firenze

firenze

L’Università di Firenze blocca la permanenza in servizio del personale docente oltre i limiti d’età per il collocamento a riposo. A comunicare la decisione dell’ateneo è stata una lettera firmata dal rettore nella quale si specifica che è stata respinta la richiesta di prolungamento del servizio per due anni.

La decisione fa appello all’applicazione dell’articolo 72 della legge 133 del 2008. Gli organi di governo dell’ateneo, nel novembre scorso, avevano infatti deciso di non concedere “di norma e salvo deroghe eccezionali” la permanenza in servizio ai docenti e ricercatori che avessero superato l’età pensionabile, questo perché hanno come “obiettivi prioritari il riequilibrio finanziario e il rinnovamento del personale”.

Il Senato accademico ha stabilito per questo criteri “precisi e restrittivi” per concedere alcune eccezioni, tenendo presente il contributo al “mantenimento del valore degli indicatori di performance della ricerca scientifica”.

“Con grande dispiacere siamo costretti a dire di no a tutti i colleghi che hanno chiesto di restare in servizio per altri due anni – ha dichiarato il rettore Augusto Marinelli – la decisione assunta va però nella direzione del totale rispetto delle delibere degli organi di governo che prevedevano di norma – ha concluso – la non concessione del mantenimento in servizio”.