Student_Experience_Survey

L’Università di Dundee, in Scozia, è arrivata al primo posto nella “Student Experience Survey” di quest’anno. Condotta dalla società di ricerche di mercato YouthSight, la ricerca ha raccolto le opinioni di più di 14.000 studenti universitari del Regno Unito, il più alto numero di intervistati fino ad oggi.

Classificata in quinta posizione nel 2010, l’università scozzese questa volta ha preso il posto della Loughborough University, quest’anno al secondo posto, dopo cinque anni consecutivi in testa al podio. Gli studenti hanno espresso il loro parere sulla performance  del proprio ateneo tenendo in considerazione le 21 categorie per loro più importanti: dalla qualità degli insegnanti e delle lezioni, fino agli alloggi e ai rapporti sociali con gli altri universitari.

Complessivamente, le posizioni delle prime 10 università restano grosso modo invariate rispetto ai classifica ottenuta dai risultati dello scorso anno. Un cambiamento più netto potrebbe però intravedersi l’anno prossimo a causa dell’aumento, previsto per quest’autunno, delle tasse per l’istruzione: un fattore che andrebbe fortemente ad influire sulle aspettative degli studenti e sulla concorrenza tra le università.

Il carico di lavoro adeguato, l’unione degli studenti, la convenienza dei negozi sembrano essere alcuni degli aspetti per cui l’ateneo di Dundee eccelle nel sondaggio. Pete Downes, il vice rettore, la definisce una “gran bella storia”, sottolineando la volontà dell’università, cresciuta progressivamente nel corso degli ultimi anni, di non voler nuovamente scivolare all’indietro.

Per Downes, un elemento chiave per il buon riscontro da parte degli studenti è stato rappresentato anche da un recente investimento, che ammontava a ben 200 milioni di sterline, destinato al miglioramento del campus e, in particolare, degli alloggi, della biblioteca e delle strutture sportive. Al terzo posto, per i risultati del sondaggio, l’Università di Sheffield, seguita dagli atenei di Oxford e Cambridge, realtà tutte e tre appartenenti al Gruppo Russell, il quale possiede a sua volta altri istituti, piazzati nella top 20 e top 40 della classifica.

Anche nel caso degli istituti di Oxford e Cambridge, comunque, le cause del successo sembrano doversi ricondurre alla presenza di ottime biblioteche e centri sportivi. Cambridge, inoltre, quest’anno si è classificata anche nel gradino più alto del podio di un’altra classifica, The Complete University Guide, la guida delle 116 università del Regno Unito.