pd riforma università palermo

pd riforma università palermo

La riforma dell’Università firmata dal ministro Gelmini spacca in due l’Italia e penalizza gli studenti del Mezzogiorno. A dirlo ieri all’Università di Palermo Marco Meloni, responsabile nazionale Pd per l’Università, e Giuseppe Lupo, segretario del Pd Sicilia.

Proprio la città universitaria siciliana è stata la seconda tappa, dopo Napoli, del viaggio del Pd negli atenei italiani che andrà avanti fino a luglio e durante il quale il Pd ha deciso di incontrare direttamente studenti e ricercatori per ripensare la riforma. “Abbiamo iniziato il viaggio dal Sud – hanno spiegato – per la particolare emergenza che riguarda gli atenei del Mezzogiorno”.

In particolare, il Pd si riferisce ai tagli previsti per il 2011, su cui a fine maggio già i rettori hanno espresso preoccupazione: “gli atenei non sanno a quanto ammontano le risorse disponibili per il 2011, con il conseguente rischio del blocco della programmazione” ha ribadito Meloni spiegando come a questo quadro – che riguarda gli atenei di tutta Italia – si aggiunge poi la particolare situazione delle università meridionali dove il sistema dei servizi allo studente arranca.

Mobilità sociale, potenziamento delle residenze e dei servizi per studenti, docenti più giovani e valorizzazione dei dottorati. Queste in sintesi le prime proposte che il Pd ha discusso con studenti e ricercatori all’Università di Palermo.