tirocinio psicologia

Poter esercitare la professione di psicologo, quindi iscriversi all’albo nazionale e superare l’esame di stato di abilitazione, significa non solo intraprendere il percorso universitario per diventare psicologo, ma svolgere anche un tirocinio da psicologo una volta conseguita la laurea.

In Italia la legge sull’Ordinamento della professione di Psicologo n. 56 del 1989 (art.5) ed il successivo decreto Ministeriale del 13. 1. 1992 n. 239 (Regolamento recante norme sul tirocinio pratico post-Lauream) regolano infatti lo svolgimento del tirocinio dello psicologo, prevedendo che che all’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione di psicologo possano accedere solo i laureati in Psicologia che abbiano svolto un tot di ore di tirocinio da psicologo.

La durata prevista per il tirocinio è diversa a seconda che si abbia una laurea triennale o magistrale, in quanto dopo la riforma 270/04 che ha attivato i nuovo corsi di laurea dall’anno 2008/09, il tirocinio da psicologo è regolato in due modalità differenti per l’iscrizione nella sezione B dell’albo (ai cui iscritti spetta il titolo professionale di Dottore in tecniche psicologiche) e alla sezione A (titolo professionale di psicologo).
Secondo quanto prevede il Decreto 239 del 1992, il tirocinio da psicologo della durata di 12 mesi, è suddiviso in due semestri consecutivi, e riguarda tematiche differenti che tendono ad evidenziare sia gli aspetti teorici sia pratici e applicativi del tirocinio dello psicologo nell’ambito di due tra le seguenti aree: psicologia clinica, psicologia generale, psicologia sociale, psicologia dello sviluppo.

Il tirocinio da psicologo può essere svolto interamente presso lo stesso Ente e con lo stesso supervisore, il quale dovrà essere uno psicologo iscritto all’Albo professionale da almeno 3 anni, che sia un docente o ricercatore universitario di disciplina psicologica.

Chi ha conseguito una laurea triennale in Psicologia, dovrà svolgere un tirocinio da psicologo semestrale di un totale di 500 ore, mentre i laureati magistrali in Psicologia (LM-51 ex DM 270/2004 devono svolgere il tirocinio della durata di un anno (pari 1000 ore), rigorosamente dopo la laurea.

Il tirocinio da psicologo può essere svolto sia presso i Dipartimenti e gli Istituti di discipline psicologiche delle Università oppure all’interno di Enti pubblici e privati che siano stati preventivamente accordati dalle università e dell’Ordine.