Home News Ammissione università Oggi c’è il test d’ammissione a Medicina 2016, solo 1 candidato su...

Oggi c’è il test d’ammissione a Medicina 2016, solo 1 candidato su 6 lo supererà

0

La febbrile attesa degli oltre 60mila che hanno fatto domanda per sostenere il test d’ammissione a Medicina 2016 è terminata. Oggi è il gran giorno per quanti aspirano all’iscrizione ai corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia e Odontoiatria per l’anno accademico 2016-2017. Solo un esiguo numero di coloro che svolgeranno la prova per tentare di concretizzare il sogno di indossare il camice bianco riuscirà effettivamente nel proprio intento: i posti, infatti, sono soltanto 8.372 per Medicina e 843 per Odontoiatria, per cui dei 60.372 candidati ce la farà solo 1 su 6.

Il test d’ammissione a Medicina 2016 interessa un totale di 38 atenei statali. In quelli privati, invece, le selezioni si sono già svolte e hanno confermato l’enorme appeal che le professioni dell’ambito sanitario continuano ad esercitare, avendo impegnato ben 13.254 studenti per 555 posti totali tra Campus Biomedico di Roma, Cattolica e San Raffaele di Milano.

La struttura del test d’ammissione a Medicina 2016 è identica a quella dell’anno passato, con 60 quesiti a cui dare risposta in 100 minuti a partire dalle ore 11.00, ripartiti come segue: 2 di cultura generale, 20 di ragionamento logico, 18 di Biologia, 12 di Chimica, 8 di Matematica e Fisica.

Come sempre critiche nei confronti del numero programmato, le associazioni studentesche promettono di dare battaglia fin da oggi e l’Unione degli universitari (UDU) ha annunciato che a partire dal test d’ammissione a Medicina 2016 e per tutte le altre prove sarà presente davanti all’ingresso delle università per “distribuire la nostra Guida al Test sicuro: al suo interno è indicato tutto ciò che deve accadere per far sì che il test si svolga in maniera regolare, evitando quindi che prove inique e fallaci vadano a condizionare il futuro di studenti già pesantemente danneggiati da questo sistema di accesso”. “Siamo poi pronti a raccogliere ogni segnalazione di irregolarità”, fa sapere l’UDU, che negli ultimi anni ha raccolti buoni successi nelle aule dei tribunali e rimprovera al MIUR di non aver dato seguito all’annuncio del ministro Stefania Giannini che nella primavera del 2014 promise di mandare quanto prima in pensione l’attuale sistema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *