Ali Tarhouni

Una mattina dello scorso febbraio, Ali Tarhouni, docente presso la business school dell’Università di Washington, ha dato ai suoi studenti microeconomia una notizia sorprendente: non sarebbe più stato il loro insegnante perché sarebbe partito per la Libia per aiutare i rivoluzionari.

Pochi giorni fa è tornato alla sua università per una breve visita dopo dieci mesi di assenza che lo hanno visto servire il suo Paese di origine, aiutare il ministero delle Finanze durante il governo di transizione, tenere la mano a un ragazzo quattordicenne in fin di vita e essere presente durante la morte dell’ex leader libico Gheddafi.

Tarhouni, 60 anni, fu esiliato dalla Libia nel 1970, dopo che lui e altri studenti manifestarono per una maggiore democrazia e le riforme, ed è stato sulla lista nera Gheddafi per tre decenni. Ha conseguito un dottorato presso la Michigan State University nel 1983 prima di arrivare alla Foster School dell’Università di Washington di business, dove ha insegnato dal 1985. Nella vita da esule ha continuato a insistere per una maggiore libertà in Libia, senza successo, e quando finalmente arrivò la rivoluzione, ha detto che la sua famiglia sapeva già che se ne sarebbe andato.

Dopo aver fatto parte del Governo di transizione post rivoluzione ha rifiutato di continuare a servire il Paese e ha criticato nuova leadership come “non rappresentativa della popolazione del paese”, un governo che ha descritto come eccessivamente influenzato da potenze straniere, un riferimento evidente all’ingerenza da parte del Qatar. Ma, al suo ritorno all’Università, lo ha descritto come un buon governo, e ha detto che continuerà a lavorare per formare un nuovo, ampio, partito politico democratico.

Non è chiaro se Tarhouni tornerà a insegnare. È tornato a Seattle solo per visitare la sua famiglia e la sua permanenza durerà solo una settimana. Poi tornerà in Libia per realizzare il suo sogno: costituire un forte e stabile partito democratico libico.