indagine offerta master universitari 2013

Orientarsi nella giungla dei master universitari di I e II livello erogati in Italia può essere molto complicato. I corsi di questo tipo, infatti, sono migliaia e non esiste un’anagrafe che li raccolga tutti. Per tracciare un quadro più chiaro della situazione, Universita.it ha effettuato un’analisi tesa a stabilire in quali atenei del nostro Paese è aumentata o diminuita l’offerta dopo l’ultimo anno di crisi economica.

Dall’indagine di Universita.it, realizzata su 65 atenei che erogano questo genere di corsi, è emerso che, in assoluto, quello con il più alto numero di master di I e II livello in entrambi gli anni accademici considerati è “La Sapienza” di Roma, mentre quello con l’offerta più ridotta è la Libera Università di Bolzano, con un solo master sia nel 2011-2012 che nel 2012-2013.

In generale, negli atenei esaminati l’offerta di master universitari si è leggermente ridotta nel 2012-2013 rispetto all’anno accademico precedente, passando da 1.835 corsi a 1.809, con un calo di 26 unità (-1,42 per cento). In alcuni atenei, tuttavia, l’effetto della crisi si è fatto sentire con più forza, con una netta diminuzione dei master offerti: è questo il caso de “La Sapienza” di Roma. Secondo i dati dell’analisi sull’offerta di master universitari in Italia svolta da Universita.it, infatti, ad aver registrato il calo più importante è proprio il principale ateneo romano, dove si è passati da 276 corsi a 245 (-11,2 per cento), seguito dall’Università de L’Aquila (da 37 a 23, pari al -37,8 per cento) e dall’Alma Mater Studiorum di Bologna (da 86 a 72, -16,3 per cento).

Di segno opposto e in controtendenza rispetto all’andamento medio nazionale, in particolare a quello della Capitale, ci sono due atenei del Nord Italia, che hanno risposto energicamente a questo periodo di crisi. Ad ampliare maggiormente la propria offerta formativa sono stati il Politecnico di Milano, passato dai 37 master universitari dell’a.a. 2011-2012 ai 67 del 2012-2013 (+81 per cento), e l’Università di Padova, che nel 2012-2013 ha proposto 93 master contro i 63 dell’anno precedente (+47,6 per cento). Al terzo posto di questa graduatoria si è piazzata la LUISS, con un’offerta di master universitari di I e II livello passata da 13 a 30 corsi (+130 per cento).

I dati dell’indagine sull’offerta di master universitari in Italia di Universita.it mostrano inoltre che in 7 atenei – Libera Università di Bolzano, Politecnico di Bari, Università del Piemonte Orientale, Università di Chieti-Pescara, Università di Torino, Università di Trento e Università per Stranieri di Siena – il numero di corsi proposti è rimasto invariato.

Un altro aspetto che emerge dallo studio di Universita.it è che, in valore assoluto, l’offerta di master a Roma è nettamente più ampia che a Milano: la capitale batte infatti il capoluogo lombardo per 461 a 155 (a.a. 2012-2013). A questo proposito è opportuno sottolineare che il dato non tiene conto dell’Università Cattolica, la quale ha una propria sede sia in entrambe le città considerate che in altre, e in ciascuna di queste eroga master universitari.

L’indagine di Universita.it sull’offerta di master universitari segnala anche che a Milano il numero di corsi proposti è aumentato rispetto all’a.a. 2011-2012 (da 120 si è passati a 155, +29,2 per cento), mentre a Roma è leggermente diminuito (da 472 a 461, -2,3 per cento). Infine, dai dati raccolti è possibile notare che le due principali città italiane coprono da sole circa un terzo dell’offerta totale di master di I e II livello nel nostro Paese, confermando il loro enorme potenziale di attrazione anche come sedi per gli studi universitari post laurea.

L’analisi sull’offerta di master universitari in Italia di Universita.it si basa sui dati riportati sui siti web di 65 atenei, incrociati con quelli raccolti nel database creato per la sezione ‘Master’ del portale stesso. Gli anni accademici confrontati sono il 2011-2012 e il 2012-2013. Nei casi in cui non fosse possibile stabilire univocamente l’anno accademico di riferimento del master, il criterio adottato è stato quello di assegnare al 2011-2012 tutti i corsi con avvio delle lezioni previsto tra Settembre 2011 e Agosto 2012, mentre sono stati attribuiti al 2012-2013 quelli con avvio tra Settembre 2012 e Agosto 2013. Eventuali differenze con le informazioni originarie provenienti dai siti dei singoli atenei possono quindi essere causate dai criteri adottati per classificarli.

Cerchi un master? Clicca qui per scoprire quelli attualmente attivi in Italia!

RETTIFICA (28/6/2013): Dall’Università di Trieste fanno sapere che i master effettivamente attivati per l’a.a. 2011-2012 non sono 28 ma 12, mentre quelli per il 2012-2013 sono 9 e non 12, come erroneamente riportato in precedenza. Ci scusiamo con i diretti interessati per il disagio.