Ricerca AIE e Fondazione Agnelli sulla didattica all'università

Politecnico di Milano, dal 2014 lezioni solo in inglese per biennio finale e dottorati

da | Apr 2012 | News | 2 commenti

Al Politecnico di Milano arrivano dal 2014 le lezioni esclusivamente in inglese per il biennio e per i dottorati. C’è chi parla di salto di qualità per la decisione assunta in un’ottica di internazionalizzazione dall’ateneo milanese. Dopo il triennio gli studenti non avranno possibilità di scegliere tra l’inglese e l’italiano, ma l’offerta formativa magistrale sarà esclusivamente in lingua inglese.
Clicca qui e valuta il tuo livello di lingua inglese con Universita.it!
Per il rettore Giovanni Azzone si tratta di un ulteriore passo verso un processo di adeguamento agli standard internazionali che ha l’obiettivo di favorire il progresso del Paese. L’obiettivo è quello di attrarre in questo modo docenti e più studenti dall’estero, che oggi non arrivano in Italia proprio perché non conoscono l’italiano, anche se l’ateneo ha registrato un balzo di iscritti stranieri dall’1,9 per cento del 2004 al 17,8 del 2011. In Italia, fa sapere il Miur, l’ateneo che accoglie più studenti stranieri è La Sapienza di Roma (6.500 iscritti), seguita proprio dal Politecnico di Milano con 3.225 stranieri e poi dal Politecnico di Torino con 1.000.
L’altro scopo dell’iniziativa è quello di formare specialisti pronti ad affrontare il mercato globale e a operare in contesti professionali sempre più internazionali. Un’esigenza quest’ultima, spiega il rettore, che viene sia dal mondo delle imprese sia dalla platea degli studenti. Il giudizio positivo pare sia stato condiviso anche dalla gran parte del senato accademico del Politecnico di Milano, che ha votato a larga maggioranza la proposta di Azzone, anche se non è mancata qualche voce che si è sollevata a difesa della lingua di Dante.
Tullio De Mauro, ex ministro dell’Istruzione e linguista, ha manifestato la sua perplessità per il fatto che la decisione è estesa a un intero corso di laurea e per giunta di un ateneo pubblico, spiegando che una scelta del genere penalizza la conoscenza della lingua madre da parte degli studenti italiani e che “questo crea effetti negativi per l’intelligenza”. L’Accademia della Crusca, dedicherà tra pochi giorni un convegno all’argomento approfondendo con studiosi ed esperti proprio la questione della lingua nell’insegnamento universitario.
Ora l’ateneo ha due anni per preparare docenti e studenti al “grande salto” verso la didattica soltanto in inglese per chi frequenterà il biennio e i dottorati. L’operazione da 3,2 milioni di euro servirà a far giungere al Politecnico 15 professori, 30-35 post-doc e 120 visiting professor. Il rettore Azzone riconosce la maggiore difficoltà per i docenti di insegnare in lingua inglese ma spiega che il Polimi ha messo a punto un apposito programma di formazione e potenziamento della conoscenza della lingua e che anche per gli studenti ci saranno convenzioni agevolate che consentiranno loro di prepararsi durante il triennio, in modo di avere le competenze linguistiche necessarie per affrontare la successiva fase di studio.
nell’ottica dell’internazionalizzazione cara al ministro Profumo c’è ancora tanto da fare, ma già una trentina di atenei nel nostro Paese offrono corsi in lingua inglese (103 corsi in totale): dai 14 di Milano (5 al Politecnico, 4 in Bocconi, 3 alla Statale, 1 alla Cattolica e 1 al San Raffaele), ai 13 di Roma (8 a Tor Vergata, 2 alla Sapienza, 2 alla Luiss e 1 al Foro Italico), e poi 12 a Bologna, 11 a Trento, 9 a Torino (3 alla Statale e sei al Politecnico), 7 a Camerino, 4 a Venezia Ca’ Foscari, Genova e Catania, 3 a Padova e Pavia, 2 a Trieste, Pisa e Siena. Infine, uno a Bolzano, Udine, Verona, Ferrara, Parma, L’Aquila, Lecce (Università del Salento), Firenze, Cassino, Napoli (Seconda università), Salerno e Palermo.
Clicca qui e valuta il tuo livello di lingua inglese con Universita.it!

FacebookTwitterEmailWhatsAppLinkedInTelegram
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Fabius
Fabius
10 anni fa

Eccellente, ottima iniziativa. Ma la motivazione trainante deve essere quella di attrarre docenti dall’estero, le altre considerazioni sono secondarie rispetto a questa.
Il reclutamento di docenti da tutto il mondo, e possibilmente di qualità, fondi permettendo, è fondamentale per tutti noi.

Remo
Remo
10 anni fa

Ma con le attuali conoscenze medie d’inglese degli italiani, pensano veramente che questa cosa possa favorirci?
Gli studenti stranieri in italia non vengono non tanto per la barriera linguistica, ma perché le nostre università sono in genere agli ultimi posti nelle classifiche internazionali; quindi a parte un lieve aumento fisiologico, questa iniziativa non porterà mai la media italiana a quella straniera.
La famosa “fuga dei cervelli” sarà ulteriormente facilità una volta che li abbiamo formati conoscendo meglio l’inglese della loro lingua madre; e poi lamentiamo di spendere soldi per la loro formazione, ma di non ricerverne in dietro i benefici.
Il numero di studenti italiani che arriverà alla laurea magistrale si ridurrà fortemente (e già adesso siamo agli ultimi posti in Europa come numeri assoluti (non relativi!) di studenti laureati), con le ulteriori beffi che l’università diventerà ancora più classista (solo chi ha i soldi per fare corsi d’inglese potrà andare a quelle migliore) e quelli che arriveranno alle magistrali negli altri atei saranno meno preparati, e questo solo perché non sono eccelsi in inglese ma magari lo sarebbo nelle materie importanti per la loro formazione.