Home News Cronaca Università di L’Aquila: tutti i dettagli del protocollo Eni per salvare l’ateneo

Università di L’Aquila: tutti i dettagli del protocollo Eni per salvare l’ateneo

0

Grazie ad un investimento di 20 milioni di euro, il protocollo Eni-Università di L’Aquila, siglato dal Ministero dell’Istruzione, permetterà all’ateneo di ripartire.

Oltre all’impegno a realizzare un nuovo centro di ricerca con una casa dello studente annessa, l’Eni si è fatta carico di accogliere nelle proprie strutture di ricerca una cinquantina tra ricercatori e dottorandi dell’Università di L’Aquila per una durata di tre anni.

Si tratta di una straordinaria opportunità di ripresa che consentirà all’ateneo di proseguire nell’attività di ricerca, anche dopo il grave danneggiamento dei prestigiosi laboratori universitari.

I dettagli del protocollo Eni-Università di L’Aquila:

  • Progettazione e la costruzione di un nuovo centro di ricerca aquilano sul petrolio, le energie rinnovabili ed il gas
  • Realizzazione di una centrale di teleriscaldamento per soddisfare il fabbisogno della popolazione della città
  • I nuovi 50 laboratori, uffici e studi, dislocati in un’area di 7500 metri quadrati saranno realizzati nell’arco di tre anni, utilizzando fonti energetiche rinnovabili e tecnologie sostenibili

Ti interessa fare carriera e trovare subito lavoro?

I metodi tradizionali sono ormai superati e devi sempre stare al passo del mercato per ottenere il lavoro che meriti.

Cosa ti serve per fare una carriera da urlo e trovare subito lavoro? Luca te lo racconta in questo breve webinar.

Queste sono solo 3 strategie innovative di cui si discuterà:

  • Strategia #1 - Come identificare il percorso giusto e non sprecare tempo
  • Strategia #2 - Come fregare l´ATS e indicizzare il tuo profilo per attrarre le aziende
  • Strategia #3 - Come usare il networking per trovare lavoro e sviluppare la tua carriera

Prenota il tuo posto al FREE WEBINAR LIVE prima che finiscano.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento qui
Inserisci il tuo nome qui