Home News Ammissione università Test di ammissione, eliminata la “cultura generale”

Test di ammissione, eliminata la “cultura generale”

8

Non hanno reso davvero la vita facile alle aspiranti matricole, così come ai partecipanti dei concorsi pubblici. Ma se per questi ultimi non ci sono particolari novità, gli studenti possono invece dire addio alle domande di cultura generale all’interno dei test di ingresso all’università.

Il modulo dei quesiti cosiddetti “generali o di attualità” spariscono dunque dai test d’accesso per le facoltà a numero chiuso. Si comincerà infatti da settembre con i nuovi quiz destinati ad aspiranti medici, veterinari e architetti, che si vedranno alle prese con 80 domande ben diverse.

A sostituire la cultura generale ci sarà infatti un modulo di quesiti logico-deduttivi, oltre a domande declinate in modo preciso sulle materie che lo studente andrà ad affrontare nel corso di laurea che aspira ad intraprendere.

Nel decreto del Miur la composizione dei test non è però l’unica novità che cambia le carte in tavola alle aspiranti matricole dei corsi di laurea a numero chiuso. Viene infatti introdotto per la prima volta un test unico per Medicina e Odontoiatria, e nelle varie università che dispongono di tutta l’offerta ci sarà comunque una unica graduatoria sulla base della quale saranno gli studenti a scegliere a quale facoltà iscriversi.

Altra novità, seppur in fase “beta”, sarà poi il fatto che i test saranno su base regionale e sarà pertanto possibile concorrere per più atenei grazie a graduatorie valide per diverse università della regione.

Decise anche le date delle prove, si inizierà il 5 settembre con Medicina e Odontoiatria, mentre, per le aspiranti matricole di Architettura, l’appuntamento è due giorni dopo, il 7. Per quanto riguarda la facoltà di Veterinaria, il test d’ingresso è fissato per il 6 settembre. A concludere il giro saranno le professioni sanitarie il cui test di ingresso è previsto per l’8 settembre.

Ti interessa fare carriera e trovare subito lavoro?

I metodi tradizionali sono ormai superati e devi sempre stare al passo del mercato per ottenere il lavoro che meriti.

Cosa ti serve per fare una carriera da urlo e trovare subito lavoro? Luca te lo racconta in questo breve webinar.

Queste sono solo 3 strategie innovative di cui si discuterà:

  • Strategia #1 - Come identificare il percorso giusto e non sprecare tempo
  • Strategia #2 - Come fregare l´ATS e indicizzare il tuo profilo per attrarre le aziende
  • Strategia #3 - Come usare il networking per trovare lavoro e sviluppare la tua carriera

Prenota il tuo posto al FREE WEBINAR LIVE prima che finiscano.

8 Commenti

  1. E’ uscito il decreto per le modalità di ammissione per i corsi a numero chiuso del 2011/2012
    http://attiministeriali.miur.it/anno…-15062011.aspx
    Scusate ma tutte le novità che ci dovevano essere quest’anno dove sono?

    Cultura logica è rimasta, per Medicina Veteriinaria danno più importanza a Chimica venticinque (25) che a Biologia venti (20) tanto da metterla dietro cultura generale e raggionamento logico.
    Mah mi aspettavo qualcosa di meglio

  2. Un chiarimento dovuto ai nostri lettori: il decreto in questione non è stato ancora approvato ed è al vaglio dei tecnici del ministero.
    La prospettiva però è proprio quella di sostituire i quesiti “generali o di attualità” con quesiti logico-deduttivi.
    Oltre all’introduzione del test unico per Medicina e Odontoiatria, c’è poi l’ipotesi – come dicevamo nell’articolo ancora in corso di discussione – che i test si svolgano su base regionale dando la possibilità agli studenti di entrare in graduatoria in diverse università di una regione.
    Se non ci sono “notizie ufficiali” è perché il decreto non è ancora legge: ci scusiamo se non si evince con sufficiente chiarezza. L’intento dell’articolo era quello di spiegare in che direzione si sta orientando il Miur: è evidente che il provvedimento definitivo potrebbe non essere del tutto coincidente con quanto riportato.
    Raffaele Lupoli
    Direttore Universita.it

  3. Notizia inattendibile, nessuna fonte chiara, nessun comunicato su tg o ai rettori o ai presidi di facoltà.
    Una notizia del genere farebbe scalpore ovunque, invece niente di niente da nessuna parte.
    Ci crederò quando mi darete il link al messaggio ufficiale del miur (e anche lì avrei lo stesso i miei dubbi).
    Il giorno che la burocrazia aiuterà lo studente meritevole ad entrare in una facoltà è ancora lontano.

  4. Benedetta, è quello che mi chiedo anch’io. E’ attendibile la notizia? E soprattutto.. come interpretate la frase:

    “Sarà poi il fatto che i test saranno su base regionale e sarà pertanto possibile concorrere per più atenei grazie a graduatorie valide per diverse università della regione.”

    Nel senso che c’è una sola graduatoria per tutta la regione e il test non è più legato al singolo ateneo? Mi sembra moooolto strano.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento qui
Inserisci il tuo nome qui