bibliografia tesi laurea

La bibliografia della tesi di laurea è la sezione che contiene l’elenco di tutto il materiale bibliografico consultato per scrivere la tesi.

Ogni libro che hai consultato e che ti è servito per scrivere il tuo lavoro, dovrà essere fedelmente citato nel testo e successivamente elencato nella bibliografia della tesi di laurea.

Non dimenticare, perciò, di annotare tutti i riferimenti dei testi consultati una volta individuato l’argomento, perché altrimenti perderai molto tempo a ricordare tutti i libri utilizzati negli ultimi mesi, considerando che alcuni potresti non averli più a portata di mano.

Se stai leggendo quest’articolo prima di cominciare a scrivere la tesi di laurea, sappi che la bibliografia non deve essere l’ultima cosa che redigerai, ma è qualcosa che va costruito di pari passo con la stesura dell’opera.

Se, al contrario, terminata la tua ricerca, non hai ancora iniziato a redigere la bibliografia della tesi di laurea non perderti d’animo…ce la puoi ancora fare!

Non esiste una regola universale per la stesura della bibliografia della tesi di laurea, ma ci sono delle convenzioni che vanno comunque rispettate (informatevi comunque presso la vostra segreteria didattica se ci sono delle regole imposte dalla vostra facoltà) sia per la laurea magistrale che per la laurea di primo livello.

Innanzitutto tenete presente che nella bibliografia della tesi di laurea vanno elencate tutte le opere che avete già citato nel testo (con nome dell’autore e anno di pubblicazione) e non quelle che avete solo “sfogliato”.

Si comincia col citare il cognome dell’autore e poi l’iniziale del nome, separati dalla virgola (se gli autori sono più di uno si scriveranno tutti i cognomi nell’ordine in cui appaiono sul testo); a seguire, il titolo del libro, in corsivo, dunque il luogo di pubblicazione, la casa editrice e l’anno di edizione. Ciascun campo deve essere separato da una virgola.

Es.: Autore, Titolo opera, Luogo di pubblicazione, Editore, anno di pubblicazione

Spesso vi troverete a citare nella bibliografia della tesi di laurea capitoli di libri che raccolgono contenuti di vari autori. Il criterio è lo stesso ma, questa volta, il titolo del capitolo che volete citare andrà scritto tra virgolette, mentre il corsivo sarà riservato al titolo del libro. Infine, è opportuno citare le pagine che contengono il capitolo di interesse.

Es.: Autore capitolo, “Titolo capitolo”, in Autore Libro, Titolo libro, Luogo di pubblicazione, Editore, anno di pubblicazione, pp.

Molto di frequente dovrete citare articoli estrapolati da qualche rivista. Il titolo dell’articolo andrà scritto tra virgolette, mentre in corsivo quello della rivista. Inoltre, andrà specificato il numero della rivista consultata, l’anno di riferimento e le pagine in cui l’articolo è contenuto.

Es.: Autore, “Titolo articolo”, in Titolo rivista, numero, anno, pagine contenenti l’articolo

Tutte le tipologie di opere sopracitate devono essere elencate in ordine alfabetico, secondo il cognome dell’autore, nella bibliografia della vostra tesi di laurea. Nel caso in cui siano presenti più libri dello stesso autore, andranno ordinati a partire dal più recente.

Infine è opportuno inserire un elenco a parte per gli eventuali articoli presi da siti internet. In questo caso è necessario inserire l’URL completo della pagina consultata, specificando la data dell’ultima consultazione.

Per ultimo un consiglio che forse vi tornerà utile il giorno della presentazione della tesi di laurea: al vostro relatore farà molto piacere essere presente nella bibliografia…