Home News Ricerca universitaria Attenzione agli e-book: letti prima di addormentarsi danneggiano il sonno

Attenzione agli e-book: letti prima di addormentarsi danneggiano il sonno

0

Siete soliti leggere prima di andare a letto? Dite addio alla tecnologia e agli e-book preferite i buoni vecchi libri di carta. Il consiglio arriva direttamente dalla autorevole Università di Harvard, che ha recentemente condotto uno studio dal quale emergerebbe che i testi digitali hanno effetti negativi sul sonno. E poiché dormire profondamente e per un numero adeguato di ore è uno degli elementi fondamentali per mantenersi in buona salute, l’allarme degli studiosi non è da prendere sotto gamba.

Il lavoro dei ricercatori americani è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America (PNAS). Per studiare i differenti effetti della lettura di e-book e volumi tradizionali, gli scienziati hanno monitorato il sonno di 12 soggetti per due settimane. Nel corso dei primi cinque giorni della ricerca i volontari hanno letto per due ore prima di andare a dormire dei testi considerati “rilassanti” su un e-reader, mentre nei successivi cinque giorni hanno letto lo stesso tipo di materiale, ma su libri di carta.

Dall’osservazione è emerso che quando prima di andare a letto avevano trascorso del tempo leggendo e-book avevano maggiori difficoltà ad addormentarsi e, una volta che ci erano riusciti, avevano un sonno di qualità peggiore, con una fase REM ridotta e, poiché questo è il tipo di sonno che garantisce al cervello il maggior riposo, si svegliavano già stanchi il giorno seguente. Niente di tutto questo accadeva, invece, quando avevano letto libri di carta.

La dottoressa Anne-Marie Chang, che ha coordinato lo studio, segnala che la deprivazione di sonno è associata a una moltitudine di problemi di salute di gravità non trascurabile. Lo scopo delle studio sui danni derivanti dalla lettura degli e-book è così spiegato dalla ricercatrice: “Sapevamo che la luce di sera influenza i ritmi circadiani, il sonno e la vigilanza. Tuttavia, volevamo testare se la luce emessa da dispositivi retroilluminati, come gli e-reader, che stanno guadagnando popolarità, avrebbe avuto lo stesso effetto se le persone avessero usato i dispositivi per leggere prima di andare a letto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *