FedericoII_Napoli

Per non pagare le tasse universitarie era bastato “falsificare” i parametri della condizione economica del nucleo familiare al quale appartenevano: così ben 100 studenti dell’Università Federico II di Napoli hanno goduto di agevolazioni che non gli spettavano di diritto e che sarebbero dovute essere destinate a chi veramente ne avesse avuto bisogno.

La magagna è stata svelata grazie ad una operazione condotta dalla Guardia di Finanza di Avellino che ha effettuato ben 213 controlli su tutto il territorio provinciale, scoprendo che quasi la metà dei nuclei familiari godeva di prestazioni sociali agevolate, dalle tasse universitarie ai patrocini gratuiti, che non gli spettavano affatto di diritto.

Il trucco era semplicissimo: era sufficiente inserire all’interno delle dichiarazioni sostitutive dei parametri che mostrassero una condizione economica familiare modesta. Le agevolazioni sociali vengono infatti attribuite attenendosi ad alcuni elementi presenti nella dichiarazione I.S.E. (Indicatore della Situazione Economica), che tiene conto della situazione economica del nucleo familiare nel suo complesso e che quindi fa riferimento non solo alla situazione del dichiarante, ma anche a quella del coniuge e dei figli, oltre che ad eventuali altri conviventi o soggetti considerati a carico ai sensi della normativa sul reddito delle persone fisiche.

Oltre all’evasione delle tasse universitarie, le famiglie avevano ottenuto così la possibilità di godere di esenzioni ticket, assegni familiari, sconti su libri scolastici e borse di studio, tutti aiuti economici che spettano invece alle famiglie numerose, con redditi bassi o ad anziani che hanno necessità di aiuto. L’operato delle Fiamme Gialle è il risultato di una stretta collaborazione rafforzatasi negli ultimi mesi tra il Comitato Regionale dell’Arma e la Federico II di Napoli.

I controlli della Finanza si sono intensificati negli ultimi sei mesi; ad operare sono stati, oltre alla compagnia di Avellino, le tenenze di S. Angelo dei Lombardi, Ariano irpino, Solofra e Baiano. Dalle tasse universitarie evase agli alloggi in nero per studenti fuori-sede, sono numerose le occasioni legate al mondo accademico in cui, purtroppo, la Guardia di Finanza si trova costretta ad operare. Recentemente, grazie ad una indagine condotta a Roma, ad essere smascherate sono state addirittura false università che rilasciavano attestati di master fasulli e corsi fantasma.