presidente napolitano

L’Università di Sassari conferirà la laurea ad honorem a Giorgio Napolitano. Il Miur, il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, ha dato il via libera e al Capo dello Stato sarà presto consegnata l’onorificenza di cui doveva essere insignito già qualche tempo fa. Adesso la buona notizia e a comunicarla ufficialmente è lo stesso ateneo sassarese.

Napolitano riceverà la laurea magistrale ad honorem in Politiche pubbliche e Governance, per il suo “straordinario cursus honorum”. Ѐ quanto stabilito, lo scorso dicembre, dal Consiglio di Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Sassari. Durante la sua carriera politica e istituzionale, infatti, il presidente della Repubblica ha rivestito ruoli assai importanti e, attraverso numerosi scritti, ha dato un grande contributo nel rivalutare “l’idea e il ruolo della politica, riproponendone una concezione alta e nobile”.

Giorgio Napolitano è stato più volte in territorio sardo recentemente, anche per prendere parte ai festeggiamenti dei 450 anni dell’Università di Sassari e per partecipare all’inaugurazione del suo Auditorium, atteso dagli studenti sassaresi per più di venti anni. Il giorno prima della cerimonia, invece, è stato a Cagliari per intervenire in un convegno sulla Sardegna e il suo contributo all’Unità d’Italia. Dal rettore dell’ateneo cagliaritano, Giovanni Melis, ha ricevuto pure il massimo riconoscimento accademico, ossia il sigillo d’oro.

Durante la visita sassarese dello scorso 21 febbraio, il presidente  ha richiesto al rettore dell’Università di Sassari, Attilio Mastino, di poter incontrare il preside della facoltà di Scienze politiche, Virgilio Mura, così da ringraziarlo per la laurea honoris causa che già in quell’occasione avrebbe dovuto ricevere.

Lo slittamento ha contribuito a diffondere la voce secondo la quale il Capo dello Stato avrebbe rifiutato il riconoscimento preferendo in compenso la laurea ad honorem in Relazioni internazionali, conferita a gennaio dall’Università di Bologna. Ora l’annuncio dell’imminente consegna della corona d’alloro da parte dell’ateneo sassarese caccia via ogni dubbio.