Home News Esperienza all'estero Per studiare Economia o Ingegneria gli studenti italiani fuggono in Inghilterra: +20...

Per studiare Economia o Ingegneria gli studenti italiani fuggono in Inghilterra: +20 per cento in un anno le matricole

0

Il nostro non è un Paese per giovani laureati, ma forse nemmeno per universitari, visto che sempre più studenti italiani fuggono in Inghilterra. Secondo dati recenti, nel 2014 le matricole tricolori sul suolo britannico hanno raggiunto quota 11.685, pari al 10 per cento del totale degli studenti stranieri. Rispetto all’anno precedente, il numero di coloro i quali hanno fatto le valigie e hanno lasciato il Bel Paese per approdare in Inghilterra è aumentato del 20 per cento.

Il Regno Unito si conferma una delle mete preferite dai nostri giovani (si calcola che i nostri connazionali che vi si sono trasferiti siano 600mila), ma se un tempo erano per lo più i laureati a cercare fortuna professionale in Gran Bretagna, adesso anche gli studenti italiani fuggono in Inghilterra. Così, tra i 44mila che nel 2014 hanno detto arrivederci all’Italia e si sono diretti verso la terra di Sua Maestà la Regina Elisabetta II, il 50 per cento in più rispetto al 2013, c’è un abbondante 26 per cento di studenti.

Gli studenti italiani fuggono in Inghilterra, anche se gli altri stranieri sembrano esserne un po’ meno attratti rispetto al passato. Cala infatti il numero di studenti stranieri provenienti da Germania, Francia, Irlanda (le tre nazioni più rappresentate) e Lettonia. Gli atenei del Regno Unito vengono scelti sia da quanti vogliono prendere un Bachelor’s degree (equivalente alla nostra laurea triennale), sia da quanti hanno completato il primo livello di studi universitari e desiderano conseguire un Master’s degree, titolo biennale simile alla nostra laurea magistrale.

Gli stranieri – italiani compresi – scelgono la Gran Bretagna soprattutto per studiare Economia (28 per cento del totale) e Ingegneria (scelta soprattutto per corsi di II livello). Manchester è la città preferita dagli studenti internazionali (sono 13.320), seguita da Londra con lo University College of London e la Queen Mary University. Molto gettonate sono anche Sheffield, Birmingham, Glasgow, Cardiff e Liverpool.

Visto che sempre più spesso gli studenti italiani fuggono in Inghilterra, iniziano a moltiplicarsi gli eventi organizzati per presentare ai giovani nostrani le opportunità disponibili Oltremanica. Il prossimo, organizzato dal British Council, si terrà il 28 febbraio a Milano.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento qui
Inserisci il tuo nome qui