Home News Cronaca Torino: disordini al G8 University Summit

Torino: disordini al G8 University Summit

1

Non sono mancati disordini stamattina al G8 University Summit a Torino, se non addirittura fermi da parte della polizia.

Una giornata molto calda che vede protagonista il gruppo studentesco movimento Onda. Un gruppo di studenti infatti ha assediato per l’intera mattinata il Castello del Valentino, sede della facoltà di Architettura, dove era in corso il vertice sull’istruzione superiore alla presenza di 40 rettori.

I disordini non si sarebbero però fermati solo alla semplice contestazione, in quanto si sono verificati anche lanci di fumogeni e uova contro gli agenti della polizia. Ma non solo. Anche cassonetti rovesciati e blocco completo del traffico. A questo si aggiungono anche alcuni feriti, e la risposta della polizia pronta in assetto antisommossa, che avrebbe effettuato alcune cariche contro gli studenti.

La risposta da parte della polizia agli studenti che manifestavano è stata da più voci criticata, rivendicando il diritto di manifestare sancito dalla Costituzione.

Intanto lo ricordiamo continua il Summit che vede riuniti 40 rettori da 19 paesi del mondo, per confrontarsi sui temi dell’economia, dell’etica, dell’ecologia e dell’energia.

30% di Sconto su Viaggi e Soggiorni EF

EF da oltre 50 anni è l'organizzazione leader nel settore dell’educazione all'estero con i suoi programmi linguistici: vacanze studio, corsi di lingue all'estero e scambi culturali.

Solo tramite Universita.it puoi riceve uno sconto del 30% su tutti i corsi e le vacanze studio EF in giro per il mondo.

Clicca sul pulsante qui sotto per scoprire come funziona:

OTTIENI IL 30% DI SCONTO


1 commento

  1. Come al solito ringrazio i ragazzi dell’Onda che ci dimostrano continuamente e in maniera impeccabile cosa significa “democrazia”. 1000 agenti della polizia sono stati schierati, i negozi sono stati chiusi per paura di atti vandalici, cassonetti sono stati ribaldati, “qualcosa” è stato lanciato, ieri un poliziotto e due ragazzi feriti più uno denunciato… La chiamiamo protesta questa? Io la chiamerei piuttosto una dimostrazione di cosa è oggi la sinistra (il cui portavoce dichiara: la protesta è legittima, perchè tanta polizia?… o qualcosa del genere). E’ legittimo protestare, come hanno fatto i dipendenti della FIAT l’altro giorno al Lingotto, ma non è legittimo costringere negozianti a chiudere, lavoratori ad arrivare in ritardo al lavoro per il traffico bloccato. “Esempio di democrazia”? Fascismo piuttosto. O sei con la sinistra o sei stupido… questo è il punto. Quando si segue una ideologia pura, il risultato è inevitabilmente questo. E poi, per cosa? Protestare tanto per protestare non porta mai a nulla. Mai una volta che ci sia un dialogo costruttivo, sia in università come in politica. “Loro” hanno sempre ragione, “Loro” hanno la soluzione per tutto… e gli altri hanno sempre torto. E questi sono i risultati; il tutto fomentato da una classe politica allo sbaraglio che tenta di crearsi consensi mandando allo sbaraglio gli universitari, caricandoli di “falsi ideali” (perché ideali non sono, ma solo ideologie), non tenendo conto delle conseguenze. Complimenti…! Ribadisco: “Grazie per questo chiaro esempio di democrazia”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento qui
Inserisci il tuo nome qui