Università Siena

Brutte notizie per l’Università di Siena. Sono molte infatti le fonti e le agenzie che riportano la notizia di una presunta evasione fiscale, dopo una verifica della posizione fiscale dell’ateneo senese da parte della Guardia di Finanza.

Sempre secondo le fonti infatti il dato relativo all’evasione fatta sarebbe pesante: complessivamente un’evasione previdenziale e fiscale di oltre 95 milioni di euro.

Negli anni 2006, 2007 e 2008 non sarebbero stati versati oltre 25 milioni di euro di Irap. Le sanzioni amministrative sono per un importo complessivo di circa 8 milioni di euro. La sventura però sembra non finisca qui, perchè i controlli delle Fiamme Gialle hanno trovato irregolarità contabili anche per ciò che riguarda gli anni 2004, 2005, 2006 e 2007. Per questi anni infatti comparirebbe il mancato versamento degli oneri previdenziali Inpdap per valori superiori a 70 milioni di euro.

L’Università di Siena ha già avanzato all’Agenzia delle Entrate di Siena una procedura di domanda per la riduzione delle sanzioni (circa 8 milioni) relative all’evasione Irap ad un ottavo dell’importo minimo previsto (circa 1 milione).

A questo punto l’Agenzia delle Entrate dovrà verificare ed approfondire se la tipologia dei rilievi mossi dalla Guardia di Finanza rientrano nelle nei casi previsti dalla legge per beneficiare della soluzione agevolata, ossia la riduzione delle sanzioni.

Per quanto riguarda i debiti con l’Inpdap, la Guardia di Finanza su ordine della Procura di Siena, al fine comunque di accertare le responsabilità del consistente debito accumulato, avrebbe acquisito i documenti attraverso i quali l’Inpdap, fermo restando il pagamento dei contributi, ha accordato all’Università di Siena l’abbattimento delle sanzioni fino al tasso legale vigente per gli anni interessati alle omissioni.