Home Tesi di laurea Bomboniere di laurea. Confezionate o fai da te, rigorosamente in rosso

Bomboniere di laurea. Confezionate o fai da te, rigorosamente in rosso

1

Ci siamo, siete a un passo dalla discussione della tesi: ora è il momento di pensare a come festeggiare il traguardo e alle bomboniere di laurea. In molte regioni italiane, infatti, si è soliti celebrare l’evento regalando ad amici e parenti un sacchettino di confetti, accompagnato spesso da un oggettino ricordo. Se nella vostra zona quasi tutti lo fanno, è il caso che anche voi pensiate a un ricordino da dare ad amici e parenti: se lo aspetteranno e rischiereste di fare brutta figura. Se, invece, non è così usuale, potete anche soprassedere. Temete di spendere troppo? Niente paura! Non è detto che dobbiate investire un capitale e, se avete un po’ di manualità, potreste anche affidarvi al fai da te.

Il primo passo è quello di considerare il vostro budget. Se potete permettervelo, commissionare a un negozio specializzato il confezionamento delle bomboniere di laurea vi risparmia la fatica di farlo da voi. Per non spendere più del dovuto, conviene sempre farsi fare prima qualche preventivo e poi scegliere quello che vi convince di più. Se le vostre risorse sono più limitate, invece, la soluzione è rimboccarsi le maniche e realizzarle da sé o farle realizzare a un parente/amico. Non servono abilità straordinarie, solo un po’ di pazienza.

Prima di commissionare il confezionamento delle bomboniere di laurea o di mettersi all’opera per realizzarle in proprio, è necessario fare una lista dettagliata delle persone alle quali immaginiamo di doverle distribuire (non dimenticate il vostro relatore, mi raccomando!), per sapere qual è il numero che ci serve. Tenetevi comunque un po’ larghi, prevedendo 2-3 bomboniere in più: può sempre arrivare un regalo inaspettato o qualcuno che pensavate non sarebbe venuto alla discussione della tesi potrebbe alla fine presentarsi, quindi meglio essere preparati.

Secondo la tradizione, il colore delle bomboniere di laurea è il rosso. Questa è la tinta sia per i confetti che per il confezionamento, anche se riguardo a quest’ultimo aspetto non è detto che dobbiate attenervi al monocolore. Se fino a qualche anno fa esisteva una scelta molto limitata rispetto ai confetti – mandorla o cioccolato -, adesso la gamma è praticamente illimitata: via libera, quindi, alla fantasia. Il numero dei confetti, invece, deve essere rigorosamente dispari.

Se deciderete di non limitarvi al semplice sacchettino di confetti, ma vi orienterete sulle bomboniere di laurea vere e proprie, dovrete anche pensare a un oggettino ricordo. Usate il buon senso e scegliete qualcosa di non troppo costoso e impegnativo: ricordate che spesso questi oggetti finiscono in fondo ai cassetti, per cui non vale la pena di esagerare nella spesa. Il simboli più adatti? Il tocco, ossia il tipico copricapo con la nappina, e la civetta (o il gufo). Quest’ultima rappresenta la conoscenza, perché è l’animale che nell’antichità classica simboleggiava la dea Atena (divinità della sapienza).

Infine, quale che sia la soluzione per la quale opterete, quello che non dovete assolutamente perdere di vista è il bigliettino che dovrà accompagnare le vostre bomboniere di laurea. Dovrà contenere il vostro nome e cognome, la data della discussione e il nome del corso di laurea.

1 commento

  1. A me le hanno regalate confezionate i miei genitori ed erano bellissime! io invece ho comprato sacchetti e confetti fantastici in uno shop on line, veramente eccezionale

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento qui
Inserisci il tuo nome qui