cercare la felicità rende infelici

Il gene della felicità è femminile. Secondo una ricerca americana, infatti, esiste solo nelle donne, mentre sarebbe assente nei maschi. Molto probabilmente gli uomini utilizzano un altro meccanismo per essere felici. Ѐ quanto rilevato da alcuni scienziati della South Florida University, negli Stati Uniti d’America. Lo studio, che è stato pubblicato sul numero di agosto della rivista Progress in Neuro-psychopharmacology and biological psychiatry, spiegherebbe così perché molto spesso il sesso maschile sia meno incline di quello femminile a manifestazioni evidenti di gioia.

Gli studiosi americani che hanno condotto la ricerca hanno scoperto l’esistenza di un certo legame tra uno specifico gene, denominato monomaine assidasi A (MAO-A), e gli stati d’animo propri della felicità, provocati dalla presenza nel cervello di particolari sostanze chimiche come la serotonina e la dopomina. Ciò, però, vale solo per le donne: “Negli uomini tale correlazione è invece del tutto assente. Probabilmente – spiega Henian Chen, a capo del team che ha realizzato lo studio – ci sono altri meccanismi neurologici ancora ignoti ma comunque diversi per il cervello maschile”.

La ricerca americana è arrivata a identificare la sezione di Dna responsabile di questa reazione, prendendo in esame ben 193 donne e 152 uomini. In particolare, gli studiosi hanno approfondito la presenza del gene della felicità in rapporto allo stato d’animo: “Una bassa espressione del gene MAO-A è correlata con stati d’animo sereni, un’alta espressione, invece, è connessa – continua a spiegare il responsabile dello studio condotto presso il dipartimento di Epidemiologia e biostatica della South Florida University – con stati negativi come l’alcolismo, e comportamenti aggressivi e antisociali”.

Secondo i ricercatori, il responsabile di tale differenza tra uomini e donne, per quanto riguarda la presenza di stati d’animo felici o meno, sembrerebbe essere il testosterone. Alti livelli di quest’ormone negli individui di sesso maschile, infatti, cancellerebbero “ogni possibile effetto del gene MAO-A sul loro umore”. Proprio per questo motivo, può essere che gli uomini siano più felici prima dell’adolescenza, perché i loro livelli di testosterone sono bassi”.