studenti del politecnico di milano progettano casa di barbie

Una dimora d’epoca e un loft in zona Brera, una casa di ringhiera sui Navigli e una villa in Brianza: Barbie, la bambola più famosa al mondo, lascia Malibù per prendere casa a Milano. Tutto ciò grazie all’ingegno e alla creatività di alcuni studenti di Retail e Merchandising del corso di laurea in Design della moda del Politecnico. “L’obiettivo – spiega Alba Cappellieri, responsabile del progetto – era quello di inserire caratteristiche milanesi nella realtà americana di Barbie con formule d’arredamento contemporaneo”.

Sono stati in tutto una trentina i progetti concepiti in una vera e propria full immersion dal 31 Maggio al 30 Giugno, stilati in collaborazione con un team della Boffi e della Mattel, la più grande casa produttrice di giocattoli al mondo che realizza le famose bambole dalla chioma d’oro. Gli studenti del Politecnico di Milano hanno cercato di ideare la nuova casa di Barbie rivisitando le quattro tipologie di abitazioni tipicamente milanesi. Il miglior disegno di ciascuna tipologia di progetto è stato premiato ieri nell’ambito della manifestazione Vogue Fashion Night Out, che si è tenuta nel capoluogo lombardo.

Da una parte c’è la casa di ringhiera sui Navigli, piuttosto piccola e intima, il posto ideale per accogliere amici in tutta tranquillità. Al suo interno c’è una cucina con un terrazzino che ospita piante aromatiche, oltre che un doppio lavello a nastro. Dall’altra parte c’è il loft di Brera, una sorta di casa-armadio, con un guardaroba di ultima generazione, dotato di schermo led per poter visualizzare capi e accessori. Così sarà più facile dividere i vestiti in base alle stagioni e agli stili. Inoltre, il mobile è stato ideato dagli studenti del Politecnico di Milano in modo da percepire l’arrivo di Barbie fin dal corridoio e suggerire l’outfit più appropriato.

La bambola bionda più conosciuta al mondo può anche usufruire, in zona Brera, di una casa dell’800 arredata in stile minimalista, mentre in Brianza può rilassarsi in una villa a due piani che ha perfino una gelateria in ascensore. Tutte queste abitazioni non potevano che essere concepite rigorosamente in rosa, il colore che più caratterizza tutto ciò che è legato a Barbie e quello che più rappresenta il mondo femminile.