Home Rubriche Riscatto della laurea Conviene riscattare la laurea?

Conviene riscattare la laurea?

155
riscattare la laurea
riscattare la laurea

La risposta è positiva, conviene riscattare la laurea, ma bisogna comunque tenere conto di alcuni fattori.

La legge 247/07 semplifica ed agevola il riscatto degli anni di laurea soprattutto dando la possibilità di dilazionare il pagamento in dieci anni e stabilendo con il calcolo del riscatto della laurea una cifra certa che non varia nel corso degli anni. Inoltre dà la possibilità di riscattare gli anni di laurea anche a chi non ha un lavoro pagando la quota minima per ogni anno che si desidera riscattare (4.560 euro).

Per capire se conviene riscattare la laurea dobbiamo analizzare le due motivazioni che spingono a richiedere il riscatto:

  • andare in pensione prima
  • avere una pensione più elevata

Prendendo come indicatore, per valutare se conviene riscattare la laurea, il rapporto tra la pensione e l’ultimo reddito percepito, notiamo come questa relazione possa incrementarsi tra il 5% ed il 10% riscattando una laurea triennale o quinquennale. Per essere concreti, queste variazioni si riflettono in circa 100-200 euro in più al mese sulla pensione, che in un anno sono mediamente 1.500 euro in più.

C’è da dire che per le donne i guadagni sono inferiori poiché l’età del pensionamento è a 60 anni e non a 65. Inoltre il regime previdenziale prevede coefficienti di rendimento maggiori con il crescere dell’età. Quindi, conviene riscattare la laurea soprattutto se si vuole lavorare a lungo, almeno fino ai 60 anni.

Per i giovani che hanno da poco terminato gli studi conviene riscattare la laurea subito, poiché costa meno ma, d’altro canto, essendo i contributi calcolati su un reddito meno elevato avranno un incidenza minore sull’incremento della pensione stessa.

Complessivamente comunque, dal punto di vista finanziario, considerando una speranza di vita attesa in linea con i parametri standard, si avrà nel corso degli anni un incremento delle pensione superiore alla spesa sostenuta per riscattare la laurea. L’indice di efficienza, in questo caso, è mediamente vicino a 2, ovvero si incasserà una somma doppia rispetto a quanto si è speso per il riscatto. Tale indice sarà maggiore per le donne in quanto hanno una speranza di vita maggiore.

Inoltre, due ulteriori vantaggi sono dati dal fatto che i contributi versati per il riscatto della laurea sono deducibili dalle tasse e che, nel corso degli anni, il contributo, che rimane fisso, si svaluta a causa dell’aumento del costo del denaro.

Stabilito che conviene riscattare la laurea, bisognerà valutarne le convenienza anche rapportando i guadagni ad altre forme di risparmio quali, ad esempio, i fondi pensione.

155 Commenti

  1. Salve, ho chiesto il riscatto della laurea conseguita nel 1990.L’inps ha accolto la mia richiesta con un totale di € 95.000,00 con possibilità di suddividere in 120 rate mensili.Ho 26 anni di contributi e 51 anni di età…Posso anticipare di 4 anni il ritiro dal lavoro? La cifra non è esageratamente alta???Grazie a chi vorrà darmi un supporto…

  2. Buonasera,
    ho 42 anni (data nascita 01/09/1975)e lavoro nel settore privato dallo 01/01/1998 (attualmente in part time all’80% da 8 anni con reddito intorno ai 22500). Ho richiesto all’INPS il riscatto dei tre anni di diploma universitario (periodo 01/11/1994-31/10/1997). La domanda e’ stata accolta ma prima di pagare la prima rata volevo capire se avro’ un vantaggio ed un beneficio (anticipando cosi l’eta’ pensionabile, ma di quanto?dei tre anni effettivi di studio?)riscattando gli anni universitari oppure se sara’ solo in termini rimunerativi

  3. Buongiorno,
    avendo due figli, di 24 e 26 anni che hanno da poco conseguito la laurea triennale, mi piacerebbe ricevere via e-mail la risposta che avete inviato all’utente RODRIGO (al suo commento del 29/08/2017).
    Vi ringrazio anticipatamente per l’attenzione.

    Grazie

  4. Buongiorno,
    Io a tutt’oggi ho già riscattato 2 anni, visto che mia madre a fatto domanda appena ho iniziato il primo lavoro dopo la laurea, mi piacerebbe sapere se conviene continuare o visto che stanno pensando di riconoscere il periodo di laurea ai fini pensionistici e che continuano ad alzare l’età pensionistica ( ne terranno ancora conto).
    Vi ringrazio anticipatamente per la Vs. disponibilità.

  5. Vivendo una situazione simile a quella descritta dall’utente FEDDY, mi piacerebbe ricevere la risposta per email, con gli aggiornamenti in merito.
    Grazie per la vostra disponibilità

  6. Buongiorno ,
    mio figlio (27 anni ) si è laureato lo scorso anno e sta attualmente facendo un tirocinio quindi risulta non occupato. Siccome è possibile riscattare i cinque anno di laurea ipotizzando un reddito minimo annuo di 15.548€ su cui calcolare il rimborso che per i 5 anni ammonterebbe a circa 25.560€ da versare all’Inps anche in 120 rate, volevo sapere, tenendo presenti le regole attuali, :
    1 – la pensione anticipata ( che oggi si ottiene con 42 anni + 10 mesi di contributi ), per un 27enne che inizia adesso a lavorare, sparirà o è già stabilito il futuro limite in base agli adeguamenti della vita media?
    2 – se fra circa 40/45 anni quando andrà in pensione mio figlio l’età per la pensione di vecchiaia sarà di 70 anni oppure per l’anticipata ( se ci sarà ) serviranno ad esempio 45 anni di contributi, la convenienza del riscatto si ridurrebbe perchè fra vecchiaia ed anticipata non ci sarebbe più tanta differenza
    3 – anche economicamente visto che ora c’è il contributivo aver recuperato gli anni di laurea versando il contributo minimo inciderebbe poco
    Cosa ne pensate?
    Continua ad essere conveniente il riscatto?
    Grazie

  7. Sono anche io nella stessa situazione esposta da Freddy.
    Potrei visionare la vostra risposta?
    Possibilmente aggiornata con le nuove modifiche all’età pensionabile

    Grazie anticipatamente

  8. Buon pomeriggio
    mi trovo anch’io per mia figlia laureata, nella situazione esposta da Freddy, anche se vi è già stata una modifica dell’età pensionabile e quindi della eventuale pensione.
    Potrei cortesemente avere a disposizione la risposta che avete dato a Freddy al quesito posto il 30/12/2009 e quella ad Adriano C. del 12/06/2010?
    Grazie per tutto il vostro impegno.
    Cordiali saluti
    Matilde

  9. 47 anni, laurea per periodo universitario durata legale ante 1996 e corso di specializzazione biennale 2001/2003. Contributi solo dal 2003. Ho fatto domanda di riscatto nel 2008. Ero insegnante di secondaria secondo grado primo gradone stipendiale. Quanto costerebbe il riscatto della laurea e quanto quello della specializzazione? Di quanto incrementerebbero mensilmente la mia pensione? E’ urgente, devo decidere subito. Grazie
    sandra

  10. Buongiorno, ho iniziato a lavorare come dipendente medico pubblico nel 1993 a 36 anni, ho 1 anno di militare riscattato con oneri zero e sto versando un riscatto laurea di 4 anni per circa 30000 euro. Andrei quindi in pensione a 67 anni e 8 mesi nel 2025 con circa 32 anni di lavoro+1anno di militare+4 anni riscattati di laurea, per un totale di 37 anni di contributi.
    Secondo voi lo sforzo dei 30000 euro sta valendo la pena? È possibile che l’aumento dell’importo della pensione sarà solo di 100-200 euro al mese?
    Distinti saluti
    Pietro

  11. Buon Giorno ho 39 anni di contributi versati in Italia disoccupato del 2014 mi sto laureando in Venezuela se tutto va bene nel 2017 finisco se riscatto dal 2014 al 2017 sono 3 anni posso andare in pensione, durante la vita lavorativa ho svolto: lavori precoci, usuranti, notturni.
    saluti
    Giuseppe

  12. salve, sarei interessata anche io alla risposta di freddi, soprattutto chiedo una delucidazione del punto 2. “( quando parlate di “andare in pensione prima……)”
    GRAZIE

  13. Lavoro all’estero da alcuni anni (extra UE) e vorrei sapere come calcolare il riscatto della laurea.
    Mi sono laureato nel 99 (5 anni di studi). Devo considerare come stipendio base, ai fini del calcolo del riscatto, il mio ultimo stipendio in Italia (2011) ?
    Grazie e saluti

  14. Sto riscattando un periodo di 9 anni, 9 mesi e 29 giorni (periodi di studi, laurea e dottorato, completati prima del 1994). Ho iniziato a lavorare nel giugno del 1996, quando avevo quasi 35 anni. In tale data avevo come contributi solo il servizio militare di 14 mesi circa. Il mio scopo principale di riscatto è acquisire la libertà di smettere di lavorare il più presto possibile. Per esempio quando avrò 64 anni, se avrò riscattato tutto il periodo, avrò 40 anni di contributi circa (1 di militare, 29 di servizio e 10 circa di riscatto). Potrei smettere di lavorare a 64 anni con il massimo dei contributi.
    La mie domande sono:
    1)è’ giusto il mio ragionamento?
    2) è vero che cosi potrei smettere di lavorare tranquillamente a 64 anni?
    Se invece smetto di riscattare adesso (avendo riscattato già 6 anni circa di studi) all’età di 64 anni avrei circa 36 anni di contributi. Potrei sempre andare in pensione a 64 anni? Se si, che differenza ci sarebbe con l’ipotesi di riscattare tutto il periodo e totalizzare 40 anni di contributi?
    Grazie per la risposta.

  15. Buongiorno, mi trovo nella stessa situazione di Freddy (all’inizio).
    Ho iniziato a lavorare da 4 anni e avrei 5 anni di universita’ da riscattare (3 + 2), ed inoltre lavoro all’estero (da 4 anni).
    Mi potreste speigare se convenga prendere in considerazione il riscatto dell’universita (che al momento mi costerebbe decisamente molto) oppure no? e quali potrebbero essere le alternative?
    Grazie mille,
    Sara

  16. Ho 53 anni, ho lavorato con la mia ditta individuale dal 1988 al 2004 versando normalmente i contributi INPS.
    Dal 2006 al 2013 ho lavorato discontinuamente a tempo determinato come dipendente per enti pubblici via via diversi.
    Dal 2014 lavoro a tempo indeterminato per un ente pubblico.
    Mi sono laureato nel 2012.
    Come faccio a calcolare la cifra che dovrei eventualmente versare per riscattare gli anni della laurea magistrale (vecchio ordinamento)?

  17. Ho 62 anni e lavoro dal 1980 nella pubblica amministrazione
    -Al fine di andare prima in pensione vorrei riscattare la laurea periodo 1976/1979.
    E’ coveniente? posso eventualmente riscattare soltanto 2 anni?.

  18. sono un medico ospedaliero assunto nel giugno 1991 ( nato 23/06/1953) conviene riscattare gli anni di laurea o parte di essi al fine di raggiungere i 35 anni ed andare in pensione a 65 anni?La domanda trova spunto dalla possibilita’ che Renzi offre di anticipare il pensionamento.Quanto sara’ la penalizzazione? Sono in Extra moenia e responsabile di UO dipartimentale.In atto il mio stipendio netto è 2700 Euro

  19. buonasera sono nata nel settembre 1957 laurea quadriennale nel 1982, lavoro dall’83 ad oggi ho più di 32 anni . nel ’90 ho chiesto il riscatto 18.500.000 lire pagato per circa un anno poi sospeso: quesiti
    -posso riprendere i pagamenti? se si a quale prezzo.?
    -vorrei valutare la possibilità del progetto donna, alla fine del 2015 mi mancheranno circa 55 settima
    ne per avere i 35 anni richiesti.
    -vista la proroga dei termini entro quando devo presentare la richiesta per il riscatto? e solo per il
    periodo che mi manca ai 35 anni o per tutta la laurea (avrei qualche beneficio?).
    -e quando presentare la domanda ? a quando e quanto sara la pensione? grazie e cordialità.

  20. Situazione identica vissuta da mia moglie. La domanda che hai presentato e’ valida ma si considera presentata il 12 luglio 1998, data di entrata in vigore del d. Legisl. N. 1084; quello, per intenderci , che ha esteso la possibilità di riscatto a tutti. Conseguentemente, il costo del riscatto ti sarà’ calcolato sulla retribuzione percepita nel 1998 e non nel 1985. Dovrebbe costarti circa 7500 euro per anno di riscatto. Un onere che risulta conveniente da affrontare se con i 4 anni riscattati riesci a conseguire il diritto all’applicazione del sistema retributivo. Così non è stato per mia moglie che a fronte di un elevato onere di riscatto si garantirebbe solo un aumento della pensione netta dell,ordine di 120 euro mensili, restando nel regime misto. Questo il motivo per cui dopo il pagamento di due rate ha interrotto il riscatto. In bocca al lupo!

  21. Io mi sono laureata il 25 /11/1975, ho insegnato nella scuola elementare e nel 1985 ho chiesto di riscattare la laurea. Ma il Provveditorato allora mi rispose che non era richiesta la laurea, oggi che vorrei andare in pensione, è valida ancora quella domanda per riscattare la laurea secondo i parametri del 1985? Grazie, se qualcuno mi può rispondere…

  22. …Io mi ritrovo invece con la seguente situazione: ho accumulato 18 anni di contributi (lavoratore dipendente); me ne mancherebbero 2 per raggiungere i 20 anni che rappresentano la quota minima di contribuzione per avere “uno straccio” di pensone a 66 (…e piu’ anni).

    In piu’ ho trovato un lavoro all’estero (extra europa) che non ha nessun tipo di possibilità di ricongiungimento con i contributi INPS fin qui già pagati in Italia.

    Per non perdere 18 anni di contributi, dovrei percio’ pagarmi volontariamente i due anni di contributi che rimangono per arrivare a 20 anni.

    Visto che pero’ (nei 18 anni di contributi) non ho riscattato i 5 anni di università, mi chiedo se valga piu’ la pena pagare per riscattare i 5 anni di università (in questo caso arriverei a 23 anni di contributi) o pagare i due anni di contributi volontari che mancherebbero per arrivare ai 20 anni. Grazie per coloro che mi apriranno la mente al proposito!!

    A questo punto sono incerto se vale la pena

  23. sono medico ospedaliero dal 1990 nato nel 1959, con 25 anni di contributi INPS, sto riscattando i 6 anni di corso di laurea e in teoria potrei riscattare anche quello di specializzazione di 3 anni.
    E’ molto oneroso ma ho già pagato più della metà dei bollettini MAV.
    Quale convenienza avrò al raggiungimento della pensione e quando potrò accedervi (il prima possibile). Quali svantaggi se smetto di riscattare la laurea?

    Grazie saluti

  24. Buongiorno avrei bisogno di sapere urgentemente se mi conviene riscattare la laurea (30 mesi)
    Sono nata nel 59 ed ho iniziato l università nel 78 e a lavorare nel 81.
    Prima ero lavoratrice dipendente adesso sono a partita IVA
    Mi sono recata al patronato x capire quando potevo andare in pensione
    Il risultato è stato senza riscatto di laurea nel 2024 con riscatto nel 2021 ( pensione anticipata)
    Ho fatto domanda all inps per il riscatto e mi hanno inviato il conteggio pari a € 35.000 circa.
    Devo fare la scelta entro il 31/12/2014
    Mi conviene? E se poi cambiano la legge? Oppure è meglio aspettare e capire cosa succede?
    Grazie mille

  25. buonasera, anch’io mi trovo nella situazione di Feddy (commento del 30 dicembre 2009) e vorrei conoscere la vostra risposta per i quesiti posti, potreste inviarmeli via e-mail? Grazie

  26. Buonasera, mi trovo nella situazione di Freddy (commento del 30 dicembre 2009) e vorrei conoscere la vostra risposta per i quesiti posti, potreste inviarmeli via e-mail? Grazie

  27. E’ bellovedere tante domande senza unso straccio di risposta.
    Purtroppo si parte da presupposti errati. Chi inizia a lavorare dopo i 30 anni NON HA NESSUNA CONVENIENZA A RISCATTARE LA LAUREA!
    Sono soldi buttati
    Ossequi, barbablu’

  28. sto pagando il riscatto della laurea relativo a 20 mesi. nel frattempo ho ritrovato tre mesi di contributi ENPALS. cosa mi conviene fare? Ho 62 anni e dovrei andare in pensione nel 2015 versando circa 12.000,00 EURO di saldo riscatto (che non Ho).
    Grazie infinite. Giuseppe Nocentini

  29. Salve,
    sono nato il26/06/1978 e ho consguito la laurea quinquennale in ingegneria nel 2005. Lavoro dal Giugno del 2005 ed ho un RAL di cirvìca 42000 Euro. Vorrei sapere quanto dovri pagare per riscattare gli anni di laurea e quando potrei in tal caso andar in pensione .
    Grazie
    Carlo

  30. Desidero sapere se è possibile e conveniente che io riscatti la laurea di mia figlia che ha trenta anni e non lavora ; attualmente sta facendo la specialistica.
    Grazie
    Cordiali saluti

  31. Buonasera,
    sono nato nel novembre 1960 e mi sono laureato nel luglio 1988 (laurea quinquennale in Ingegneria). Alla data odierna ho lavorato e ho versato contributi per 24 anni + 1 anno di militare. Vorrei avere un ordine di grandezza della spesa da sostenere per il riscatto, tenuto conto che il mio RAL è di circa 50000 euro e vorrei sapere i pro e i contro nell’effettuare tale riscatto.
    Grazie.
    Cordialità,
    Giovanni

  32. Articolo sul riscatto laurea interessante ma non esaustivo. Non vengono infatti considerate le recenti variazioni apportate dalla Fornero etc. etc. sul pensionamento. Ringrazio per la gradita ed attesa risposta. Cordialmente Gianni

  33. Ho riscattato la laurea in medicina con grande sacrificio economico (50 rate su 120 spalmate in 10 anni). Ho quasi 54 anni d’età e quasi 24 di contribuzione effettiva esclusa la laurea.
    A questo punto mi conviene completare il riscatto?
    A quanti anni andro’ in pensione?
    Ho diritto alla pensione anticipata con il riscatto laurea effettuato?

    Grazie Saluti

  34. Attualmente sono insegnante di ruolo in conservatorio. Di ruolo nella scuola media dal settembre 2000. Dall’INPS ho avuto la determinazione del riscatto, per riscattare i miei 5 anni di laurea e 5 anni di servizio pre ruolo nella scuola (dal 1982 al novembre 2000) che sono in tutto 10 anni di riscatto. Dovrei pagare circa 9.500 euro in dieci anni. Mi potrà convenire? Grazie mille!

  35. Ho 52 anni, mi sono laureata nel 1987, nel 1990 ho iniziato a lavorare in ambito pubblico (SSN) e ho riscattato i 4 anni di laurea a partire dal 1992 in 5 anni (lire 1850000). Oltre al riscatto, ho già provveduto alla ricongiunzione.
    La domanda che pongo è la seguente: quando andrò in pensione? I 4 anni riscattati, ora che è in vigore la riforma Fornero non mi serviranno più per andare in pensione prima dell’età pensionabile e mi serviranno unicamente per avere, con il sistema misto, qualcosa in più sulla pensione?
    Ringrazio per la risposta.
    Lucia

  36. ho 53 anni, sono medico ospedaliero con 23 anni di contributi.
    Ho iniziato a versare i contributi del riscatto laurea conseguita nel 1985 nel 2009 (quasi 4 anni e me ne rimangono altri 6 da versare). Mi trovo nel dubbio se proseguire o meno i versamenti in considerazione dell’elevato costo anche se deducibile e della riforma Fornero che allunga sempre più i tempi del pensionamento.
    Vorrei un vostro suggerimento

    Grazie

  37. ho 25 anni e l’INPS mi ha inviato il conteggio per il riscatto della laurea triennale: 9200 euro.
    entro il 31 marzo devo decidere se pagare la prima rata.
    non vedo grande convenienza a riscattare la laurea, potete dirmi se anche voi siete dello stesso parere?
    grazie

  38. Ho 38 anni, dal febbraio 2009 sto riscattando la laurea per un totale di € 19.800,00. Ho lavorato due mesi come lavoratrice dipendente e otto anni come co.co.co., da otto mesi ho aperto partita iva però ora non percepisco alcun reddito. Dunque, poichè farei molta fatica a sostenere i pagamenti rateali, sto pensando se interrompere il riscatto ma vorrei sapere se al momento mi conviene continuare (anche se con sforzi economici) oppure no e, in tal caso, se gli 8.000,00 € versati diventerebbero contributi valutabili come gli altri versati (gestione separata)?

    Grazie

  39. Ho 47 anni, 12 anni di contributi, dipendente statale, vorrei riscattare gli anni di laurea e mi hanno chiesto 15.900 euro. successivamente farò anche la domanda di ricongiunzione di 5 anni di libera professione. Quando andrò in pensione percepirò più o meno di 133 euro al mese, che è la cifra che l’inps mi chiede per il riscatto da versare in 10 anni? e’ coveniente il mio riscatto?
    grazie

  40. Laureata nel 1998 (corso di laurea di 4 anni) e dipendente part-time dal 1999. Per riscattare il periodo mi viene richiesto un importo mensile di € 100 per 10 anni. Può costituire un vantaggio?
    Devo decidere entro brevissimo tempo… 10gg!
    Grazie

  41. Ho 45 anni , 23 anni di contributi,sono dipendente,vorrei sapere se mi conviene riscattate i due anni di scuola,ai fini contributivi e pensionistici,se possibile vorrei sapere nello specifico se vado in pensione 2 anni prima o,se aumenta la mia retribuzione pensionistica.
    Grazie

  42. Laureato nel 1989, corso di laurea di 4 anni, al lavoro dal 15/04/1991. Oggi guadagno 45.000,00 euro l’anno, ho 46 anni.
    Quanto mi costerebbe riscattare la laurea ?
    Mi conviene?
    Grazie.

  43. Avevo fatto richiesta a suo ( al tempo delle vecchie Lire) del riscatto degli anni di laurea. Ma sono passati anni e non ne so’ piu’ nulla.
    Chi potrei sentire per sapere che fine ha fatto la mia domanda di riscatto ?

    Grazie.

  44. Anche io vorrei avere notizie sulla convenienza del riscatto della laurea, alla luce della nuova normativa: sono nato nel 1969, dovrei riscattere gli anni di laurea dal 1988 al 1992 e dovrei pagare 14000,00 euro.
    Quanto è l’importo maggiore della pensione nel caso in cui procedessi al riscatto?
    Mi interessano le risposte inviate a Freddy e Fabrizio.
    Potreste inviarmele? Grazie.

  45. Buongiorno,

    anche io sarei interessatissima a conoscere le risposte date ai Sig. Freddy e Lucio Fumelli. Ho conseguito la laurea quinquennale nel 2011 e sto pensando di presentare domanda di riscatto.

    Potete gentilmente inviarmiela?

    Grazie.
    Saluti,
    MM

  46. Sono nato a giugno 1969, mi sono laureato nel 1997 con laurea quinquennale e, nello stesso anno, ho iniziato a lavorare ed effettuato la richiesta di riscatto degli anni di laurea (afferenti al periodo 1988-1993). Il costo del riscatto è di circa 18.300 Euro. Vorrei avere chiarimenti , alla luce della riforma Fornero, se :
    -il riscatto degli anni di laurea mi comporti un avvicinamento del traguardo pensione o meno
    – quale vantaggio economico mi comportebbe: si tenga presente che nella proposta INPS è riportato un valore di “Beneficio pensionistico corrispondente” pari a 2093 Eur: è questo l’ammontare pensionistico aggiuntivo annuo previsto?
    Grazie

  47. salve, ho fatto richiesta per riscattare 4 anni del corso di laurea, ho cominciato a lavorare regolarmente solo da 6 anni cioe a 32 anni, e dovrei pagare una rata mensile di 350 euro circa per 10 anni, mi hanno dato 3 mesi di tempo per decidere se accettare o meno la proposta di riscatto, potreste darmi un aiuto a decidere.

  48. buongiorno,
    sono un operatore sanitario, ho fatto la domanda di riscatto della laurea triennale e ora mi chiedono di versare circa 10000 euro di contributi. sono nato nel 1963 e ho tutt ‘ora 14 anni e 7 mesi di contributi con un reddito annuo lordo di circa 32000 euro.Vorrei sapere se e’ conveniente riscattare la laurea.

  49. Buongiorno,
    sono un’insegnante di scuola superiore e devo decidere se riscattare o meno gli anni di laurea.
    Sono nata nel 1960 e lavoro dal 1985.
    Mi interessa sapere se gli anni riscattati concorrono al completamento dei 42 anni minimi per avere la pensione, e quindi se riscattando 5 anni di laurea ne devo lavorare solo 37. Avendo iniziato a lavorare a 25 anni, potrò andare in pensione a 62 anni (25 + 37)?
    Vorrei inoltre sapere se l’importo da pagare per il riscatto viene calcolato solo sullo stipendio lordo annuale oppure viene tenuto conto anche delle retribuzioni per le attività aggiuntive svolte (corsi di recupero, attività del POF, ecc.)
    Grazie della risposta!

  50. Per favore inviereste anche a me la risposta al quesito di FreddY?
    nel frattempo sono cambiate le condizioni?
    grazie

  51. Buonasera
    ho 54 anni, 28 di contributi e sono dipendente privata. Con un reddito lordo di 42.300 Eu, per 4 anni ante 1996 l’INPS mi ha chiesto 72.300 Eu di onere, con coeff. di riserva matematica 21,432. E’ giusto il calcolo? Cosa vuol dire beneficio pensionistico Eu 3.375? Perché scrivono: reddito pensionabile eu 33.248? Dove finisce la differenza rispetto ai 72.300 Eu che versero’?
    Molte grazie

  52. Buonasera,
    anche io sarei interessatissima a conoscere la risposta data a freddy.
    Potete gentilmente inviarmiela?

    Saluti

  53. Se posso dire come la penso io riguardo al riscatto (ammesso che qualcuno voglia saperlo) è che da un punto strettamente economico forse non conviene, ci sono altri tipi di investimento che possono fruttare di più ed essere più flessibili, liquidi e trasferibili. Tuttavia, approcciandomi ora al mondo del lavoro, non posso dire in quale condizione lavorativa mi troverò quando sarò in prossimità della pensione… potrei trovarmi nella condizione di essere disposto a pagare qualunque somma pur di ritirarmi qualche anno prima! E se invece mi trovassi a fare un lavoro che mi desse molte soddisfazioni potrei continuare a lavorare e ritirarmi più tardi con una pensione più alta. Quindi ritengo ne valga la pena.
    Ciao a tutti.
    Stefano

  54. Buonasera a tutti,
    anche io sarei interessatissimo a conoscere la risposta data a freddy.
    Saluti,
    Stefano

  55. mia figlia ha iniziato a lavorare el 2007 e paga il riscatto laurea dal luglio 2010, ma alla luce della nuova riforma delle pensioni , vale la pena continuare visto che compira’ 66 anni nel 2046 e avra’ gia 39 anni di contributi ? la cifra mensile che paga e’ di euro 234 mensili per dieci anni. grazie

  56. trattandosi di un caso molto simile, desidererei, se possibile, conoscere la risposta da Voi fornita a Freddy ad una sua mail del 30-12-2009.
    Grazie e distinti saluti
    Antonio

  57. Salve,
    Sono un collaboratore scolastico, sono passato di ruolo il 1 settembre 1998, ho fatto 34 mesi di servizio preruolo e 5 anni in agricoltura (già riscattati), io sono nato il 14 marzo del 1962.
    Vorrei cortesemente sapere se è conveniente riscattare Anni 4 mesi 11 giorni 12 (legge45/1990) al costo di € 8.063,61, inoltre vorrei sapere se riscattando tale periodo potrò andare in pensione prima, o e per il solo vantaggio di incrementare la pensione che percepirò in futuro, e quanto sarebbe questo incremento.

  58. Buongiorno,
    sono nato nel luglio del 1975. Nel novembre 1999 mi sono laureato in Economia (corso di laurea di 4 anni ufficiali). Da giungo 2001 lavoro presso una banca. Alla luce della nuova riforma Monti vorrei sapere se è conveniente o meno riscattare il corso di laurea e se i costi del riscatto sono detraibili/deducibili fiscalmente
    grazie

  59. vi sarei molto grato se poteste rispondermi via e-mail al seguente quesito:
    mio figlio è nato a marzo 1983. Attualmente sta lavorando (contratto tempo det. di 1 anno). precedentemente ha lavorato 2 anni sempre a tempo determinato.
    nel 2010 ha richiesto il riscatto del periodo di laurea, da marzo 2011 ha incominciato a pagare circa 212 euro/mese per un periodo di 10 anni (importo totale 25.517 euro).
    alla luce delle nuove normative è conveniente continuare a pagare, oppure conviene versare questa somma su un fondo pensione aperto? quello per esempio su cui si versa il TFR?
    la detraibilità fiscale di circa 5000 euro annui valida per i fondi di pensione complementare è comprensiva di quanto versato all’INPS per il riscatto,oppure è indipendente?
    se verserà tutta la somma richiesta da INPS si può stimare di quanto aumenterà la pensione?
    vi ringrazio anticipatamente e invio i migliori saluti
    Lucio Fumelli – Pesaro

  60. salve, per il riscatto dei 5 anni di laurea (1976-1981) l’INPS ha calcolato 31.000euro in 60 rate. Ho già pagato la 1^ rata a marzo scorso. Al 31.12.2011 i contributi utili sono 29 anni e 6 mesi. Se riscatto gli anni di laurea dovrei andare con la pensione anticipata nel 2020 anzichè nel 2024 con quella di vecchiaia. Seconda cosa rientrerei nel vecchio periodo retributivo fino a Dicembre 2011 per poi passare al contributivo fino alla pensione.terza cosa porterei in deduzione dal mio redditto circa il 30% per il pagamento irpef .Potreste confermarmi quanto sopra, e dirmi se per la pensione ci sarà un vantaggio economico, quantificabile, per la parte legata al riscatto.?
    grazie anticipatamente,
    Giuseppe

  61. Buongiorno,
    sono un neolaureato di 25 anni, sto considerando l’ipotesi del riscatto. Mi potreste gentilmente inviarmi la risposta data al sig. Feddy il 30/12/2009? Ovviamente aggiornata con le nuove leggi!
    Grazie mille!

  62. Buongiorno, anche io mi trovo nella stessa situazione di Antonio (post 2010). Sono circa a metà riscatto e mi sto trasferendo all’estero. L’azienda multinazionale mi ha detto che continuerò a percepire busta paga italiana (azienda spa) ma le tasse le pagherò in Spagna…che benefici fiscali avrò per il riscatto della laurea? potrò andare a credito?

    Grazie mille,

    Fabio

  63. Mi sono laureata nel 2008 e ho iniziato l’anno dopo a riscattare due anni di università (circa 15.000 euro). Mi chiedo se il riscatto è conveniente al giorno d’oggi o sia meglio una pensione integrativa. Ora lavoro con un contratto di apprendistato professionalizzante di tre anni. Quale vantaggio ho a pagare il riscatto ? Se dovessi decidere di interrompere i pagamenti, le rate già versate mi verrebbero restituite?
    Grazie

  64. Buongiorno.
    da giugno 2011, ho iniziato a pagare le rate per riscatto laurea ( 5 anni ). Alla luce delle nuove leggi non so se mi conviene continuare.
    L’importo da pagare complessivamente ammonta a circa 25000 euro. Ho 28 anni. Se continuo a pagare a quanto ammonterà l’importo mensile, per la parte legata al riscatto, quando andrò in pensione ?
    Saluto e ringrazio

  65. uongiorno,
    potreste cortesemente inviarmi la risposta al post del sig. Feddy (post datato 30/12/2009)? Ho da poco conseguito una laurea quinquennale e ho presentato domanda di riscatto.

    Ringrazio anticipatamente.

  66. Mi è arrivato da parte dell’INPS(ex inpdap)una richiesta di documenti per riscattare la laurea(4 anni).Vorrei capire se mi conviene ,considerando che la domanda è stata presentata a febbraio 2011 ,ho 50 anni e dodici anni di servizio.
    Vi ringrazio

  67. Buongiorno,
    potreste cortesemente inviarmi la risposta al post del sig. Feddy (post datato 30/12/2009)? Ho da poco conseguito una laurea quinquennale e ho presentato domanda di riscatto.

    Ringrazio anticipatamente.

    Tecla

  68. Buongiorno,
    potreste cortesemente inviarmi le risposte ai post del sig. Feddy (post datato 30/12/2009) e alla sig.ra Rossella (post datato 6 luglio 2010).
    Grazie.
    Alice

  69. Il mio anno di nascita è febbraio 1964 . Mi sono laureato nel dicembre1992 ; dal settembre 1995 ho preso servizio come maestro di scuola primaria con contratto a tempo indeterminato. Ho conseguito 17 anni di contributi. Hai fini pensionistici chiedo se mi è conveniente ricattare la laurea di 4 anni per un importo complessivo di 39.956 € .
    Grazie
    Mauro

  70. Il mio anno di nascita e’ 1964 e mi sono laureata in dicembre 1988. L’11 febbraio 1993 ho preso servizio presso un ente statale come dirigente. Quindi fino ad ora ho un periodo contributivo di circa 19 anni gia’ utile per fini pensionistici. Dall’1/04/2005 lavoro con contratto part-time di 27 ore settimanali.
    Nel 2006 ho presentato domanda all’INDAP di riscatto degli anni universitari a fini pensionistici. In novembre 2011 mi e’ arrivata la risposta con il calcolo di Euro 20.643,81 come onere da pagare per riscattare i 4 anni universitari corrispondenti al periodo 23/09/1983 – 22/09/1987.
    Mi consigliate di riscattare questi anni universitari?
    Grazie, saluti

  71. Buongiorno,
    sono nella medesima condizione di Lucia: sono nata nel 1983 e mi sono laureata in Medicina nel 2008, attualmente ho un contratto con la scuola di specializzazione.
    Ho presentato domanda di riscatto e recentemente ho ricevuto la risposta dall’INPS, mi vengono richiesti circa 35.000 euro.

    Il mio dubbio è se cominciare pagare a questo punto, perchè il mio scopo era riscattare gli anni della laurea per andare in pensione prima, ma con la nuova riforma della pensione pare che questo ragionamento non valga più.

    Se il solo vantaggio è incrementare la pensione che percepirò in futuro, quale sarebbe questo incremento? E allora non mi converrebbe, economicamente, aderire a un fondo pensione integrativo?

    Grazie

  72. ciao,
    ho lo stesso dubbio di Lucia. Non so se continuare a pagare, poichè nonostante il riscatto completo non andrei comunque in pensione un minuto prima.
    grazie
    A.

  73. Buongiorno

    sono nata nel 1983 e nel 2008 mi sono laureata in Medicina, Dal 2009 ho iniziato a riscattare i 6 anni della facoltà.
    Con la nuova legge pensionistica, il riscatto avrà solo una valenza sui contributi, quindi sulla maggiore pensione futura o anche sull’abbattimento delle’età pensionabile? Perchè il mio dubbio è se continuare a pagare o no.

    Grazie mille

  74. Insegnante a tempo indeterminato nella scuola superiore chiedo se mi convenga riscattare tre anni universitari ( dal 1992 al 1995) al costo di 11.000 euro calcolando che sono entrata in ruolo il 1 Settembtre 1994 a soli 25 anni ( nella scuola primaria) e pertanto all’età di 66 anni raggiungerò i 41 anni di contributi anche senza tale riscatto. C’e comunque convenienza a riscattare gli anni universitari nel mio caso?
    Grazie per l’attenzione
    Cordiali saluti
    Raffaella

  75. Salve, mi trovo nelle stesse condizione di molti che mi hanno preceduto; ho 40 anni e 11 di contributi, ho avuto risposta dall’inps ora dopo aver presentato domanda nel 2003; devo decidere se riscattarli entro il 31 gennaio, mi sapere dare qualche consiglio? Mi inviate cortesemente la risposta al quesito di freddy?
    Grazie.

  76. Buongiorno,

    come i tanti che mi hanno preceduta, anche io sto riflettendo sulla convenienza che può dare il riscatto della laurea. Anche se senza troppa convinzione, ho comunque presentato la domanda all’ inps quasi un anno fa e ancora attendo risposta.
    Potreste inviarmi le risposte date ai quesiti del sig. Feddy?

    Grazie mille.

  77. Mi trovo anch’io nella situazione analoga delle persone che vi hanno scritto in precedenza.
    Potreste cortesemente inviarmi le risposte ai quesiti del del sig. Feddy. Grazie

  78. Buonasera
    potreste dare anche a me la risposta di come è possibile riscattare gli anni universitari se si sta frequentando uno stage? Se mi rispondete mi date un grande aiuto. Grazie

  79. Salve,

    mi trovo anch’io nella situazione analoga delle persone che vi hanno scritto in precedenza.
    Potreste cortesemente inviarmi le risposte ai post del sig. Feddy (post datato 30/12/2009) e alla sig.ra Rossella (post datato 6 luglio 2010)

    Grazie in anticipo per il vs aiuto e la vs preziosa consulenza,

    Saluti

  80. gradirei anche io avere delle delucidazioni in merito alla eventuale convenienza del riscatto degli anni universitari. In particolare potrei cortesemente avere a disposizione la risposta che avete dato a Freddy al quesito posto il 30/12/2009?
    Grazie

  81. gradirei anche io avere delle delucidazioni in merito alla eventuale convenienza del riscatto degli anni universitari. In particolare potrei cortesemente avere a disposizione la risposta che avete dato a Freddy al quesito posto il 30/12/2009 e quella ad Adriano C. del 12/06/2010?
    Grazie

  82. mi sono laureata nel lontano 1997, poi ho proseguito gli studi all’estero, finora non ho riscattato nulla, ma ci sto pensando. mi conviene? e se sì, tenuto conto che al momento non ho reddito, quanto mi costerebbe per anno?
    grazie

  83. Buongiorno,
    sto riscattando 5 anni di laurea ottenuta nel novembre 2009 a 24 anni al costo di 24mila euro circa. Lo scopo del riscatto era andare in pensione tramite l’anzianità con 35 anni di servizio, 5 di riscatto e 60 di età. Alla luce delle attuali riforme e delle proposte di riforma, ho molti dubbi che riuscirò ad andare in pensione prima, e di sicuro economicamente farei meglio a mettere quei soldi nella previdenza integrativa. Che ne pensate?
    Grazie

  84. Buongiorno,

    anche io ho molti dubbi sulla convenienza del riscatto della laurea. La mia situazione è la seguente: ho 38 anni, sono di ruolo nella scuola dal 2007, ho 5 anni di servizio pre-ruolo, dovrei riscattare 5 anni di università dal 1992 al 1997 al costo di 51.000 euro. Cosa fare?

    Saluti.

  85. Buongiorno,
    non sono assolutamente d’accordo con chi dice che “conviene” comprare gli anni di laurea.
    Ho ricevuto un preventivo dall’INPS di 30.000 euro per il riscatto di 4 anni di farmacia per avere si e non 100 euro in più al mese…C E N T O euro in più!!! E che ci faccio?
    Diverso il discorso sarebbe se avessi un incremento pensionistico molto più elevato (300 o 400 euro al mese), ma sborsare 30.000 euro per 100 euro al mese, lo trovo veramente assurdo!

    Saluti!

  86. Salve,

    trovandomi anch ‘ io in una situazione analoga, gradirei ricevere la risposta data al sig. freddy

    saluti

  87. Salve,

    trovandomi anch ‘ io in una situazione analoga, gradirei ricevere la risposta data al sig. freddy

    saluti

  88. mi sono laureata nel novembre 2010 e ho fatto la domanda per il iscatto nel gennaio 1011. Mi chiedo se il riscatto degli anni di studio conviene ai fini pensionistici oppure è solo un guadagno in termini economici e quindi non mi servirà accorciare la mia vita lavorativa da 65 a 60??? spero di avere una vostra risposta al più presto.

  89. Salve a tutti,
    Ho fatto domanda di riscatto degli anni di laurea conseguita nel 1989.
    L’INPS mi chiede 72.000 euro (circa 500 euro al mese).
    Naturalmente vorrei sapere anch’io se, tenuto conto della deduzione fiscale del 19%, convenga o meno il riscatto (insomma ho le stesse perplessità di Feddy e degli altri che si sono associati alla sua domanda).

  90. Buongiorno vorrei sottoporvi la mia situazione. Ho conseguito la laurea triennale e la laurea specialistica in 6 anni al posto di cinque e ora sono iscritto ad un dottorato di ricerca triennale senza borsa ma ho un contratto lavorativo esterno dall’università per il quale sono iscritto in gestione separata INPS. Vorrei gentilmente sapere quanti anni posso riscattare al termine del mio dottorato

  91. Buongiorno vorrei sottopormi la mia situazione. Ho conseguito la laurea triennale e la laurea specialistica in 6 anni al posto di cinque e ora sono iscritto ad un dottorato di ricerca triennale senza borsa ma ho un contratto lavorativo esterno dall’università per il quale sono iscritto in gestione separata INPS. Vorrei gentilmente sapere quanti anni posso riscattare al termine del mio dottorato

  92. Ho fatto domanda di riscatto da un anno circa ma non ho ancora ricevuto una risposta dall’inps, è normale?
    Inoltre, a una mia amica, il patronato ha sconsigliato di procedere con il riscatto se l’obiettivo è quello di andare in pensione prima, perchè sembra che la tendenza sarà quella di eliminare i 40 anni di contributi affinchè si vada tutti in pensione con l’età (65 anni), indipendentemente dagli anni lavorati. So che ad oggi non è così, ma davvero ci sono queste voci? Ho solo 13 anni di contributi e 37 anni, quindi, se si dovesse arrivare a questa soluzione, il riscatto non mi consentirebbe di andare in pensione a 59 come invece vorrei.
    Grazie!

  93. Il mio quesito è:
    andando in pensione voglio continuare a lavorare, quanto sara’ la tassazione?
    Grazie a ch mi puo’ aiutare.
    Ettore

  94. anch’io sono molto interessata alla risposta data al sig.Feddy…..per favore è possibile riceverla via mail?Devo decidere entro il 30 novembre.Grazie.

  95. Salve,

    mi trovo anch’io in una situazione analoga a quella delle persone che vi hanno scritto in precedenza con l’aggravante che sono disoccupata. Devo però decidere se riscattare la laurea entro il 30 novembre.
    Potreste cortesemente inviarmi le risposte al post del sig. Feddy (post datato 30/12/2009)?

    Grazie per l’aiuto

    Cordiali saluti

  96. Buona sera
    mi trovo anch’io per mia figlia laureata, nella situazione esposta da Freddy, anche se in questi giorni si parla di una modifica dell’età pensionabile e quindi della eventuale pensione.
    Potrei cortesemente avere a disposizione la risposta che avete dato a Freddy al quesito posto il 30/12/2009 e quella ad Adriano C. del 12/06/2010?
    Ringraziando anticipatamente, cordialità

  97. Salve,
    anche io sono interessato alle risposte data ai quesiti posti da Freddy e Rossella.
    Vedo che è un argomento molto sentito.
    Vi chiedo la cortesia di rispondere in pubblico o se possibile di spedirmi la risposta via mail.

    Grazie e complimenti per il sito.

  98. buongiorno
    Sono interessato alle risposte che avete dato ai post dei signori Freddy e Rossella.
    Gentilmente potreste inviarle anche a me?
    Grazie in anticipo per il vostro servizio e per la cortesia
    saluti
    Alberto

  99. Salve,
    anche io sono interessato alla risposta a Freddy, potete inviarmela?
    In particolare, ho 29 anni e sto finendo un dottorato di ricerca con borsa ministeriale, per la quale sono iscritto alla gestione separata dei contributi.

    Grazie in anticipo

    Luca

  100. sono anch’io interessata alla risposta data a Freddy (30-12-2009) e a quella di Adriano C. (12-6-2010) potete inviarmele?
    grazie 1000 in anticipo

  101. Salve, anche io sono interessato alla risposta a Freddy, potete invarmela?
    grazie mille

    Stefano

  102. Salve a tutti, sono nella stessa condizione di Freddy, potrei avere anch’io la stessa risposta a lui inviata.
    Grazie

  103. ciao a tutti, domani scade anche a me la scadenza della dubbiosa decisione …. lancio appello a chi aveva scadenza a giugno ….

  104. Mi associo alla nutrita schiera di coloro che richiedono di avere copia della ripsosta fornita a Freddy (30 Dicembre 2009) ho imminentissima scadenza imposta dall’INPS, pertanto se possibile, Vi chiedo di evadere questa richiesta in tempi brevi compatibilmente con Vostri impegni. Grazie 1000 per la collaborazione.

  105. gradirei una risposta anche per mio figlio che si è laureato nel 2008 e adesso a iniziato a lavorare in GRAN BRETAGNA grazie molto gentili

  106. Buongiorno,
    sono in una situazione analoga a quella di Feddy (post del 30/12/09), e gradirei anche io conoscere la risposta che gli avete dato. Potreste inoltrarmela via email? Grazie!

  107. Buongiorno,
    sono in una situazione analoga a quella di Feddy (post del 30/12/09), e gradirei anche io conoscere la risposta che gli avete dato. Potreste inoltrarmela via email? Grazie!

  108. mi trovo a dover effettuare una scelta simile a quella di Ferddy e altri…potrei ottenere via mail anche io la risposta data a Freddy? Grazie!!!

  109. Buon giorno,
    potete inviare anche a me la risposta data a Freddy (30/12/2009)?
    Essendo dipendente pubblico e libero professionista, il calcolo si fa solo sull’attuale stipendio da dipendente pubblico ?
    grazie e saluti
    Guido

  110. Buonasera, mi trovo nella stessa situazione descritta da Freddy ( 30 dicembre 2009 ). Potreste inviare anche a me la risposta. Grazie.

  111. Buonasera, mi trovo nella situazione di Freddy e vorrei conosce
    re la Vs. risposta per i quesiti posti , potreste inviarmelivia e-mail?
    grazie Gianna

  112. Buonasera,
    io mi trovo nella stessa situazione di Freddy ed avrei quindi il piacere di conoscere la risposta data. Potreste inviarmela via e-mail ?

    Cordialmente,

    Alessandro

  113. Anch’io mi trovo a dover effettuare una scelta simile a quella di Ferddy e altri…potrei ottenere via maila nche io una risposta soddisfacente??? Grazie!!!

  114. Salve,

    anche io mi trovo in una situazione simile alla situazione di Freddy.

    Sono laureata dal 2002 in Scienze dell’educazione (laurea quadriennale), ho lavorato con contratti a progetto, co.co.co e co.co.pro sino al 2009, nel frattempo mi sono iscritta alla facoltà scienze della formazione primaria e nel 2009 ho acquisito la seconda laurea magistrale. Ho lavorato dal 1 settembre 2009 al 30 giugno 2010 col primo contratto a tempo determinato della mia carriera e ora spero di lavorare anche quest’anno…

    Anche io avrei intenzione di riscattare il percorso universitario e sarei interessata alla risposta inviata a Freddy il 30/12/2009.
    Potreste gentilmente inviarla anche a me? Vi ringrazio anticipatamente.
    Monica

  115. Buongiorno,

    sono una neolaureata attualmente in stage e sarei interessata anch’io alla risposta inviata a Freddy il 30/12/2009.
    potreste gentilmente inviarla anche a me?Vi ringrazio anticipatamente.

    Francesca

  116. Salve sono anche io interessata alla risposta data a Freddy il 30/12/2009, potreste gentimente inviarmela? sono un medico di 38 anni, laureato nel 2000,specializzato nel 2005 e dall’Ottobre 2008 assunto a tempo indeterminato in una casa di cura privata, vorrei sapere quando, riscattando gli anni di laurea, potrei andare in pensione.grazie

  117. Buon giorno,
    mi trovo anch’io per mia figlia laureata in farmacia, nella situazione esposta da Freddy.
    Potrei cortesemente avere a disposizione la risposta che avete dato a Freddy al quesito posto il 30/12/2009 e quella ad Adriano C. del 12/06/2010?
    Ringrazio anticipatamente
    Cordiali saluti

  118. Mi sembra che nessuno abbia ottenuto una risposta..Perlomeno, dato che si tratta di una questione importante e richiesta da tutti, perchè la risposta non viene pubblicata direttamente qui sul blog?
    e poi, alla fine, a freddy conviene o no riscattare?

  119. Biona sera
    Trattandosi di un caso molto simile,desidererei, se possibile, conoscere la risposta da Voi fornita a Freddy nel suo post del 30-12-2009.
    Saluto e ringrazio

    Salvatore

  120. Buon pomeriggio
    mi trovo anch’io per mia figlia laureata, nella situazione esposta da Freddy, anche se in questi giorni si parla di una modifica dell’età pensionabile e quindi della eventuale pensione.
    Potrei cortesemente avere a disposizione la risposta che avete dato a Freddy al quesito posto il 30/12/2009 e quella ad Adriano C. del 12/06/2010?
    Ringraziando anticipatamente, cordialità

  121. Buongiorno,
    lavoro da 3 anni e mi trovo nella stessa situazione di Freddy, potreste cortesemente rispondermi sulla base delle domande poste da Freddy?
    Dovrei pagare la rata a fine mese e avrei bisogno di un consiglio urgentemente sulla base della vostra esperienza.

    Grazie in anticipo

  122. Salve
    ho due figlie entrambe laureate e… disoccupate:la maggiore ha la laurea, la SSIS, il dottorato di ricerca; la seconda ha da pochi mesi la laurea magistrale e uno stage.Come possono riscattare tutti questi anni di studio?
    Grazie per la vostra disponibilità

  123. Salvem
    lavoro da 4 anni (reddito medio circa 18.000 euro) e avrei da riscattare 4 anni di universita’, 2 di corso post laurea e 1 di specializzazione.
    Gradirei una risposta sulla base anche delle domande poste da Feddy

  124. buongiorno
    Sono interessato alle risposte che avete dato ai post dei sigg.ri Feddy, Sabina e Rossella.
    Gentilmente potreste inviarle anche a me?
    Grazie in anticipo per il vs supporto e cortesia
    saluti
    Marcello

  125. Salve,

    mi trovo anch’io nella situazione analoga delle persone che vi hanno scritto in precedenza.
    Potreste cortesemente inviarmi le risposte ai post del sig. Feddy (post datato 30/12/2009) e alla sig.ra Rossella (post datato 6 luglio 2010)

    Grazie in anticipo per il vs aiuto e la vs preziosa consulenza,

    Saluti Alice

  126. Salve, anche io sono interessato alla risposta di Freddy.
    Anche se credo che possa essere aggiornata in funzione delle recenti innovazioni sull’argomento, sempre che ne influenzino la sostanza.

    Grazie

    Giuseppe

  127. Salve a tutti, vi chiedo gentilmente di inoltrare anche a me la mail di risposta a Freddy, anche io devo decidere se riscattare o meno gli anni di laurea.
    In particolar modo mi interessa sapere se gli anni riscattati concorrono anche al completamento dei 40 anni minimi per avere la pensione, e quindi se riscattando 5 anni di laurea ne devo lavorare solo 35, e quindi, avendo iniziato a lavorare a 25 anni, potrò andare in pensione a 60 anni (25+40-5).
    Grazie in anticipo della risposta!
    Rossella

  128. Buongiorno, mi trovo nella stessa situazione lavorativa di Sabina post del 14 aprile 2010.
    Chiedo cortesemente di poter leggere la sua risposta.

    Grazie per questo servizio

    Rita

  129. Trattandosi di un caso molto simile,desidererei, se possibile, conoscere la risposta da Voi fornita a Freddy nel suo post del 30-12-2009.
    Saluto e ringrazio
    Giorgio

  130. il mio problema è:compio 61 anni il 2/1/2011.Ho lavorato da 1980 e fino al 1885 presso la federcoop di bari e dal 1986 e fino al 2003 con la qualifica di dirigente-capo in una azienda pubblica di trasporti.Da quella data,e fino ad oggi, ho svolto attività in proprio senza versare contributi.Adesso mi pongo il problema ai fini pensionistici il riscatto di 4 anni di laurea conseguita il i979.Quanto devo versare di costo del riscatto e se mi conviene versare gli anni di contributi mancanti per i 65 anni per andare in pensione?Grazie

  131. anch’io sono interessato alla risposta data a freddy. L’inps, cui ho fatto domanda di riscatto dei 5 anni di laurea (ingegneria gestionale) mi ha dato il 31.08.2010 come scadenza per il 1°versamanto rateale in 10 anni o il versamento in unica soluzione.sono incerto sulla effettiva convenienza.
    al momento della domanda ero a carico dei miei genitori; oggi ho un contratto di lavoro in Spagna: in caso di riscatto come posso, se posso, accedere ai benefici della deducibilità fiscale? (fisco spagnolo – Istiituto previdenziale italiano -Inps)?
    Grazie antonio

  132. La scadenza della proposta inps è 30/06/2010 …..
    vi chiedo se potete inoltrare anche a me la risposta data al sig. Freddy.
    So che l’argomento è delicato e molto suscettibile di manovre politiche…..non so cosa fare

    Ringrazio molto.

  133. Essendo anch’io in condizioni analoghe (scadenza proposta a metà luglio), vi sarei grato se poteste inoltrare anche a me la risposta data al Sig. Freddy

    Ringrazio anticipatamente
    Roberto C.

  134. Trovandomi anch’io nella stessa situazione (deadline 31/06/10) per la situazione di mia figlia, potreste inviarmi per cortesia la risposta data al sig.Freddy.
    Ringrazio anticipatamente per il buon lavoro che svolgete
    Adriano

  135. Buongiorno a tutti, io ho 44 anni, ho iniziato a lavorare nel 1992 e ad oggi ho 18 anni di contributi versati. Non avendolo fatto prima mi trovo ora a valutare la convenienza del riscatto dei 4 anni di laurea. La retribuzione attuale è piuttosto alta pertanto il riscatto è molto oneroso, può valerne la pena? Sarebbe stato meglio riscattare gli anni di laurea all’inzio dell’attività lavorativa quando sarebbe costato meno oppure ora dato che il versamento dei contributi è più alto e può migliorare la percentuale calcolata con il metodo contributivo o addirittura mi consigliate di attendere per il riscatto quando mi avvicinerò all’età pensionabile?
    Come vedete non ho proprio le idee chiare e vi ringrazio per i consigli che vorrete darmi.
    Sabina

  136. Personalmente ritengo che la cifra richiesta sia esagerata e che, tutto sommato, non convenga riscattare, anche tenendo conto dell’andamento della normativa che oggi dice una cosa e domani il suo contrario. In questo clima di incertezza ritengo che sia preferibile acquistare un immobile, magari un box e affittarlo. Il guadagno é sicuro ed il box non si svaluta mai. Se dovessero decidere di abbassare il “prezzo” del riscatto a cifre ragionevoli allora il discorso sarebbe diverso. ma questo é un mio pensiero. Saluti

  137. Trovandomi anch’io nella stessa situazione (deadline 31/05/10) potreste gentilmente comunicare anche a me la risposta data a Freddy.
    Ringrazio anticipatamente
    Alessandro

  138. Essendo anch’io in condizioni similari sarei grato se poteste comunicare la risposta data a Freddy anche a me
    Grazie
    Roberto Fortunato

  139. Trattandosi di un caso molto simile,desidererei, se possibile, conoscere la risposta da Voi fornita a Freddy ad una sua mail del 30-12-2009.
    Saluto e ringrazio
    Giovanni Bosio

  140. Ciao a tutti, dovrei scegliere urgentemente entro il mese di gennaio (deadline impostami dall’inps) se riscattare o meno.
    Mi potreste chiarire 3 cose,…Grazie

    1)Dalla vostra analisi si parla di un beneficio pensionistico medio annuo di 1500€ grazie al riscatto degli anni universitari. Se però consideriamo che andrò in pensione a 65 anni (attuale età pensionabile) e che la speranza di vita media è di 75 anni , ciò significa che in questi 10 anni (75-65)incamererò 15.000€ grazie al riscatto ma l’inps me ne chiede per riscattare 32.000€!!! (premetto che ho 29 anni e che ho una retribuzione da entry level quindi sarei nella situazione in cui il riscatto mi dovrebbe costare di meno in teoria). Come può essere conveniente sulla base di questi dati riscattare?

    2) quando parlate di “andare in pensione prima” intendete dire che se riscatto 4 anni universitari questi mi verranno conteggiati per la pensione di anzianità contributiva e per cui non mi serviranno più gli attuali 40 anni nè i 35 anni (con almeno 59 anni anagrafici) ma me ne basteranno 36 (40-4)o 31 (35-4). E’ corretto?
    Nel mio caso però (ho iniziato a versare contributi a 27 anni) se ci aggiungessi i 36 anni arriverei a 63 anni quindi andrei in pensione 2 anni prima rispetto ai prefissati 65. Il mio guadagno in questo caso sarebbe solamente di 3000€ (1500 € all’anno) per questi anni di pensione in più.

    CONCLUDENDO questi primi 2 punti: dalla mia analisi non sarebbe affatto conveniente per un giovane ex universitario come me riscattare. Stiamo parlando di una spesa di 32.000€ contro i 18.000€ di cui forse potrò godere nel futuro.

    3)se pago immediatamente in un’unica soluzione senza rateizzare… il montante contributivo finale sarà più elevato in quanto capitalizzerò di più? (domanda sciocca ma che preferisco fare piuttosto che non fare :P)

    Spero che possiate darmi delucidazioni in merito magari convincendomi che il riscatto conviene veramente!

    Grazie di nuovo!
    e complimenti per il sito ed il servizio utile che state svolgendo!

    Federico

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento qui
Inserisci il tuo nome qui