atenei privati classifica universita' sole 24 ore 2014

L’Università San Raffaele di Milano è il miglior ateneo privato secondo la classifica università Sole 24 ORE 2014

da | Lug 2014 | News | 0 commenti

Nella classifica università Sole 24 ORE 2014 dedicata agli atenei privati domina la San Raffaele di Milano, che nella graduatoria pubblicata dal quotidiano economico e curata da Gianni Trovati ottiene 87 punti. L’università dedicata alle scienze mediche, filosofiche e psicologiche si conferma ancora una volta un’autentica eccellenza e stacca le altre di diverse lunghezze.

Tra l’Università San Raffaele e quelle che la seguono più da vicino ci sono infatti ben 6 punti di distacco: la milanese Bocconi e la romana LUISS, entrambe con un’offerta formativa più orientata all’area economico-giuridica, si fermano a 81 punti. Dietro questo duo, ma abbondantemente staccata, un’altra romana: l’Università Campus Biomedico, che totalizza 68 punti. Solo un punto in meno per la Libera Università di Bolzano (67), che nella classifica università Sole 24 ORE 2014 dedicata agli atenei privati precede la LIUC (61) e la coppia Università Cattolica-Università della Valle d’Aosta, entrambe con un punteggio pari a 53.

Nella seconda parte della graduatoria finiscono la LUMSA (47 punti), l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli (46), lo IULM (45), l’Università degli Studi Internazionali di Roma (40) e quella di Scienze Gastronomiche di Bra (38). Le ultime tre posizioni della classifica università Sole 24 ORE 2014 degli atenei privati spettano, infine, alla Libera Università Mediterranea “Jean Monnet” di Bari (33 punti), alla Kore di Enna (30) e all’Università Europea di Roma, che si ferma a 27 punti.

A proposito della classifica università Sole 24 ORE 2014 dedicata agli atenei privati, occorre ricordare che le istituzioni valutate hanno offerte formative molto diverse tra loro e ciò può in parte condizionare gli esiti. Alcuni atenei propongono, infatti, corsi di laurea relativi ad aree didattiche molto ristrette – come accade, ad esempio, per l’Università di Scienze Gastronomiche – e le loro performance difficilmente possono essere confrontate con quelle di altri, che hanno un ventaglio di corsi più ampio oppure che copre quelli che consentono di ottenere alcuni dei titoli di studio più versatili o tutt’ora più richiesti nel mercato del lavoro.

FacebookTwitterEmailWhatsAppLinkedInTelegram
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments