studente paga tasse universitarie con il crowdfunding

In un momento particolare come questo, in cui andare all’università molto spesso costa un occhio della testa, occorre ingegnarsi in tutti i modi per riuscire a pagarsi gli studi e arrivare a conseguire la laurea. Così ha fatto uno studente del London’s Royal College, un giovane originario del Malawi di nome Ackeem Ngwenya: il ragazzo, impossibilitato a laurearsi a causa delle tasse troppo care (si parla di ventimila sterline), ha deciso, infatti, di provare ad autofinanziarsi attraverso il crowdfunding.

Il crowdfunding è quel processo attraverso cui, con l’ausilio del web e di piattaforme dedicate, si facilita l’incontro tra chi richiede una mano per sviluppare un proprio progetto e chi è disposto a offrire denaro al fine di portarlo a compimento. Si tratta di un vero e proprio finanziamento dal basso, che molte volte è ritornato assai utile anche in occasione di tragedie umane o catastrofi naturali. In questo caso serve a coronare il sogno di uno studente che sta brillantemente completando i suoi studi in Ingegneria del design, ma che rischia seriamente di non arrivare alla discussione della tesi di laurea a causa delle tasse universitarie troppo alte.

Ackeem Ngwenya ha aperto una sottoscrizione sulla piattaforma internazionale di crowdfunding che si chiama Indiegogo, chiedendo agli utenti di aiutarlo non solo a pagare le tasse universitarie per laurearsi, ma anche a dare la spinta necessaria a un suo progetto. Si tratta di una ruota capace di adattarsi a ogni tipo di terreno, anche quello più impervio, come quelli che si trovano nel suo Paese di origine. Fino a oggi il progetto dello studente del London’s Royal College ha raccolto poco più di duemila sterline. Lo scopo è di arrivare a finanziare completamente il suo lavoro.

Il progetto di Ackeem si chiama semplicemente Roadless e prende origine dalla sua stessa esperienza. Nato e cresciuto nel Malawi, infatti, il ragazzo sa benissimo che cosa serve agli abitanti del suo villaggio per coltivare la terra e trarre da essa il cibo necessario per vivere. In questo Stato dell’Africa Orientale, la mancanza di infrastrutture e di strade, rende impossibile l’uso di qualsiasi mezzo di trasporto e costringe ancora le persone del posto a trasportare i beni in bilico sulla testa. Sicuramente con il progetto di questa ruota speciale si può rendere più facile la loro vita.