Mariastella Gelmini

Piccolo giallo ieri sera a Ballarò: nuovi tagli all’orizzonte per scuola e università? La bagarre scoppiata su Rai3 ha coinvolto in prima persona il ministro dell’istruzione Mariastella Gelmini, ospite della trasmissione, che si è trovata in difficoltà di fronte ai numeri snocciolati da Enrico Letta. E in soccorso del ministro arrivano il direttore de Il Tempo Mario Sechi e i suoi stessi collaboratori, che le suggeriscono qualche risposta tecnica.

A scatenare il parapiglia sono state le cifre citate da Letta (Pd), che ha dato lettura di una tabella del Documento di economia e finanza firmato da Tremonti e Gelmini, nonché presentato a Bruxelles, in cui si annuncia un “recupero di fondi” dal settore scuola per un totale di 13,5 miliardi nel triennio 2012-2014. Tagli, secondo Letta, “minori spese” secondo i suggeritori del ministro, che di fronte ai numeri da lei stessa sottoscritti fatica a raccapezzarsi.

In studio, prima cala il gelo, il ministro tampona la situazione con un “Non è la verità. Il ministro Tremonti me lo avrebbe detto! Non prova niente quella tabella”. Poi scoppia la bagarre con i collaboratori-suggeritori, lo studio è in totale subbuglio, voci sovrapposte pronte a giurare che sono tagli vecchi, anzi “minori spese”, e nel vociare si ode il ministro dire che si tratta di “risparmi sulle pulizie” (che per un totale di 4,5 miliardi all’anno potrebbero mettere in allerta l’ufficio igiene). Giovanni Valentini, di Repubblica, inveisce contro i collaboratori, che – dice – non possono suggerire. Fino a che Floris non butta acqua sul fuoco lanciando un servizio.

A prescindere dalla lettura da attribuirsi ai dati forniti da Letta, date voi un voto all’interrogazione del ministro dopo aver visto il video qui sotto.

http://www.youtube.com/watch?v=U2snzFQkkm0