Home News Diritto allo studio Approvato il Piano regionale per lo studio universitario dell’Emilia Romagna

Approvato il Piano regionale per lo studio universitario dell’Emilia Romagna

0

Emilia Romagna piano Università
Emilia Romagna piano Università
Sviluppo della mobilità a livello nazionale, estensione delle borse di studio agli studenti più capaci e meritevoli, rendere migliori i servizi di accoglienza sul lato abitativo per gli universitari con piani comuni con Comuni o privati che rispettino degli standard qualitativi minimi stabiliti.

Sono questi alcuni dei punti contenuti nella delibera approvata dalla Giunta comunale dell’Emilia Romagna che stabilisce il Piano regionale degli interventi e dei servizi per il diritto allo studio universitario.

Il Piano, spalmato su tre anni (2009-2012), è un indirizzo per il lavoro dell’Azienda regionale per il diritto agli studi superiori. I punti principali del piano tengono conto del fatto che in Italia solo l’1,7% degli universitari presenti negli atenei nostrani è straniero, contro il 9% in Francia e Germania.

Fra i parametri dettati dal piano infine c’è anche l’obiettivo di creare delle “misure di accompagnamento” tramite uno sportello unico dove reperire tutte le informazioni necessarie per vivere la propria dimensione accademica.

Ti interessa fare carriera e trovare subito lavoro?

I metodi tradizionali sono ormai superati e devi sempre stare al passo del mercato per ottenere il lavoro che meriti.

Cosa ti serve per fare una carriera da urlo e trovare subito lavoro? Luca te lo racconta in questo breve webinar.

Queste sono solo 3 strategie innovative di cui si discuterà:

  • Strategia #1 - Come identificare il percorso giusto e non sprecare tempo
  • Strategia #2 - Come fregare l´ATS e indicizzare il tuo profilo per attrarre le aziende
  • Strategia #3 - Come usare il networking per trovare lavoro e sviluppare la tua carriera

Prenota il tuo posto al FREE WEBINAR LIVE prima che finiscano.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento qui
Inserisci il tuo nome qui