Avventura della Scienza 2010

università milano avventura scienza 2010

L’Università di Milano apre oggi una settimana interamente dedicata alla scienza, un’occasione per conoscere e immergersi in tutti gli aspetti della ricerca applicata, dal mondo biologico alle tecnologie dell’informazione passando per la geologia e la chimica.

L’Avventura della Scienza, in programma dal 22 al 28 marzo, è un evento multidisciplinare promosso dalla facoltà di scienze dall’Università di Milano per accogliere ogni tipo di visitatori e soprattutto i non addetti ai lavori. I curiosi e gli appassionati potranno infatti partecipare e assistere a film e documentari, spettacoli teatrali, mostre, conferenze, laboratori aperti, laboratori interattivi, giochi matematici, ed essere guidati da ricercatori della facoltà per apprendere e imparare le scoperte del mondo scientifico.

La rassegna di eventi vedrà protagonisti, da un lato, i ricercatori, che esporranno i risultati delle loro ricerche, le conseguenze che hanno sull’ambiente che ci circonda, i cambiamenti che apporteranno nella nostra vita quotidiana, e dall’altro soprattutto i giovani. L’approccio è infatti mirato ad avvicinare i giovani cittadini a una tematica troppo spesso poco conosicuta e scarsamente veicolata dai media principali, per dare la possibilità a tutti di entrare in contatto con i fenomeni naturali e artificiali che ci circondano e con gli strumenti che tentano ogni giorno, in molti modi, di agevolare la nostra esistenza.

Il festival “Vedere la Scienza“, che si inserisce nell’evento di questa settimana, propone ad esempio una selezione di film e documentari a carattere scientifico, in gran parte inediti per l’Italia, prodotti negli ultimi due anni e che provengono da molti paesi del mondo, selezionati tra quelli iscritti al concorso internazionale del Festival.

Una settimana importante, disponibile anche in streaming dal web , che tuttavia non si esaurisce con la manifestazione. I ricercatori della Facoltà di Scienze dell’Università degli Studi di Milano precisano infatti che saranno lieti di accogliere presso le proprie strutture visitatori, in particolare studenti e docenti delle scuole secondarie di II grado, per partecipare a tutte le attività che la facoltà ha in calendario.