diritti minori

Un laboratorio di teoria e pratica sui diritti dei minori. Ѐ la Law Clinic avviata presso l’Università di Roma Tre e nata dalla collaborazione con l’organizzazione internazionale Save the Children. “Un’attività di rete – spiega il direttore Programmi Italia-Europa dell’Onlus, Raffaela Milano – volta a creare una maggiore consapevolezza sui problemi che i minori vulnerabili e in situazioni di disagio incontrano nell’accesso alla giustizia”.

Tale laboratorio è rivolto agli studenti di Giurisprudenza dell’Università di Roma Tre e va integrare da un punto di vista pratico lo studio del Diritto privato, offrendo “un’esperienza concreta di servizio”. Presso l’associazione Save the Children si trova, infatti, uno sportello d’orientamento rivolto ai minori, dove è possibile richiedere informazioni e supporto per la tutela dei loro diritti fondamentali.

Lo sportello è aperto tutti i mercoledì e venerdì, dalle tre alle cinque del pomeriggio. A fornire consulenza e assistenza sono gli stessi studenti, sotto la guida di un tutor, che poi è un avvocato specializzato nella tutela dei bambini. In questa maniera, chi partecipa alla Law Clinic ha la possibilità di studiare, approfondire e discutere casi reali, facendo pratica sul campo e non limitandosi solo alle esercitazioni in aula.

Lo sportello d’orientamento di Save the Children rappresenta un importante punto di riferimento per la tutela dei diritti dei minori: vi ricorrono ragazzi, famiglie, operatori sociali e giuridici. Gli studenti che operano al suo interno possono offrire aiuto nella compilazione degli atti amministrativi e indicare le procedure giudiziali o le misure alternative più adatte, oltre che svolgere un grande attività d’orientamento legale. Dai casi di abuso o discriminazione a quelli riguardanti il diritto allo studio o lo sfruttamento minorile, sono diverse le situazioni in cui ci si può imbattere.

A partecipare alla Law Clinic dell’Università di Roma Tre sono più di cinquanta studenti. Il laboratorio si articola in trenta ore, di cui venti dedicate alle lezioni in aula e dieci alla formazione presso lo sportello d’orientamento. Tutto ciò nel corso di due mesi, alla fine dei quali gli iscritti potranno acquisire tre crediti.