telecom italia e politecnico milano insieme per Joint Open Lab

Creare un nuovo modello di relazione industria-università, così da dare nuove opportunità tangibili al sistema socio-economico. Ѐ l’obiettivo di “Joint Open Lab”, il progetto di collaborazione avviato in questi giorni tra il Politecnico di Milano e Telecom Italia. Grazie alla presenza di questo laboratorio, “i nostri studenti e i nostri ricercatori – dichiara il rettore dell’ateneo, Giovanni Azzone – potranno lavorare al fianco di quelli di Telecom Italia, cooperando con loro su progetti di ricerca innovativi”.

In particolare, il “Joint Open Lab” – realizzato presso il Politecnico di Milano, con personale di ricerca, strumentazione di laboratorio e piattaforme di servizio propri della più grande azienda di telecomunicazioni italiana – s’incentrerà sulla realizzazione di nuovi servizi connessi agli “Smart spaces”, cioè quegli spazi dove la tecnologia mobile e Internet danno vita a nuovi modi di relazionarsi tra le persone e l’ambiente. Si tratta di “un vero e proprio laboratorio di ricerca condiviso”, che “rientra nel progetto più grande del Gruppo – spiega Cesare Sironi, responsabile Innovazione & Industry Relations di Telecom Italia – di trasformare radicalmente il modello della relazione tra il mondo accademico e impresa, per creare valore e alimentare l’industria con idee innovative partendo dal territorio”.

Il laboratorio coniugherà le competenze del Politecnico di Milano, riguardanti linnovation management, il service interaction design e l’ingegneria del software, con quelle dei ricercatori di Telecom Italia relative all’identificazione, alla progettazione e alla realizzazione di servizi per la sostenibilità e il benessere dell’uomo, considerato l’uso sempre più diffuso che oggi si fa degli smartphone. Oltretutto, “Joint Open Lab” include il finanziamento di sei borse di studio per dottorati di ricerca, l’attivazione di contratti d’apprendistato per l’alta formazione rivolti ai laureandi, oltre all’avvio di un master in Bussiness innovation and ICT management e alla partecipazione congiunta a bandi per progetti sia nazionali sia internazionali.

Tale iniziativa s’inserisce all’interno di un progetto più grande, che vede la più grande e più famosa azienda di telecomunicazioni in Italia impegnarsi ad instaurare partnership con le più importanti università del nostro territorio, in modo da creare in totale sei innovativi laboratori di ricerca. In questo modo, s’intende dare impulso al trasferimento delle conoscenze tipiche del mondo accademico verso utilizzi in ambito industriale, trasformando le idee derivanti da questo connubio in nuovi input per il sistema economico.