blocco didattica ricercatori

blocco didattica ricercatori

La protesta dei ricercatori che stanno aderendo allo sciopero bianco e che quindi sospendono le attività didattiche non previste per legge mettendo in crisi il sistema di corsi e lezioni e lo stesso inizio di anno accademico, è un problema di tutti. A dirlo in una lettera aperta indirizzata agli studenti sono stavolta i ricercatori del Cnru, il Comitato nazionale dei ricercatori universitari, una delle due grandi reti di ricercatori pubblici che stanno garantendo la tenuta della protesta su tutto il territorio. La mobilitazione dei ricercatori e il blocco della didattica non è una questione “di categoria” come si potrebbe pensare, stavolta i ricercatori parlano direttamente agli studenti.

Togliendo la disponibilità alla didattica, spiegano i ricercatori del Cnru – dopo che anche i rettori hanno detto la loro sul rinvio dell’anno accademico – i ricercatori non terranno più corsi e lezioni. La conseguenza principale sarà la drastica riduzione dell’offerta formativa degli atenei. “Molti studenti – spiegano i ricercatori – andando nelle segreterie non troveranno più, probabilmente, i corsi che avrebbero voluto frequentare” e poi “le tasse di iscrizione aumenteranno, i servizi per gli studenti si ridurranno”, diminuiranno qualità e quantità della didattica. “Ecco perché la protesta interessa anche voi” dicono quindi i ricercatori a studenti e famiglie.

Nell’ultima assemblea nazionale tenuta alla Sapienza di Roma lo scorso venerdì 24 settembre, la rete del Cnru, ha ribadito la necessità della mobilitazione e dello stato di indisponibilità dei ricercatori – riconfermando la situazione emersa dall’ultima assemblea nazionale della Rete29aprile – e ha invitato tutti gli atenei a promuovere dibattiti e a sostenere la protesta dei ricercatori. Tra le richieste più forti: la cancellazione dei tagli previsti dalla 133 per il triennio 2011-2013, il riconoscimento dello stato giuridico, il recupero del blocco degli scatti stipendiali, l’istituzione del ruolo unico per la docenza.