laurea

La laurea? Per quattro studenti italiani su 10 non è affatto attraente. I giovani italiani sono quelli che in tutta Europa considerano meno l’opzione “università” nelle proprie scelte per il futuro, e i motivi sono facilmente prevedibili. Disoccupazione, retribuzioni non adeguate sono i motivi che spingono a queste considerazioni rilevate dall’indagine di Eurobarometro su aspirazioni e timori di 30 mila ragazzi europei tra 15 e 35 anni.

In confronto con i colleghi europei, gli studenti italiani sono molto meno fiduciosi dell’utilità della laurea per garantirsi un futuro lavorativo rassicurante o che premi gli sforzi fatti. Guardando ai risultati dell’indagine, in Italia quattro su dieci, di questi giovanissimi e meno giovani, pensa che l’istruzione universitaria non sia una soluzione appetibile, e si tratta del dato più significativo in termini negativi.

Si parla di circa il doppio dei valori medi che, considerando tutti gli Stati membri, raggiunge appena il 20 per cento, anche se in buona compagnia del Belpaese figura anche la Francia e la Spagna, che rispettivamente registrano il 35% e il 23% di insoddisfazione.

Tra le posizioni migliori e più “ottimiste troviamo invece la parte più settentrionale dell’Europa. La Danimarca sfiora vette di eccellenza, con solo il 7% degli studenti che considera la laurea un traguardo poco soddisfacente, lo stesso panorama delineato anche per la Norvegia, Belgio, Germania, Repubblica Ceca e Olanda.