Tag: fuga dei cervelli

gaffe poletti su cervelli in fuga

Poletti sui cervelli in fuga: “Alcuni meglio che stiano dove sono”. E in Parlamento arriva una mozione di sfiducia per il ministro

Ha scatenato una vera e propria bufera la frase del ministro del Lavoro Giuliano Poletti che, a proposito dei 100mila giovani che hanno lasciato l'Italia per trovare lavoro all'estero, ha detto testualmente "non è che qui sono rimasti 60 milioni di pistola. Conosco gente che è andata via e che è bene che stia dove è andata, perché... (continua...)
un laureato su due sogna l'estero

Giovani con la valigia: un laureato italiano su due sogna l’estero

Italia addio: il 50 per cento dei neolaureati di età compresa tra i 24 e i 28 anni anni sogna l'estero. A spingere i nostri giovani verso l'emigrazione è la sfiducia di trovare un lavoro all'interno dei confini nazionali, vuoi per le sfavorevoli condizioni economiche, vuoi per la poca importanza rivestita... (continua...)
matricole del sud scelgono l'emigrazione

Fuga dei cervelli: 10 su 17 vincitori dei fondi 2013 dell’European Research Council scelgono di andare all’estero

La cosiddetta "fuga dei cervelli" è una triste realtà nel nostro Paese ed è ormai un fenomeno noto a tutti, ma la notizia che la maggioranza dei ricercatori italiani vincitori dei fondi 2013 dell'European Research Council (ERC) ha deciso di emigrare è un duro colpo per il Paese. Dei 17 nostri connazionali che si sono aggiudicati... (continua...)
Flop Programma Montalcini per rientro cervelli

Programma Montalcini, flop per il piano di rientro in Italia dei nostri giovani ricercatori

Si torna a parlare del Programma Rita Levi Montalcini, l'iniziativa destinata a favorire il rientro dei cervelli in fuga, nata nel 2009 per festeggiare i cento anni della scienziata italiana scomparsa lo scorso 30 Dicembre. A distanza di quattro anni, è il momento di un primo bilancio per il progetto dedicato ai giovani ricercatori... (continua...)
elsevier indagine cervelli fuga produttivita

Cervelli in fuga? Pochi e producono di più, lo rivela un’indagine della casa editrice Elsevier

Italia Paese di cervelli in fuga? Meno di quanto si pensi. Non solo: la migrazione dei lavoratori della conoscenza ha importanti risvolti positivi. Un ricercatore costretto a lavorare all'estero, infatti, una volta tornato nel proprio Paese di origine, ha un impatto scientifico e una produttività più alti della media.... (continua...)