Università, la Classifica del Times 2010
allenati con i nostri test di ammissione e orientamento gratuiti

test di ammissione
facoltà a numero chiuso

test attitudinale universitario
l’area di studio più adatta a te

test orientamento facoltà
facoltà che fa per te

test di inglese
valuta il tuo livello

Università del mondo, Times: “Nessuna italiana tra le top 200”

da | Set 2010 | News | 0 commenti

classifica università times 2010


Nessuna italiana tra le prime duecento università del mondo secondo la classifica appena resa nota dal Times Higher Education, il supplemento del noto quotidiano dedicato all’alta formazione. In cima al ranking internazionale annuale la famosa triade: Harvard, l’Istituto della tecnologia della California e il MIT di Boston. Tra le prime 200 soprattutto università statunitensi e britanniche, in cima: Stanford, Cambridge, Oxford, Berkeley, Yale, solo per citarne alcune che nelle classifiche mondiali si contendono puntualmente i primi posti. Per trovare la prima italiana bisogna scendere tra le prime 400.

Non brilla insomma la pagella degli atenei italiani per il Times Higher Education che non la riporta neanche nella sotto-classifica delle migliori università Europee. Qui le migliori segnalate sono le università del Regno Unito (Cambridge, Oxford, Imperial college of London, University college of London), l’Istituto di tecnologia di Zurigo, la Scuola politecnica francese, la Scuola normale superiore di Parigi, l’ateneo tedesco di Göttingen e il Karolinska Institute, svedese.
Della stessa opinione non è stato il ranking internazionale di Quality&Success che nella classifica 2010 pubblicata la settimana scorsa inseriva ben due atenei italiani: l’Alma Mater di Bologna (176°) e la Sapienza di Roma (190°).
Ad essere valutati in questa edizione della classifica del Times diversi parametri che vengono fatti ricadere sotto cinque macro-categorie: la qualità di ricerca e docenza, il prestigio delle pubblicazioni scientifiche, l’internazionalizzazione e l’innovazione. Come al solito è difficile stabilire dei criteri di valutazione che siano adeguati a tutti i sistemi universitari a livello globale. Tuttavia, resta il fatto che probabilmente anche in queste classifiche internazionali, in un modo o nell’altro, pesano le politiche per la destinazione di finanziamenti all’alta formazione che in Italia – si sa – sono davvero scarsi.

FacebookTwitterEmailWhatsAppLinkedInTelegram
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments