appuntamenti settimana

appuntamenti settimana

Una settimana all’insegna dei grandi temi quella che si apre oggi, e che vede tra gli appuntamenti seminari e congressi dedicati ad argomenti di grande importanza: dalla proprietà intellettuale al ruolo della lingua e della letteratura italiana nella didattica, dal processo di Bologna al comportamento degli elettori durante le ultime elezioni. Vediamo quali sono nel dettaglio gli appuntamenti da non perdere nella settimana dal 5 al 10 aprile 2010.

Martedì 6 aprile, L’Università dell’Aquila celebra il primo anniversario dal terremoto dell’aprile 2009. L’ateneo ricorda le vittime del terremoto con un concerto in memoria dei giovani studenti scomparsi sotto le macerie, e organizza il convegno “L’Aquila e il suo ateneo. Un anno dopo il sisma“.

Mercoledì 7 aprile e giovedì 8 aprile, l’Università di Trento organizza un seminario sul Processo di Bologna dedicato alla riforma universitaria in Europa, e ai cambiamenti in corso per gli studenti universitari a partire dalla mobilità, dalla qualità e dall’offerta formativa.

Mercoledì 7 aprile, l’Osservatorio Politico-Istituzionale del Dipartimento di Sociologia e Scienza Politica dell’Università della Calabria organizza, come da calendario nelle occasioni elettorali, un seminario sull’analisi del voto in Calabria per dare un’interpretazione “a caldo” del comportamento elettorale dei calabresi.

Giovedì 8 aprile a Roma, l’Università Luiss Guido Carli organizza un incontro su “Proprietà intellettuale e bio-scienze“, iniziativa che rientra in un ciclo di conferenze volute dal Ministero dello Sviluppo Economico sul tema della proprietà intellettuale e dei brevetti biotecnologici.

Da giovedì 8 aprile a sabato 10 aprile, a Udine, segnaliamo inoltre il congresso internazionale “La repubblica delle lettere” dedicato alla lingua e alla letteratura italiana nella storia e nella didattica. All’iniziativa, organizzata dalla Scuola di specializzazione per l’insegnamento nella scuola secondaria (Ssis) dell’Università di Udine, in collaborazione con il Collège de France, parteciperanno 40 studiosi di italianistica.