scienze politiche test ingresso nazionale

scienze politiche test ingresso nazionale

Un test d’ingresso nazionale per iscriversi a Scienze politiche. È la proposta lanciata dalla Conferenza dei presidi delle facoltà di Scienze Politiche. Stessi quesiti, quindi, e data del test uguale in tutta Italia, sul modello delle prove per accedere alle facoltà a numero chiuso. Su 35 facoltà di Scienze Politiche già 19 hanno aderito, di queste 16 partono con il test congiunto dall’anno accademico 2010-2011. Il giorno scelto per la prova è il 16 settembre prossimo.

Alle 10.30 tutti gli studenti che intendono iscriversi a Scienze politiche inizieranno il “quizzone” che tuttavia è un test d’orientamento e pur essendo obbligatorio non è selettivo per l’ammissione. Nel caso in cui non dovesse essere superato, infatti, allo studente saranno dati degli obblighi formativi aggiuntivi, debiti da recuperare dopo l’immatricolazione.

Ad aderire al test del 16 settembre prossimo saranno le facoltà di Aosta, Forlì Milano, Padova, Trieste, Pisa, Firenze, Perugia, Cosenza, Macerata, Bari, Napoli (Sun), Salerno, Palermo, Messina, Cagliari.

Ognuno degli studenti quindi dovrà scegliere in quale delle sedi sostenere il test, senza avere la possibilità di provare il test in più di una. E anche se sarà possibile presentare il risultato ottenuto in un’altra sede ai fini dell’ammissione , resta il fatto che ogni ateneo stabilirà diversi criteri di valutazione. In particolare, a cambiare da una sede all’altra sarà il livello necessario per il superamento della prova. In altre parole, lo stesso risultato può essere ritenuto sufficiente per una facoltà e insufficiente da un’altra.

Forse proprio per ovviare a questo “inconveniente” le sedi di Milano, Forlì, Padova e Napoli danno la possibilità di effettuare la prova in altre date via telematica.