Home News Cronaca Università di L’Aquila: il Rettore dice no alla delocalizzazione

Università di L’Aquila: il Rettore dice no alla delocalizzazione

0

Il Rettore dell’Università di L’Aquila, Fernando di Orio, ha dichiarato di essere contrario alla “ventilata” delocalizzazione delle struttura universitarie.

Anche se attualmente soltanto il 20% delle strutture di ateneo sono agibili, il Rettore ha comunicato di parteggiare per la ricostruzione “in loco” anziché per la delocalizzazione delle Facoltà universitarie fuori città.

Vogliamo restare a L’Aquila e questo deve essere chiaro, quindi bisogna ricostruire” – ha dichiarato Fernando Di Orio in diretta da “Radio Anch’io” – “abbiamo stabilito una procedura d’emergenza per l’occupazione di spazi soprattutto all’Aquila cosi’ come chiesto dagli studenti: puntiamo su alcune strutture importanti che sarebbero innanzi tutto aquilane”.

Ricordando che esiste un progetto da presentare al Comune con urgenza circa l’istituzione di un campus universitario a Coppito e Cansatessa entro i prossimi due anni, il Rettore ha inoltre manifestato la proprio consenso verso il provvedimento di esentare dalle tasse universitarie le future matricole dell’università, precisando però che la misura dovrebbe essere estesa a tutti gli studenti “perché sono loro le vere vittime della tragedia e devono essere al centro di qualsiasi provvedimento”.

Ti interessa fare carriera e trovare subito lavoro?

I metodi tradizionali sono ormai superati e devi sempre stare al passo del mercato per ottenere il lavoro che meriti.

Cosa ti serve per fare una carriera da urlo e trovare subito lavoro? Luca te lo racconta in questo breve webinar.

Queste sono solo 3 strategie innovative di cui si discuterà:

  • Strategia #1 - Come identificare il percorso giusto e non sprecare tempo
  • Strategia #2 - Come fregare l´ATS e indicizzare il tuo profilo per attrarre le aziende
  • Strategia #3 - Come usare il networking per trovare lavoro e sviluppare la tua carriera

Prenota il tuo posto al FREE WEBINAR LIVE prima che finiscano.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento qui
Inserisci il tuo nome qui