Home News Tecnologia Il Politecnico di Milano scommette sui corsi online gratuiti col portale POK

Il Politecnico di Milano scommette sui corsi online gratuiti col portale POK

1

Il futuro è nei massive open online courses, i famosi MOOCs. Sempre più atenei ne sono convinti e dallo scorso giugno, nella folta schiera dei sostenitori dei corsi online gratuiti c’è anche il Politecnico di Milano, che ha deciso di offrire videolezioni aperte a tutti attraverso il portale POK (acronimo di PoliMi Open Knowledge).

Il portale POK è aperto a studenti iscritti al Politecnico di Milano, ma anche (previa registrazione) a tutti coloro che non lo sono e hanno voglia di seguire corsi di livello universitario su vari argomenti. I MOOC del PoliMi, per il momento, sono per lo più focalizzati sull’accompagnamento degli studenti nei difficili momenti di transizione, come quello tra le superiori e l’università, quello tra la laurea triennale e la magistrale e quello tra gli studi e il mondo del lavoro.

Per questo motivo, i corsi online gratuiti presenti attualmente sul portale POK si concentrano sul rafforzamento di nozioni di base di matematica e fisica, fondamentali per chi si è appena iscritto all’università, e sull’inglese per la finanza e il management, pensato per chi ha conseguito una laurea di I livello e si è iscritto a un corso magistrale. Per laureati e laureandi, poi, c’è una serie di videolezioni sulle soft skills necessarie per affrontare il mondo del lavoro.

Dal 2015, inoltre, il portale POK si arricchirà ulteriormente, offrendo, tra gli altri, anche corsi utili per prepararsi ad affrontare il test di ammissione ad Architettura. Sul portale del Politecnico di Milano non ci sono solo video, ma anche esercizi e altro materiale didattico. A tutti coloro che completano un corso e raggiungono un punteggio sufficiente nelle verifiche viene rilasciato un attestato di frequenza.

Il successo dei MOOC sembra ormai inarrestabile: il numero dei detrattori delle lezioni a distanza diminuisce sempre più, mentre aumenta costantemente quello degli utenti. Sono forse i prodromi di una rivoluzione digitale che cancellerà aule e campus universitari? Ancora è troppo presto per stabilirlo. Nel frattempo, però, molti atenei hanno scommesso su questa nuova forma di insegnamento. Alcuni, come La Sapienza e la Bocconi, hanno fatto il proprio debutto nel mondo dei corsi online gratuiti aderendo a Coursera, una delle piattaforme internazionali più famose. Altri, come appunto il Politecnico di Milano, hanno deciso di mettersi in proprio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 commento