Home News Cronaca Ricostruzione L’Aquila, 40 mila euro alla facoltà di Biotecnologie

Ricostruzione L’Aquila, 40 mila euro alla facoltà di Biotecnologie

0
fondi biotecnologie università l'aquila

40 mila euro per comprare nuove attrezzature per i laboratori dell’Università dell’Aquila. La proposta del senatore Luigi Lusi è stata appena approvata dalla Commissione Bilancio e programmazione economica del Senato. Si tratta di fondi per la tutela dell’ambiente e lo sviluppo del territorio che andranno a finanziare le strutture di ricerca e didattica della facoltà di Biotecnologie dell’Aquila.

I laboratori coinvolti, in particolare, sono proprio quelli di biologia molecolare, settore strategico per la ricerca genetica e per gli avanzamenti delle tecniche mediche.

Soddisfatto di è detto il rettore dell’ateneo Ferdinando Di Iorio, che ha definito il provvedimento come un “contributo finanziario importante” per consentire lo sviluppo delle attività nell’Università che ancora accusa i colpi del terremoto del 2009.

Proprio il 16 giugno scorso c’è stata la manifestazione cittadina per la rivendicazione del diritto alla ricostruzione, a cui ha preso parte la stessa Università dell’Aquila, al fianco di migliaia di persone. Una ricostruzione, che però ancora fa fatica a mostrare i suoi segni.

Ti interessa fare carriera e trovare subito lavoro?

I metodi tradizionali sono ormai superati e devi sempre stare al passo del mercato per ottenere il lavoro che meriti.

Cosa ti serve per fare una carriera da urlo e trovare subito lavoro? Luca te lo racconta in questo breve webinar.

Queste sono solo 3 strategie innovative di cui si discuterà:

  • Strategia #1 - Come identificare il percorso giusto e non sprecare tempo
  • Strategia #2 - Come fregare l´ATS e indicizzare il tuo profilo per attrarre le aziende
  • Strategia #3 - Come usare il networking per trovare lavoro e sviluppare la tua carriera

Prenota il tuo posto al FREE WEBINAR LIVE prima che finiscano.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento qui
Inserisci il tuo nome qui