Home News Cronaca “No ai tagli e al ddl Gelmini”. Le proteste in Italia e...

“No ai tagli e al ddl Gelmini”. Le proteste in Italia e all’estero

0

La contestazione davanti alla Scala di Milano assieme agli operai, gli scontri  e i 12 fermati in seguito all’occupazione simbolica della Fondazione Roma e lo sterco davanti alla casa del ministro dell’Istruzione Gelmini. Dopo gli episodi degli ultimi giorni le proteste contro il ddl di riforma dell’università e i tagli contenuti nella legge di Stabilità appena approvata non si fermano. Anzi, gli studenti e i ricercatori precari rilanciano e annunciano la mobilitazione al fianco del mondo della cultura, sempre in attesa dell’esito del voto di fiducia al governo martedì 14 dicembre.

A Firenze gli Studenti di sinistra annunciano per domani alle 19 una manifestazione di fronte al teatro comunale a sostegno del Maggio fiorentino, la storica manifestazione che ha subito una pesante contrazione dei finanziamenti pubblici. “La lotta in difesa del Maggio è la lotta nostra – spiegano in una nota – contro il ddl Gelmini, i tagli in Finanziaria e per le politiche di valorizzazione della cultura”.

A Genova gli studenti hanno invaso le strade cittadine tutti vestiti di nero e rimanendo in silenzio, “in segno di lutto – spiegano – per la morte della cultura nel nostro Paese”. I giovani hanno poi inscenato un flash-mob, tutti sdraiati in terra con un libro sul cuore, leggendo stralci di libri e rialzandosi tra gli applausi.

Anche a Messina la Federazione degli studenti e l’Unione degli universitari hanno annunciato per domani una grande mobilitazione che si concluderà davanti al duomo cittadino. La mobilitazione vedrà uniti il mondo della scuola assieme a quello dell’università e della ricerca. “Auspichiamo che si uniscano a noi anche i genitori e i semplici cittadini – recita la nota dell’Udu -. Queste forme di mobilitazione sono a difesa della scuola pubblica, della cultura e quindi del futuro del nostro paese”.

L’associazione degli universitari ha annunciato che dopo le 50 facoltà occupate e le proteste sui tetti e davanti ai monumenti, la contestazione studentesca è sbarcata anche all’estero, complice la mobilitazione degli studenti Erasmus, che, spiega l’Udu, “hanno organizzato la protesta in 90 atenei di 19 Paesi“.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento qui
Inserisci il tuo nome qui