 persone lo devono sapere. Creiamo delle reti di contatti, in modo che il parlamento sappia che se ci remano contro saremo in tanti ad fare muro e a protestare. Ora la legge c’e’ e facciano che non elimino l’emendamento che da dignita’ al titolo.
    Dottori, dite la vostra sull’argomento, A presto Matteo

  431. Sicuramente la strada è ancora in salita, sicuramente faranno di tutto per ostacolare questa “nuova giustizia” conquistata dopo anni anni anni, ma ora abbiamo la LEGGE 240/2010. E’ vero che qualcuno solleva il problema dei decreti attuativi, delle circolaridi attuazione, di come verranno elaborate le tabelle di comparazione diploma-laurea del comma 4, MA ORA ABBIAMO UNA LEGGE CHE PRIMA NON C’ERA. I legislatori è soprattutto l’onorevole Barbieri Emerenzio (Pdl) hanno fatto un ottimo lavoro ora tocca anche a noi non “auto-sottovalutarci”. Fonte: http://www.parlamento.it/leg/16/BGT/Schede/Ddliter/31479.htm

    Non è per polemizzare ma sta anche a noi ora farci valere giorno dopo giorno per promuovere il nostro titolo universitario ma soprattutto farlo conoscere meglio a quelli che ancora non lo conoscono o fanno finta università compresa!

    Riporto qui sotto (non è per polemizzare ma solo per capire come siamo messi a livello universitario)
    l’intervento in fase di discussione della Legge 240/2010 dell’Onorevole e DOCENTE UNIVERSITARIA Franco Vittoria (Pd)
    Fonte: http://www.parlamento.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Resaula&leg=16&id=518421

    “Signor Presidente, intervengo anche in questo caso per denunciare un peggioramento derivante dalle modifiche apportate alla Camera, a conferma del fatto che l’impostazione meritocratica di questo disegno di legge è molto problematica per non dire, a volte, anche finta. Nell’articolo 17, introdotto alla Camera, il diploma delle scuole dirette a fini speciali e i diplomi universitari istituiti ai sensi della legge 19 novembre 1990, n. 341, vengono equiparati alla laurea. Pertanto, ciò che finora era un diploma da domani si chiamerà laurea e coloro che hanno conseguito il diploma saranno dottori. Io ritengo che in questo modo si raggiungano due risultati negativi: lo scadimento della laurea triennale, un titolo che comunque richiede un certo curriculum e un certo ordine di studi; inoltre, in questo modo si introduce il principio dell’ope legis, che noi contrastiamo per tante altre figure, mentre in questo articolo viene surrettiziamente introdotto.Io ho presentato l’emendamento 17.1 proprio per denunciare lo scadimento del titolo di studio che è determinato da questo articolo, quindi mi auguro che l’Assemblea lo voglia accogliere. ”
    L’onorevole e docente universitaria Franco non ha la più pallida idea di cos’è il diploma universitario
    triennale e da come utilizza il termine “diploma” sembrerebbe un diploma di scuola superiore!

    RINGRAZIO IL CUP3 PER IL GRANDE LAVORO PORTATO AVANTI FINORA
    SOPRATTUTTO DI “MESSA IN RETE DELLA COMUNITA’ UNIVERSITARIA TRIENNALE”

    E PER FINIRE PER TRASPARENZA (fonte http://www.parlamento.it/leg/16/BGT/Schede/Ddliter/votazioni/481_34.htm)

    I SENATORI CHE HANNO VOTATO A FAVORE DELL’EQUIPOLLENZA DIPLOMA TRIENNALE – LAUREA TRIENNALE:

    (elenco)Fai click per espandere questa voce

    * ADERENTI Irene, LNP
    * ALICATA Bruno, PdL
    * ALLEGRINI Laura, PdL
    * AMATO Paolo, PdL
    * AMORUSO Francesco Maria, PdL
    * ASCIUTTI Franco, PdL
    * AUGELLO Andrea, PdL
    * AZZOLLINI Antonio, PdL
    * BALBONI Alberto, PdL
    * BALDINI Massimo, PdL
    * BARELLI Paolo, PdL
    * BENEDETTI VALENTINI Domenico, PdL
    * BERSELLI Filippo, PdL
    * BETTAMIO Giampaolo, PdL
    * BEVILACQUA Francesco, PdL
    * BIANCONI Laura, PdL
    * BODEGA Lorenzo, LNP
    * BOLDI Rossana, LNP
    * BONDI Sandro, PdL
    * BONFRISCO Anna Cinzia, PdL
    * BORNACIN Giorgio, PdL
    * BOSCETTO Gabriele, PdL
    * BRICOLO Federico, LNP
    * BURGARETTA APARO Sebastiano, Misto
    * BUTTI Alessio, PdL
    * CAGNIN Luciano, LNP
    * CALABRO’ Raffaele, PdL
    * CALDEROLI Roberto, LNP
    * CALIENDO Giacomo, PdL
    * CAMBER Giulio, PdL
    * CANTONI Gianpiero Carlo, PdL
    * CARDIELLO Franco, PdL
    * CARRARA Valerio, PdL
    * CARUSO Antonino, PdL
    * CASOLI Francesco, PdL
    * CASTELLI Roberto, LNP
    * CASTRO Maurizio, PdL
    * CENTARO Roberto, PdL
    * CICOLANI Angelo Maria, PdL
    * COLLI Ombretta, PdL
    * COMINCIOLI Romano, PdL
    * COMPAGNA Luigi, PdL
    * CONTI Riccardo, PdL
    * CONTINI Barbara, FLI
    * CORONELLA Gennaro, PdL
    * COSTA Rosario Giorgio, PdL
    * CUFFARO Salvatore, UDC-SVP-Aut:UV-MAIE-Io Sud-MRE
    * D’ALI’ Antonio, PdL
    * D’AMBROSIO LETTIERI Luigi, PdL
    * DE ANGELIS Candido, FLI
    * DE ECCHER Cristano, PdL
    * DE FEO Diana, PdL
    * DE LILLO Stefano, PdL
    * DELOGU Mariano, PdL
    * DI GIACOMO Ulisse, PdL
    * DI STEFANO Fabrizio, PdL
    * DIGILIO Egidio, FLI
    * DINI Lamberto, PdL
    * DIVINA Sergio, LNP
    * ESPOSITO Giuseppe, PdL
    * FANTETTI Raffaele, PdL
    * FASANO Vincenzo, PdL
    * FAZZONE Claudio, PdL
    * FERRARA Mario, PdL
    * FILIPPI Alberto, LNP
    * FIRRARELLO Giuseppe, PdL
    * FLERES Salvo, PdL
    * FLUTTERO Andrea, PdL
    * FOSSON Antonio, UDC-SVP-Aut:UV-MAIE-Io Sud-MRE
    * FRANCO Paolo, LNP
    * GALLO Cosimo, PdL
    * GALLONE Maria Alessandra, PdL
    * GAMBA Pierfrancesco Emilio Romano, PdL
    * GARAVAGLIA Massimo, LNP
    * GASPARRI Maurizio, PdL
    * GENTILE Antonio, PdL
    * GERMONTANI Maria Ida, FLI
    * GHIGO Enzo Giorgio, PdL
    * GIORDANO Basilio, PdL
    * GIOVANARDI Carlo, PdL
    * GIULIANO Pasquale, PdL
    * GRAMAZIO Domenico, PdL
    * GRILLO Luigi, PdL
    * IZZO Cosimo, PdL
    * LATRONICO Cosimo, PdL
    * LAURO Raffaele, PdL
    * LENNA Vanni, PdL
    * LEONI Giuseppe, LNP
    * LICASTRO SCARDINO Simonetta, PdL
    * LONGO Piero, PdL
    * MALAN Lucio, PdL
    * MANTICA Alfredo, PdL
    * MANTOVANI Mario, PdL
    * MARAVENTANO Angela, LNP
    * MASSIDDA Piergiorgio, PdL
    * MAURO Rosa Angela, LNP
    * MAZZARACCHIO Salvatore, PdL
    * MAZZATORTA Sandro, LNP
    * MENARDI Giuseppe, FLI
    * MESSINA Alfredo, PdL
    * MONTANI Enrico, LNP
    * MONTI Cesarino, LNP
    * MORRA Carmelo, PdL
    * MUGNAI Franco, PdL
    * MURA Roberto, LNP
    * NESPOLI Vincenzo, PdL
    * NESSA Pasquale, PdL
    * ORSI Franco, PdL
    * PALMIZIO Elio Massimo, PdL
    * PASTORE Andrea, PdL
    * PETERLINI Oskar, UDC-SVP-Aut:UV-MAIE-Io Sud-MRE
    * PICCIONI Lorenzo, PdL
    * PICCONE Filippo, PdL
    * PICHETTO FRATIN Gilberto, PdL
    * PINZGER Manfred, UDC-SVP-Aut:UV-MAIE-Io Sud-MRE
    * PISANU Beppe, PdL
    * PISCITELLI Salvatore, PdL
    * PITTONI Mario, LNP
    * PONTONE Francesco, FLI
    * POSSA Guido, PdL
    * QUAGLIARIELLO Gaetano, PdL
    * RAMPONI Luigi, PdL
    * RIZZI Fabio, LNP
    * RIZZOTTI Maria, PdL
    * SACCOMANNO Michele, PdL
    * SACCONI Maurizio, PdL
    * SAIA Maurizio, FLI
    * SALTAMARTINI Filippo, PdL
    * SANCIU Fedele, PdL
    * SANTINI Giacomo, PdL
    * SARO Giuseppe, PdL
    * SARRO Carlo, PdL
    * SCARABOSIO Aldo, PdL
    * SCARPA BONAZZA BUORA Paolo, PdL
    * SCIASCIA Salvatore, PdL
    * SERAFINI Giancarlo, PdL
    * SIBILIA Cosimo, PdL
    * SPADONI URBANI Ada, PdL
    * SPEZIALI Vincenzo, PdL
    * STANCANELLI Raffaele, PdL
    * STIFFONI Piergiorgio, LNP
    * TANCREDI Paolo, PdL
    * THALER AUSSERHOFER Helga, UDC-SVP-Aut:UV-MAIE-Io Sud-MRE
    * TOFANI Oreste, PdL
    * TOMASSINI Antonio, PdL
    * TORRI Giovanni, LNP
    * TOTARO Achille, PdL
    * VACCARI Gianvittore, LNP
    * VALDITARA Giuseppe, FLI
    * VALENTINO Giuseppe, PdL
    * VALLARDI Gianpaolo, LNP
    * VALLI Armando, LNP
    * VICARI Simona, PdL
    * VICECONTE Guido, PdL
    * VIESPOLI Pasquale, FLI
    * VIZZINI Carlo, PdL
    * ZANETTA Valter, PdL
    * ZANOLETTI Tomaso, PdL

    I SENATORI CHE HANNO VOTATO CONTRO L’EQUIPOLLENZA DIPLOMA TRIENNALE – LAUREA TRIENNALE:

    * ADAMO Marilena, PD
    * AGOSTINI Mauro, PD
    * AMATI Silvana, PD
    * ANDRIA Alfonso, PD
    * ANTEZZA Maria, PD
    * ARMATO Teresa, PD
    * ASTORE Giuseppe, Misto
    * BAIO Emanuela, PD
    * BARBOLINI Giuliano, PD
    * BASSOLI Fiorenza, PD
    * BERTUZZI Maria Teresa, PD
    * BIANCO Enzo, PD
    * BIONDELLI Franca, PD
    * BLAZINA Tamara, PD
    * BOSONE Daniele, PD
    * BUBBICO Filippo, PD
    * BUGNANO Patrizia, IdV
    * CABRAS Antonello, PD
    * CAFORIO Giuseppe, IdV
    * CARLINO Giuliana, IdV
    * CARLONI Anna Maria, PD
    * CAROFIGLIO Gianrico, PD
    * CASSON Felice, PD
    * CECCANTI Stefano, PD
    * CERUTI Mauro, PD
    * CHIAROMONTE Franca, PD
    * CHITI Vannino, PD
    * CHIURAZZI Carlo, PD
    * COSENTINO Lionello, PD
    * D’AMBROSIO Gerardo, PD
    * DE LUCA Vincenzo, PD
    * DE SENA Luigi, PD
    * DE TONI Gianpiero, IdV
    * DEL VECCHIO Mauro, PD
    * DELLA MONICA Silvia, PD
    * DELLA SETA Roberto, PD
    * DI GIOVAN PAOLO Roberto, PD
    * DI NARDO Aniello, IdV
    * D’UBALDO Lucio Alessio, PD
    * FERRANTE Francesco, PD
    * FILIPPI Marco, PD
    * FINOCCHIARO Anna, PD
    * FIORONI Anna Rita, PD
    * FISTAROL Maurizio, Misto
    * FOLLINI Marco, PD
    * FONTANA Cinzia Maria, PD
    * GALPERTI Guido, PD
    * GARAVAGLIA Mariapia, PD
    * GARRAFFA Costantino, PD
    * GASBARRI Mario, PD
    * GHEDINI Rita, PD
    * GIAMBRONE Fabio, IdV
    * GIARETTA Paolo, PD
    * GRANAIOLA Manuela, PD
    * ICHINO Pietro, PD
    * INCOSTANTE Maria Fortuna, PD
    * LANNUTTI Elio, IdV
    * LATORRE Nicola, PD
    * LEDDI Maria, PD
    * LEGNINI Giovanni, PD
    * LI GOTTI Luigi, IdV
    * LIVI BACCI Massimo, PD
    * LUMIA Giuseppe, PD
    * LUSI Luigi, PD
    * MAGISTRELLI Marina, PD
    * MARCENARO Pietro, PD
    * MARCUCCI Andrea, PD
    * MARINARO Francesca Maria, PD
    * MARINI Franco, PD
    * MARINO Mauro Maria, PD
    * MASCITELLI Alfonso, IdV
    * MAZZUCONI Daniela, PD
    * MERCATALI Vidmer, PD
    * MICHELONI Claudio, PD
    * MOLINARI Claudio, PD
    * MONGIELLO Colomba, PD
    * MORANDO Enrico, PD
    * MORRI Fabrizio, PD
    * MUSI Adriano, PD
    * NEGRI Magda, PD
    * NEROZZI Paolo, PD
    * PARDI Francesco, IdV
    * PASSONI Achille, PD
    * PEDICA Stefano, IdV
    * PEGORER Carlo, PD
    * PERTOLDI Flavio, PD
    * PIGNEDOLI Leana, PD
    * PINOTTI Roberta, PD
    * RANUCCI Raffaele, PD
    * ROILO Giorgio, PD
    * ROSSI Paolo, PD
    * RUSCONI Antonio, PD
    * SANGALLI Gian Carlo, PD
    * SANNA Francesco, PD
    * SCANU Gian Piero, PD
    * SERAFINI Anna Maria, PD
    * SIRCANA Silvio Emilio, PD
    * SOLIANI Albertina, PD
    * STRADIOTTO Marco, PD
    * TEDESCO Alberto, PD
    * TOMASELLI Salvatore, PD
    * TONINI Giorgio, PD
    * TREU Tiziano, PD
    * VIMERCATI Luigi, PD
    * VITA Vincenzo Maria, PD

  432. Il regolamento attuativo dove si identificano le classi di laurea magistrale dev’essere emesso entro 120 giorni dall’entrata in vigore della legge.

    Per gli ordini professionali nulla cambiera’ dato che i possessori di titolo D.U. potevano gia’ accedervi in sezione B.

    Quello che cambia veramente sono gli accessi alla categoria D per la P.A. per i quali si puo’ accedere direttamente coma gia’ possono fare i possessori di L e LS.

    I possessori di D.U. sono dichiarati dottori ed equparati a tutti gli effetti al titolo L.

    Va precisata una cosa, questo emendamento e’ stato messo li dell’onorevole Siracusa del P.D. e senza di lei nessuno avrebbe mai piu’ dato dignita al titolo.

    La potete trovare sul sito della camera dei deputati dove e’ possibile anche inviare delle e-mail, cosa che io ho gia’ fatto.

    Teniamo vivo questo forum ad aggiorniamoci regolarmente sulla cosa.
    Saluti

  433. Aspettiamo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale a giorni. Mi sento di dire che grossi cambiamenti per quanto riguarda questo articolo non dovrebbero esserci, infatti manca “solo” il decreto attuativo che dovrà definire le classi di laurea (secondo l’attuale ordinamento) a cui i D.U. faranno riferimento. Speriamo in tempi brevi…Comunque questa legge ci voleva, sono più di 10 anni che la stavo aspettando e non ci credevo più…forse un po’ di giustizia è stata fatta.

  434. Grazie Marco (mio omonimo) 🙂 ora bisogna vedere come e se ci saranno tutti gli altri cambiamenti
    Mi sento di certo un po piu sollevato …anche se tardiva questa legge alla fine e’ arrivata! 🙂

  435. Grazie Matteo per aver riportato queste BUONE NOTIZIE spero vivamente che questa benedetta legge passi definitivamente! e non finisce qui perchè si dovrà vedere nei fatti e nelle applicazioni come nei requisiti dei concorsi pubblici e nell’inserimento in ordini professionali, e altre applicazioni! Spero che non si fermi qui la riforma di questa “Italietta”
    Per diventare ad esempio un Direttore tecnico di Agenzia di viaggi e turismo in molte regioni (se non tutte) l’unico criterio discriminatorio reale è la residenza 🙂 non un titolo di studio superiore come la laurea in Economia del turismo che qualche preparazione seria di gestione del business la garantisce!
    Cmq la speranza è l’ultima a morire MA non si vive di sola speranza! 🙁

  436. Testo legge Gelmini approvato il 23/12/10 dal Senato ora quasi-legge:

    Art. 17.
    (Equipollenze)

    1. I diplomi delle scuole dirette a fini

    speciali istituite ai sensi del decreto del

    Presidente della Repubblica 10 marzo

    1982, n. 162, riconosciuti al termine di un

    corso di durata triennale, e i diplomi universitari

    istituiti ai sensi della legge 19

    novembre 1990, n. 341, purche´ della medesima

    durata, sono equipollenti alle lauree

    di cui all’articolo 3, comma 1, lettera

    a), del regolamento di cui al decreto del

    Ministro dell’universita` e della ricerca

    scientifica e tecnologica 3 novembre 1999,

    n. 509.

    2. Ai diplomati di cui al comma 1 compete

    la qualifica accademica di «dottore»

    prevista per i laureati di cui all’articolo 13,

    comma 7, del decreto del Ministro dell’istruzione,

    dell’universita` e della ricerca 22

    ottobre 2004, n. 270.

  437. sono laureata in Scienze delle Attivita Motorie Adattative e Preventive,vorrei sapere se questa laurea è equipollente a Fisioterapia

  438. vorrei sapere se il diploma di Assistente Sociale conseguito presso l’Università di Perugia in data 24.1.1980 – Facoltà di Scienze Politiche a quale altro diploma o laurea vecchio ordinamento è equipollente

  439. vorrei sapere se il diploma di geometra è equipollente al diploma di perito industriale con idirizzo elettrotecnico

  440. Concordo con Maria!
    Il D.U. titolo che hanno creato a suo tempo per essere piu “europei” non ha piu alcun valore legale o LO HA NEL MOMENTO IN CUI vuoi conseguire la L e la LM allora ti verra’ letteralmente VENDUTA la LM perche’ la L non te la vogliono far conseguire perche’ sanno gia’ che DI FATTO e’ equiparata alla L ma GIURIDICAMENTE i Padroni-Ladroni delle Universita’ non vogliono che cio’ fosse possibile …..semplicemente per una questione di SOLDI! Infatti chi vuole conseguire la L o la LM dovra’ PAGARE PER INTERO le tasse universitarie perche’ SECONDO TITOLO!
    Ecco qui la GRANDE TRUFFA!
    SPERO VIVAMENTE CHE IL DECRETO PER SANARE QUESTO “GUAZZABUGLIO” PASSI …ALMENO SI POTRA’ SMETTER DI MENTIRE!

  441. E’ una vera ignominìa e un immane deficenza culturale il fatto che ancora ad oggi, anno domini 2010, non si sia fatto chiarezza sull’equipollenza alle lauree tradizionali dei titoli rilasciati dalle Accademie di Belle Arti. E’ sicuramente certo che chi consegue un Diploma Accademico in Pittura presso una delle tantissime, tra statali e legalmente riconosciute, Accademie d’Italia abbia, grazie alla riforma universitaria, conseguito una Laurea di I livello. Il fatto è che per accedere a qualsiasi concorso pubblico, anche il più scadente, viene richiesto di specificare l’esatto riferimento normativo di equipollenza del titolo ad una determinata Laurea. Ad oggi questo riferimento normativo è possibile indicarlo con tutti i più insignificanti e dimenticati titoli di studio ma ancora per i già “RICONOSCIUTI LAUREATI” presso le Accademie di Belle Arti è un’impresa non solo impossibile ma anche molto umiliante visto che per ottenere queste lauree molta gente ha fatto molti anni di studio e dedizione sacrificando se stessi e anche le proprie convinzioni artistiche e professionali. Per non parlare del fatto che spesso e anzi spessissimo i laureati in Belle Arti sono molto più preparati e pratici di tantissimi sedicenti Dottori in blasonate e ridondanti storiche discipline universitarie. Invito tutti coloro che hanno un minimo senso della giustizia ad unirsi per contribuire nella lotta per ridare la propria ed originaria dignità istituzionale alle Accademie di Belle Arti.
    Per quanto mi riguarda, stanco di aspettare fantomatici quanto inefficenti politici di turno, sto per aprire un gruppo di discussione su facebook sul quale invito tutti coloro che sono coinvolti in questa odissea di una laurea ingiustamente ed immeritatamente osteggiata a prendere parte per organizzare una vera protesta pratica e vera.

  442. Ciao Maria Elena la laurea classe 14 di scienze della comuniucazione è come se fosse una laurea L-20 in scienze della comunicazione…è la stessa cosa solo che con la nuova riforma i corsi hanno cambiato “classe” !!! Non devi fare nulla ecco la tabella =)
    http://attiministeriali.miur.it/UserFiles/3161.pdf

    Ps : Nn scrivere mai piu’ “scienza” perchè si dice scienze della comunicazione che è tutt’altra cosa … Ciao Ciao =)

  443. Perchè creare perplessità il Valore legale è dato dalla CLASSE di
    appartenenza lo stabilisce la legge ; in questi anni abbiamo osservato al diffondersi di corsi di laurea allo scopo di mantenere a far nulla docenti e rettori, si parla spesso di abolizione del valore legale che vede cosi
    le qualifiche o denominazioni delle lauree essere partecipi alla città globalizzata del sapere altra cosa sono però gli esami di stato che sembra proprio non possano essere aboliti ; quindi se un ente deve produrre in un concorso per i propri quadri deve sapere a quale
    classe è efferente quella qualifica o corso di laurea e quindi stabilire cosi l’esatto VALORE .

  444. Ciao!
    MI SONO LAUREATA IN “TECNOLOGIE DELL’ISTRUZIONE E DELLA COMUNICAZIONE” NEL 2006 PRESSO L’UNIVERSITA’ DI MESSINA FACOLTA’ SCIENZE DELLA FORMAZIONE. OGGI QUESTA LAUREA NON C’è PIU’.SI CHIAMA SEMPLICEMENTE “SCIENZA DELLA COMUNICAZIONE” CON LA CLASSE DI LAUREA L-20.
    ECCO IL MIO PROBLEMA: LA MIA CLASSE DI LAUREA CORRISPONDE ALLA CLASSE 14, MA HO VISTO NELL’ELENCO NAZIONALE DELLE CLASSI DI LAUREA CHE CODESTA CLASSE CORRISPONDEREBBE A SCIENZE GIURIDICHE. COSA DEVO FARE? DEVO FAR AGGIORNARE IL MIO CERTIFICATO DI LAUREA?
    GRAZIE.

    MARIA ELENA

  445. Ciao!
    Sono una studentessa da poco laureata in scienze antropologiche e mi appresto ad iscrivermi alla magistrale in Progettazione e gestione dell’intervento educativo nel disagio sociale. Vorrei innanzitutto capire se questa classe di laurea, LM 50, che è stata accorpata alla classe di lauree in scienze dell’educazione, mi permette di accedere all’insegnamento e se, in caso contrario, posso fare degli esami in più cumulandoli a quelli superati durante il triennio in modo tale da raggiungere i crediti necessari che una determinata classe di concorso richiede. Grazie a tutti.

    Giusi

  446. Salvo sto per laurearmi in scienze della comunicazione precisamente comunicazione pubblica classe14 ( si parla quindi di comunicazione all’interno delle pubbl amministrazioni) … Proseguiro’ gli studi con una laurea magistrale lm 59 in scienze della comunicazione d’impresa e pubblicità. Ho sempre saputo che la laurea in scienz della comunicazione e la laurea in sociologia fossero equipollenti a scienze politiche ai fini dei concorsi pubblici…Adesso mi sembra di capire che non sia più così e che l’equipollenza valga solamente per il vecchio ordinamento.Avete notizie a riguardo?poi a quanto pare dal 2009 la specialistica in sociologia 89/s è stata equiparata a scienze politiche mentre la specialistica in comunifcazione no!!! ma è normale??sociologia , scienze politiche e sciene politiche sono tre lauree SOCIO-POLITICHE e che dovrebbero essere equiparate!!!!

  447. Salve, io sono laureata in Scienze naturali (vecchio ordinamento) e desideravo sapere con una certa urgenza se c’è un qualche possibile appiglio (normativo e non) per poter accedere ad un concorso presso un ente locale per “Funzionario per i servizi ambientali e chimici” nel cui bando sono richiesti i seguenti titoli d’accesso “Lauree specialistiche in Biologia (LS6), in Scienze e Tecnologie per l’ Ambiente e il Territorio (LS82) Lauree specialistiche in Scienze Chimiche (LS62), Scienze e Tecnologie della Chimica Industriale (LS81)…” Non capisco perchè abbiano escluso il mio Diploma di laurea! Grazie anticipate a chi saprà e vorrà rispondermi!
    Laura.

  448. Ciao a tutti, ma c’è l’email dell’onorevole Barbieri a cui tutti potremmo scrivere e far scrivere, per ottenere questa sacrosanta equiparazione…
    inegneri juoinior …si con il D.U. in ingegneria informatica…abilitati all’albo, con tasse e tutto quanto…si può esercitare la stessa professione…ma non si è come i laureati di I livello….è una contraddizione palese che il nostro onorevole Barbieri, cui va il nostro ringraziamento…dovrebbe farsi carico di sanare!

  449. Ragazzi che vergogna che è l’Italia:
    ho il D.U. in ing. informatica e automatica e volevo partecipare ad un concorso pubblico del ministero degli interni per assistenti informatici, sapete che mi hanno risposto ?

    Esclusa dal concorso!

    Perchè il D.U. non vale come titolo di laurea triennale e bastava avere un qualsiasi diploma di maturità con annesso corso di 600 ore della regione o altro ente per entrare! Una beffa!

    Mi sono fatta quasi 4 anni di UNIVERSITA’, con sacrifici enormi per prendere quella che chiamavano “laurea breve” e adesso cosa sono ? Non sono laureata! Non sono brevi-laureata! Non mi accettano il titolo ad un CONCORSO PUBBLICO DEL MINISTERO! E vanno avanti dei caproni col corsicchio regionale, mentre io che HO BUTTATO IL SANGUE ED HO PRESO IL TITOLO CON 110 e lode SONO A SPASSO!

    E intanto gli anni passano e questa equiparazione non arriva MAI!

    Che vergogna che è l’Italia! Mi vergogno di essere italiana.

    Spero di andarmene all’estero e prendere la cittadinanza straniera, dopodichè lo brucio il passaporto italiano e non faccio più ritorno in questa BARZELLETTA di paese.

    (Scusate lo sfogo)

  450. Ciao sono laureata in scienze naturali e vorrei partecipare a un concorso pubblico che richiede la laurea in scienze ambientali o equipollenti. Mi si chiede “Se trattasi di titolo equipollente a quello messo a concorso indicare gli estremi del provvedimento o legge che ne ha dichiarato l’equipollenza…” . Ho provato a fare diverse ricerche ma non sono venuta a capo di nessuna risposta…che fare?!

  451. Per rispondere ancora ad Alessandra riguardo l’equipollenza della laurea in Scienze Strategiche preciso che è in atto una interpellanza come da link

    http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_16/showXhtml.Asp?idAtto=26711&stile=6&highLight=1

    Non si sa ovviamente quando avranno tempo per rispondere, tra case che non si sa da chi siano state pagate, escort, pm e quant’altro però la richiesta è stata avanzata.
    Io nel dubbio mi ero dotato di una seconda Laurea in Ingegneria ma anche quella adesso serve a poco.

  452. La laurea in scienze strategiche che mi risulti non è equiparabile a nulla tranne in qualche sporadico concorso. Quindi il suo Valore è conseguente a ciò. Semplicemente è stato costruito ad arte un artificio per dare del Dottore agli Ufficiali in modo che si presentassero al mondo civile con il titolo di Dr e non di geometra, liceale o perito. Sia chiaro che la formazione è comunque superiore al Diploma e quindi in un certo modo andava riconosciuta agli occhi del mondo civile che, come noto, ama farsi affabulare dal titolo. D’altro canto però, questa Laurea “non andava riconosciuta troppo” per impedire agli Ufficiali di uscire dal Sistema (cosa avvenuta in quantità ad esempio negli anni 90) per spendere la Laurea nel mondo civile. Pericolo che oggi non sussiste più in ragione della crisi economica che fa di gran lungo preferire la carriera statale. La brutalizzo così ma il succo è questo. Ulteriori precisazioni le posso dare in separata sede

  453. Qualcuno sa se la laurea in scienze strategiche è equiparabile ad altre? Ad esempio scienze politiche o similari? Ed eventualmente a chi posso rivolgermi? Grazie.

  454. x Annamaria: Rivolgiti al Vaticano 😉 ….scherzo…..dovresti vedere il bando del concorso, vedere sul sito del ministero dell’istruzione e/o parlare con qualcuno nei sindacati o provveditorati…..

  455. Vorrei sapere se i miei titoli di diploma accademico quadriennale in scienze religiose e la laurea triennale in scienze della formazione mi permettono di partecipare al concorso per dirigente scolastico che verra’ bandito tra non molto.

  456. X Marco, sono una delle 80.000 vittime della politica all’italiana…
    venite, venite tutti al D.U., è più facile e poi andate a lavorare subito…
    risultato:
    A) esame + stage + 28 esami con salto mortale perche spesso i docenti ci davano lo stesso programma dei quinquennali (come fai a capire un integrale se non ti sei studiato tutto quello che c’è prima????)
    B) 3/4 riforme universitarie e gradualmente il termine D.U. scompare
    C) NON siamo laureati e quindi cosa siamo? (ovvero le università emettono titoli senza valore)
    D) la normativa tecnica ha progressivamente cancellato il profilo D.U. (vedi art 10 d.lgs 494 e stesso art 98 del D.lgs 81/08)

    Xme, la responsabilità è del MIUR che ha demandato alle facoltà la valutazione dei CFU e siamo tutti fregati!!!

  457. Andiamo bene ….ora si minacciano le elezioni anticipate (per modo di dire) chissà questo benedetto progetto di legge diventerà realtà …in fondo ora gira voce che neanche la laurea di tre anni sarà sufficiente ma occorreranno almeno quattro anni per averne una!
    POI la grande INFAMIA è che i c.d. Diplomi universitari tutti dovevano dare sbocco a delle figure professionali legalmente riconosciute attraverso sicuramente degli esami di stato ma comunque i Diplomi stessi dovevano costituire una corsia preferenziale per formare persone qualificate a svolgere determinate professioni!
    nel settore turistico per esempio il DU in Economia del turismo NON da alcun vantaggio (basta la licenza superiore se non addirittura la licenza media) a chi vorrebbe fare l’esame di Direttore tecnico di Agenzia di Viaggi …e poi dicono che si fanno le truffe!!!
    Mi iscrissi a suo tempo al DU convinto di fare una scelta più pragmatica e fiducioso nell’ammodernamento del sistema e dell’Università ma mi son reso conto che l’Italia non è un paese per le innovazioni ….

  458. salve vorrei avere info circa l’equipollenza dei titoli di studio…per un concorso si richiede il seguente titolo di studio:”Diploma di laurea vecchio ordinamento, ovvero Laurea Triennale nuovo ordinamento in Giurisprudenza o Economia e commercio o Scienze Politiche o altro titolo equipollente a norma di legge”. Secondo voi la laurea triennale in Economia Aziendale si può considerare eqipollente ad una di quelle elencate sul bando?? e se si quali sono gli estremi normativi che ne sanciscono l’equiparazione??? ho fatto ricerche su google ma senza risultati soddisfacenti…grazie a tutti x l’aiuto…francy

  459. ciao vorrei ricevere alcune delucidazioni relative ad equipollenza ed equiparazione. Secondo la vecchia legislatura vi era equipollenza tra pedagogia (scienze dell’educazione e della formazione etc) tant’è che molti psicologi hanno svolto e svolgono ruoli professionali educativi. Cosa dice e qual è l’attuale normativa? e l’esperienza? viene considerata sufficiente per poter inquadrare uno psicologo come educatore?
    grazie

  460. ciao.
    ho una laurea in odontoiatria conseguita a bogotà(colombia) e una specializzazione in endodoncia (università di buenos aires).
    vorrei sapere se presentando tutti i documenti richiesti, inclusa dichiarazione di valore, traduzioni legalizzate etc. ad una università italiana posso aspirare ad una equipollenza della mia laurea in odontoiatria a una laurea in igiene dentale italiana.
    grazie

  461. x Ninni e Fiorella: Il fatto è che nei bandi pubblici dovrebbero essere indicate esattamente le tipologie di laurea che richiedono…anche se non ci metterei le mani sul fuoco! ;-(

  462. Ho conseguito nel luglio 2000, la laurea in Ingegneria per l’ambiente ed il territorio.
    Vorrei sapere se posso partecipare ad un concorso che così recita :

    Laurea in Ingegneria edile, civile ed equipollente o in Architettura- (diplomi di laurea conseguiti con il vecchio ordinamento o laurea specilistica conseguita con il nuovo ordinamento)
    Grazie per l’aiuto.

  463. CIAO. IO HO LA LAUREA TRIENNALE ORDINAMENTO EX D.M. 509/99 IN A.O.G.R. E MI STO PER LAUREARE ALLA SPECIALISTICA DI SCIENZE DELL’AMM.NE. UN ENTE LOCALE HA BANDITO UN CONCORSO PER ISTRUTTORE DIRETTIVO D1 SERVIZI FINANZIARI CHIEDENDO LA LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA E COMMERCIO E MI HA ESCLUSA AMMETTENDO INVECE UN LAUREATO IN SCIENZE POLITICHE. A COSA SERVE LAUREARSI PER ENTRARE NELLA P.A. SE POI LE P.A. NON RICHIEDONO QUESTA LAUREA SPECIFICA? POSSIBILE CHE PER I PUBBLICI CONCORSI NON CI SIA UN’EQUIPOLLENZA TRA SCIENZE DELL’AMM.NE E ECONOMIA E COMMERCIO QUANDO NEL PIANO DI STUDI CI SONO DIVERSI ESAMI SU CONTABILITA’ DEGLI ENTI PUBBLICI, ECONOMIA POLITICA, POLITICA ECONOMICA, ETC ETC ETC?

  464. io punto e’ che ;’italia e’ la repobbica delle banane e che tutto e’ fatto per accontentare i parenti o la politica. Perche hanno fatto l’equipollenza della sanira tra D.U. e L. e non per ghi altri? indovinatelo un po…!

    Poi, perche’ i possessori di titolo V.O. in ingegneri possono firmare tutto e quelli N.O. no? sarebbe stato serio che i V.O. scegliessero una delle 3 discipline o si inserissero in quella consona al loro ordine. Sono dei massoni tutto qui. Hanno voluto mantenere il loro potere schiacciano i nuovi ing. tutto qua’

    ITALIA ITALIA, dove finiremo, mi vergogno di essere italiano…

  465. x Alice: sei già fortunata che sei riuscita ad entrare in un ente pubblico, di sicuro l’altro titolo, sia esso DL che Laurea Specialistica, ti sarà più agevole da conseguire.
    Ti consiglio di informarti probabilmente ci sono agevolazioni per i dipendenti pubblici per conseguire un titolo universitario.
    Cmq ti invito a scrivere all’On. Barbieri e alla commissione cultura per spingere verso l’approvazione del Progetto di legge per l’equiparazione del DU al DL http://nuovo.camera.it/126?PDL=1154&leg=16&tab=2

    x Benjamin: immagino il tuo stato d’animo…tuttavia penso che tu debba informarti in tutti i modi e autonomamente se ci sono e quali sono gli accordi di riconoscimento dei titoli di studio tra Italia e Argentina e poi carta alla mano fare richiesta alle università
    Io proverei anche a Napoli dove c’è la Laurea in Scienze Motorie che ha sostituito l’ISEF.

  466. Ho lo stesso problema. Sono in possesso di un diploma universitario (triennale) indirizzo economico.
    Sono gia’ dipendente pubblica amministrazione e per ambire ad una qualifica piu’ alta dovrei partecipare a concorso pubblico. Il problema e’ che al momento non posso accedervi in quanto e’ previsto il possesso di laurea triennale.

  467. Ciao, ho 29 anni, sono italo-argentino, nato a Morteros (arg) sono scritto al AIRE dal 1991 (Pozzuolo del Friuli), la mia mamma insegnante d’italiano in argentina pagata por il governo italiano per promuevere la lingua italiana ed e anche presidente del “Centro Friulano della mia citta, sono venuto in italia nel 2004, attualmente sono residente a Montesilvano (PE), mi sono sposato con una ragazza italiana…. dopo tutto questo che ho racontato, voglio spiegare la mia situazione…
    io mi sono laureato in argentina in Professore in Educazione Fisica (laurea quadriennale), qua in italia sarebbe il vecchio ISEF, solo che qui in italia era una laurea triennale…. io ho presentato tutte le carte per fare la equipolenza pero nessuna universita (foggia e chieti) me l’ha reconosciuta, tutti volevano che io studiase ancora 2 anni…. una cosa veramente ingiusta, perche ho non so quante materie in piu (per certo non riconosciute per loro), ho fatto la richiesta di una laurea quadriennale come la mia a una laurea triennale come l’italiana…. l’unica risposta che ho avuto e “DEVE ISCRIVERSI AI CORSI, DEVE PAGARE 900 EURO E POI DEVE FARE GLI ESAMEN CHE NON VENGONO RICONOSCIUTI”…. alla universita di chieti, quando hanno fatto la riunione dei professori, tutti erano d’accordo a che devo fare qualche esame, per esempio, l’esame di lingua italiana e l’esame di qualche legge (sono d’accordissimo), invece quel giorno il preside si e puntato e ha decisso che io dovevo fare 2 anni di studio…
    tutte decisioni che mi fanno pensare a una cosa cosa… vogliono solo soldi…..
    io ho tutte le carte pronte per presentare ovunque…
    ho lavorato in tantissime scuole elementari (Lu Monferrato, San Salvatore Monferrato, a Termoli) attraverso progetti, voglio solo lavorare, poterinsegnare, voglio solo inserirme regolarmente in italia, gia che ho formato una famiglia italiana….

    spero una prnta risposta…

    saluti cordiali

  468. x Davide: non vorrei sbagliarmi ma il tuo diploma dovrebbe essere equiparato ad una laurea del vecchio ordinamento …cmq dovresti chiedere alla tua Accademia.

    x Tutti quelli che hanno lo stesso problema scrivete all’On. Barbieri ed agli altri onorevoli della commissione che si occupa del progetto di legge
    http://nuovo.camera.it/126?PDL=1154&leg=16&tab=2

  469. mi sembra strano che il legislatore abbia disposto che i diplomi, sia del nuovo che del vecchio ordinamento, conseguiti presso le accademie di belle arti siano equipollenti alle lauree ma non si sa a quali. a meno che non mi sia sfuggito qualcosa se potreste aiutarmi a far luce su questo dilemma vi ringrazio

  470. ciao, ho il diploma in pittura vecchio ordinamento (4 anni) conseguito presso l’accademia di belle arti. ha valenza eqivalente (a tutti gli effetti di legge) ad una laurea vecchio ordinamento oppure no? se potreste darmi una risposta esauriente ve ne sono grato

  471. Avete ragione tutti, anch’io sono l’ennesima vittima di un sistema eccessivamente riformista che nel momento di massima svolta ha lasciato indietro persone che paradossalmente credevono e speravano di andare avanti. La mia domanda è: un ing. junior iscritto all’ordine con il DU, puo’ partecipare ad eventuali concorsi pubblici per triennali in cui si richieda obbligatoriamente oltre l’abilitazione professionale anche il possesso della Laurea triennale?
    La risposta sembra essere NO!! Allora? Saremmo ingegneri idonei per essere iscritti ad un ordine professionale ma non per partecipare ad un concorso pubblico come quello bandito dal comune di Roma? Perchè in Italia c’è sempre qualcuno che paga lo scotto ovvero fa da cavia… a beneficio di altri? (in questo caso quelli che sono arrivati dopo la riforma bella e completata. Le tasse pagate all’università lo sono state con un unico criterio per tutti. Dico: non mi sento diverso da un ing. junior che possiede una L. Concludo con ottimismo e confido nel buon senso delle persone che attualmente ci rappresentano. Spero di poter dire “Grazie On. Barbieri”.

  472. Ciao Maria vedo che hai trovato lo stesso “muro”…per di più siccome la laurea di I liv. costituirebbe 2° titolo allora a me spetterebbe pagare il massimo delle tasse …..anke se alla fine il DU non serve ad un emerito c… perchè nel mio caso non ti da alcuna possibilità di conseguire abilitazioni o facilitazioni perchè per molte abilitazioni professionali basta il diploma di scuola superiore! Alla faccia dell’obiettivo di alzare il livello culturale!
    Ribadisco che chiunque può scrivere agli Onorevoli che hanno presentato la proposta di legge http://nuovo.camera.it/126?PDL=1154&leg=16&tab=2
    per sanare questa c.d. “anomalia” dei furbetti del quartierino o “universitarino”! 😉

  473. Ciao ragazzi,
    anche io sono nella vostra stessa situazione: DU in ingegneria informatica ed automatica e quando ho chiesto alla mia università di provenienza l’equiparazione con la laurea di primo livello hanno cercato di “vendermi” l’iscrizione ad una laurea magistrale, poi solo a seguito di contestazioni hanno affermato che occorreva prima presentare domanda che sarebbe stata valutata dal senato accademico per decidedere quanti esami integrativi avrei dovuto sostenere per ottenere l’integrazione (come se la cosa riguardasse un caso singolo!) e che avrei dovuto comunque iscrivermi, pagare le tasse, dare un numero imprecisato di esami e , udite udite, rifare la tesi e sostenere la discussione!

    Cioè ma in questo paese le università fanno quello che vogliono con le persone ? Ma non dovrebbe essere il MIUR ad imporre alle università un trattamento univoco ed uguale per tutti, indipendentemente se il DU l’ho preso a bologna o a roma!!?

    Il fatto è che alcuni miei amici che hanno studiato altrove hanno ottenuto l’equiparazione con poco sforzo, mentre altre università come la mia ci lucrano sopra e attuano pratiche vessatorie nei confronti degli titolari di DU alla luce del sole e senza che nessuno, allo stato attuale sia intervenuto per farli smettere.

    Ringrazio l’onorevole Barbieri per questa iniziativa legislativa e spero tanto che il MIUR torni ad esercitare un controllo stretto sulle università, uniformando il trattamento ed assicurando pari diritti agli studenti e diplomati, come è giusto che sia in un paese civile.

    La troppa autonomia concessa alle università ha prodotto gravi disparità di trattamento di cui siamo vittime nostro malgrado.

    Un saluto a tutti ed un grazie ripetuto a chi giustamente ha preso in seria considerazione la questione proponendo la legge.

  474. Grazie Federico….spero che altri sollecitino i nostri rappresentanti a far approvare la Proposta di Legge per l’equiparazione dei DU di modo che si ponga fine a questo MARTIRIO e ingiustizia perpretata dalle lobby universitarie! …tanto è vero che ad una mia domanda di equiparazione di DU e di Diploma di Master Universitario ad una laurea di I liv. presso la mia università di provenienza mi avevano quasi riso in faccia cercando di “vendermi” l’iscrizione alla laurea Magistrale!
    Cmq il link alla proposta di legge è: http://nuovo.camera.it/126?PDL=1154&leg=16&tab=2
    Chiunque può scrivere una mail ai Deputati che hanno preso l’iniziativa legislativa!

  475. CARO MARCO E ANTONELLA ,
    PAROLE DELL’ONOREVOLE DEL ON.BARBIERI :ho sollecitato proprio oggi, all’Ufficio di Presidenza della Commissione Cultura della Camera dei Deputati, la calendarizzazione della proposta di legge n°1154.

    Anch’io spero che venga approvata al più presto, considerato che è bipartisan.

    e LA PENSAVA COME LUI ANCHE L’ALLORA MINISTRO MUSSI.
    CIAO
    FEDERICO

  476. Buon giorno,
    ho conseguito una laurea in filosofia, vecchio ordinamento, nel 1975. Nella tabella dell equipollenze ho trovato solo l’indicazione della laurea in lettere ed in storia. Ho conseguito anche un master universitario post laurea con la facoltà di sociologia dell’Università La Sapienza. Sono interessata alle equiollenze per la partecipazione ad un concorso pubblico per dirigente amministrativo in un Ente locale.
    Per questo concorso è previsto, quale titolo di accesso, la lurea in giurisprudenza ed equipollenti.
    Grazie
    Paola

  477. ciao. ho partecipato ad una selezione per la quale era chiesta la laurea triennale in scienze politiche o equipollenti;io avendo la laurea triennale in scienze giuridiche ho partecipato, ma sono stata esclusa. Sostengono che la laurea in scienze politiche è euipollente a quella in giurisprudenza per l’accesso alle amministrazioni governative ,ma che non è vero il contrario!!qualcuno può darmi delle informazioni?grazie.

  478. Cara Antonella i diplomi Universitari in Economia (purtroppo anche per me) non sono stati AFFATTO equiparati alle lauree di Primo Livello ..evidentemente i nostri Rettori hanno fatto i “furbettini” pur di incassare altre tasse.
    comunque ho già riportato sopra l’esistenza di una proposta di legge presentata e giacente ancora in Commissione Cultura!
    Speriamo bene! altrimenti ci toccherà studiare ancora e in tal caso converrebbe conseguire una laurea magistrale! altri soldi ed energie!

  479. Ciao ho partecipato a un concorso in cui era richiesto il diploma di perito chimico, io avendo la laurea in CTF ho partecipato e sono stata esclusa. La mia laurea non èequipolente…cosi’ mi è stato giustificato. qualcuno puo’ darmi delle informazioni grazie Federica

  480. Buongiorno,
    ho conseguito un diploma universitario in economia e amministrazione delle imprese nel 1999. Vorrei sapere se è equiparabile alle lauree brevi e se è corretto farsi nominare con il titolo di dottore.
    Infine in merito ai concorsi pubblici, come vengono considerati?
    grazie
    Antonella

  481. Caro Giuseppe,ho lo stesso problema ed investigando sull’equiparazione dei Diplomi Universitari, ho scoperto che una proposta di legge presentata (la bellezza di) 2 anni fa dall’On Barbieri

    Ti informo che la proposta di legge relativa all’equiparazione dei diplomi universitari triennali alle corrispondenti lauree di primo livello, è stata presentata anche nell’attuale legislatura il 28 maggio 2008 dall’On. Barbieri, ed è stata assegnata alla Commissione Cultura.

    Dalla scheda dell’atto, che troverai con una nuova numerazione (C.1154), risulta che l’esame del provvedimento non è ancora iniziato.
    Vedi link:
    http://presidente.camera.it/view/doc_viewer_full?url=http%3A//web.camera.it/_dati/leg16/lavori/stampati/pdf/16PDL0009910.pdf&back_to=http%3A//presidente.camera.it/126%3FPDL%3D1154%26leg%3D16%26tab%3D2

    SPERIAMO BENE!

  482. Buongiorno!

    Anch’io ho problemi di equipollenza… Non ho capito se le tabelle ministeriali rendano automatiche le equipollenze riportate oppure se ci debba essere di volta in volta una valutazione da parte degli atenei in base al contenuto dei piani di studio. Qualcuno mi può aiutare?

  483. Ai fini di un concorso pubblico che richiede come requisito il “diploma di geometra o di perito edile o TITOLI EQUIPOLLENTI”(questa è l’esatta dicitura), io essendo laureta in architettura, posso partecipare lo stesso?

  484. equipollenza uguale stessi diritti alla partecipazione ai concorsi. per quando riguarda al termine ‘dottore’ rilasciato a chi ha frequentato all eqipollenza, per i vecchi diploma il termine dottore può essere usato nellla qualificazione professionale individuale?

  485. Ciao, vorrei avere notizie se esiste o meno equipollenza tra il diploma universitario in economia e amministrazione delle imprese con la laurea del vecchio o nuovo ordinamento e se posso partecipare a concorsi pubblici es. agenzia delle entrate, inps ecc. Attendo un chiarimento.

    grazie.

  486. Ciao, io vorrei avere notizie invece sull’equiparazione dei vecchi diplomi universitari.
    Ho conseguito il diploma universitario in ingegneria elettronica e mi chiedo a cosa sia servito, vista la successiva riforma.
    Ho letto che qualche anno fa c’è stata un’interrogazione parlamentare su questo argomento, qualcuno sa come sia andata a finire?
    Grazie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento qui
Inserisci il tuo nome qui