Times Higher Education Young University Rankings 2017

Per una volta l’Italia non sfigura affatto in una classifica internazionale. Tutt’altro. Nel Times Higher Education Young University Rankings 2017 ci sono addirittura dieci dei nostri atenei più “giovani” nelle prime 100 posizioni, di cui uno perfino nella top 10. La classifica degli istituti di formazione terziaria con meno di 50 anni d’attività alle spalle, premia per il terzo anno consecutivo l’École Polytechnique Fédérale di Losanna (Svizzera), che condivide il podio con due asiatiche: la Hong Kong University of Science and Technology, che si merita il secondo posto, e la Nanyang Technological University di Singapore, che si classifica terza.

C’è molto Oriente nel Times Higher Education Young University Rankings 2017, che vede in quarta e quinta posizione rispettivamente la Pohang University of Science and Technology e la Korea Advanced Institute of Science and Technology, entrambe sudcoreane. In sesta posizione torna a far capolino l’Europa, con l’olandese Maastricht University. Mentre il settimo posto è ancora asiatico e spetta alla City University of Hong Kong. Le prime dieci posizioni in graduatoria si completano con la tedesca Ulm University (ottava), che prevede il connazionale Karlsruhe Institute of Technology, nono a pari merito con la prima delle italiane: la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, istituzione d’eccellenza non solo a livello nazionale ma anche mondiale.

Gli altri atenei italiani che si sono messi in luce nel Times Higher Education Young University Rankings 2017 sono la Libera Università di Bolzano, classificatasi al 42esimo posto, l’Università della Calabria, che va a prendersi il 51esimo posto che nel 2016 fu della Bicocca di Milano. La quale quest’anno deve accontentarsi di stare quattro gradini più in basso, al 55esimo. L’Università di Salerno si è meritata il 71esimo posto, mentre Roma Tre è scivolata dal 72esimo all’81esimo, che condivide con l’Università di Verona, anch’essa in discesa (nel 2016 fu 66esima). Perde 11 posizioni ma si mantiene comunque tra le prime 100 anche Tor Vergata (92esima). Bergamo con la sua 94esima posizione sorpassa Brescia (95esima), che tra l’altro scende di nove posizioni rispetto a dodici mesi fa.

In generale, il bilancio del Times Higher Education Young University Rankings 2017 per l’Italia è più che positivo. Forse il nostro Paese non è ancora pronto per competere con le realtà di più antica tradizione, ma di sicuro può dire la propria a livello internazionale per quanto riguarda gli atenei di più recente fondazione. Altro dato confortante è che la graduatoria veda atenei di ogni parte del Paese, segno che pure al Sud ci sono delle eccellenze da non sottovalutare.