caro-affitti matricole 2010

Tempi duri per i locatori “al nero” che sfruttano gli studenti fuorisede, arrivando anche a triplicare il canone d’affitto mensile senza alcun contratto di locazione e senza pagare un soldo di tasse.

La Guardia di Finanza di Lecce ha appena aperto un’inchiesta sugli affitti in nero ai fuorisede dell’Università del Salento dal 2005 al 2008.

A tutti gli studenti universitari fuorisede dell’ateneo salentino è stato distribuito un questionario che obbliga a dichiarare la propria condizione in città, indicando se e quando ci si è avvalsi di appartamenti o posti letto.

Per quanto la presenza dei fuorisede abbia notevolmente contribuito a sviluppare l’economia di Lecce, anche l’enorme business illegale degli affitti in nero agli universitari ha ripreso a crescere smisuratamente, nonostante le varie denunce di associazioni studentesche abbiano comunque portato molti locatori a mettersi in regola.

La lotta all’evasione fiscale sarà condotta dalla Finanza con controlli e sanzioni per i locatori ma anche per gli studenti che dichiareranno il falso sui questionari.

È infatti prevista un’ammenda amministrativa dai 258 ai 2.065 euro per i fuorisede colpevoli di omissione di dati: insieme al questionario sarà infatti obbligatorio allegare una copia del contratto di locazione e le ricevute dei pagamenti.

Ma chi sarebbe disposto a farsi multare per coprire un “padrone di casa” fuorilegge?