casa fuori sede

La ricerca di una casa per fuori sede è la prima sfida che vi troverete ad affrontare una volta giunti nella vostra nuova città.

Se avete i requisiti per usufruire delle agevolazioni che ciascuna università mette a disposizione dei fuorisede, potrete avere la possibilità di ottenere un alloggio in una casa per studenti fuori sede, ovvero una camera in una struttura occupata essenzialmente da studenti che come voi provengono da un’altra città. Altrimenti dovrete cercarvi un appartamento, e la ricerca potrebbe diventare molto difficile.

Se siete partiti con un uno o più amici, con cui vorrete condividere il percorso di studi e di vita da fuori sede, cercherete un appartamento da dividere, altrimenti vi occorrerà una stanza in un appartamento occupato da altri fuori sede.

I prezzi degli affitti di una casa per fuori sede variano da città a città, ma di solito sono più alti nelle zone più vicine all’università.

Prima di decidere di risparmiare, andando in periferia, valutate bene i mezzi pubblici che collegano la zona dove pensate di trovare casa e l’università: compiere ogni giorno un lungo percorso per raggiungere la lezione potrà risultare pesante e andare a discapito del vostro rendimento.

Per non parlare del fatto che, specie se vi trovate in una grande città, abitare in una zona mal collegata con il centro può incidere anche sulla vostra vita sociale!

Per cercare una casa per fuori sede, dunque, potete affidarvi ad un’agenzia immobiliare (ma considerate che vorranno una percentuale, solitamente pari ad una mensilità), oppure spulciare gli annunci sui giornali specializzati, o ancora leggere i moltissimi annunci che troverete affissi per strada, in cui i proprietari, o più spesso altri studenti fuori sede come voi offrono l’affitto di una stanza. Molti di questi annunci potrete trovarli nelle bacheche universitarie, vicino alle segreterie delle facoltà o comunque in luoghi che sono molto frequentati da studenti fuori sede.

Se cercate casa per la prima volta, potreste rimanere delusi dalle stanze che vedrete: può accadere che proprietari senza scrupoli approfittino delle necessità dei fuori sede per affittare a prezzi improponibili alloggi fatiscenti, per cui è probabile che dovrete vederne un po’, prima di trovare quello che fa per voi.

Informatevi subito se il proprietario è disposto a farvi un contratto regolare d’affitto, che per voi è una garanzia non da poco, detraibile dalle tasse. Comunque, tenete in conto che vi verrà richiesto di pagare una caparra di solito pari a due mensilità.

Se siete a Roma tenete presente che da poco è nata l’Agenzia degli affitti che, senza alcuna provvigione, si occupa di aiutare i ragazzi nella ricerca di una casa per fuori sede in maniera regolare, offrendo vantaggi e consulenze legali gratuite sia agli studenti che ai proprietari.

Avete trovato la stanza? Bene, mettetevi a vostro agio perché sarà la vostra casa per il vostro periodo da fuori sede, dunque divertitevi a personalizzarla come più vi piace anche perché non ci saranno genitori a giudicarvi!

A questo punto inizia la convivenza con i coinquilini. Tenete presente che la convivenza non è sempre facile, e potrà mostrarvi lati sconosciuti di persone che pensavate di conoscere perfettamente. Viceversa vi darà occasione di conoscere persone provenienti da altre parti d’Italia con cui potrete confrontarvi, crescere ed instaurare delle amicizie sincere che vi accompagneranno per tutto il vostro percorso come una seconda famiglia!

Ciò che è indispensabile è rispettare gli spazi degli altri, e darsi delle semplici regole di convivenza che tutti si impegneranno a rispettare. In ogni casa per fuori sede che si rispetti è frequente trovare affisso in cucina un foglio con i turni delle pulizie o della spesa, naturalmente approvato da ciascun membro dell’appartamento!