premiazione_nokia

Più di cinquanta università italiane si sono sfidate a colpi di “applicazioni”. L’edizione 2011 del Nokia University Program, conclusasi ufficialmente ieri con l’evento di premiazione all’Opificio Telecom di Roma con la partecipazione straordinaria del professore Kalevi “Eetu” Ekman, direttore della Design Factory, ha fatto registrare quest’anno una notevole affermazione femminile, dedicando il primo posto del podio alle ragazze di E-school, che si sono aggiudicate allo stesso tempo il premio speciale di Repubblica.it come app preferita dai lettori.

Un altro team femminile, composto da giovani studentesse di psicologia dell’università di Milano che ha progettato “ABility”, si è distinto per il premio speciale Nokia-Ibm che viene conferito a progetti mirati a facilitare l’accesso ai servizi da parte delle persone disabili.

“La partecipazione femminile quest’anno è stata notevole – ci ha raccontato dopo la proclamazione dei vincitori il professor Carlo Alberto Pratesi di Roma Tre, che fa parte del coordinamento del progetto di Nokia – e ci fa piacere notare una grande partecipazione da parte non solo di profili tecnici, ingegneri o sviluppatori, ma anche profili umanistici, soprattutto economia e psicologia”.

Dopo aver ricevuto il premio, le ragazze diE-School – Carmen Bonuomo, Elena Martiradonna e Maria Costantina Formando - erano visibilmente (e piacevolmente) sorprese. “Abbiamo pensato E-school con l’obiettivo di migliorare il rapporto tra scuola e famiglia -raccontano a Universita.it -, tra i genitori e i propri figli in età scolastica. Non ci aspettavamo di vincere, siamo le prime partecipanti dell’Università di Foggia e siamo orgogliose di essere noi le rappresentanti”.

Ma cosa fa E-school? L’applicazione è composta da “news” che indicano tutte le iniziative e le novità previste nel breve periodo come le gite scolastiche, prevedendo un’area dedicata ai docenti per archiviare e tenere traccia delle attività didattiche, fare statistiche sulla partecipazione e sul gradimento da parte degli studenti. Altra novità è senz’altro l’agenda studente, una agenda virtuale integrata poi da dati sull’andamento scolastico, per tenere sotto controllo assenze o ritardi.

Chi vedrà sviluppata da Nokia la propria applicazione è anche il team del progetto PhotoFilterz dell’Università degli Studi Roma Tre e l’applicazione Mycar dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, mentre a volare in Finlandia per il Nokia Experience Day saranno sia i quarti classificati con il progetto Cardiobeat dell’Università degli Studi di Perugia insieme a Footshare dell’Università Bocconi di Milano e dell’Università di Bologna.