università torino manifesto elettorale sessista

università torino manifesto elettorale sessista

La comunicazione elettorale degli studenti torna a far discutere al margine di queste elezioni universitarie 2010. Dopo la vicenda dello spot di Comunione e Liberazione girato da alcuni studenti di Milano che si erano filmati con il pallone in ateneo, stavolta la polemica scoppia sul manifesto elettorale di “Studenti per la Libertà” e “Azione Universitaria” all’Università di Torino. Una comunicazione sessista, come un gruppo di studentesse l’ha definita.

La locandina raffigurava una ragazza scollata che in atteggiamento provocatorio era affiancata dalla scritta: “Meritocrazia, trasparenza e ricerca: il giusto cocktail per la tua università”.

Il modo in cui il messaggio politico è stato veicolato attraverso l’immaginario del corpo femminile, però, non è piaciuto ad un gruppo di studentesse dell’Università di Torino – del Gruppo AlterEva – che hanno deciso così di denunciare la vicenda alla Consigliera di Fiducia e al Comitato Pari Opportunità dell’Università degli Studi di Torino.

“Pensiamo che una struttura pubblica – specialmente un’università – debba difendere la dignità della persona e promuovere le differenze senza permettere vergognose strumentalizzazioni del corpo della donna, ora addirittura utilizzato come mezzo di becera propaganda elettorale” hanno dichiarato in un comunicato.