Home News Cronaca Università: Palermo contro la mafia, si accettano solo fornitori “pizzo free”

Università: Palermo contro la mafia, si accettano solo fornitori “pizzo free”

0
palermo contro pizzo
palermo contro pizzo

Solo chi dichiara di non pagare il “pizzo” può essere inserito tra i fornitori dell’Ateneo di Palermo. È una delle azioni concrete messe in campo dall’Università di Palermo, una delle più grandi stazioni appaltanti della Sicilia, per combattere la mentalità mafiosa e del malaffare.

Lo ha annunciato il rettore Roberto Lagalla: “Il Senato accademico e il Consiglio di amministrazione, su mia proposta e in sintonia con l’iniziativa di Addiopizzo – ha affermato Lagalla – hanno approvato una delibera che impone a tutti i fornitori dell’Ateneo di sottoscrivere preventivamente una dichiarazione in cui affermano di non essere soggetti al pagamento del ‘pizzo’ e a qualsiasi altra forma di condizionamento criminale. Chi verrà scoperto a rendere dichiarazioni mendaci sarà sottoposto a dure sanzioni”.

L’iniziativa verrà presentata nei dettagli nelle prossime settimane con Addiopizzo. “È importante che tutte le istituzioni collaborino a un processo di cambiamento culturale delle coscienze, soprattutto quelle dei giovani – ha spiegato il rettore – quest’azione vuole essere un segnale importante in questa direzione educativa”.

Ti interessa fare carriera e trovare subito lavoro?

I metodi tradizionali sono ormai superati e devi sempre stare al passo del mercato per ottenere il lavoro che meriti.

Cosa ti serve per fare una carriera da urlo e trovare subito lavoro? Luca te lo racconta in questo breve webinar.

Queste sono solo 3 strategie innovative di cui si discuterà:

  • Strategia #1 - Come identificare il percorso giusto e non sprecare tempo
  • Strategia #2 - Come fregare l´ATS e indicizzare il tuo profilo per attrarre le aziende
  • Strategia #3 - Come usare il networking per trovare lavoro e sviluppare la tua carriera

Prenota il tuo posto al FREE WEBINAR LIVE prima che finiscano.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento qui
Inserisci il tuo nome qui