Home Tesi di laurea Come scrivere l’abstract della tesi di laurea

Come scrivere l’abstract della tesi di laurea

L’abstract della tesi di laurea non è altro che un brevissimo riassunto del lavoro completo che avete svolto.

Qualunque pubblicazione o articolo scientifico è sempre preceduto da un abstract che serve al lettore per capire se il lavoro in questione rispecchia i propri interessi e dunque vale la pena di cercarlo o acquistarlo.

L’abstract deve riassumere le tappe fondamentali della vostra tesi, dalla scelta dell’argomento, alla metodologia individuata, ai risultati ottenuti.
{openx:28}

Per facilitarvi ricordate che avete affrontato un percorso simile nell’introduzione (in cui avete giustificato la scelta del problema da studiare e il modo in cui lo avete fatto) e nelle conclusioni (in cui avete esposto, in chiave critica, i principali risultati a cui siete giunti). Per questo potete aiutarvi riportando, anche testualmente, frasi che avete scritto nel testo.

La cosa importante che dovete considerare, è che il taglio da dare all’abstract della tesi, sarà diverso da quello che avete dato all’introduzione. Il vostro scopo non è quello di incuriosire il lettore a continuare a leggere la tesi, bensì quello di dare una fotografia chiara ed onesta di quello che si troverà a leggere successivamente.

Dunque, siate concisi e andate subito ai punti essenziali e alle caratteristiche particolari del vostro lavoro, senza dilungarvi a descrivere il contesto teorico che sarà approfondito successivamente.

La lunghezza dell’abstract può variare e può esservi indicata espressamente, da chi ve l’ha richiesto. Se non vi viene specificato, considerate che la lunghezza di un buon abstract si aggira intorno alle 200-300 parole.

Un ultimo consiglio pratico per scrivere il vostro abstract è quello di porvi dal punto di vista di chi sta facendo una ricerca bibliografica: tenterà di capire in poche righe il contenuto della ricerca scientifica che ha di fronte…in fondo è quello che avete già fatto anche voi per scrivere la tesi di laurea.

9 Commenti

  1. Giuseppe….. ma nn sarà mica che abstract è una parola latina e non inglese!??? 😉

  2. Non intendo sostituirmi a chi si intende meglio di me di norme tipografiche e/o editoriali, ma per come la vedo io, non capisco perché l’abstract debba andare PRIMA dell’indice, visto che trattasi di una voce che fa parte della tesi e dunque dell’indice.

    Laura

  3. Buon pomeriggio
    Abstract in inglese significa “astratto”.
    Quale mente eccelsa ha avuto l’ardito compito di assegnare il termine inglese ad un testo che deve necessariamente essere un riassunto concreto della tesi?
    Possibile che nessuno finora si sia accorto che quell’impiegato, quando ha usato il traduttore, invece di scrivere correttamente “estratto” = “extract” ha sbagliato la prima vocale digitando “astratto” = “abstract”?
    Accidenti … Meno male che l’università dovrebbe essere al top dell’insegnamento!

    Cordialità
    Giuseppe

  4. l’ordine se non erro è:
    forntespizio
    indice
    abstract
    introduzione
    elaborato (tesi vera e propria)
    discussione e coclusioni
    bibliografia e stiografia
    ringraziamenti

  5. Ma l’eventuale abstract dove si colloca rispetto allo schema frontespizio-indice-ringraziamenti-introduzione?

  6. Abstract, che proponenete è potente originale presumo agli USA, rispetto a certi abstract italiani che sono distorti. Infatti, la pubblicazione della mia tesi ha seguito codeste modalità.
    Grazie e complimenti.
    Sesto S.G. (MI) Maurizio Settembre

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento qui
Inserisci il tuo nome qui